metafore
Metafore che brillano, illuminano, accendono - Metodo 36

Le metafore sono potenti. Sono universali. E tutti le usiamo, magari senza accorgercene. O senza nemmeno sapere che lo stiamo facendo.
Ma vediamo di che si tratta: propriamente, la metafora è una delle figure retoriche. In parole povere, uno dei tanti modi di usare (e di forzare) creativamente il linguaggio per renderlo più efficace.
Una metafora scaturisce da un processo linguistico con il quale, dopo aver mentalmente associato due realtà differenti che hanno una caratteristica analoga, parliamo dell’una come se fosse l’altra, o nei termini che sono propri dell’altra. È – dice l’Enciclopedia Treccani un procedimento di trasposizione simbolica di immagini.
Così, per metafora, il gelo diventa una belva feroce, e morde. O la Borsa diventa un edificio fragile, e crolla. O la passione diventa fuoco e brucia (ma anche una sconfitta può essere bruciante). Così, possiamo ragionevolmente affermare che Tizio è un leone, e Caio un coniglio, e Sempronio una vera vipera. O un brutto porco. Possiamo, con Paolo Conte, cantare che il mare è una tavola blu. E io posso, per questo post, divertirmi a fare un titolo metaforico sulle metafore.

Della potenza delle metafore scrive Alfabeta, parlando di metafore sportive e politica e segnalando che le rappresentazioni metaforiche, specie se inesatte, sono utili a comunicare certe cose e a nasconderne altre. E Il Sole 24Ore, sempre a quel proposito, ricorda che le scienze cognitive hanno evidenziato come la metafora, assai più che un semplice “abbellimento” di un’idea, sia uno strumento cognitivo imprescindibile per la mente, che consente di “dar corpo” a concetti altrimenti del tutto astratti.
Di sinestesia concettuale  parla James Geary in una divertente Ted Conference nel corso della quale, tra Shakespeare, Elvis Presley e il Kiki-Bouba effect, spiega perché le metafore possono orientare le nostre decisioni.

Ma una metafora non è solo un suggestivo trucco linguistico per ravvivare il discorso e orientare (e magari distorcere) la percezione tanto da influenzare il pensiero. E non è nemmeno solo un meraviglioso strumento poetico: il tuo ombelico è una coppa rotonda | che non manca mai di vino drogato. | Il tuo ventre è un mucchio di grano, circondato da gigli.
(Nel caso vi foste domandati di che si tratta: è il Cantico dei cantici).

Le metafore sono anche uno straordinario strumento di conoscenza e di ricerca. Mentre le metafore poetiche proiettano il “noto” verso l’ignoto, quelle scientifiche (ma in realtà sarebbe meglio chiamarle “analogie”)  si sforzano di riportare l’”ignoto” al “noto”: davanti a un oggetto o a un fenomeno ancora largamente sconosciuto, ne tentano la spiegazione ricorrendo all’analogia con un oggetto o un fenomeno conosciuto, scrive il fisico Alessandro Pascolini. E ricorda, fra l’altro, l’ipotesi di Richard Dawkins, secondo il quale la capacità di immaginare attraverso la chiave della similitudine, che chiede un consistente sforzo del pensiero, è stata una spinta evoluzionistica per l’intelligenza e lo sviluppo del cervello umano.

Proprio perché sono (metaforicamente) strumenti così affilati e potenti, le metafore vanno usate con cautela: una metafora fuorviante, o tale da rendere troppo semplice una realtà complessa, fa – lo ricorda Marcello Sala su Pikaia prendendosela con la divulgazione televisiva spettacolarizzata – un cattivo servizio sia alla scienza, sia alla divulgazione. A questo ammonimento severo ne aggiungo un altro, più lieve: scrivendo, meglio evitare i collassi di metafore. Una, giusta, basta e avanza, e leggere che il gelo della recessione strangola le imprese azzoppate dallo tsunami dello spead non è bello, e fa venire il mal di mare.

18 Commenti a Metafore che brillano, illuminano, accendono – Metodo 36

  1. Geppi De Liso

    Sempre interessanti i vostri articoli. Complimenti.
    Geppi De Liso

     
  2. Fiorella Palomba

    Ebbene sì, le metafore illuminano..

    Condivido soprattutto la seconda parte della tua nota, Annamaria che é la più importante e la meno conosciuta: metafora come strumento di conoscenza.

    Aristotele parla della potenza delle metafore nella Poetica e nella Retorica scrive che le metafore METTONO LA COSA SOTTO GLI OCCHI. Semplice e potente (*_))

     
  3. Antonino

    L’universo è un libro. Splendida questa metafora che Galileo usa nel Saggiatore. L’universo è «scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi e altre figure geometriche».

