Classe capovolta: una rivoluzione nel modo di studiare. E di pensare

A spiegare in modo convincente alcuni dei più basilari perché della classe capovolta (flipped classroom) è una bionda avvenente ed energica. Tiene la scena con la sicurezza di una rockstar. La speciale canzone che canta, dopo poche battute, ha già conquistato il suo pubblico. E la sottoscritta, che apre l’iPad e prova a trascrivere per voi l’intero discorso.

UNA RIVOLUZIONE COPERNICANA. Anche il pubblico è speciale. Si tratta di centinaia di insegnanti convenuti a Roma per discutere di un nuovo modo di fare scuola: la classe capovolta è una rivoluzione copernicana della didattica. La rockstar si chiama Daniela Lucangeli. Ha una cattedra di Psicologia dello sviluppo all’università di Padova. Ha lavorato in mezza Europa.
I bambini di sei anni ridono 300 volte al giorno, esordisce. Gli adulti lo fanno da zero a 11 volte. Vuol dire che tutti noi, crescendo, perdiamo funzioni che sono vantaggiose: ridere attiva il sistema dopaminergico e migliora il sistema immunitario. È un meccanismo salutare per il cervello, e per l’intero organismo. C’è da chiedersi come mai ci evolviamo, come individui, in modo così svantaggioso.

RAGAZZINI DEPRESSI. Lucangeli incalza: l’Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato un allarme: una delle grandi pandemie da fermare è la depressione infantile, che può prendere avvio da cattive condizioni di apprendimento e da relazioni umane insoddisfacenti. Questa situazione critica non riguarda solo la complessità della vita familiare, ma si sviluppa anche a scuola. Vuol dire che l’ambiente che determina lo sviluppo del potenziale umano è in realtà, nell’80 per cento dei casi, un ambiente dello star male.
Per capire come e perché a scuola succede questo, prosegue Lucangeli, dobbiamo considerare le variabili cognitive messe in gioco dai metodi d’insegnamento tradizionali. Oggi gli studenti vengono sommersi da un’enorme quantità di informazioni che loro dovrebbero “imparare”, come se fossero anatre all’ingozzo.
Ma, mentre pretende che gli studenti “imparino”, la scuola di norma non fornisce loro nessuno strumento e nessun sostegno per “imparare”, cioè per gestire in modo sano e produttivo le informazioni che elargisce in maniera intensiva e incessante.

IMPRIMERE UN SEGNO. Tutto ciò appare paradossale, specie se si ricorda che insegnare viene dal latino, e significa imprimere un segno nella mente. Chi “insegna” non può, dunque, limitarsi a trasmettere informazioni. Deve cambiare la mente dei suoi allievi, migliorando il loro modo di ragionare e di confrontarsi con la realtà.
Lucangeli racconta che il cervello è un bollitore biochimico: elabora stimoli e produce onde elettriche che guidano il corpo nell’azione. Tutto questo avviene in modo istantaneo, e continuo. Ma le informazioni elaborate dal cervello non sono solo cognitive.

EMOZIONI DALL’AMBIENTE. Il cervello riceve stimoli dall’intero ambiente: percepisce non solo le cose dette, ma anche il modo in cui vengono dette, e l’intenzione che governa e determina quel modo. E poi percepisce il luogo fisico. E, a scuola, percepisce la relazione con l’insegnante, la relazione con gli altri studenti…
Bisogna sapere che, quando sperimentiamo emozioni, nel nostro cervello si registrano due tipi di picchi. C’è un picco collegato a emozioni positive come la gioia: il picco è altissimo e ha una brevissima durata. Il picco tipico delle emozioni grevi, come la tristezza, l’ansia, l’angoscia e la paura è più basso e molto più permanente nel tempo. È questo il motivo per cui le emozioni negative e prolungate possono determinare patologie.

