Il potere creativo delle analogie
Il potere creativo delle analogie - Metodo 75

Analogia vuol dire somiglianza o equivalenza di proporzioni, di caratteristiche, di funzioni, di forma, di struttura. La parola viene dal greco ἀνα (uguale) λόγος (discorso, parola, ragionamento, proporzione…).
Pensare per analogie vuol dire abbandonare il processo logico che lega cause ed effetti secondo rigorose relazioni lineari, e andarsene a spasso per l’universo delle possibilità in cerca di somiglianze. È un modo di pensare potente e fluido e può aprire nuove strade. È anche un modo di pensare fertile: molte intuizioni scientifiche, tecnologiche e imprenditoriali nascono da analogie.

ANALOGIE E METAFORE sono costruite sulla somiglianza tra elementi, ma sono strumenti profondamente diversi. Per dirla semplice: la metafora è un’analogia condensata, che cortocircuita due elementi che hanno qualcosa in comune elidendo il dato comune: “un tramonto di sangue” (il colore rosso, attributo comune al sangue e al tramonto, viene sottinteso), “un pugno di ferro” (la durezza, attributo comune al pugno e al ferro, viene sottintesa).
Da Omero a Magritte, la metafora è un potente strumento di creatività artistica perché permette anche di trasferire istantaneamente valenze emotive dall’uno all’altro elemento. Così, quel tramonto assume una sfumatura oltre che rossa, drammatica, e quel pugno diventa metallico, gelido e inflessibile, senza che stiamo troppo a chiederci come mai.

Il potere creativo delle analogie

CREATIVITÀ SCIENTIFICA. L’analogia è invece un potente strumento di creatività scientifica proprio perché, esaltando il dato comune, ci permette di leggere un fenomeno ignoto alla luce di uno noto, e analogo. Il matematico-biologo Jacob Bronowski scrive che le scoperte scientifiche non sono altro che esplorazioni o meglio esplosioni di analogie nascoste.
Così, nel primo secolo dopo Cristo, l’architetto romano Vitruvio paragona il modo in cui il suono delle voci degli attori si espande in un anfiteatro al movimento delle onde concentriche che si creano sulla superficie dell’acqua in seguito a un urto, e intuisce la dinamica delle onde sonore. Antoine Lavoisier, il padre della chimica, nel 1700 ipotizza che la respirazione sia analoga alla combustione, e scopre che l’ossigeno gioca un ruolo importante in entrambi i casi. Lo stesso Charles Darwin mette a punto la teoria dell’evoluzione individuando analogie tra le strutture anatomiche dei fossili di animali estinti e quelle delle specie viventi, e tra quelle di una specie e l’altra.

Kevin Dunbar della McGyll University studia il modo di procedere degli scienziati e scopre che usano le analogie quando non trovano risposte immediate al quesito che si stanno ponendo, che lo fanno sia per esprimere concetti sia per trovare modelli interpretativi, che i professori usano molte più analogie degli studenti, che gli scienziati più produttivi sono quelli che usano più analogie quando discutono del loro lavoro. Steven Pinker scrive che, interpretate accuratamente, le analogie non sono solamente strutture seducenti ma vere teorie che producono previsioni verificabili e possono suggerire nuove scoperte

Il potere creativo delle analogie

PENSIERO STRATEGICO. La Harvard Business Review segnala che le analogie sono la chiave del pensiero strategico imprenditorale. Servono quando non si dispone di dati sufficienti per portare avanti un semplice ragionamento deduttivo, e quando un processo per prove ed errori rischia di risultare inefficiente o troppo costoso: insomma, in una quantità di casi. Segnala anche i rischi connessi con l’usare analogie di superficie, fuorvianti: la similarità non deve stare nella “buccia”, ma nella struttura interna degli elementi considerati.
FastCompany racconta come la Ford, agli inizi del secolo scorso, sviluppi l’idea della catena di montaggio del Modello T a partire dalla visita a un mattatoio di Chicago, in cui la carcasse degli animali (roba pesante quanto la carrozzeria di un’auto) vengono movimentate grazie a carrelli sopraelevati. E di come l’idea vincente di Steve Jobs sia immaginare lo schermo di un computer come “scrivania” (desktop): un’analogia che oggi ci sembra ovvia, ma che ai tempi non lo era. The Impact Blog spiega come le analogie servano per vendere, contestualizzando offerte nuove all’interno di scenari noti o attraenti. Non tutto l’articolo mi convince, ma la prospettiva è interessante.

