cominciare un lavoro creativo
4 cose da chiedersi prima di cominciare un lavoro creativo - Metodo 64

Cominciare un lavoro creativo spesso è il momento più difficile dell’intero processo. In realtà, cominciare a fare qualsiasi cosa (anche a mettere ordine negli armadi, a organizzare un viaggio o a fare i compiti) chiede un di più di fatica: se non altro, quella di prendere la decisione che conviene darsi da fare. Ma un compito creativo comprende una dose di incertezza che altre attività non hanno e c’è bisogno di qualche cautela ulteriore.
Questo articolo è simmetrico a quello in cui, qualche tempo fa, ho raccolto alcuni suggerimenti utili a concludere bene un lavoro creativo. Qui invece, più che di cominciare bene (qualche volta ci si riesce in modo fluido e qualche volta, invece, bisogna fare i conti con una serie di false partenze), parliamo di non cominciare proprio male e, come diceva mia nonna, cont el coo in del sacc (con la testa nel sacco).
La prima cosa da fare, naturalmente, è evitare di procrastinare oltre ogni ragiovevolezza.
Ma poi…

cominciare un lavoro creativo 1

L’OBIETTIVO È CHIARO? Riuscite a dirlo e, magari, a scriverlo in poche parole che siano specifiche e concrete? Mi spiego: “affrontare in modo innovativo le sfide del futuro” non è un obiettivo chiaro. Funziona al massimo per l’ennesimo intervento inconcludente all’ennesimo convegno inutile (ma, se è questo che dovete fare, vi conviene comunque riformulare in: “devo preparare l’ennesimo intervento inconcludente per l’ennesimo convegno inutile, nel corso del quale in 20 minuti, corrispondenti a una pagina appunti, o a 3/5 cartelle di testo, o a 10/15 tavole di powerpoint, dico almeno tre cose suggestive su innovazione e futuro, e tre cose suggestive su sfide e modi virtuosi per affrontarle. Bene: quali sono le tre + tre cose? Come le racconto? Quali esempi o evidenze o dati uso? Come esordisco? Come concludo?).

cominciare un lavoro creativo 2

GLI ELEMENTI IN CAMPO SONO A FUOCO? Se invece qualcuno si aspetta sul serio (auguri!) che gli diciate “come affrontare le sfide del futuro”, cominciate a specificare, domandandovi: di quali sfide stiamo parlando, per chi? E di quale futuro (sei mesi o vent’anni)? In quale ambito? Con quali risorse? Con quali rischi? Quali sono, fra tutte, le maggiori aree di miglioramento che si possono considerare realisticamente? E in concreto che cosa significa intervenire? Per esempio: cambiare regole e processi (quali? Chi può effettivamente farlo?). O acquisire competenze o strumenti (chi? Quali?). O lanciare messaggi (quali? Chi a chi?). E così via. Solo dopo che avete risposto a queste domande potete riformulare l’obiettivo, per esempio, in: “come Tizio può cambiare la regola X, migliorare la competenza Y o favorire il comportamento Z (…per affrontare eccetera)”.

Se l’obiettivo è ancora troppo ampio o sfuocato, ricominciate a farvi domande, e stringete.
Solo quando avete un obiettivo chiaro e concreto siete in grado di lavorare in maniera creativa. Cioè: solo dopo che sapete bene quel che dovete ottenere, a partire da quali elementi, potete allargare la vostra prospettiva cercando un modo creativo, cioè nuovo e appropriato, per ottenere il risultato che volete.
Spesso le persone, specie quelle inesperte, cominciano senza aver deciso bene che cosa vogliono ottenere. Il rischio è sprecare un sacco di energie, non arrivare da nessuna parte, e non capire neanche perché. Lavorare sugli obiettivi è in sé un compito creativo, preliminare a tutto il resto.

cominciare un lavoro creativo 3

AVETE TUTTI I DATI CHE VI SERVONO? Beh, in realtà non potete saperlo fino a quando non state lavorando. Ma è comunque indispensabile cominciare un lavoro creativo avendo in mano non opinioni o sensazioni, ma qualcosa di solido. L’altra buona norma è controllare (oggi la rete permette di farlo in pochi clic) se qualcuno, in qualche parte del mondo e in qualche tempo, ha già affrontato un problema o un tema analogo: di qualsiasi cosa vi stiate occupando, quasi certamente non siete i primi.
Bene: in che cosa le soluzioni esistenti sono migliorabili? Per quali motivi funzionano meno bene di quanto potrebbero?
Solo quando avete queste informazioni potete immaginare che cosa potreste inventarvi di diverso o migliore. Il tempo che investite per cercare e studiare è ben speso, vi evita di produrvi nell’ennesima scoperta dell’acqua calda e vi aiuterà anche a spiegare meglio la vostra idea.

cominciare un lavoro creativo

AVETE IN MENTE COME PROCEDERE? Se andate avanti in maniera routinaria, difficilmente vi verranno in mente idee nuove. Un altro importante compito preliminare (e a sua volta creativo) è trovare nuovi strumenti, capaci di aiutarvi a produrre idee nuove. Dunque, cercate uno schema, un procedimento, una sequenza possibile di idee, o almeno un punto di appoggio che vi aiuti ad andare avanti. Qual è, caso per caso, la prima cosa su cui cominciate a ragionare? Riuscite a darle una forma e, in qualche modo, a vederla? Riuscite a dare una forma all’intero problema? Non dimenticate che il pensiero creativo è in primo luogo visivo. Createvi un’immagine o un paesaggio mentale: poi, procedendo, lo cambierete mille volte. Ma intanto cominciate a decidere dove siete. Ed evitate di brancolare nel buio e nel vuoto, che è sempre una sensazione sgradevole.