LE EMOZIONI SONO TUTTO. Non esiste atto della vita psichica che non sia segnato dalle emozioni. Il circuito neurale delle emozioni è la parte più antica e primitiva del nostro cervello: ce l’avevamo ben prima di diventare Sapiens sapiens. Ci ha aiutato a sopravvivere nella foresta. E ancora oggi controlla tutto quanto accade dentro di noi, fino al nostro limite estremo: la pelle. Ce ne accorgiamo quando arrossiamo o impallidiamo.
Torniamo alla scuola: se un bambino, mentre impara, prova paura, il circuito della memoria registrerà, collegandole, sia l’informazione trasmessa sia l’emozione. Se un bambino si sente impotente o inadeguato nei confronti di quanto impara, l’apprendere resterà connesso con il senso di inadeguatezza. E se un bambino è terrorizzato dalla scuola, fuggirà della scuola.

RIMPROVERI E GIUDIZI NEGATIVI. L’intelligenza sociale, continua Lucangeli, nasce con il sorriso, già quando abbiamo pochi mesi, e un sorriso d’incoraggiamento é, in termini di cambiamento, molto più potente di decine di rimproveri. Un altro grande nemico dell’apprendimento è il senso di colpa connesso con un giudizio negativo: per questo gli insegnanti dovrebbero imparare a guardare i loro allievi negli occhi e a sorridere. E dovrebbero saper incoraggiarli a sbagliare.

“DENTRO” E “FUORI”. In classe, il cervello degli studenti porta “dentro” quel che c’è “fuori”. Il cervello dell’insegnante che fa una lezione frontale, invece, porta “fuori” quello che c’è “dentro”.
Nessuno di questi due atti è propriamente creativo: il potere creativo del cervello si esprime nella sua massima intensità nel momento in cui le informazioni che ci sono “dentro” vengono selezionate, connesse tra loro, riconfigurate in nuovo sapere, più ricco e autoprodotto.

classe capovolta flipped classroom 2

LEGGERE DENTRO. Anche la parola “intelligenza” viene dal latino (intus ligere, cioè leggere dentro). E intelligenza sociale vuol dire portar dentro, riconfigurare, e solo dopo portar fuori, in una nuova forma. Questo è vero apprendimento. Ed è permanente.
Eppure quel che si fa a scuola spesso non è altro che apprendimento passivo a breve termine. Il nostro cervello non è stato creato per questo. Non è fatto per portar dentro una massa enorme di informazioni che dovrebbe poi sputar fuori tali e quali. Se si trova in questa condizione, il cervello prova malessere.
L’intelligenza è tanto più potente quanto più sa e può modificare le informazioni, facendole così davvero proprie. Ma più il cervello è sovraccaricato, meno ha risorse per elaborare informazione intelligente. È come se diventasse pigro e obeso.

GEMMAZIONI NEURALI. È stato lo psicologo russo Lev Vygotskij a capire per primo quanto l’ambiente, modificando il cervello stesso, può influire sullo sviluppo del potenziale umano: meccanismi universali di natura biologica si integrano con gli stimoli esterni facendo sì che ogni neurone in ogni millesimo di secondo gemmi nuove connessioni. È il connettoma.
Ma la mente gemma e si modifica e cresce, in un modo o nell’altro, tanto o poco, in base a ciò che riceve. Ora dopo ora, giorno dopo giorno e anno dopo anno, quello che un insegnante fa su un altro essere vivente dovrebbe misurarsi in termini di gemmazione.
Lucangeli conclude: in una scuola che sa educare, con insegnanti che, sorridendo, lasciano il segno, il numero delle gemmazioni potrebbe essere tendente all’infinito.
Segue ovazione.
Ho preso appunti così in fretta che i polpastrelli mi si sono indolenziti.

