Neuromarketing, neuropolitica ed emozioni

Il minuscolo centro storico di Terracina è, per chi come me lo vede per la prima volta, un luogo sorprendente: un intrico di resti romani ben presenti e visibili, sui quali sono cresciute le case-torri medievali e le costruzioni successive.
Insomma, è un sito archeologico in cui la gente ha continuato a vivere come se niente fosse. Il foro di duemila anni fa è la piazza principale di oggi, con la via Appia che passa su un lato, e perfino le pietre del lastricato sono rimaste le stesse.

ECOSISTEMI CULTURALI. Ci ritrovo, espressa negli edifici e nelle vie, un’idea che (date un’occhiata qui, se volete) mi frulla in testa da qualche anno. Quella che le testimonianze del passato non vadano ricondotte alla metafora dei giacimenti culturali (roba morta e sepolta, utile per essere “sfruttata”), ma a una metafora nuova: ecosistemi culturali (roba viva, che integra stratificazioni di passato e presente, e che non andrebbe tanto “sfruttata” quanto rispettata e valorizzata nel suo divenire).
Sarebbe anche un modo per evitare l’entropia turistica di cui acutamente parla Marco d’Eramo, e la museificazione che preserva sì i luoghi, ma li sterilizza e li riduce a scenari privi di vita.

EMOZIONI, IN FESTIVAL. Uno può andare a Terracina per rosolarsi sulla spiaggia. O per mangiarsi un notevole gelato ai pistilli di zafferano calpestando le pietre millenarie della via Appia. Io ci sono stata per via del Festival delle emozioni.
Così, fra le altre cose, mi è capitato di ascoltare il sociologo Vincenzo Moretti parlare dell’appagamento che dà un lavoro ben fatto, e di come lui riesce a conquistare a questa idea i ragazzi di Scampia. Ho avuto in regalo un grazioso tautogramma dallo scrittore di strada Walter Lazzarin, che gira per le strade d’Italia munito di una Olivetti Lettera 22 identica a quella su cui ho scritto per un paio di decenni (che nostalgia).
E poi: ho incontrato gli inventori di Apptripper, una piattaforma per il turismo emotivo. Ho tentato qualche passo di tango (signora, quando lei balla il tango non deve anticipare l’uomo, ma seguirlo. Ci provi: ce la può fare). E ho perfino fatto da cavia in un esperimento tra realtà virtuale e strumentazione usata per il neuromarketing.

La piazza di Terracina. A destra, la via Appia

MA CHE ROBA È IL NEUROMARKETING? Questa storia del neuromarketing mi lascia perplessa da sempre. Così catturo lo psicologo dei consumi Vincenzo Russo, che per la sua relazione è arrivato al Festival con due collaboratori e una valigia di strani attrezzi, e mi faccio spiegare. Posso prendere appunti?, chiedo. Il luogo in cui siamo aggiunge un tocco straniante a un discorso che parla di cervello, emozioni, mente e futuro.
Russo dà informazioni a raffica, io scrivo cercando di tenergli dietro.

L’ISTINTO E IL CORPO. Russo dice che è William James a sostenere, in un testo assai noto del 1890, che le emozioni hanno base fisiologica: sono risposte istintive e corporee a stimoli esterni. È la nostra cognizione (la nostra mente) a etichettarle in seguito come paura, rabbia, gioia…
Ma alla fine degli anni Venti gli psicologi di Harvard Cannon e Bard promuovono una visione diversa: le risposte fisiologiche si attivano insieme a quelle cognitive, e l’elaborazione razionale ha un ruolo importante nell’intero processo.

