inventare
Inventare qualcosa facendo qualcos’altro - Metodo 51

Einstein mette a punto la teoria della relatività ristretta mentre lavora all’ufficio brevetti. Bulgakov comincia a scrivere mentre fa il medico condotto. Carlo Emilio Gadda scrive, per molti anni, mentre fa l’ingegnere tra Sardegna, Belgio, Argentina.
Italo Svevo compone i suoi primi romanzi mentre lavora in banca. Eliot lavora alla Lloyd’s Bank quando pubblica le sue prime poesie.

In Antifragile, Nassim Nicholas Taleb ricorda che i grandi poeti francesi Paul Claudel e Saint-John Perse e il romanziere Stendhal erano diplomatici, molti scrittori inglesi erano dipendenti pubblici (Trollope era un impiegato delle poste), Kafka lavorava per una compagnia assicurativa. Meglio ancora, Spinoza realizzava lenti, il che ha permesso alla sua filosofia di rimanere completamente immune da qualsiasi forma di inquinamento accademico.
Aggiungo che Trollope comincia a scrivere durante i lunghi viaggi in treno che il suo lavoro di ispettore delle poste gli impone, e che trova idee da trasformare in racconti leggendo i testi delle lettere smarrite. Nel servizio postale fa carriera e, tra l’altro, inventa le cassette postali rosse a forma di colonnina che verranno poi impiegate in tutta la Gran Bretagna.

Sono tantissimi – lo ricorda Mirella Serri su Tuttolibri – gli scrittori-giornalisti: una corvée da «scribacchino fesso» (così Carlo Emilio Gadda), «miserabile fatica quotidiana» (D’Annunzio), «secondo mestiere» (Eugenio Montale).

Potrei continuare (anzi: se mi aiutate a integrare l’elenco di persone che combinano qualcosa di eccellente mentre ufficialmente fanno qualcos’altro ve ne sono grata).
Ovviamente, l’elenco delle persone che combinano qualcosa di eccellente dopo aver fatto mille altri lavori è ancora molto, ma molto più lungo, da Andy Warhol (ex pubblicitario) a John Grisham (ex avvocato), da Michail Afanas’evič Bulgakov (ex medico condotto) ad Andrea Camilleri (ex sceneggiatore televisivo), a Quentin Tarantino (ex commesso in un videonoleggio), a Giorgio Armani (ex vetrinista presso i magazzini milanesi La Rinascente)…

Ma credo che, già così, l’idea di base sia chiara: molti percorsi di carriera creativi e di successo sono non lineari.
Le persone cominciano a fare qualcosa per caso o per necessità e finiscono, guidate dall’istinto, dal desiderio e dalla vocazione, da un imprevisto o dalla serendipity, per fare qualcos’altro. E per inventare qualcos’altro.
Alcune volte, inoltre, inventano egregiamente qualcos’altro continuando a fare quanto facevano prima, che formalmente non c’entra eppure in qualche modo contribuisce al lavoro creativo, in termini di stimolo, di esperienza, o di semplice sicurezza economica.

Per dirla tutta, ho il fondato sospetto che una delle (poche) costanti dei percorsi di carriera di successo sia proprio la non linearità.
Questo significa, anche, qualcosa di molto semplice: non pretendere di avere a tutti i costi le idee chiare sul proprio futuro a diciott’anni o a ventidue, essere aperti alle opportunità e alle esperienze, essere flessibili e saper recuperare dopo gli inevitabili fallimenti. Anzi: saper trasformare i fallimenti in materiale su cui ragionare e a partire dal quale, magari, inventare.

L’immagine di questo post è un dettaglio da Le Chef d’Oeuvre Ou les Mysteres de l’Horizon, di René Magritte.

Se vi è piaciuto questo post potreste leggere anche:
La pratica deliberata è tutto
Personalità creative. Ma quanto creativi siete?