CLASSE CAPOVOLTA: UNA SOLUZIONE POSSIBILE. Se l’obiettivo è attivare i cervelli, la classe capovolta appare una soluzione possibile, efficace e naturale. L’idea di base è semplice: nella classe capovolta (flipped classroom) viene ribaltato lo schema tradizionale di insegnamento e apprendimento. In aula si discute, si lavora e si impara insieme sotto la guida dell’insegnante. Insomma, si costruisce un’esperienza condivisa, che favorisce il coinvolgimento, la comprensione e il ricordo. A casa, da soli o insieme, ci si documenta grazie a materiali didattici multimediali che oggi sono facilmente disponibili e accessibili. E si è molto più motivati a prepararsi: lo si è proprio perché a scuola si è coinvolti ogni giorno e non saltuariamente, come succede con le interrogazioni e i compiti in classe. Guardate come un’insegnante racconta ai suoi allievi l’intero processo.

MONTESSORI, DON MILANI E PIZZIGONI. Nella flipped classroom si pratica, insomma, il learning by doing. Se tutto ciò ci sembra molto americano, è solo perché abbiamo trascurato e osteggiato le intuizioni di alcuni nostri grandi educatori  del passato e ci siamo (colpevolmente) dimenticati di Maria Montessori, che agli inizi del secolo scorso già parlava di apprendimento attraverso l’attività, o di don Milani, o di Giuseppina Pizzigoni.
Giuseppina Pizzigoni muore in un istituto dei poveri, nel 1947. Maria Montessori viene costretta ad abbandonare l’Italia nel 1934. Riesce a tornare solo dopo la seconda guerra mondiale (morirà in Olanda nel 1952). Don Milani viene esiliato nelle microscopica frazione di Barbiana. Oggi esistono molte più scuole Montessori all’estero che in Italia.

LA PRIMA BUONA NOTIZIA. Dunque, la prima buona notizia è che una scuola dove si lavora per capire, dove si impara a imparare, è non solo possibile, ma anche praticabile. Nella classe capovolta non esistono né note sul registro, né registri. I ragazzi sono protagonisti del processo di apprendimento, organizzano la propria attività prendendo decisioni consapevoli, condividono la conoscenza. E (questo è molto più importante di quanto comunemente si creda) non si annoiano.

RISULTATI POSITIVI. La seconda buona notizia è che  dal primo convegno sulla classe capovolta sono passati solo due anni, e un numero crescente di insegnanti ci crede, ci prova, ottiene risultati positivi, coinvolge altri insegnanti. E ha costruito una rete, che si chiama Flipnet.
Nel sito Flipnet si trovano informazioni, videoconferenze e una quantità di materiali didattici pubblicati dagli insegnanti che già hanno sperimentato la classe capovolta. Date un’occhiata, se insegnate. Se avete figli (o nipoti) che vanno a scuola, o se pensate che prima o poi ne avrete. O se (come la sottoscritta) avete pessimi ricordi della vostra esperienza scolastica, e vi va di fantasticare su come le cose sarebbero potute cambiare, capovolgendo tutto quanto.

Questo articolo esce anche su internazionale.it. Le immagini dettagli delle foto di Laura Williams.