VEDERE “DENTRO” IL CERVELLO. Per decenni tutto ciò che origina nelle parti più antiche del cervello viene considerato primitivo e poco degno di attenzione: un atteggiamento che nel 2012 Richard Davidson, uno dei maggiori studiosi del rapporto tra cervello ed emozioni, definirà “snobismo corticale”.
Negli anni Sessanta John Flynn impianta elettrodi nell’ipotalamo dei gatti e scopre che stimolando regioni differenti può provocare reazioni diverse, di paura o di aggressività. Ma le onde elettroencefalografiche dicono ancora poco.
La vera svolta arriva con le immagini fornite dalla risonanza magnetica (MRI, Magnetic Resonance Imaging). E poi con l’fMRI (Functional Magnetic Resonance Imaging), che segnala i luoghi dove si concentra l’attività cerebrale rilevando i cambiamenti del flusso sanguigno. Ora i ricercatori possono vedere quel che succede “dentro” il cervello che sente e pensa.
Una curiosità: nel 1995 parte negli Stati Uniti una campagna perché gli scienziati si interessino anche al funzionamento del cervello femminile, più interconnesso, più modulato da cambiamenti ormonali, quindi più difficile da studiare, quindi più trascurato fino ad allora.

SIAMO MACCHINE EMOTIVE. Nel 1996 Joseph LeDoux dimostra che è proprio il sistema limbico, la parte più antica del cervello, ad attivarsi sempre per primo, perché tutti gli stimoli passano di lì. E Antonio Damasio, nell’Errore di Cartesio, scrive che non siamo macchine pensanti che si emozionano, ma macchine emotive che pensano. insomma, prima arrivano le emozioni e la memoria, poi la razionalità. Non siamo razionali, ma razionalizzatori.
Le emozioni tornano con prepotenza sulla scena.

POLEMICHE E CONTROVERSIE. Intanto nel 2002 lo psicologo Daniel Kahneman vince il Nobel per l’economia dimostrando che nemmeno le nostre decisioni finanziarie ed economiche sono razionali. E sempre nel 2002 appare per la prima volta il termine neuromarketing: Brighthouse, un’azienda di marketing di Atlanta, prova a “guardare” nella mente dei consumatori tramite l’MRI, e con la collaborazione della Emory University. L’idea risulta immediatamente controversa e suscita un vespaio di polemiche.
Nel 2005 ci riprova un’altra università, Berkeley, dove viene fondata Neurofocus, con l’obiettivo di “fornire risposte certe alle aziende frustrate dalla propria incapacità di predire le scelte dei consumatori”. Nel 2011 Neurofocus viene comprata da Nielsen, una gigantesca multinazionale americana di ricerche di mercato con sedi in più di 100 paesi, e diventa il nucleo centrale della divisione Consumer neuroscience, che cresce attraverso numerose altre acquisizioni.
Vuol dire che non c’è verso: col neuromarketing dovremo per forza continuare a fare i conti, e sempre più spesso.

GIÀ, MA COME FUNZIONA? Quindi, meglio capire bene in che cosa consiste il neuromarketing: in sostanza, la strumentazione usata per le ricerche è una versione più sofisticata del poligrafo, (la macchina della verità). La cosa curiosa è che il poligrafo, in realtà, non serve al suo scopo, e a stabilirlo una volta per tutte è la Corte suprema degli Stati Uniti nel 1998.
Il motivo è semplice: il poligrafo non misura la verità, ma l’intensità delle emozioni che, secondo gli ideatori, dovrebbe crescere se qualcuno mente. Però non sempre è così: un mentitore esperto può restare calmo, mentre anche chi dice la verità può sentirsi terrorizzato, tanto da indurre il poligrafo a restituire falsi positivi.

LA MISURA DELLE EMOZIONI. Misurare le emozioni serve invece, e molto, a capire qual è il grado di interesse e di attrazione che un individuo prova per qualcosa. E che un consumatore prova per un prodotto. Così, per capire l’intensità delle emozioni il neuromarketing misura la sudorazione delle mani e il battito cardiaco, la dilatazione pupillare (lo strumento si chiama eye tracker), il modificarsi delle espressioni (lo strumento è un lettore facciale), la frequenza del battito delle ciglia.
L’elettroencefalogramma dice invece se l’emozione è positiva e negativa. Ci riesce grazie all’asimmetria prefrontale: le emozioni negative e di allontanamento, dicono i ricercatori, fanno capo alla parte destra, le positive e quelle di avvicinamento alla parte sinistra.
La potenza del neuromarketing sta tutta nel sincronizzare i diversi dati, in modo da ottenere un quadro completo della condizione emozionale del soggetto esposto a un prodotto, a una confezione, a un’offerta.

