Virtuale è reale. Parole O_stili, il decalogo e i discorsi

Su un primo punto sono tutti d’accordo: virtuale è reale. Le cose che succedono in rete non si verificano in un universo parallelo e separato dalle vite di tutti noi. La prima conseguenza è che sia le regole dell’interazione nel mondo virtuale, sia le loro conseguenze, non possono essere diverse da quelle che appartengono al mondo materiale. Sembra un’ovvietà ma non tutti lo sanno e molti se ne dimenticano. Ma cominciamo dall’inizio.

PAROLE O_STILI: IL CONVEGNO. Il viaggio in treno per arrivare a Trieste non finisce mai. È un pomeriggio invernale livido e la città è una sinfonia di grigi mitteleuropei, che contrastano con la singola nota gialla e rossa della segnaletica del convegno Parole O_Stili. È lì che sto andando.
La sede è un edificio proteso sul mare: interessante anche dal punto di vista simbolico. Entro. Scalone. Frullare di giovanissimi volontari. A un’ora dall’inizio c’è già un sacco di gente. Bene, non me l’aspettavo. Sarà solo per l’eclettico bouquet di celebrities (Morandi, Serracchiani, Boldrini) che inaugurano la manifestazione?

LE CONSEGUENZE DEL FATTO CHE VIRTUALE È REALE. Il primo atto formale del convegno è il varo dell’edizione definitiva del Manifesto della comunicazione non ostile. È un elenco di dieci princìpi, ciascuno dei quali è seguito da un’indicazione di comportamento. Potete leggerli qui e, se vi va, potete anche sottoscriverli e diffonderli.
Il primo principio, da cui derivano tutti gli altri, ricorda che virtuale è reale. E se virtuale è reale, vuol dire che le nostre parole, in rete, definiscono noi, il nostro pensiero, la nostra relazione con gli altri.

Virtuale è reale Parole O_Stili
I ragionamenti che, nel corso del convegno, si sviluppano attorno al Manifesto sono interessanti: provo a raccontarvene alcuni, così come li ho ascoltati, e senza condirli troppo con le mie opinioni: c’è materiale sufficiente perché vi costruiate le vostre.

UN PROCESSO CONDIVISO. Tutto è cominciato qualche mese fa, dal bisogno di tornare a scegliere le parole con cura, da 70 email inviate e da un sorprendente numero di consensi, racconta Rosy Russo, che si è immaginata tutta ‘sta cosa e l’ha organizzata. Sembrava una follia portare un incontro di questo tipo a Trieste, nel profondo Nordest, dice. Eppure tutto ciò ha un senso, perché in questa città c’è un silenzio magico.
Russo dice che il Manifesto per la comunicazione è nato in rete, da 100 affermazioni proposte dai sostenitori, a cui se ne sono aggiunte altre 250. Le proposte sono state riordinate, accorpate e sei di queste sono state selezionate sulla base dei 17.000 voti pervenuti. Un lungo processo condiviso, insomma, concluso con il voto agli ultimi quattro princìpi da parte dei 100 sostenitori intervenuti al convegno.

EMPATIA IN RETE. Alberto Fedel si dichiara formatore manageriale e immigrato digitale. Introduce il tema e già si capisce da che parte sta. Norme e gerarchie non migliorano le cose, dice, nemmeno in azienda, e non possono ridurre l’ostilità in rete.
La questione vera è come ci si educa all’empatia in una situazione in cui l’altro è invisibile e spesso sconosciuto, in cui le reazioni sono immediate e il pensiero veloce del quale parla Kahneman è dominante, in cui è fin troppo facile scatenare processi alle intenzioni. Il messaggio è: educare.

NON CENSURE, MA RISPETTO. Debora Serracchiani conferma e specifica: non servono censure, comitati o controlli, ma bisogna dare e pretendere rispetto. Giusto non subire gli insulti e giusto bloccare chi esagera: lei lo fa. Il messaggio è: niente panico, e distinguere.