Il web è pieno di articoli e siti per l’impresa: NeU ne ha raccolti alcuni a questa pagina. E, non così paradossalmente, quanto più gli imprenditori sembrano incerti – e in tempi come questi...
Ricevo e pubblico volentieri l’esperienza di Andrea Limardo, laureato in filosofia che voleva fare il cervello in fuga. E, per ora, farà il cervello che resta, pronto a seguire lo zigzagare degli...
A fine maggio avrei voluto svitarmi i bulbi oculari e metterli a mollo nel Soflan. Ecco i motivi: 1) faccio parte della giuria dei letterati del premio Campiello, 2) sono secchiona. Questo vuol dire...
Nel Me-Ti Libro delle svolte (Einaudi, 1979), Bertold Brecht racconta: Il matematico Ta disegnò davanti ai suoi scolari una figura molto irregolare e pose loro il problema di calcolarne la...
Se amate i libri sia per quello che vi raccontano, sia come oggetti materiali, questa pagina è un catalogo di chicche. Cliccate sui link arancione e… buon divertimento. I LIBRI SONO BELLI da...
Con immenso piacere pubblico la storia che Enrico Marsili, ricercatore nomade per amore della propria disciplina, invia a NeU da Singapore. Mi sembra bellissima. Dentro c’è vita, affetti,...
Pochi giorni fa, all’Università Bocconi, in un’aula magna tanto gremita da diventar soffocante, Roger Abravanel e Luca D’Agnese hanno condotto una serrata analisi della situazione italiana a...
Manuela Longo invia un testo che può interessare chi voglia lavorare nel mondo dei giornali, e non solo. Dentro, mi sembra, ci sono alcuni possibili punti di forza generazionali: voglia di mettersi...
A separare la stanza più grande del nostro uffico dall’antibagno c’è una porta fatta su misura. È spessa e pesantissima. Dai e dai, a furia di muoverla i cardini si svirgolano, la porta...
Passare notti a lavorare o a studiare, sfidare problemi ingarbugliati e metterci l’anima per ottenere un buon risultato: già, chi ce lo fa fare? Non è un “chi” né, propriamente, un “che...
Pensa out of the box, esci dalla scatola! È il mantra dei corsi di creatività. Giovanni Lucarelli mette insieme dritte sensate e alcune storie divertenti sull’uscire dagli schemi mentali...
Pubblico volentieri la seconda lettera brasiliana che Lilliana Basile spedisce a NeU. La prima si trova qui. ______________________ In Brasile viaggi molto. Mentre macini chilometri di asfalto vedi...
La rilettura è la parte più importante del mestiere di scrivere. Dunque, gente, per favore rileggete quel che scrivete. CHI SCRIVE DEVE RILEGGERE. Capita spesso che ragazze e ragazzi mi facciano...
Il rettore del Politecnico di Milano vuole rendere obbligatorio l’insegnamento in inglese per tutti i corsi di tutte le lauree specialistiche. Il progetto suscita diverse perplessità. Ecco quanto...
Ispirazione e sudore: la creatività è fatta di questi due ingredienti, ma le proporzioni sono diverse. Un risultato creativo is one per cent inspiration and ninety-nine per cent perspiration,...
Sul pensiero veloce e il pensiero lento vi invito a leggere una recente, bella intervista a Daniel Kahneman, psicologo e Nobel per l’economia: un cocktail insolito. Kahneman dice cose brillanti su...
La Biennale Architettura apre a Venezia il prossimo 29 agosto con una bella prospettiva creativa: essere un luogo di discussione e interconnessione, alla ricerca di ciò che, in tutti i sensi, è...
Qualche tempo fa mi sono imbattuta in una gallery intitolata, con qualche enfasi, Worst Album covers of all time. Beh, mi ci sono fatta due risate. Ma devo ammettere di averla, anche, guardata con...
Prima notizia recente: quest’anno la giuria del Pulitzer per la narrativa  non assegna nessun premio. Dopo 35 anni la commissione, in disaccordo con la qualità dei titoli dei candidati, torna a...
Uno dice: una sedia. Ma, per esempio, guardatevi queste tre gallery di sedie: la prima 1849/1949, la seconda 1950/1969, la terza 1970/2002. È affascinante che un tema tutto sommato basico possa...