LE AZIENDE E GLI ACCADEMICI. In Italia le aziende diffidano a lungo del neuromarketing: temono di essere accusate di voler controllare i propri consumatori. E dai, ci sono voluti decenni per smontare la bufala della pubblicità subliminale (oggi ci credono solo i cospirazionisti più accaniti), e ‘sta storia del neuromarketing, che invece è fondata, potrebbe suscitare ostilità assai più profonde.
Per inciso: il motivo per cui i messaggi subliminali non funzionano è che sono, appunto, sub-limen: sotto la soglia di percezione del cervello. E ciò che non viene percepito non può nemmeno essere recepito dal cervello.
Anche il mondo accademico è ostile al neuromarketing, e alle neuroscienze in generale, che vengono accusate di riduzionismo. Suvvia, le persone non sono solo sudore e battito cardiaco: la capacità simbolica, il pensiero, dove li mettiamo?

PROBLEMI CHE VANNO RISOLTI. In realtà, dice Russo, lo strumento vale soprattutto per aiutare le aziende a non commettere errori grossolani. Se un’etichetta suscita ripugnanza, forse è meglio cambiarla. Se su una pagina online lo sguardo vaga disorientato, e nessun interesse si accende, forse c’è un problema con la grafica, con le immagini o coi testi.
In sostanza, come qualsiasi altro esame di laboratorio, il neuromarketing non risolve problemi, ma evidenzia problemi che vanno risolti.
Ma che cosa succede, chiedo a Russo, se il neuromarketing arriva alla politica?

NEUROPOLITICA PROSSIMA VENTURA. Risponde che può essere stato usato dagli esperti di comunicazione di Trump (ah, quelle cravatte rosso-bandiera americana) ma non abbiamo pubblicazioni scientifiche che ne attestano l’adozione effettiva (leggete però qui quel che ne dice Forbes). D’altra parte esistono già numerosi testi di neuropolitica, che anche in Italia si sta cominciando a guardare con attenzione.  Insomma è, come è successo con i big data, solo una questione di tempo.

IO, ROBOT. Ma il neuromarketing – chiedo a Russo – potrebbe servire anche a qualcos’altro? Per esempio, a insegnare ai robot, con un’operazione di ingegneria inversa emozionale, a capire e a provare le emozioni che sperimentiamo noi umani?
Potrebbe, dice lui. E io mi figuro un robot antropomorfo che, tra cent’anni, si emoziona calpestando le pietre della via Appia. Che se ne starà ancora lì, lungo il bordo della piazza di Terracina.

Questo articolo esce anche su internazionale.it.