HUMOR E PAZIENZA. Poi arriva Morandi, uno che di insulti in rete e processi alle intenzioni sa qualcosa. Parte tra lui e Serracchiani un gustoso siparietto sul PD come luogo senza ostilità (sghignazzi in sala). Morandi commenta i punti del Manifesto e poi dice che con le carte dei valori c’è un problema: somigliano ai testi delle canzoni quando non hai la musica in mente. Con la musica tutto migliora, dice, e si mette a canticchiare sei un cretino. Applausi.
Per lui, la soluzione è essere pazienti e usare lo humor. Al tizio che, dopo averlo insultato a proposito di un post sui migranti, lo invita a restare fedele al cliché “fatti mandare dalla mamma”, risponde: “alla mia età, mi ci vedi, a farmi mandare dalla mamma?”
Ci ha pensato. Ha scritto e riscritto la risposta. Ma non risponde sempre: a volte non ne vale proprio la pena. Il messaggio è: soavità, a ogni costo. Ma forse, per riuscirci, bisogna essere Morandi.

NON RASSEGNARSI. Boldrini (fotoreporter, servizio di sicurezza: lieve scompiglio in sala quando è arrivata) è più severa: intervistata da Anna Masera, dice che non dobbiamo rassegnarci a chi vuole renderci peggiori, ma d’altra parte è umiliante rispondere con l’odio all’odio. Anche lei si è trovata al centro di una campagna d’odio: spesso si tratta di persone in grandi difficoltà e molti hanno chiesto scusa. È un fenomeno in via di espansione, affligge in particolare le donne.
Boldrini difende la lettera che ha scritto a Zuckerberg: con 28 milioni di utenti in Italia, Facebook qui da noi non ha neanche un ufficio operativo. I social network sono giganti globali che possono condizionare l’opinione pubblica e dovrebbero prendersi qualche responsabilità in più: anche per loro virtuale è reale.

MESSAGGI OFFENSIVI. Ci sono, prosegue Boldrini, 300 pagine italiane che inneggiano al nazismo: in Italia è un reato. Facebook non sta facendo sul serio: si è preso l’impegno di cancellare messaggi offensivi entro 24 ore, ma questo succede in media solo nel 28 per cento dei casi. E le cancellazioni sono il 50 per cento dei casi in Germania, il 4 per cento in Italia.
Spesso le fake news non sono goliardate, ma frutto di operazioni pianificate per guadagnarci o per creare il caos. Chiederà azioni positive ai giornalisti e alla scuole, e inviterà le aziende a smettere di fare pubblicità sui siti di bufale. Il messaggio è: rigore.

NOTIZIE DAL PIANETA PUBBLICITÀ. Sulla pubblicità, che è una questione importante (i soldi del virtuale sono più che reali) mi tocca aggiungere alcune notiziole: il problema del finanziare bufale è sentito anche negli Stati Uniti. La soluzione non è così semplice perché la collocazione degli annunci nei siti avviene in modo automatizzato. Quindi, in realtà, non è l’inserzionista a scegliere (qui il New York Times. Qui Advertising Age).
Ulteriore informazione: a fine 2016 in Italia il 27 per cento degli investimenti pubblicitari va in rete. Sono due miliardi e 300 milioni di euro, ed è tanto. I dati sono opachi, quindi gli investitori non sanno bene che cosa stanno comprando. Stanno pensando di passare dal premiare la quantità (il numero di visitatori) al premiare la qualità (il tempo di permanenza su una pagina). Vedremo se e come ci riusciranno.
Ma torniamo al convegno.

GIOVANI E RETE. Alessandro Rosina presenta i dati dell’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo. Il primo dato è che la quasi totalità dei giovani tra i 20 e i 34 anni usa la rete. Quasi il 38 per cento si è imbattuto in maniera indiretta in episodi di persecuzione, il 13 per cento li ha sperimentati direttamente, un po’ più del 9 per cento ha esercitato il trolling. Nella maggior parte dei casi (60, 8 per cento) le vittime rimuovono i messaggi e bloccano l’utente.