Ricevo da Panama e pubblico volentieri il racconto di Tobia Librio, studente del quarto anno del Liceo Scientifico A.B. Sabin di Bologna. Evvai, Tobia! ______________________ Perché? Perché sono...
I cinque minuti di tecnovuoto che precedono qualsiasi incontro pubblico ormai sono una costante. Il tecnico si affaccenda coi cavi, verifica i collegamenti e poi dice: - Qui c’è il microfono. Il...
1. LA PERCEZIONE DEI CONFINI. Nel mondo globalizzato sembra che l’idea stessa di confine stia perdendo di senso. Un lungo, curioso articolo pubblicato su Limes rimanda a una recente analisi della...
Ricette di creatività: a chi non piacerebbe averne qualcuna semplice da eseguire, sicura nei risultati? Ted Disbanded riprende e commenta con divertito distacco il video (grazioso) e le dieci...
Diverso tempo fa NeU ha proposto un gioco consistente nell'unire tre parole in una frase dotata di senso, scegliendo tra due serie di parole una delle quali fatta di parole dotate di più di un...
Anche io, dopo tutti questi anni, mi ero trasformato in un Fantozzi con i tatuaggi. Il baffuto Gianni Miraglia racconta a puntate su Rolling Stone quel che gli capita dopo aver perso il lavoro....
Questo è un post a cui pensavo da tempo ma che ho sempre rimandato. Perché scriverlo è difficile. Perché rischia di apparire o melenso e consolatorio, o mistico ed esoterico, o disturbante. Se vi...
Ai nostri studenti mancano le parole. Qualche giorno fa esce sul Corriere un articolo allarmato sull’incompetenza linguistica dei ragazzi che escono dalla scuola superiore. Penso uh, ci risiamo. E...
Ed eccola qui, l'ennesima campagna per la lettura. È, come le precedenti, sconclusionata e deprimente. Repubblica diffonde gli ultimi pessimi dati sull'acquisto dei libri in Italia (in flessione...
In Mente e natura, Gregoy Bateson ci ricorda che dobbiamo distinguere tra i nomi e le cose nominate: quando pensiamo alle noci di cocco o ai porci, nel cervello non ci sono né noci di cocco né...
Perché confrontare per decidere può essere una buona soluzione e, prima ancora, come facciamo a prendere le nostre decisioni? Sulla capacità di prendere decisioni “giuste” si sono scritte...
Nel corso di un recente convegno organizzato da Il Sole 24 ORE si dicono cose importanti  su cultura e sviluppo. Ci andiamo e le annotiamo. Eccole, in sintesi e con qualche nota ulteriore. COMPARTO...
L’ISTAT dice che a gennaio 2012 un giovane su tre tra i 15 e i 24 anni è senza lavoro. Il dato è impressionante, ma bisogna considerare che la percentuale si applica non alla totalità dei...
Riassumo i fatti per chi era altrove: poco più di un anno fa – ma sembra passato molto, molto più tempo - Pier Luigi Bersani e Gianfranco Fini vengono invitati in tv a elencare i valori...
“Odiare” non è l’unico opposto di “amare”. Tanti anni fa, a partire da questo curioso fatterello linguistico, mi è capitato di scrivere un racconto – è breve e, se volete, lo trovate...
Un gruppo di maschi maturi, o più che maturi, con retribuzioni enormemente superiori alla media, ognuno con una straordinaria quantità di incarichi. Così nel 2012 un editoriale sulla prima pagina...
La creatività è fatta anche delle esperienze vissute. Comunque siano, insegnano qualcosa. Oggi ospito la storia di Lilliana Basile: è una mia studentessa bocconiana, catapultata in Brasile per un...
Negli anni Cinquanta gli italiani imparano a parlare italiano guardando la televisione. Negli anni Sessanta, guardando la televisione un milione e mezzo di adulti impara a leggere e a scrivere grazie...
Il crowdsourcing è un modo di lavorare che fino a poco più di quindici anni fa non esisteva, e che fino a dieci anni fa non aveva neanche un nome. Wikipedia, fondata nel 2001, continua a essere il...
Dicevamo: qualche volta procedere all’indietro è necessario. Nel senso che non si può proprio fare altrimenti. Parliamo dell’ingegneria inversa, o reverse engineering. Un processo affascinante:...