39 Commenti a Inventare qualcosa facendo qualcos’altro – Metodo 51

  1. Linda

    Beppe Grillo, che faceva il comico ed ora fa il politico.
    Ovviamente scherzo …

    Linda

     
    • Alberto

      Tutt’altro che uno scherzo 🙂

       
      • Antonio Amato

        aggiungerei che fa il filosofo piu’ che il politico. E non c’e’ da scherzare. Come dimostra il post di A.T. il cambiamento si annota quando si e’ compiuto. Nel mentre illazioni e scredito sono funzionali solo alla denigrazione.

         
  2. Rina

    Il poeta Fernando Pessoa impiegato di una ditta commerciale per la quale traduce la corrispondenza.

     
  3. Bruno Stein Bertuzzi

    Con questi begli esempi, allora abbiamo speranza… Faccio il bancario e mi spiace scrivere 😉

     
  4. Libera La Fura

    Tra gli scrittori:
    Anton Čechov faceva il medico,
    Charles Bukowski anche il postino,
    Raymond Carver lavorava in una segheria

     
  5. Eco Remo

    E’ che la cosa importante e comunque FARE qualcosa, mantenere la ruota in movimento. Il poeta piu’ splendido che sta fermo a pensare in isolamento tutta la vita avra’ probabilmente meno possibilita’ di dimostrare la sua arte di un poeta magari meno bravo ma che fa il commesso in un negozio dove avra’ la possibilita’ di incontrare un editore, avere un’idea nuova osservando uno strambo accostamento di colori e in generale dando appigli alla ‘fortuna’ per aiutarlo.

     
  6. Dario De Marco

    Credo che funzioni anche per una questione di tempo. Un po’ come quelli (molti) che non fanno niente quando la scadenza è lontana, e poi pressati dalla deadline producono presto e bene. Così chi ha un lavoro “vero” deve concentrare la passione in pochi minuti o ore al giorno, e magari produce il capolavoro che non aveva scritto quando era disoccupato

     
    • Bruno Stein Bertuzzi

      Concordo. Questa teoria è interessante.

       
    • erica

      non sono per niente d’accordo. Mi è capitato di dovere fare le cose in fretta, perche fatte nei ritagli di tempo e come secondo lavoro, ed esserne soddisfatta, sono però consapevole che se avessi più “costanza” i risultati sarebbero 100 volte migliori, è solo un’ illusione di esaltare cio che ho fatto. Credo che la costanza,(allenamenti non in senso fisico) debbano essere quotidiani, anche per poco tempo al giorno, ma non a periodi altrimenti è una performance; poi, inaspettatamente, solitamente accade di realizzare qualcosa che ci stupisce e ci anima, ma non viene dal caso o dall improvvisazione, viene da un lavoro costante che ci da le basi per il futuro.

       
  7. Emanuele

    Io penso si tratti anche di una questione relativa al binomio dovere/piacere.

    Mi spiego meglio: quando si fa qualcosa perchè la si deve fare – come può essere il lavoro ufficiale, per un operaio, o lo studio di una determinata materia per uno studente – la si vive come qualcosa di “imposto” e, spesso, non si riesce a trarne il lato positivo.

    Quando, invece, ci si dedica a qualcosa per il puro piacere di farla, senza doverci pensare su troppo, senza alcuna pressione esterna e/o aspettativa, ecco che viene fuori il meglio di ognuno.

    Il mio suggerimento per l’elenco è questo: ai tempi in cui ideava Harry Potter, J. K. Rowling lavorava per Amnesty International come ricercatrice.

     
    • Bruno Stein Bertuzzi

      Una sorta di compensazione: schiaccio da un parte e faccio uscire la bolla dall’altra. Giusto?

       
  8. Riccardo

    -Che prima di fare il “proprio” mestiere si facciano altri lavori, non ci vedo nulla di strano, specialmente se non si è ricchi e bisogna lavorare per mangiare.
    -Che si faccia un lavoro ripetitivo, mentre si produce qualche cosa di creativo, mi sembra normale se si vuole continuare a sopravvivere.
    -Fare un lavoro “altro”, avendo i mezzi e le capacità (economiche e creative), di dedicarsi a ciò che si ama, mi sembra solo una snobistica(o paranoica) perversione…

     
  9. Anna

    La mia opinione è che il talento si comporta come l’inconscio: sale a galla anche se lo vuoi conservare sotto vuoto. Se decidi di dargli aria, vive e ti dà un sacco di soddisfazioni. Se invece gli dai sepoltura, sei molto fortunato se la normalità di un solo lavoro ti appaga per tutta la vita.