Tutto questo riguarda il primo punto (preparazione) del processo creativo secondo Wallas. Ma, anche se lo chiamate in altri modi (definizione del problema, analisi del bisogno e rassegna delle info disponibili…) si tratta sempre di cominciare un lavoro creativo stabilendo un punto di partenza e un punto di arrivo, e di dotarsi di un bagaglio utile per viaggiare dall’uno all’altro. Poi, si sa, succederanno comunque un sacco di imprevisti. Ma anche questo fa parte del gioco.

11 Commenti a 4 cose da chiedersi prima di cominciare un lavoro creativo – Metodo 64

  1. Camilla Tomiolo

    Grazie per il vostro splendido sito, per tutti gli spunti e le coordinate…Non avete idea di quanto io ne faccia uso! Mi andava di dirvelo… =)

     
  2. Annamaria Testa

    Ciao Camilla.
    Grazie!
    Portare avanti NeU è interessante ma faticoso. Però sapere che viene apprezzato è una gioia.

     
  3. Pingback: Post di servizio – lista interessanti | Silenzi, Chiassosità, Irrequietezze esistenziali.

  4. MircaB

    Apprezzato ! Divulgato ! Onorato! non è che potete fare domanda per essere consultati in materia di …..scuola Scrivo consultati non certo ..irrigimentati ,non è nella vostra natura !! ma dio mio …tutti quei siparietti (e sono gentile) istituzionali! Possibile non si svegli qualcuno una bella mattina e dice : proviamo qualcosa di nuovoeutile cavolo, un po’ di mainstreaming con ciò che in solitudine frequentano i cittadini , a vario titolo .A proposito A.Maria ,quel mainstreaming mi pare interessante ,metaforico e concreto) GRAZIE de todos

     
    • Annamaria Testa

      Ciao Mirka.
      Grazie!
      Di scuola ho scritto diverse volte su NeU.
      E al Ministero diverse persone seguono questo sito: tra l’altro, quando NeU era ancora giovane (2009. E cinque anni, per un sito, sono tanti) un mio post è stato messo tra i materiali a supporto per il tema di maturità.

       
      • Alesatoredivirgole

        Ciao Annamaria,

        se il programma sarà confermato, tra i “materiali” di “Semiotica del testo” del prossimo anno (2° anno – Scienze della comunicazione UNIMORE), avremo un testo dal titolo : “La parola immaginata” … di A.Testa, ti dice niente???
        Battute a parte … sarà un piacere “leggerti” 🙂

         
      • MircaB

        Mi ricordo , la traccia sulla creatività ! Ma sai di NeU non se ne ha mai abbastanza .Sono fiduciosa ,allora, se da quelle parti lo frequentano!

         
  5. Alesatoredivirgole

    Personalmente, quando devo realizzare qualcosa di nuovo, utilizzo schemi molto personali, nuovolette, scarabocchi, bigliettini, note, commenti, ecc.
    In ogni caso cerco sempre di partire da un argomento principale, un “titolo” attorno al quale sviluppare tutto il resto.
    In alcuni casi potrebbe essere utile tentare anche con una matrice SWOT (analisi SWOT) anche un po’ riadattata: http://www.umbertosantucci.it/?page_id=1541

     
  6. Anna Pompilio

    Ultimamente sto provando a utilizzare qualche software tipo xmind (https://www.xmind.net) per cominciare a delineare una “mappa” a partire dall’idea da sviluppare. Ha un buon numero di modelli gratuiti e non è complicato da usare, ma prima di ogni altra cosa consulto NeU! Grazie:-)

     
  7. Carmen

    Cara Annamaria,

    i tuoi metodi e consigli si applicano così bene al mio lavoro che mi sono chiesta, ma vuoi vedere che faccio un lavoro creativo?
    Scrivo per le aziende i documenti tecnici che accompagnano le richieste di sovvenzione e anche quando il cliente, nel migliore dei casi, ci procura tutti i dati di cui abbiamo bisogno, questo material e va strutturato e riscritto prima di presentarlo alle commissioni che selezionano i progetti da finanziare. Stento ancora a definirlo lavoro creativo, ma alcuni dei tuoi metodi mi stanno aiutando moltissimo. Grazie!

     
    • Annamaria Testa

      Ciao Carmen.
      Felice che su NeU ci siano cose che ti risultano utili. E grazie per averlo scritto.
      E poi: quando risolvi un problema complesso, quando trovi la struttura logica che tiene assieme dati in apparenza estranei fra loro o dispersi, quando dai a un contenuto la forma che lo renderà fruibile, quando costruisci un discorso nuovo, efficace e appropriato sì, certo che stai facendo un lavoro creativo. 😉

       

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
40 queries in 0,982 seconds.