stereotipi pubblicitari
Stereotipi pubblicitari femminili: tre sfide

Rieccomi a parlare di stereotipi pubblicitari e donne  al convegno Donna è…, organizzato da Rai a Roma. Sala piena, interventi interessanti e, per fortuna, poche dichiarazioni di circostanza. Sono arrivati anche Clio e Giorgio Napolitano.

Qui il servizio di Rainews con alcune considerazioni sul costo della disparità di genere per il paese, e la chiara segnalazione, da parte della presidente Rai Anna Maria Tarantola, del ruolo rilevante che la tv assolve in termini di diffusione di modelli di ruolo e di costruzione di un immaginario collettivo. Qui alcuni interventi (questo è un video lungo, ma vi consiglio di dargli un’occhiata) su donne, innovazione e scienza. Qui il discorso conclusivo di Tarantola.

Il tema degli stereotipi pubblicitari femminili è ispido, non manca di suscitare controversie, è a sua volta a rischio di lettura stereotipata o ideologica, e per essere compreso fino in fondo necessita di frequenti escursioni tra mille questioni giuridiche o tecnico-esecutive. Oltretutto, la situazione si sta evolvendo piuttosto rapidamente e forse ci siamo allontanate a sufficienza dagli eccessi che solo pochi anni fa sembravano la regola.
Con meno di dieci minuti a disposizione, ho preferito limitare il discorso agli stereotipi pubblicitari televisivi e dire tre cose molto chiare, corredate da alcuni dati:
1) la pubblicità è una quota minoritaria di ciò che viene trasmesso, ma è suggestiva, e conta molto.
2) Il peso delle donne è quantitativamente assai maggiore negli spot televisivi (80% secondo il monitoraggio adci) che nella programmazione. Ma è sulla qualità delle rappresentazioni che c’è da migliorare, non solo eliminando gli spot palesemente offensivi – questo già viene fatto –  ma moltiplicando le rappresentazioni virtuose, fino a sostituire, auspicabilmente, quelle più sciocchine, riduttive e banalizzanti, che oggi sono una parte non esigua.
3) Bisogna ottenere maggior varietà e maggiore verità nelle rappresentazioni femminili: lavorare sulla moltiplicazione dei modelli di ruolo proposti, su una migliore rappresentazione anagrafica (le over 55 appaiono raramente in pubblicità anche se contano per oltre il 25% dei consumi) e bisogna smetterla con la stucchevole omologazione dei tipi fisici (la quale, tra l’altro, non risparmia nemmeno gli uomini).
Qui trovate le immagini della presentazione. Qui il testo che ho preparato per accompagnarla. Testo e immagini andrebbero considerati insieme.
Eccovi infine, un’ampia raccolta di spot internazionali sulle madri, se per caso volete avere un’idea della quantità di modi in cui  perfino questo ruolo, che sembra massimamente stereotipato, si può raccontare in pubblicità, ma evitando i più stucchevoli stereotipi pubblicitari.

Se vi è piaciuto questo post potreste leggere anche:
Gli stereotipi sono (quasi) come il colesterolo
Donne e pubblicità dal pianeta terra-terra

5 Commenti a Stereotipi pubblicitari femminili: tre sfide

  1. Saper Comunicare

    Ho sempre trovato certe pubblicità che ostentano corpi femminili profondamente tristi. Soprattutto per gli uomini, però.

     
  2. Lucia

    A proposito di spot (im)palesemente offensivi: https://www.youtube.com/watch?v=YWeWXYqc56g&list=UUHxdGhuBjDgyTu6BPdiIY4Q
    ADV rivolta ad un pubblico giovane. Donna oggetto-facile-stronza.
    Spot di questo tipo forse s’insinuano ancor di più.

     
    • Saper Comunicare

      L’ho visto. Non mi è piaciuto e non lo trovo nemmeno efficace.

       
  3. Paolo

    sono d’accordo per quanto riguarda la pubblicità, lì come altrove conta che uomini e donne siano anche fisicamente ed esteticamente credibili per i ruoli (parlare di personaggi in pubblicità è eccessivo) che interpretano

     
  4. Pingback: Donne, pubblicità e stereotipi. Di Annamaria Testa -

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
38 queries in 1,217 seconds.