creative studies
I "creative studies", la creatività degli altri, e la nostra

Vittorio Cucchi mi invia (grazie!) un articolo appena uscito sul New York Times, il quale segnala che in molte università americane la creatività (creative studies) ha ormai raggiunto lo status di disciplina accademica.
E, attenzione, non stiamo parlando di corsi di laurea che studiano le dinamiche della creatività sotto il profilo psicologico o manageriale: quelli già esistono, per esempio alla Harvard Business School, dove da decenni Teresa Amabile fa un gran lavoro di ricerca. Con i creative studies stiamo parlando di interi corsi volti a sviluppare un approccio creativo negli studenti.

A pensarci bene, però, la notizia vera non è il fatto che i creative studies si stiano moltiplicando come funghi nelle università, da New York a Philadelphia, a San Francisco: dopotutto, nelle pieghe del sistema universitario americano si annidano i corsi più strani.
La notizia vera è il fatto stesso che il NYTimes dedichi ai creative studies un lungo articolo, ricordando dopo qualche riga che già da una ventina d’anni la Bloom’s Taxonomy è stata rivoluzionata, ponendo la capacità creativa al vertice degli obiettivi educativi (la Tassonomia degli obiettivi educativi è uno strumento abbastanza noto – non so in quale versione – anche da noi).
Il NYTimes elenca anche diverse evidenze: secondo una ricerca I.B.M. che ha coinvolto 1500 amministratori delegati in 33 diversi settori industriali, la creatività è il fattore cruciale di successo. Oggi “creatività” è la parola più in voga tra i profili di LinkedIn. E con i creative studies l’insegnamento del pensiero creativo (il presupposto è che si possa “insegnare”: ma sul tema torno tra qualche riga) entra di prepotenza perfino nei corsi di scienze, di ingegneria, di legge, insieme all’addestramento necessario per affrontare l’ambiguità e i fallimenti che con ogni processo creativo sono connaturati.

Il motivo della proliferazione dei creative studies è semplice: per esempio, gli studenti iscritti a Justice e Safety pensano che, dopo aver studiato i problemi relativi a Giustizia e Sicurezza, avranno bisogno di un bel po’ di creatività per provare a risolverli. E, detto tra noi, il ragionamento non fa una piega.
Intanto l’Economist pubblica un articolo per molti versi speculare a quello uscito sul NYTimes. Titolo: “Chi non sa, insegna”. Riguarda le scuole di Business Administration che, schiacciate da una concorrenza sempre più agguerrita, rinunciano a fare ricerca e appaiono incapaci di praticare su se stesse il rinnovamento manageriale e strategico che pure affermano di insegnare. Esortazione nemmeno troppo implicita: “forza, sviluppate il vostro stesso cambiamento”.

creative studies

In tutto questo gran fermento sui creative studies (del quale, sono pronta a scommetterlo, qualche eco distorta, eccitata e semplificata arriverà presto anche da noi) ci sono due cose che vorrei segnalarvi.
Eccone una: non è la prima volta che negli Stati Uniti si accende una potente fiammata d’interesse per il pensiero creativo. È già capitato al culmine di un altro momento di crisi, a metà del secolo scorso quando, nell’ottobre del 1957 e in piena Guerra Fredda, i russi lanciano lo Sputnik, e dopo un solo mese il più complesso Sputnik2, con la cagnolina Laika a bordo.
Gli Stati Uniti vengono travolti da un’intensa ondata emotiva in cui si mescolano allarme, paranoia e spirito di rivalsa. Reagiscono con due lanci: il primo riguarda l’Explorer1, costruito in soli 84 giorni e messo in orbita da Cape Canaveral il 31 gennaio 1958.  Il secondo riguarda un programma volto a rivoluzionare l’intero sistema universitario (violentemente accusato di favorire il conformismo), a sviluppare gli studi scientifici e a incoraggiare quelli sulle dinamiche del pensiero creativo.