     
    • Riccardo

      condivido in pieno!

       
    • Alesatoredivirgole

      Il talento si manifesta attraverso i gesti quotidiani, in piccole o grandi dosi in modo inconscio.
      Mi piace l’opinione di Anna e mi associo.

       
    • Bruno Stein Bertuzzi

      Condivido.

       
  10. Marco Marazza

    Winston Churchill, primo ministro inglese fino al 1955 e nel 1953 premio Nobel per la letteratura.

     
  11. Pingback: Nomadismi editoriali | Il blog del mestiere di scrivere

  12. Antonella

    Restando tra gli scrittori italiani Carofiglioe Simoni, ex magistrati.
    Ma il mio preferito, tra gli italiani, è un medico/cantante, Enzo Jannacci.

     
    • Giovanna Domenici

      Roberto Vecchioni professore di liceo e cantautore; Cattelan votato alla carriera di infermiere ora è un artista di fama mondiale; Corona montanaro e scalatore è anche scrittore affermato; Chiara cantante vincitrice di XFactor lavorava in banca ed è laureata in economia;

       
  13. Stefania Demetz

    La non linearità vale ovviamente anche per gli over 20. E saperlo consente una vita più libera. Grazie per questo bel post.

     
  14. Fiorella Palomba

    Cara Annamaria, le tue note sono per me fonte di sollecitazione continua anche se non sempre commento.

    Mi ha intrigato non poco questa sfida e mi sono messa alla ricerca.
    Il tema, a mio parere, è più complesso di quello che appare ad una prima lettura e chiama in causa storia, sociologia e chi più ne ha più ne metta.

    Ed è così che ho cercato sulla fonte universale wikipedia i miei scrittori e poeti preferiti che, se benestanti come il conte Leopardi, non potevano che essere avviati a studi colti ed avere tempo per il DILETTO della scrittura.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Giacomo_Leopardi

    Interessante è la storia di Dante Alighieri che “non nasce” poeta. Curiosate se non conoscete i dettagli.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Dante_Alighieri

    Anche Italo Calvino diverrà successivamente scrittore, ma era già nell’ambito come giornalista.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Italo_Calvino

    Haruki Murakami, invece arriva alla letteratura dopo la lunga gestione di un jazz bar.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Haruki_Murakami

    La chicca che vi voglio regalare invece è quella di una donna: la grande fotografa di strada Vivian Maier.

    http://www.incisione.com/opere/bio.php?cognome=maier
    http://www.flickr.com/search/?q=vivian+maier

    Non vi dico niente, guardate e stupite (*_))

     
  15. mimmo

    Il chimico Primo Levi … il mio scrittore preferito.

     
  16. ella

    … a 18 o a 22 d’accordo, anzi troverei davvero inquietante il cotrario ma se superati i 40 mettiamo non ne puoi più di arrancare dietro all’architettura e decidi di darti al giardinaggio diciamo… puoi ancora sperare che anche tu come Spinoza, Kafka, Pessoa… che mentre coltivi erbe aromatiche la creatività ti esploderà determinata come non mai e che soprattutto troverai la capacità di esprimerla?

     
  17. Stein Bruno Bertuzzi

    Antoine de Saint-Exupéry, aviatore e scrittore.
    Grande.