Si dice spesso “cominciamo dall’inizio”. Ma, in realtà, niente vieta di cominciare dalla fine, e poi di andare indietro. Qualche volta è opportuno. Qualche volta è indispensabile. E qualche...
È passato un bel po’ di tempo dall'ultima volta che NeU ha dedicato una intera homepage a un libro piuttosto speciale. Beh, eccone un altro, diverso ma accomunato al primo da una caratteristica:...
Alcuni giorni prima che l'infelice battuta sugli sfigati che si laureano a 28 anni venisse a intorbidare le acque, la Fondazione Agnelli ha pubblicato con Laterza un limpido rapporto sulla situazione...
Riprendo e approfondisco un argomento trattato nel post intelligenza e creatività. Magari vi è sfuggito e invece merita, credo, un’attenzione speciale. Dunque: il TTCT, il test di Torrance sulla...
Per fortuna Giovanna Cosenza qualche giorno fa ha ampiamente scritto del nuovo spot di Fiat Panda. Così posso evitare di farlo a mia volta, se non per segnalarvi che, mentre gli spot Chrysler (Grand...
La strepitosa scena della catena di montaggio in Tempi moderni identifica modernità, velocità e alienazione. E siamo nel 1936, appena vent’anni dopo il Manifesto del futurista Marinetti che...
ANTICHITÀ: si può scrivere all’infinito sul valore delle biblioteche nel passato. Ad evocarlo, bastano forse i gesti simmetrici di Connery-Guglielmo da Baskerville che scappa dal rogo della...
Mi sono presa la briga di frugare fra vecchie cassette, estraendone un reperto piuttosto interessante e mai diffuso, e chiedendo a un’amica (grazie a Didi Gnocchi) di riversarlo in formato...
Alan Turing, genio matematico, eroe di guerra, pioniere dell’informatica, visionario, il 7 giugno 1954 si uccide mangiando una mela al cianuro. Ha solo quarantun anni. Dopo che la sua...
Misurare l’intelligenza è una faccenda intricata. Lo è anche misurare la creatività. Intelligenza e creatività sono fenomeni complessi, difficili da sezionare e testare in una situazione...
Si chiama Pantone la lingua universale e condivisa del colore. È un sistema di codici creati da Pantone Inc. negli anni ’50: ormai sono uno standard internazionale e, per molti versi,...
Guardate l'immagine qui sopra. Li riconoscete? Sono la famiglia più famosa della tv. Il gioco funziona perché, dei tratti che delineano i Simpson, in questa sintesi rimangono quelli fondamentali:...
Qui trovate la seconda parte della raccolta di cose rilevanti del 2011 (la prima parte vi presenta musica, film, foto, editoria... ed è qui). Cominciamo con l'innovazione: Fast Company seleziona le...
Se avete il sospetto di esservi persi qualcosa di rilevante dell’anno che finisce, ecco un’occasione per riacchiapparlo al volo spulciando tra i Best of 2011, fino a trovare il meglio del...
Neu augura a tutti voi feste buone in tutti i sensi con una gallery di alberi di Natale fuori dalla norma. Sono fatti di materiali riciclati, e diversi usano bottiglie di plastica. Con le quali,...
Paul McCartney si sveglia con una melodia in testa. È così compiuta da fargli temere che si tratti di un plagio. Il finto testo che ci mette sopra comincia con Scrambled eggs. Ma la parola giusta,...
Mirca scrive: Se dovessi rispondere all’aggiornamento in itinere del mio lavoro (insegno filosofia e scienze umane in un liceo) direi la frequentazione di nuovoeutile. E non so cosa aspettiamo a...
Di donne e pubblicità abbiamo già parlato. Le ultime due volte, a proposito di over 50 e a proposito di uso sconclusionato del corpo femminile. Oggi vi propongo il documento visivo che ho preparato...
Durante l’ultima settimana della moda di Milano, la fotografa Jamie Beck e il designer Kevin Burg si inventano il cinemagraph, una strana immagine ibrida che sgomita per sfuggire all'obbligo di...
Maurizio Crozza, in Italialand, sorride dello stile robotico del presidente del Consiglio. Ma su quanto i robot sanno fare c’è poco da ridere, molto da sorprendersi e un po’ da ragionare. Robot...