Così, con il National Defense Education Act (NDEA), il governo riversa miliardi di dollari nel sistema educativo: la creatività, lo ricorda Businessweek, diventa di moda come mai prima di allora. In una manciata d’anni gli studi sul tema crescono in maniera esponenziale e gli americani riescono ad arrivare primi (1969) sulla luna.
Staremo a vedere se, con la diffusione dei creative studies, questa volta arriveranno da qualche altra parte, e dove.
Ed ecco la seconda cosa che vorrei segnalarvi: l’approccio americano al tema della creatività è… americano, appunto. Cioè, pragmatico, vagamente muscolare e fondato su una ricetta semplice: tanti soldi + tanto addestramento. Tra l’altro i creative studies, a uno sguardo europeo, possono risultare paradossalmente troppo pieni di procedure e ingiunzioni (pensa fuori dagli schemi! Produci più alternative che puoi! Sii rilassato! Approfondisci! Finalizza!).

Da noi, credo, per rianimare la stremata capacità creativa nazionale basterebbe avere un ambiente non così ostile a chi cerca, tra mille difficoltà, di trovare soluzioni innovative o di svolgere bistrattate e malpagate professioni creative. Basterebbe un sistema educativo appena un po’ più attento a motivare e coinvolgere gli studenti. Basterebbe rompere qualche stereotipo e qualche soffitto di cristallo e liberare un po’ della creatività delle donne. Basterebbe non rimangiarsi le detrazioni fiscali sull’acquisto di libri. Basterebbe dire che la cultura è una risorsa, e trattarla come tale. Ma già: da questa parte dell’oceano, è come chiedere la luna.

Le immagini che illustrano la pagina sono dettagli di opere di Rodger Schultz. Questo post esce anche su internazionale.it.
Su NeU potreste leggere anche: 
Metodo 42: che cosa è la creatività e che cosa la uccide
Metodo 30: creatività. Siate narcisi prima e dopo, ma non durante

7 Commenti a I “creative studies”, la creatività degli altri, e la nostra

  1. Alesatoredivirgole

    … basterebbe ricomincaire dal buon senso … ma in un Paese dove chi comanda “cavalca” la disoccupazione dei “giovani” e la cura allungando il periodo lavoartivo dei “vecchi”, di buon senso credo ne sia rimasto davvero poco.
    Le idee in alcuni casi ci sono … il problema è tutelarle e non farle affogare tra mille balzelli 🙁

     
  2. Saper Comunicare

    Sarò veniale, sarò materiale, ma molti degli italici problemi in tema di cultura, ricerca scientifica, creatività e insegnamento risiedono in quella parolina:

    “malpagati”.

    Si investe poco, si paga poco ma si pretende troppo. Da chi fa ricerca, da chi insegna e da chi svolge professioni creative. Ed è un problema che attanaglia pubblico e privato.

     
  3. Saper Comunicare

    Ho scritto veniale in luogo di venale. Chiedo venia.

     
  4. Emanuela Pulvirenti

    A proposito della tassonomia di Bloom, ecco come ho cercato di applicarla alla didattica dell’arte realizzando un’infografica per collegare obiettivi e attività
    http://www.didatticarte.it/Blog/?p=1015

     
  5. Emanuela Pulvirenti

    Un esempio perfetto su come noi insegnanti riusciamo ad uccidere la creatività in erba chiedendo la “risposta esatta”
    http://www.youtube.com/watch?v=9TskeE43Q1M

     
    • Annamaria Testa

      Grazie Emanuela! Suggerisco a tutti di dare un’occhiata a entrambi i link: meritano.

       
  6. Fiorella Palomba

    Un piccolo contributo partendo dal finale di Annamaria: “Basterebbe dire che la cultura è una risorsa, e trattarla come tale. Ma già: da questa parte dell’oceano, è come chiedere la luna”

    Troppo facile, troppo intelligente o…troppo intenzionale?

    Sto leggendo un saggio di Luciano Gallino, professore emerito, già collaboratore di Adriano Olivetti (vi pare poco), che senza tanti preamboli, in “La lotta di classe dopo la lotta di classe” (2012) ci dice perché tutto questo accade.
    Direte che c’entra?
    C’entra, eccome se c’entra (*_))

     

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
39 queries in 1,379 seconds.