UN FATTO GRAVE. Nove giovani su dieci ritengono che i discorsi d’odio (hate speech) siano un fatto molto o abbastanza grave, ma uno su dieci (il valore sale nei giovani con bassa scolarità) lo ritiene normale. Il 73,2% degli intervistati dichiara di non aver mai postato contenuti che potrebbero essere ritenuti hate speech, il resto lo ha fatto almeno una volta.
Le vittime principali, secondo intervistati, sono immigrati, singole persone pubbliche, omosessuali, musulmani, donne.

SEGNALARE PER CONTRASTARE. Secondo gli intervistati, per contrastare questi episodi è necessaria una segnalazione alle piattaforme o ai siti (78,4 per cento), far eliminare da parte delle autorità l’hate speech (73,3 per cento), applicare censure da parte delle piattaforme e dei siti (70,1 per cento). Sembrano in maggioranza più che consapevoli del fatto che virtuale è reale.
Qui una sintesi della ricerca. Il messaggio di Rosina è: c’è una maggioranza silenziosa, e un po’ stufa (il 58 per cento) che crede possibile un web migliore. A loro è dedicato il manifesto. C’è un’area grigia, che va sensibilizzata ed educata, e vale il 32 per cento. E c’è un 10 per cento di irriducibili, nei confronti dei quali bisogna lavorare solo in termini di contenimento del danno. Coi numeri, sembra tutto più chiaro.

ADULTI IN RETE. Maurizio Pessato, presidente di SWG, si è occupato degli adulti. Per il 60 per cento l’allarme sull’odio in rete è motivato, ma c’è un livello alto di rassegnazione e un 62 per cento pensa che il fenomeno crescerà ancora. Tra virtuale e reale, le persone sembrano smarrite. Il messaggio è: gli adulti sono preoccupati ma non sanno che pesci pigliare.

TWEET D’ODIO E REFERENDUM. Luigi Curini, fondatore di Voices from the Blogs, segnala che politica, misoginia, xenofobia e omofobia sono i quattro maggiori temi dei commenti d’odio in rete. Ha analizzato 80 milioni di tweet geolocalizzati, prodotti tra il 1° giugno e il 31 dicembre 2016. Fino ai primi di novembre c’è stata una prevalenza di tweet d’amore sui tweet d’odio o rabbia. A novembre c’è stato un vertiginoso picco di tweet d’odio. E sì, è coinciso con il referendum costituzionale. I tweet d’odio hanno continuato a prevalere perfino a Natale.
E poi c’è una correlazione positiva tra tweet rabbiosi e grandi città: Roma prima di tutto, ma anche Milano. Odio e rabbia, invece, non sono correlati con il reddito registrato nelle diverse province italiane. Anche il livello di xenofobia non è correlato con la percentuale dei migranti presenti in ciascuna provincia. E il messaggio è: accidenti se è vero che virtuale è reale.

Questo è quanto è successo nella prima giornata del convegno. Vorrei raccontarvi anche il resto, ma devo mettere ordine negli appunti e recuperare materiali. Ci vorrà una settimana almeno.
Ma offrirvi un po’ di elementi strutturati (e variegati) utili a farvi un’opinione mi sembra utile, e spero che lo sembri anche voi. Infine: Trieste di notte, bagnata di pioggia e luccicante, è bellissima.
Questo articolo esce anche su internazionale.it