Sapevo che l’avrei trovato suggestivo, ho aspettato il momento giusto per aprirlo e finalmente sono riuscita a ritagliare il tempo necessario per una lettura intensiva. Si tratta di Quiet, il...
La prima edizione del Festival della comunicazione di Camogli mi è parsa energica e affollata. Un fatto curioso: i più giovani tra i relatori che sono andata ad ascoltare hanno parlato a partire...
Claudio Passera ha una laurea in lettere e una passione per l’editoria. Soprattutto, è una persona curiosa ed ama – dice – i libri, le storie, l’arte, la musica, la cucina e la moda...
Ha fatto assai rapidamente il giro del web la notizia che nella sintesi in 12 punti del documento governativo intitolato La buona scuola ci fosse qualche a capo non proprio ortodosso. È giusto...
D di Repubblica mi ha chiesto di scrivere un editoriale. Da brava manovale delle parole ho subito domandato: argomento? Taglio? Numero di battute? Tono? Già: in quarant’anni ho scritto di tutto...
Ogni anno in Italia circa 20.000 bambini subiscono incidenti. Circa 1000 restano invalidi per sempre. Gli incidenti domestici causano addirittura più morti degli incidenti in auto. Non abbiamo idea...
Uno dei buoni propositi per il futuro prossimo potrebbe essere questo: “dormire un po’ di più”. E farlo sapendo che non è una scelta da mollaccioni pigri, ma una precisa strategia per stare...
Ogni tanto i ritmi di lavoro subiscono un'impennata. Succede subito prima delle vacanze. Succede quando si avvicinano scadenze cruciali. Spesso succede senza un motivo apparente. Decisioni rimandate...
Da un po’ di tempo mi frulla in mente una storia ambientata in un futuro assai prossimo. Non la scriverò mai, e non ho nessuna idea di come va a finire. Però ve la racconto qui sotto per sommi...
Ho raccolto, girovagando in rete, una serie di notizie, video, test e curiosità che hanno a che vedere col colore. Ve le propongo tutte insieme, raccolte in questo articolo: una tavolozza di...
Due cose possono danneggiare qualsiasi lavoro, e in modo particolare un lavoro creativo: la prima è accontentarsi subito di un risultato mediocre, rinunciando a migliorarlo. La seconda è non...
Gira in rete un esilarante e impietoso video del nostro presidente del Consiglio, non alle prese con i termini inglesi che così disinvoltamente impiega parlando (network, family, cool, friendly…...
Conviene diffidare delle mode. È quanto invita a fare il Corriere Cultura a proposito del termine empatia: viviamo nel mezzo di una «smania empatica», per usare l’espressione di Steven Pinker,...
Cominciare un lavoro creativo spesso è il momento più difficile dell'intero processo. In realtà, cominciare a fare qualsiasi cosa (anche a mettere ordine negli armadi, a organizzare un viaggio o a...
“I progetti delle donne superano quelli degli uomini”. A fare questa affermazione è GFK Eurisko, la maggior società italiana di ricerche di mercato, in apertura della newsletter di luglio. Non...
Noi chiamiamo “ritratto” la riproduzione delle fattezze di una persona. Ma l’idea di base è che la riproduzione non sia meccanicamente fedele: altrimenti considereremmo come i migliori...
Il talento naturale sembra a tutti sommamente ammirevole e seducente, tanto da distorcere la percezione dei risultati effettivi ottenuti. Perfino negli Stati Uniti, un paese che ha fatto del try...
Benessere psicologico, che cos'è? Il medico e psichiatra Danilo di Diodoro dice, nelle poche righe di un articolo sul Corriere della Sera, quali elementi sono fondamentali : è un testo interessante...
Roma, qualche giorno fa. Albergone moderno, spazi ampi e ovattati, un folto gruppo di uomini in giacca e cravatta e donne in abiti formali, tutti muniti di cartelline e tesserini di riconoscimento:...
A maggio del 2016 scade la convenzione con la quale lo stato concede in esclusiva alla Rai la gestione del servizio pubblico televisivo. Non è solo un passaggio amministrativo. La convenzione risale...