L’agenzia ungherese Café creative realizza un video delizioso per mostrare ai propri clienti che le scadenze troppo strette sono controproducenti per la creatività. È proprio vero. Teresa...
Il settore creativo è una fonte unica per la crescita, sia economica sia sociale. Ed è qualcosa che in Europa sappiamo fare bene. L’attuale vincitore dell’Oscar per il miglior film, l'album...
Se il futuro prossimo appare piuttosto incerto e buio, il futuro anteriore così come lo immagina la tecnologia sembra essere noioso e color grigio-celeste pallido. Un Futuro Sotto Vetro. Non è una...
Questa homepage di NeU, al contrario del solito, non vi propone alcun link perché affronta un paradosso nel quale di sicuro vi siete già imbattuti. E, per affrontarlo sul serio, non deve e non può...
Ho sempre pensato – e l’ho scritto più volte - che il brainstorming fosse, per dirla in modo colorito, una boiata pazzesca con un nome di gran fascino. Una tempesta di cervelli, vuoi mettere? In...
Ottenere consenso non è una roba frivola: in una società democratica e in un’economia di mercato segnate dall’accesso universale ai media, il consenso pubblico – vi piaccia o no - è una...
Il tema dei brevetti è importante, amplissimo, complesso e controverso. Da una parte un brevetto protegge chi ha avuto un’idea e gli permette di valorizzarla: quindi la possibilità di brevettare...
Alcuni pensano al rigore immaginando che coincida con il coltivare un atteggiamento irremovibile e una fede incrollabile nelle proprie convinzioni e nelle proprie opinioni. Non è vero per niente, e...
L’ultimo lavoro di Steven Spielberg, Tintin, porta al cinema un fumetto belga apparso per la prima volta nel 1929. Transformers 3, quarto nella lista dei film con i maggiori incassi di sempre,...
31 ottobre 2011: in qualche momento e da qualche parte, probabilmente in India (51 nuovi nati al minuto), viene al mondo il neonato numero 7 miliardi. E, come commenta leggiadro il New Yorker, il...
Fiori per Algernon, scritto da Daniel Keyes nel 1959, è considerato uno dei migliori racconti di fantascienza di sempre: un cult, insomma. La storia è semplice (una persona con ritardo mentale...
Una tecnologia per intervenire sulla mente delle persone. Un potenziale strumento rivoluzionario. La condizione necessaria per l’apprendimento sociale, e il motivo per cui Homo Erectus produce la...
Oggi avrei voluto pubblicare un post sul linguaggio. Rimando, ma di poco, anche perché il tema del linguaggio – il modo in cui funziona, e il suo potere - c’entra, e molto. Scrivo invece qualche...
Senza parole non c’è pensiero articolato. Le parole dimenticate sono pensieri perduti. Quelle nuove, pensieri guadagnati. Proviamo a fare un bilancio. Lo Zingarelli 2012 segnala 2900 parole da...
Per più della metà (53.7%) degli italiani il comportamento dei giornalisti nazionali è poco o per niente etico. Ma i giornalisti medesimi sono ancora più severi con se stessi: oltre l’80% dei...
Spero che abbiate la pazienza di arrivare fino in fondo a questo post: c’è un paio di quesiti che mi interessano a livello personale, e sarei felice di sapere che ne pensate, tutti voi amiche e...
“Prospettiva”, dice Luca De Biase, è in sé una parola magnifica, che unisce il senso dello spazio e quello del tempo. Saper cambiare prospettiva è una questione di creatività: aiuta a vedere...
Secondo Franco Moretti, ricercatore italiano a Stanford, per capire davvero i testi letterari bisogna farli leggere a un computer. Ne scrive il New York Times, non senza ironia. I risultati, però,...
Vi racconto due microstorie. Parlano di carote che diventano pesci e di una campagna orfana che diventa un caso. A unirle sono la contiguità cronologica e una certa simmetria. Entrambe hanno a che...