     
  4. davide

    sulle metafore, mi ha sempre commosso questa scena de “Il postino” http://www.youtube.com/watch?v=el7NMkBZeaM

     
  5. michele

    L’importanza del metter “la cosa sotto gli occhi” per rafforzare la comunicazione in senso lato la descrive bene Calvino in Lezioni americane, parlando del processo di creazione/immaginazione e confrontando quello dello scrittore e del regista,che gli paiono semplicemente invertiti. Tira in ballo anche gli esercizi spirituali di Ignazio di Loyola, nei quali l’immaginazione è intesa proprio come metodo per dar forza d’immagine mentale, visiva, emotiva alla riflessione. Cita anche un bellissimo passaggio di Dante. La metafora in un certo senso facilita questa eleborazione immaginativa, ritengo sia una forma di mediazione tra astrazione della parola e immanenza dell’immagine. Il rapporto tra sensi coinvolti nella percezione è descritto bene anche in 6 passeggiate nei boschi narrativi, di Eco. Platone non si è spinto verso l’analisi di altri linguaggi, pobabilmente, proprio per la sua concezione delle immagini come maggiormente aleatorie/ingannatorie. Riflessi. Del resto la cultura filosofica greca non è che tenesse in gran considerazione le arti dell’immagine, forse anche perchè la vita civile dell’epoca era assai più caratterizzta dall’uso della parola, almeno negli ambiti che contavano.

     
  6. Nicola Rossi

    A mio parere rimangono fondamentali inoltre i due famosi articoli di Max Black al riguardo (raccolti qui: http://www.anobii.com/books/Modelli,_archetipi,_metafore/9788873800323/01b46b7d7003b389b0/ ). Scritti in un modo lineare e pulito, estremamente leggibili e godibili ma straordinariamente intelligenti e pieni di domande e questioni fondamentali – sia per quanto riguarda un punto di vista “cognitivista” sia per un punto di vista più linguistico, che però mette in gioco problemi centrali e interessantissimi come la “normatività” semantica, la creatività, il “seguire regole”, lo spezzarle (per usare una metafora), il crearne di nuove. Insomma un punto di vista alla Wittgenstein, perfettamente attuale tra lingua, uso, cultura e cognizione. Molto integrabile con la teoria metaforica di Eco e le sue elaborazioni del concetto di “enciclopedia”.
    All’interno del dibattito scismatico della linguistica generativa negli anni ’70 (da dove è uscito Lakoff), soprattutto in Italia sono emerse teorie raffinate anche sulle “violazioni” linguistiche metaforiche, soprattutto in lavori di Cristiano Castelfranchi, Franca Orletti, Guglielmo Cinque. Anch’essi in parte integrabili con la teoria (meno formale) di Eco, ovvero tra semiotica, scienze cognitive e linguistica. Comunque la raccolta di saggi (un po’ vecchia mi sa) a cura di C.Cacciari, “Teoria della metafora” (Cortina) secondo me resta una bella sintesi panoramica del fenomeno e degli studi che lo discutono. Purtroppo non sono aggiornatissimo e mi fermo a 6-7 anni fa.
    Sulla metafora scientifica, oltre a testi celebri, c’è anche un ottimo testo (un capitolo) che ne discute in questo libro dell’epistemologa Cristina Bicchieri: “Ragioni per credere, ragioni per fare. Convenzioni e vincoli nel metodo scientifico” (Feltrinelli).
    (scusate la forse inutile digressione bibliografica, senza dire nulla di ciò che personalmente penso al riguardo, è che scrissi la mia tesi su queste cose e restano una mia antica e vera passione).

     
  7. Stefano Silvestri

    Complimenti per l’articolo e i commenti! Vi consiglio di leggere un libro molto bello: Marcel Jousse, La sapienza analfabeta del bambino – Introduzione alla mmimopedagogia, ed. LEF 2011. Sentite cosa dice Jousse alla fine di un capitolo dedicato proprio alla metafora/analogia: “Concluderò dandovi la grande frase di uno di coloro che più hanno pensato il Reale, Archimede, quando diceva: . Davanti a questa straordinaria meccanica dei de Broglie, davanti a tutta questa straordinaria meccanica dell’invisibile palestinese che ci ha dato Rabbi Yeshua (Gesù), dico soltanto: Incominciate col capire bene il meccanismo della Metafora e capirete il Mondo…