Questa è l’ultima puntata. Un paio di settimane fa, a partire da un innocentissimo quesito sui nomi e l’atto del nominare, e mossa da una di quelle curiosità che sembrano tanto più urgenti...
C’è l’universo dei nomi propri e c’è l’universo parallelo, denso e aggrovigliato, degli pseudonimi: nomi che si accostano al nome, o lo velano, o lo cancellano del tutto fino a costruire...
Dash e Dixan. Nike e Adidas. Twitter ed eBay, Wikipedia e Amazon. Toblerone e Nutella. Greenpeace ed Emergency. Se dico il nome sapete subito di che si tratta. Non solo: ciascuno di questi nomi, che...
Compro libri dappertutto, e farlo mi piace molto. Compro libri nelle librerie, alle edicole delle stazioni, negli aeroporti (per esempio, a Cagliari c’è una libreria non male). Frugo tra i...
Che cosa significa, sia in termini simbolici, sia in termini concreti, dare un nome? Come dicevamo nella prima puntata di questa passeggiata in cinque tappe nell’universo dei nomi (questa è la...
È una bufala che la lingua inuit abbia centinaia di nomi per definire differenti tipi di neve. Invece è vero che nelle diverse lingue (e anche nei dialetti) troviamo nomi che identificano fenomeni...
Il Corriere della Sera titola in prima pagina Coraggio e creatività per Milano. Seguono oltre ottomila battute per dire, nell’ordine, che: l’imperativo è salvare l’Expo. “Allarme Milano”...
Ve li ricordate, quei cartelli variamente decorati che fino a non troppi anni fa, dai muri di molti pubblici esercizi, in modo rude ma tutto sommato bonario esortavano prima di azionare la bocca,...
Il fotoritocco è vecchio quasi quanto la fotografia, e falsi fotografici sono sempre esistiti: c’è un sito (fateci un giro, è interessante) che ne raccoglie una quantità, a partire dal 1840....
Scusami se ti ho scritto una lettera lunga. Non ho avuto il tempo per scriverla più corta. Così il matematico, fisico e filosofo francese Blaise Pascal – non Voltaire, Locke o Cicerone, come...
Ci sono tanti modi efficaci per promuovere la lettura. Per esempio, Liberiamo traduce, ripropone (e, con ciò, combatte)  30 pregiudizi spocchiosi nei confronti del leggere. Qui trovate la prima...
Giuseppe Verdi ha ottant’anni quando manda in scena il Falstaff. Michelangelo Buonarroti lavora alla Pietà Rondanini quando ne ha quasi ottantanove. Ma il grande vecchio che preferisco – infatti...
Antonio Laurino è un simpatico ragazzo di Napoli che da pochissimo lavora con noi. Gli ho chiesto di raccontare in un post che cosa, dalle sue parti, succede di nuovo, di interessante e creativo e,...
Gira in rete una crescente quantità di video che mostrano il meglio (e più frequentemente il peggio) di tutti noi. Ma di che si tratta? Leggete qui, e guardate i video: o sono linkati in arancione,...
Tra i primi dieci film di maggiore incasso della storia del cinema cinque sono di ambientazione fantascientifica, tre sono fantasy, uno (Titanic) è storico e uno (Skyfall) è di spionaggio. In...
Arrivo a Mirandola attraversando la verde, rigogliosa campagna modenese. Sono campi e pioppeti che si alternano, man mano che ci si avvicina al centro urbano, a insediamenti industriali nuovissimi e...
In quest’ultimo periodo, in due casi diversi, mi sono trovata a ragionare sul modo in cui usiamo e percepiamo le parole italiane e inglesi. Vi racconto che cosa è successo e che cosa mi sembra di...
Una settimana, un giorno, solamente un’ora canta Edoardo Bennato alle prese con un addio difficile. È l’incipit perfetto per una serie di suggestioni che riguardano il tempo, e il suo...
Succede qualche tempo fa. Propongo su NeU una lista di parole inglesi che si usano spesso e di corrispondenti parole italiane d’uso altrettanto comune. Non si tratta di una crociata contro le...
Forse avete già visto il recente, bel video del Sunday Times che in un unico, fluido piano-sequenza evoca diverse icone della cultura moderna (il pensatore di Rodin, Forrest Gump, Mad Men, la...