Sì, le categorie sono astratte. E fanno riferimento ad altre astrazioni, e alla stessa nostra capacità di organizzare il sapere astraendo, e ricostruendo regole generali a partire da fatti e...
Se per caso voleste sapere (beh, potreste, e non sarebbe una cattiva idea) come vanno oggi la lettura e i libri in Italia, questa pagina è per voi. Ci sono dati, fatti, e alcune considerazioni....
Seicento docenti scrivono al presidente Mattarella e al Miur denunciando che in Italia gli studenti non sanno l'italiano. Sono linguisti, storici, filosofi, matematici, costituzionalisti,...
Promuovere libri e lettura è importante per mille motivi, e qui su NeU ne abbiamo discusso molte volte. Leggere migliora le singole persone. Leggere – ce lo dicono molte ricerche – stimola il...
Dev'essere diventato (peggio ancora: dev'essere tornato) di moda dividere il mondo in perdenti e vincenti. In deboli e forti. Però, e non da oggi, ho la sensazione che dietro a queste categorie non...
Oggi torno a parlarvi di istruzione e apprendimento permanente. Ho due ottimi motivi per farlo, e il primo è questo: nel commosso ed energico discorso di commiato (qui la sintesi in italiano)...
Riguarda le città immaginarie il gioco che, secondo tradizione, Neu vi propone per le feste. È semplice semplice. Si può giocare da soli (o meglio: in compagnia di se stessi) o in gruppo. Se lo...
Facciamo un passo indietro: è il 1993, i social media non esistono ancora e siamo agli albori della rete. Una vignetta di Pete Steiner, diventata poi famosissima (così famosa da meritarsi una...
Sempre più persone leggono le notizie in rete, ma non sanno valutare l'informazione a cui si espongono. Partiamo da due dati: sei americani su dieci usano Facebook per informarsi. In Italia,...
L'egocentrismo è un tratto emergente del nostro tempo, o è solo diventato più visibile e chiassoso? Come e perché siamo tutti intrappolati nella nostra soggettività? Per trovare qualche risposta...
È come una sfida a ramino. Puoi vincere o perdere, ma quel che conta è la partita, dice Dario Fo poco prima di morire. Un bel congedo, da parte di uno che ha sempre giocato le sue carte vincendo e...
Il sito si chiama Roars, Return On Academic ReSearch. Discute di università, istruzione, ricerca e delle politiche connesse. Ospita anche una sezione di articoli in lingua inglese. Eppure proprio...
Post-truth, cioè post verità, è la parola dell’anno per l’Oxford Dictionary. La prima notizia è che l’uso di questo termine cresce del duemila per cento nel 2016 rispetto all’anno...
C’è qualcosa – una cosa qualsiasi – che sai fare bene? Mi è capitato di porre questa domanda, a volte, nel corso di un colloquio di lavoro. O, più spesso, chiacchierando con uno studente in...
È impressione comune che esistano specifiche età più creative, e che altre lo siano meno. Non è vero, e adesso c'è una conferma ulteriore. Il colpo di genio arriva a sessant’anni, titola a...
Prima di chiamare un call center, o di compiere qualsiasi altro atto burocratico, andate a vedervi Io, Daniel Blake, il nuovo film di Ken Loach che a Cannes ha vinto la Palma d’oro. Così, se non...
Il più famoso esperimento sull'autocontrollo, la focalizzazione e la forza di volontà risale agli anni Sessanta, e riguarda bambini e dolcetti. È il marshmallow experiment. Ad attuarlo è Walter...
Questo articolo mette insieme due elementi che sembrano distanti tra loro, ma in realtà non lo sono: lingua e potere, anzi soft power. L’italiano, lingua degli angeli per Thomas Mann, è la lingua...
Questo articolo parla di aborigeni, lingue perdute e ritrovate, tradizioni e modernità, spaventosi massacri e ingiustizie nemmeno tanto remote, sense of humor, orgoglio, appartenenza, premonizione....
Le elezioni americane saranno l’otto novembre. Il referendum costituzionale Italiano sarà il quattro dicembre. Questo vuol dire che abbiamo di fronte una raffica di dibattiti politici e...