Il tema della homepage di oggi è: baci. E, poiché NeU si occupa di creatività, la tesi, neppure così implicita, è che una interpretazione amorosa, e anche erotica, del mondo sia infinitamente...
È un rito di passaggio: viene settembre e si riparla di scuola. Le pagine nazionali dei quotidiani ospitano analisi e appelli. In generale il tono è allarmato e urgente. Dopo qualche settimana...
«La seconda guerra mondiale e lo studio della balistica ci hanno dato i computer. La guerra fredda e la decentralizzazione ci hanno dato Internet. La guerra al terrorismo e la sorveglianza di massa:...
La creazione è la capacità di uscire da un ordine, affrontare il disordine e dar vita a un nuovo ordine. Di mezzo c’è la trasformazione. Così scrive Alberto Melucci, sociologo e psicoterapeuta,...
Di sicuro conoscete l'Accademia della Crusca. Molto probabilmente ne avete sentito parlare di recente, perché una delle molte (ehm) versioni della (ehm) manovra di Tremonti prevedeva di cancellarla,...
Il mio primo computer è stato, all’inizio degli anni Novanta, un Macintosh beige che sembrava un tostapane. Tutto quanto ho scritto da allora nasce in ambiente Apple. Oggi le foto dei viaggi, la...
Per tutto agosto, come ogni anno, aggiorno questa pagina direttamente nei commenti. Ci metterò quel che trovo e che mi colpisce. Se, come spero, farete altrettanto (… dove siete? Che cosa state...
Per definire la propria relazione fiduciaria e affettiva con l’azienda, i consulenti della vecchia scuola utilizzavano volentieri la metafora del matrimonio. Non so se fosse, ai tempi, una metafora...
News of the World era un tabloid, fatto di pettegolezzi, scandali e scoop di dubbia provenienza. Qualcosa di diverso per definizione da un quotidiano autorevole. Eppure la sua chiusura suscita, in...
Spesso i termini ironia, sarcasmo, humor, vengono considerati intercambiabili. Non è proprio così. Non è nemmeno correttissimo  l'uso che degli aggettivi "ironico" e "sarcastico" si fa nel...
Qui di seguito trovate un contributo di Bad Avenue, il blog di controinformazione che con passione, onestà ed energia dà conto di quanto, nel bene e soprattutto nel male, succede nell’ahimè...
Culotte oggi, rivoluzione domani. Devo ammetterlo: quando intercetto l’affissione all’uscita della metropolitana di piazza Cadorna, capisco solo che si tratta dell’ennesimo sedere...
Potete, da bravi cittadini globali, condividere in rete un po’ delle vostre risorse, materiali o intellettuali. Ecco come fare. Avete un minuto e 20 euro? Kiva è un progetto di microcredito....
Mi rendo conto che l’affermazione può apparire pomposa, ma il lavoro della creatività è anche un viaggio dentro se stessi. D’altra parte, e anche senza tirare in ballo Socrate o il Conosci te...
AUTOSTRADE. Dal 2012 i CDA delle aziende quotate in borsa devono essere per un quinto composti da donne. Per un terzo dal 2015. La Fondazione Bellisario ha già selezionato 1300 profili adatti. Il...
Che la sinistra italiana abbia qualche problema con la comunicazione politica, e in particolare con le metafore, è chiaro già ai tempi (1994) in cui si presenta all’appuntamento elettorale...
Africa: dirlo è facile, ma ne sappiamo poco. Ne abbiamo spesso una visione stereotipata, semplificata e in fin dei conti condiscendente. Speranza, dignità e creatività: leggete la storia del...
Sembra passato un secolo da questo post del 15 febbraio 2011. Scritto di getto (di solito una homepage mi chiede qualche ora), con l’urgenza di condividere con gli amici di NeU l’idea che la...
“Tutti sanno cos'è l'attenzione.”, scrive William James nel monumentale Principi di Psicologia del 1890. “Essa consiste nel prendere coscienza da parte della mente, in forma chiara e vivida,...
L’ANTEFATTO Mercoledì 8 giugno il Corriere della Sera pubblica un articolo al vetriolo sul recente spot di Regione Calabria che vanta, come improbabili protagonisti, i bronzi di Riace. Esordio:...
Cerca in Nuovo e Utile
245 queries in 1,627 seconds.