Curiosa contraddizione. Apparteniamo a un paese che non legge e che neanche si preoccupa così tanto di nasconderlo. Eppure. Eppure eccoci qui, a leggere di come leggere più velocemente grazie a un...
Tra una parola e l’altra. Tra una nota e l’altra (ed è in quel tempo infinitesimo che un’accelerazione o un’esitazione possono essere indizio del talento dell’interprete. Music exists in...
Per quanto un lavoro sia lungo e complicato, a un certo punto succede che lo finite e lo potete consegnare, no? La risposta è “sì, l’avete finito ma no, non è ancora esattamente il momento di...
Quando scrivo non voglio essere falsa. Quando si ha talento, è molto facile essere falsi. Il talento è pericoloso, perché si è a proprio agio con le parole. A un tratto qualcosa suona bene, è...
Spesso i fatti o i gesti che val la pena di cogliere perché illuminano un evento o accendono un’intuizione se ne stanno lì, davanti agli occhi di tutti. Il problema è che nessuno se ne accorge....
Premessa necessaria: questa non è una crociata contro l’inglese. Parlare bene non solo l’italiano ma anche l’inglese (o qualsiasi altra lingua) è bellissimo e utilissimo. Ma non sempre è...
Fra tutte le domande (moltissime delle quali fondate, interessanti e doverose) che ci si potrebbero fare a proposito di Matteo Renzi, ce n’è una particolarmente stucchevole che negli ultimi giorni...
Un articolo uscito  sulle pagine de La Repubblica sembra lanciare un messaggio netto. “Il talento non conta, solo l’esercizio ci fa primeggiare. Dalla musica allo sport: le nuove teorie della...
Rieccomi a parlare di stereotipi pubblicitari e donne  al convegno Donna è…, organizzato da Rai a Roma. Sala piena, interventi interessanti e, per fortuna, poche dichiarazioni di circostanza....
Di resilienza si sente parlare sempre più spesso. La parola ha una storia antica (viene non dall'inglese, come molti credono, ma dal latino resilis, che significa rimbalzare, ritornare in fretta)....
Giovanni Galetta mi invia un ricordo esilarante.  Ve lo ripropongo. Corso di marketing in Bocconi. Fra i tanti partecipanti ce n’è uno, il direttore commerciale di un’azienda di rivestimenti,...
Metà dei lavori di oggi spariranno nel giro di vent’anni. A dirlo è una multinazionale dei mass media come AOL, e non è un’affermazione estemporanea: già nel 1999 il Department of Labor...
Oggi il percorso di NeU tra le emozioni prevede una tappa musicale. Ad accompagnarci (grazie!) c’è Bruno Pasini: una vita passata con la musica, dalla discografia (è stato capo della divisione...
Tra i molti romanzi scritti da Stephen King, uno dei miei favoriti (so bene che non tutti i fan del Re sono d’accordo) è La storia di Lisey. La trama di superficie è semplice: un noto scrittore...
PICCOLO, BELLO. Si intitola Small is beautiful e l’ha scritto l’economista inglese Ernst Friedrich Shumacher. Pubblicato all’inizio degli anni Settanta, è considerato uno dei testi più...
Vittorio Cucchi mi invia (grazie!) un articolo appena uscito sul New York Times, il quale segnala che in molte università americane la creatività (creative studies) ha ormai raggiunto lo status di...
Sono convinta che, in questi tempi inquieti, un po’ di alfabetizzazione emotiva (o, almeno, un piccolo ripasso) non possa che far bene assai. Quindi aggiungo una seconda puntata alle coordinate di...
Non sono una fan del time management e credo che anche il tempo vuoto, o dedicato ad attività in apparenza improduttive, abbia un suo perché: bisogna pur dare un’opportunità alla serendipity,...
Le emozioni sono qualcosa di antico, potente, universale e inafferrabile. Tu chiamale, se vuoi, emozioni, cantava l’indimenticabile Lucio Battisti nei primissimi anni Settanta (qui il video Rai)…...
Non tutte le procedure hanno lo stesso valore. Per capire come mai, cominciamo dall’inizio. Procedura: l’insieme di norme, formalità, usi e consuetudini che regolano la pratica di...