Questo articolo  prova a dire come funziona la comunicazione efficace. In effetti, i recenti scivoloni ministeriali sul Fertility Day (qui la prima puntata. Qui la seconda) potrebbero trasformarsi...
È più che un esempio (ce ne sono tanti) di comunicazione pubblica inefficace. È ignoranza della condizione e dei sentimenti dei cittadini italiani? È incompetenza e trascuratezza delle più...
Quando diciamo linguaggio naturale intendiamo qualsiasi lingua, scritta o parlata,  che si è formata ed  evoluta naturalmente attraverso il continuo uso da parte degli esseri umani. Il linguaggio...
C'è chi non ci dorme di notte. C'è chi è convinto che "è meglio dormirci sopra". C'è chi decide all'improvviso e senza pensarci. C'è chi torna costantemente sulle proprie decisioni. C'è chi...
Il primo tra i dieci imprescindibili diritti del lettore, secondo Daniel Pennac, è il diritto di non leggere. Non fa una piega. Ma se passiamo dalla narrativa all’informazione, e fatto salvo il...
Con la comunicazione sul Fertility Day la ministra Lorenzin ha di certo ottenuto un risultato clamoroso in termini di crescita dell’attenzione al tema della denatalità nazionale. In comunicazione,...
Acrostico fa rima con ostico. Ma dai, non fatevi impressionare, e giocate anche voi al gioco per l’estate che, secondo tradizione, vi propongo anche quest'anno. Un acrostico è un testo, le...
Con un paradosso delle visibilità stiamo facendo i conti tutti noi, di questi tempi. Succede infatti che sia i media classici, sia i social media conferiscano una gigantesca visibilità a persone,...
Sembrava finita, la propaganda. Sembrava che ormai fosse una cosa da remote dittature. Che potessimo escluderla dal nostro orizzonte mentale, osservandola con condiscendente e crescente distacco....
Si può essere curiosi a proposito della curiosità? Beh, oggi vi invito a provarci: ne vale la pena. Del resto, Albert Einstein scrive di sé: non ho particolari talenti. Sono solo appassionatamente...
Questo articolo parla di notizie e del perché c'è bisogno di impaginare le notizie. E parla del rapporto che col mondo abbiamo tutti noi. Ne parla perché poche volte come in queste ultime...
La formula è suggestiva: i ragazzi che oggi vanno a scuola stanno studiando per prepararsi a fare lavori che non esistono ancora. Mi sono imbattuta per la prima volta in questa affermazione nel...
La fortuna è uno stato mentale, scrive Scientific American. Val la pena di andare a vedere in che modo questa affermazione, per molti versi sorprendente, viene argomentata, e soprattutto se...
Il titolo di questa pagina parla di donne, economia, sviluppo e futuro, ma le immagini che vedete risalgono agli anni '40 del secolo scorso. Può sembrare una scelta stravagante, ma ha una...
Non ha senso illudersi di saper parlare bene in pubblico senza avere qualcosa di rilevante da dire. Rem tene, verba sequentur (sii padrone del concetto, le parole seguiranno), scrive nelle Orationes...
In caso di crisi è facile sentirsi paralizzati. E avere la sensazione che "quella" crisi sia diversa da ogni altra crisi possibile. In realtà, tutte le crisi hanno, per il fatto stesso di apparirci...
Chiunque si rivolga non a una singola persona ma a un gruppo di interlocutori sta, in effetti “parlando in pubblico”. Le regole cambiano. Può succedere di dover parlare in pubblico in modo del...
Terre Bagnate. O Terre Fradice. O Terre Umide: insomma: un sacco di acqua che si insinua  dappertutto. Le Wetlands della Louisiana sono un un gigantesco intrico di canali, paludi e foreste di...
Di consigli su come parlare a un pubblico è piena la rete, dai più bizzarri (evitate i latticini!) a quelli in apparenza più ovvi (ricordatevi di respirare). In realtà non tutti i consigli, a...