     
  18. patrizia

    Anche il compositore russo Aleksander Borodin (1833-1877), medico chirurgo la cui attività principale era la ricerca chimica in cui eccelse facendo significative ricerche. Ma non è ricordato come scienzato bensì come compositore, diventando l’ultimo componente del cosiddetto Gruppo dei Cinque (gli altri sono Balakirev, che fece anche il capostazione; Kjui, generale dell’esercito russo; Musorgskij, avviato alla carriera militare; Rimskij-Korsakov, arruolato nella marina imperiale)

     
  19. Roberta Buzzacchino

    Segnalo il libro di Daria Galateria “Mestieri di scrittori”

    (…) Cosa facevano molti scrittori per vivere, prima di diventare famosi. Un itinerario capriccioso e divertente nel quotidiano degli artisti da giovani quando non sapevano o non speravano ciò che sarebbero diventati per noi.

    Il mestiere più prestigioso lo ha praticato André Malraux, che è stato ministro; Jack London ha collezionato infiniti mestieri, fu per esempio fiociniere su baleniere dell’Artico; Colette aprì nel 1932 un Istituto di bellezza; George Orwell dalla Polizia Imperiale in Birmania passò a miserrime condizioni, lavapiatti e barbone; pensava di conoscere così il mondo e guadagnarsi la condizione di letterato. Gorki fece mille cose: come sguattero sul Volga conobbe il cuoco che gli fece conoscere i libri. Saint-Exupéry pensava che il suo vero mestiere fosse l’aviazione. Italo Svevo, per fare il grande industriale, smise di scrivere: gli bastava una riga per renderlo inetto al lavoro pratico per una settimana (…)

     
  20. Daniele

    “Non pretendere di avere a tutti i costi le idee chiare sul proprio futuro a diciott’anni o a ventidue, essere aperti alle opportunità e alle esperienze, essere flessibili e saper recuperare dopo gli inevitabili fallimenti”

    Queste parole mi mettono addosso un nuovo senso di avventura, a me particolarmente che stavo iniziando a mollare.
    Hai detto bene, più che una scelta è vocazione.

     
  21. Skumkyman

    J.W.Goethe letterato e ministro –
    Luther Blisset giocatore di calcio e autore del cyberpunk italiano (sicuri che sia proprio lui?)

     
    • dani

      Ti sei perso un passaggio..

       
  22. erica

    io lavoravo in un negozio di cartucce per stampanti e contemporaneamente mi sono fatta un blog.
    Per me era eccellente perche contrario a cio che facevo ufficialmente.
    Il blog era bello: ridevo, piangevo, pensavo, consultavo, imparavo, cercavo e a volte trovavo.
    rispondo alla domanda: “se mi aiutate a integrare l’elenco di persone che combinano qualcosa di eccellente mentre ufficialmente fanno qualcos’altro ve ne sono grata”

     
  23. Pingback: L’importanza di non chiamarsi Ernesto | Scrivere per caso

  24. Davide Bressan

    Magritte – da giovane lavorò come disegnatore di carta da parati.

     
  25. Antonio Massari

    In realtà se uno facesse solo lo scrittore, potrebbe scrivere solo storie astratte, forse, o poesia. Il fatto di avere “vissuto” un’altra professione, offre l’occasione di sperimentare emozioni, sentimenti, relazioni ecc. che alimenteranno poi le loro storie. Comunque complimenti per questo blog. Mi chiedo dove trovi il tempo di scrivere tutti questi articoli di così alta qualità. Splendido. E grazie!

     
    • Annamaria Testa

      Ciao Antonio.
      Grazie.
      …diciamo che dentro c’è un bel po’ di lavoro notturno o domenicale 😉
      Ma mi sembra che ne valga la pena.

       
  26. Alberto Criscione

    Dino Buzzati ha scritto “Il deserto dei tartari” quando era inviato per Il Corriere della Sera.

     
  27. Alberto Criscione

    dimenticavo… l’idea per il libro gli è venuta annoiandosi in redazione. Allora anche la noia è utile? 😉

     
    • Annamaria Testa

      Ciao Alberto. Sì, direi di sì. A patto che la noia generi quella irrequietezza che ti porta a reagire facendo qualcosa. E, se sei Buzzati, magari a scrivere Il deserto dei tartari.

       

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
39 queries in 1,206 seconds.