No, quello che vedete qui sopra non è un giardino fiorito dipinto da un impressionista: sono cellule di tessuto connettivo fotografate al microscopio. E questo è solo l’inizio del viaggio che vi...
I ragazzi non devono annoiarsi a scuola: chi si annoia non impara. Il contrario di “annoiarsi a scuola” non è “divertirsi”. È “essere interessati”. L’interesse nasce di fronte a...
Alcune biblioteche sono bellissime. A ricordarlo ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, è l’affascinante gallery pubblicata da BuzzFeed, il quale non manca di sottolineare che the libraries...
Il cortocircuito tra i registri espressivi di due recenti e interessanti campagne pubblicitarie straniere che parlano di madri, Old Spice e P&G (una va decisa sui toni comici fino a sfiorare il...
La grafica (o per dirla all’inglese, che sembra più cool – e anche la pagina di Wikipedia è meglio: il graphic design) è un mondo meraviglioso. Per me, che so chiamare per nome solo una...
Vi conviene ripartire dall'inizio ogni volta che vi accorgete di non saper più dove andare. Succede fin troppo spesso. Siete impegnati in un lavoro creativo che via via si fa più ingarbugliato e a...
Questa volta vi racconto due storie: parlano di incontri improbabili e conversazioni impossibili e della voglia di superare le barriere linguistiche. La prima ha il dettaglio luminoso di certi...
Con 830 lingue parlate (il 10% delle lingue parlate nel mondo) la Papua Nuova Guinea è di gran lunga il paese con la maggior diversità linguistica. Seguono l’Indonesia, con 719, il Sud Africa con...
Come mai il nostro cervello è diventato tanto più intelligente di quello dei Neanderthal? I geni delle due specie sono gli stessi al 99.7%, ma interagiscono in modo diverso e questo fa sì che i...
Tutti noi cerchiamo costantemente di ricavare un senso dal mondo in cui viviamo e la sfida di riuscirci è tanto maggiore quanto più sono complesse le nostre esperienze. Sta in questa sfida la...
Domenica pomeriggio la nebbia tra l’appennino emiliano e Milano è fitta come zucchero filato. Viaggio tra i campi a quaranta all’ora, tirando accidenti perché non si vedono neanche i fossi e...
Giovedì 27 novembre, poco dopo il voto al Senato per la decadenza di Berlusconi, Lilli Gruber su La7 intervista Corrado Augias, giornalista, scrittore, in passato parlamentare europeo e molto altro....
Come si fa a suscitare interesse? E, prima ancora: che cos’è l’interesse? Lo racconta Annie Murphy Paul in un bell’articolo uscito su Internazionale: è uno stato psicologico di coinvolgimento...
Può sembrare singolare, e per molti versi lo è, che qualcuno abbia chiesto a una (spero) vispa ma inequivocabilmente sessantenne signora che da quarant’anni traffica con faccende riguardanti la...
Molte persone sono convinte che la creatività sia una faccenda che riguarda solo gli individui geniali. Che sia una dote innata, misteriosa e magica. Che si esprima solo attraverso scoperte e...
Ditemi quante possibilità ci sono che le seguenti cose succedano tutte quante: 1) Un prof di liceo classico naviga correntemente sul web 2) navigando, si imbatte in un libro di esercizi di scrittura...
Tutti sappiamo che cosa sono gli stereotipi. Se c’è qualche dubbio basta guardare il dizionario, che parla di modelli convenzionali di atteggiamento e di discorso. Di opinioni o espressioni...
Per parlare di progetti visionari non possiamo che partire dall’etimologia della parola “visione”, che è interessante. Leggete qui: dal latino visio derivazione di visus, participio passato di...
“Dicci la tua storiella favorita e prova a spiegarla senza rovinare il finale”. Gli studenti americani che ci riescono hanno più possibilità di essere ammessi all’Università di Chicago...