Il potere creativo delle analogie

ANALOGIE QUOTIDIANE. Se ci fate attenzione, scoprirete che anche il pensiero quotidiano è zeppo di analogie: sono quelle che il filosofo Douglas Hofstadter, in una lectio magistralis all’Università di Bologna, definisce “analogie usa e getta”. Ci servono per spiegarci meglio e più in fretta, o per capire come comportarci in una situazione nuova ma analoga a una che conosciamo già. L’analogia è la macchina che ci permette di  usare il nostro passato per orientarci nel presente, dice Hofstadter. Il testo (pagine 8/18) è brillantissimo, è in italiano e merita una lettura.

Le immagini di questo articolo sono di Sammy Slabbink. Questo articolo esce anche su internazionale.it.
Se vi è piaciuto, date un’occhiata a:
Metafore che brillano, illuminano, accendono

8 Commenti a Il potere creativo delle analogie – Metodo 75

  1. Sandro Carrus

    Ho letto con piacere il testo riguardante le analogie del filosofo Douglas Hofstadter, a tal proposito volevo ricordare come la KRAFT aveva risolto il nome di un proprio prodotto commercializzato nel GDO; il suo nome era SOTTILETTE grande intuizione nell’assemblaggio delle parole SOTTILE + FETTE, molte altre aziende hanno poi tentato di copiarle in modo alquanto scarso, per esempio la STAR STARLETTE oppure sentite questa GALBANI FIOR DI FETTE

     
  2. Linda Liguori

    Mi incuriosisce l’esempio di Sottilette e come si possa vederci una forma di analogia …
    Forse si voleva sottolineare la somiglianza fonetica del suffisso (- Ette) retta peraltro da una buona diversità semantica. Sottilette è un bell’esempio di nome di marca che a seguito di un uso generico ha perso buona parte del suo valore: quando ci si riferisce ad una fetta sottile di formaggio dal sapore non così forte si dice appunto “Sottiletta”. Mi sa che la generalizzazione è proprio il contrario dell’analogia …

     
  3. ulisse spanu

    analogia come semplificazione del proprio pensiero o della comuminicazione….non funziona se non e’ accompagnato, se non si basa su elementi almeno in parte “certi”. L’analogia tra respirazione e combustione…per quanti era ed e’ cosi’ “chiara”? Articolo con spunti interessanti. Grazie

     
  4. Valentina

    Vorrei segnalare un interessante articolo su analogia, schizofrenia e creatività, legato al pensiero di Hofstadter, dal titolo “Diete per la mente. Ovvero: come astenersi dalle analogie e combatterne la pervasività per evitare la malattia mentale e la morte della creatività” di Antonino Pennisi. Si può leggere on line: http://apis.unime.it/pubblicazionipennisi/Saggi/Art.86.pdf

     
  5. Annamaria

    AGGIORNAMENTO
    Ancora sul pensiero di Hofstadter: http://spogli.blogspot.it/2015/07/la-stampa-tuttolibri-12.html

     
  6. Enrico

    Attraverso il percorso dell’analogia vengono alla luce molte invenzioni interessante e’ il caso del Velcro una invenzione che nasce da osservazioni di botanica su come molte piante disperdono i semi sfruttando capsule dotate di micro uncini che si attaccano facilmente a shuttle animali indispensabili per la dispersione delle generazioni future di piante

     
  7. Cinemastino

    Vorrei vedere cosa succederebbe se, per un giorno, una settimana o un mese, un ricercatore scientifico lavorasse come copywriter in un’agenzia di pubblicità. Forse le campagne che gli capiterebbero ne gioverebbero 😀

     
  8. Pingback: Digital Transformation: serve rompere le regole del gioco? | Tech Economy

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
37 queries in 1,617 seconds.