New Orleans sembra condannata a ripetere una stanca, meccanica messa in scena dal proprio stesso mito. L’affascinante quartiere francese – case tardo settecentesche e ottocentesche, muri...
Per saper dire bisogna non solo possedere, ma anche saper governare le parole. Tutti noi parliamo ogni giorno, perfino troppo, scordando che le parole non sono solamente  tratti che appaiono su un...
Me lo ricordo bene. Sono stata a Miami per la prima volta all’inizio degli anni ’80, quando ancora buona parte degli alberghi Déco cadeva a pezzi e Miami Beach era un luogo schizofrenico: lungo...
Nel nostro paese la capacità di parlare in pubblico è modesta. Oscilliamo tra sproloquio e afasia, tra aggressività e narcosi, tra esibizionismo narcisistico (appartiene a molti) e sottomessa...
Ci sono singoli momenti in cui è possibile diventare scrittori: questa, almeno, è la percezione di alcuni che poi sono diventati scrittori per davvero. Racconta tutto ciò un grazioso articolo di...
Di sindrome dell’impostore soffrono, in genere, quelli che impostori non sono. Curioso, no? Ecco di che si tratta: sindrome dell’impostore è un modo informale e non tecnico per definire la...
Può sembrare paradossale ma è così: pubblicare buone notizie è più difficile che pubblicarne di cattive. E, se ci pensate bene, lo è per molte ragioni piuttosto facili da intuire. Qui sotto...
Far fuori una idea creativa è la cosa più facile del mondo: basta un attimo. Far fuori una idea creativa è gratificante per chi ritiene che le persone che svolgono lavori creativi siano...
Torno sul tema delle notizie positive nella convinzione che sia davvero rilevante. E insisto perché vorrei fare del mio meglio per diffondere questa percezione, e perché una forte richiesta di...
Sappiamo accorgerci del momento esatto in cui (ci) succede qualcosa che può cambiare tutto il resto? Oppure fatalmente quel momento lì ci sfugge, e ben che vada riusciamo a ricostruirlo a...
Questa è la cronaca di due giorni passati a non scrivere. Sarebbero due giorni da dimenticare. Oppure no: forse sono due giorni da ricordare (così, la prossima volta, non ci ricasco) e da...
Sappiamo (o, da consumatori, intuiamo ) che ci sono colori che vendono più di altri. Ma può essere utile capire come, e perché. I colori evocano emozioni. Le emozioni orientano il comportamento....
Dovremmo imparare a valorizzare le buone notizie. E, prima ancora, dovremmo imparare a vederle e a riconoscerle. Noi leggiamo le notizie per farci un’idea del mondo. È noto e ovvio che...
Sì, ancora colori: anche se lavoro con le parole (qualcosa che si colora, se tutto va proprio benissimo, soltanto nella nostra mente), di fatto sono sensibile ai colori al punto che, quando una...
C'è un ampio sentire comune che, soprattutto in rete, si traduce in una forte insofferenza soprattutto verso gli anglicismi, percepiti come un'orda selvaggia e inarrestabile che attenta...
All'ingresso dei bagni pubblici sotterranei di Porta Venezia, a Milano, c'è la fila. E non è esattamente una fila di gente pulciosa che ha bisogno di farsi una doccia. Ma quei bagni pubblici sono...
Il futuro robotizzato continua a sembrarci roba da film di fantascienza. Eppure. Oggi c'è un robot giapponese che scrive romanzi. O meglio: un robot co-autore, insieme a un essere umano, di un...
È davvero emblematico il caso di Domenico Lucano, ignoto in Italia e  ripetutamente celebrato all'estero per la sua coraggiosa scelta  di integrare i migranti nel paesino di Riace, di cui è...
L’intelligenza collettiva, la cooperazione, la condivisione e la diffusione del sapere stanno cambiando le nostre vite. La Repubblica parla di più di 400 progetti avviati in tutto il mondo, la...
Se vuoi innovare, impara queste nove regole, titola la rivista Forbes. Spesso queste liste di raccomandazioni o istruzioni per… ottenere qualsiasi cosa (o quasi) non sono altro che elenchi di...