     
  8. Valentina Boracchia

    Le metafore possono esser uno strumento molto efficace, talvolta prodigioso. E mi sembra potremmo aggiungere che sono in stretta correlazione con i processi di categorizzazione e di inferenza che usiamo per semplificare la complessità della realtà e poter agire efficacemente nel mondo.
    Per George Lakoff e Mark Johnson viviamo immersi in un mondo di metafore. I due studiosi in “Metaphors We Live By” (1980) osservano proprio come le metafore non riguardino solo l’ambito linguistico ma le potenzialità di pensiero perché attivano ambiti di significati importanti per gli individui. Fanno allora parte della nostra vita quotidiana perché influenzano il nostro modo di pensare, di ragionare e, di conseguenza, di agire.
    Ed ecco che ancora le nostre lingue storico-naturali si confermano un sistema di segni molto potente che con Tullio De Mauro possiamo riconoscere come “la tecnica più importante che la specie umana ha saputo conquistarsi nel suo cammino biologico e storico”.
    L’auspicio è allora che le metafore vengano utilizzate con buonsenso e intelligenza. Che davvero possano diventare una delle tante risorse, per citare Kierkegaard, “che le lingue ci offrono per lottare contro l’inesprimibile per arrivare ad esprimerlo”…

     
  9. Stefano Silvestri

    nel mio commento sopra è saltato un pezzo, Archimede diceva: “Datemi una leva e solleverò il Mondo”! ciao!

     
  10. Pingback: Gollum e il patrimonio culturale - Nuovo e Utile | Teorie e pratiche della creatività.

  11. Fiorella Palomba

    Desidero aggiungere una breve nota per contribuire a questo dibattito a distanza che ritengo di notevole spessore.

    Intanto rendo omaggio al grande Aristotele e alla sua terra umiliata dall’Europa cui a dato il nome.
    Lo faccio con il contributo del professor Fran O’Rourke .

    http://www.ucd.ie/philosophy/staff/franorourke/2008%20Aristotele%20e%20la%20metafisica%20della%20metafora.pdf

    Aggiungo la splendida metafora di Hungh Kenner
    “Il linguaggio è un cavallo di Troia attraverso cui l’universo entra nella mente”

    Concludo con tre riferimenti.
    – Bruno Munari
    Nella sua opera “Fantasia” la metafora è il fondamento del suo lavoro e del suo argomentare

    – Gareth Morgan
    “Images. Le metafore dell’organizzazione“ non solo nel titolo, ma in tutto il saggio la metafora è il filo conduttore

    – R. Parlato., S. Smiraglia “La foresta industriale: percezione del rischio e cultura della sicurezza”
    utilizzano la metafora della foresta per “mettere la cosa sotto gli occhi”: la complessità del rischio.

    Personalmente ho utilizzato nella formazione sul rischio stradale la stessa metafora, adeguatamente rivisitata, per analogo scopo (*_))

     
  12. Chiara

    Davvero interessante!

     
  13. Sofia Girardini

    Grazie mi state aiutando molto. Ma potreste cortesemente metterne alqune in Spagnolo?
    Grazie perché sto facendo un libro di metafore.
    Se volete potrei mandartene alcune!!!!!!!!!!
    Ma se volete che io vene mandi alcune dovete darmi la vostra Ismail, comunque la mia è ………sofiagirardini@gmail.com Grazie!!!!!!!!!!)

     
  14. Pingback: METAFORE CHE BRILLANO, ILLUMINANO, ACCENDONO - La biblioteca del divenire - Centro Divenire

  15. maestraedy

    Sono affascianta dai suoi meravigliosi articoli.GRAZIE

     
  16. Annamaria Testa

    Ciao Maestraedy. Felice che NeU ti piaccia. E grazie per averlo detto!

     
  17. maestraedy

    Ti seguo da tantissimo tempo insieme alla mia nipotina 14enne ,liceale , aspirante scrittrice!!
    Grazie da lei!

     
  18. Fiorella Palomba

    NeU è un pregevole luogo di scambio e di approfondimento, pertanto mi piace mettere a disposizione alcune note sulle espressioni idiomatiche.

    Le espressioni idiomatiche sono fortemente legate alle metafore, ma non è così semplice il loro rapporto.

    Studi approfonditi sono stati fatti in questa direzione, in particolare da Federica Casadei, docente associato.

    Questo un link interessante sul suo lavoro “Metafore ed espressioni idiomatiche”.

    http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=3&ved=0CC0QFjAC&url=http%3A%2F%2Fwww.raco.cat%2Findex.php%2Festudis%2Farticle%2Fdownload%2F223258%2F304062&ei=cSrFVKWqOIjbaryrguAL&usg=AFQjCNGvaYSI5eZNC_QLhzAIwY8JKakOdA.

    Al prossimo commento *_))

     

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
36 queries in 1,270 seconds.