Proponete a chiunque questo indovinello: ha un gran naso e uno strano copricapo rosso, è un protagonista della letteratura mondiale, è toscano. Chi è? Qualche spiritoso potrebbe deviare su...
Poiché la manutenzione del pensiero passa anche attraverso un uso consapevole delle parole, oggi vi propongo una breve gita tra alcune delle definizioni online di una parola, “creatività”, che...
Einstein mette a punto la teoria della relatività ristretta mentre lavora all’ufficio brevetti. Bulgakov comincia a scrivere mentre fa il medico condotto. Carlo Emilio Gadda scrive, per molti...
Di solito NeU non si occupa di tecnologia, ma questa faccenda delle stampanti 3D rischia davvero di essere non un fatto di innovazione incrementale (un miglioramento nel modo di fare le cose) ma una...
Mi scrive Francesco: le volevo chiedere se esiste un rapporto fra la dislessia e la creatività. È una delle domande alla quale non sono riuscito ancora a dar risposta, in quando dislessico. Spero...
Nella settimana che succede alla chiusura della Fiera del Libro di Francoforte, oplà, si aprono le polemiche si libri e lettura in Italia. Se siete amanti del genere, eccovi Gian Arturo Ferrari che...
Che cosa ne pensi degli slogan dei candidati alle primarie? mi domanda Alessandra. Vabbe’, sarò delicatissima. Cauta e quasi soave. Lo sussurro solo all’orecchio degli amici di NeU che passano...
Studiare all'estero vuol dire: esperienze, sorprese, fatica, qualche problema, molte gratificazioni e una bella sfida. Liceo classico milanese. Succede che sei – tre ragazze e tre ragazzi - sui...
La creatività è come maneggiare serpenti. Me ne rendo conto, l’affermazione può sembrare stravagante. Eppure questo è esattamente quanto sostiene un bell’articolo sulla Harvard Business...
L’8 ottobre 2013 l’OCSE diffonde i risultati di uno studio che mette a confronto le competenze di base (leggere e far di conto. O, come dice OCSE, literacy e numeracy) degli adulti di 24 paesi....
Avete notato che spesso, proprio nelle situazioni di crisi in cui più servirebbe avere una buona capacità di visione, le prospettive si accorciano? Una bella fregatura: la capacità di immaginare...
Si chiama Minuti scritti. È appena uscito. Vi dico di che si tratta. È un libro di poco più di 200 pagine. Nasce da un corso di tre giorni, intitolato Scrittura indolenzita? Facciamo stretching...
Mi scrive Federico: mi piacerebbe discutere con te dell’antipatia che le persone creative e fantasiose si tirano dietro. Del conflitto aperto o nascosto che si genera, anche in casa (esperienza...
Fate un esperimento: cercate con Google “creativity traits” e guardate che cosa vien fuori. Fast Company mette in fila dieci punti, segnalando che si tratta di caratteristiche di personalità...
Faremo molte discussioni su temi sensibili (sensitive topics), quindi la nostra aula dev’essere uno spazio sicuro per imparare e dibattere idee. Per favore rispetta gli altri ascoltando con...
Apro il giornale. L’annuncio pubblicitario di uno studio odontoiatrico promette di restituire ai clienti non il sorriso, ma “un sorriso vincente”. Anche trascurando l’indimostrabilità del...
Herbert Simon, premio Nobel, padre dell’intelligenza artificiale e pioniere del problem-solving, scienziato, economista, psicologo, sostiene che non si possono ottenere risultati eccellenti in...
È passato: l’ennesimo figlio con gli esami di riparazione. È uno dei 500.000. La madre al telefono chiede dettagli dei voti e dei compagni. Nel gruppo seduto ai tavolini del bar in piazza –...
Questo post parla di errori, di vuoti e di rotture. Sembrerebbe tutta roba da evitare a ogni costo. Eppure, la mancanza in tutte le sue forme può essere fertile, e l’errore può essere fortunato....
Provate a pensarci: dopotutto, “ritmo” non è altro che il nostro modo di nuotare in avanti nel flusso del tempo, scandendo ogni segmento di tempo che passa e ordinando la sequenza degli eventi...
Cerca in Nuovo e Utile
243 queries in 2,909 seconds.