La lettura ad alta voce è una pratica poco diffusa e sottovalutata, ma davvero virtuosa. Può avvicinare ai libri non solo i bambini che ancora non sanno leggere, ma anche  l'ampia schiera dei...
La fatica di leggere è reale. Per questo il piacere della lettura è una conquista preziosa. Lo è perché leggere arricchisce la vita. E lo è doppiamente proprio perché leggere è anche...
Le immagini che illustrano questa pagina sono tratte da film che mostrano giocatori di Go. Ma il giocatore più bravo del mondo è impossibile da fotografare: si chiama AlphaGo. È un'intelligenza...
Come funziona la creatività? E, prima ancora, che cosa è la creatività? Per rispondere a queste due domande, e a qualcun’altra, un po’ di tempo fa ho scritto un libro di quasi 500 pagine,...
Oggi sto facendo una cosa piuttosto paradossale: spedire una newsletter per dire che non invierò più una newsletter. Si tratta di quella che NeU periodicamente manda ai suoi oltre 4000 iscritti....
Idee in un minuto è il nome della scommessa da cui nasce il primo video autoprodotto da NeU. Sono sessanta secondi di immagini e parole che provano a offrire con la massima sintesi e, mi auguro, una...
Facebook censura definendolo “dannoso” e “non sicuro” un articolo contenente la sintesi dell’intervento di Tullio De Mauro (linguista di fama mondiale ed ex ministro della Pubblica...
Se temete di sputacchiare mentre cercate di dire stepciàild adòpscion, se bailìn continua a ricordarvi un colorito intercalare genovese, se inciampate pronunciando volàntari disclòscia, se...
Un animale viene definito “creativo” quando arriva a risolvere un problema in modo inedito e ingegnoso, di solito allo scopo di procurarsi cibo. E magari quando, per riuscirci, usa anche un...
La velocità dei social network incoraggia reazioni istantanee e non meditate. E spesso si tratta di reazioni violente. Questa la tesi di fondo di un articolo pubblicato dal giornalista britannico...
L' intelligenza delle piante è un argomento che può apparire piuttosto astruso, ma sembra diventare improvvisamente semplice quando ne parla Stefano Mancuso. Lui dirige il Laboratorio di...
Quel che rende un modo di scrivere diverso da un altro, e speciale, è ciò che chiamiamo “tono di voce”. E sì, la metafora è illuminante: di metafora si tratta perché i testi scritti non...
I monaci in Myanmar sono dappertutto, e credo di non averne mai visti così tanti. Di sicuro non ho visitato mai tanti monasteri. I monaci indossano abiti di un bellissimo color zafferano (non...
Gli inglesi lo chiamano black and white thinking: pensiero in bianco e nero. Il termine più tecnico, in italiano, è “pensiero dicotomico”. Il pensiero dicotomico divide con un taglio netto la...
Oro puro. La sua brillantezza contrasta contro il cielo sempre più scuro. È l’imbrunire. La pagoda Shwedagon è una visione mozzafiato. Prima di Rangoon, c’era la Shwedagon, scrive Thant...
Joseph Troia ha 23 anni, fa il madonnaro, è di Napoli. Scrive su NeU un commento che mi colpisce. Cerco il suo indirizzo e gli domando se ha voglia, a partire da quel commento, di raccontare la sua...
Il lago Inle si trova nell’ampio altopiano che occupa la zona centro-orientale del Myanmar. Il modo più semplice per arrivarci è prendere un aereo da Yangoon a Heho. Il terminal dei voli...
Censisce il livello di ottimismo globale il 39esimo rapporto annuale sulle prospettive, le aspettative e le convinzioni degli abitanti di 68 diversi paesi del mondo. È pubblicato da Win-Gallup, ci...
In Myanmar  i viaggiatori italiani sono ancora un’esigua minoranza ma stanno crescendo, dice Win Min Htut: è un alto, cortese, sorridente signore birmano, elegante nel longyi (la diffusissima...
Le immagini sono importanti. E le immagini mentali sono molto importanti. Ci aiutano a dare una forma sintetica e immediatamente percepibile a percezioni e a concetti complessi. E, con questo, ci...
Ve ne sarete accorti. L’idea di fondo, che NeU vi presenta, cucinata in tutte le salse settimana dopo settimana, è questa: conviene guardarsi attorno e, soprattutto, guardare avanti con...
La vecchiaia è il tabù di oggi, dice Erica Jong a proposito del suo ultimo romanzo. Ma forse non è già più così. L’altra sera, proprio mentre stavo finendo di leggere un delizioso romanzo...
Viviamo immersi in una complessità che può apparirci, secondo i casi, disorientante, oppure onerosa, o minacciosa. Perfino alcune cose che ci dovrebbero, in teoria, semplificare la vita (per...
Se cominciare un lavoro creativo riesce difficile – ne parlavamo la scorsa settimana – smettere è la seconda cosa più difficile da fare. Ed è doppiamente difficile. In primo luogo, può...
La cosa più difficile del fare un lavoro, specie se è un lavoro creativo, è cominciare. E la seconda cosa più difficile è finire. È una strana sindrome speculare, che deriva dalla...
Metacognizione è una parola interessante. Rimanda a un concetto ancora più interessante, che riguarda un’attività interessantissima. Peccato che sia la parola, sia il concetto, sia l’attività...
Se la cultura ha bisogno di sponsor, gli sponsor hanno bisogno della cultura. I motivi che riguardano la prima parte di questa affermazione sono facilmente intuibili: le iniziative culturali costano....
Una definizione della creatività, così al volo, me la darebbe? Oppure, e in modo ancora più sbrigativo: che cos’è la creatività? Mi capita fin troppo spesso di sentirmi fare questa domanda,...
È una parola rubata alla tecnologia dei materiali. Per dirla in modo semplice, indica la capacità che un materiale ha assorbire e rilasciare l’energia (per esempio, un urto) che lo potrebbe...
Tra stile e tono di voce c’è un’effettiva differenza, anche se nella percezione di molti le categorie coincidono e i termini vengono usati in modo intercambiabile. Per carità: non c’è niente...
La parola magica è “motivazione”. Si tratta dell’energia che ci anima e ci fa muovere verso un obiettivo. In altre parole: per svolgere qualsiasi attività bisogna attivarsi, no? E attivarsi...
I bravi artisti copiano. I grandi artisti rubano. L’aforisma è suggestivo e l’idea è interessante, ma la cosa ancor più interessante è che l’aforisma medesimo sia stata a sua volta...
Delfina Vezzoli ha tradotto molti grandi autori. Per la sua attività di traduttrice ha appena vinto il premio Zanichelli alla carriera. Questo è il discorso che lei ha tenuto all’Università di...
Questo è il terzo articolo di una serie sul turismo. Nel primo ho provato a raccontare perché è importante promuovere il turismo in Italia, e come mai noi non siamo capaci di farlo bene. Nel...
Dicevo, nell’articolo precedente a questo, che ogni autore può ricorrere a una serie di artifici per attribuire a ciò che scrive quello che per convenzione, e anche a proposito di testi,...
Promuovere il turismo: eccolo qui, il tema della seconda tappa di un viaggio ricco, diciamo così, di sorprese. Ricapitoliamo i dati salienti: oggi l’Italia si piazza 123esima su 144 paesi per...
La parola scritta è, in primo luogo, parola. La scrittura la rende permanente e la separa dalla voce materiale di chi l’ha pensata. Se penso la parola “orizzonte”, poi posso dirla (urlarla,...
Imbarazzante. A voler essere gentili, la situazione della promozione del turismo in Italia può essere definita così. A voler essere realistici: disperante. Ora le cose dovrebbero cambiare: Giornata...
C’è un aspetto di tutto quanto diciamo o scriviamo, e di tutto quanto ascoltiamo o leggiamo, che ne influenza in maniera sostanziale l’efficacia, la credibilità, la forza, la memorabilità, e...
Ieri ho finito di scrivere alle tre di notte. Nessuno, ovviamente, mi obbliga a lavorare fino a un’ora così indecente. Ma avevo intercettato un refolo di pensiero che mi sembrava potenzialmente...
Cerca in Nuovo e Utile
247 queries in 1,991 seconds.