il momento esatto
Il momento esatto in cui le cose cambiano - Idee 160

Sappiamo accorgerci del momento esatto in cui (ci) succede qualcosa che può cambiare tutto il resto? Oppure fatalmente quel momento lì ci sfugge, e ben che vada riusciamo a ricostruirlo a posteriori, e per indizi?

TUTTO SEMPRE COMINCIA “PRIMA”? A proposito delle storie (ma tutto quello che capita può, per certi versi, essere considerato almeno in potenza una “storia”) Italo Calvino scrive così, nell’indimenticabile Se una notte d’inverno un viaggiatore:
Ma come stabilire il momento esatto in cui comincia una storia? Tutto è sempre cominciato già da prima, la prima riga della prima pagina d’ogni romanzo rimanda a qualcosa che è già successo fuori dal libro. Oppure la vera storia è quella che comincia dieci o cento pagine più avanti e tutto ciò che precede è solo un prologo.
Le vite degli individui della specie umana formano un intreccio continuo, in cui ogni tentativo di separare un pezzo di vissuto che abbia un senso separatamente dal resto – per esempio, l’incontro di due persone che diventerà decisivo per entrambi – deve tener conto che ciascuno dei due porta con sé un tessuto di ambienti fatti altre persone, e che dall’incontro deriveranno a loro volta altre storie che si separeranno dalla loro storia comune.

UNA SCINTILLA. Eppure sono abbastanza certa che prima nella percezione, e poi per sempre, nella memoria di tutti noi, esistano le tracce di qualche momento esatto in cui le cose cambiano perché qualcosa cambia dentro di noi.
È un attimo in cui l’intreccio di quella che  – per dirla con Calvino – potrebbe essere una storia si slabbra, o si infittisce, o si modifica. Non si tratta necessariamente di momenti cruciali, o topici: momenti in cui c’è da prendere una decisione importante, da fare una scelta drammatica o da compiere un gesto risolutivo. O in cui un evento esterno rilevante, positivo o negativo, modifica in modo drastico il contesto in cui ci muoviamo.
Alcune cose rilevanti possono succedere per noi, e per le nostre storie prossime venture, proprio mentre in apparenza non sta capitando un bel niente: succedono quando e perché si accende una scintilla di comprensione dentro di noi. Per spiegarmi meglio vi racconto una storia che mi riguarda, e che contiene uno di quei momenti-scintilla che restano stampati nella memoria.
momento esattoSI PUÒ FARE! Ho da poco compiuto sette anni. Sono seduta al tavolo della cucina di mia nonna, con un libro di scuola davanti al naso. Fuori c’è il sole. La cucina però guarda verso nord e lì dentro non arriva neanche un raggio di luce diretta. Vorrei tanto essere fuori a giocare.
Ho passato tutta la prima elementare a litigare con le lettere dell’alfabeto. Dopo oltre un anno di scuola leggo ancora compitando, con immane fatica, notevole disgusto e una certa vergogna.
Avrò il permesso di uscire solo dopo aver finito di leggere ad alta voce tutta la pagina del libro di scuola. La nonna traffica ai fornelli e mi ascolta. Le righe da leggere sono poche ma io tragicamente inciampo in ogni mezza parola: forse non finirò mai.
Invece a un certo punto succede. Ed è in un momento esatto, che succede.
Invece di rallentare come faccio sempre su ogni singola lettera, cercando di riconoscerla e poi di ricordarmi a che cavolo di suono corrisponde, e di passare alla lettera successiva solo dopo che a fatica ho riconosciuta e ricordata la precedente, e proprio perché non ne posso più, accelero.
E subito, non appena accelero e non appena smetto di stare attenta alle singole lettere, queste si uniscono in sillabe, e le sillabe si uniscono in parole di cui sento il suono nella mente tanto da riuscire a dirlo a voce alta.
Ehi! Si-può-fare!
Dopo oltre un anno di tentativi vani, capisco come si fa a leggere in modo umano, sbalordita di quanto possa apparire facile, ma solo dopo che si è acchiappato il ritmo giusto. Accade in un momento che mi si stampa nella memoria (la luce, il tavolo, la stanza, i rumori dalla cucina e tutto quanto).
È l’inizio di una storia fatta di libri letti, e di conseguenza di parole scritte, che da quel momento non si interromperà più.
momento esattoIL MOMENTO ESATTO IN CUI… Può essere, per esempio, il momento in cui ci si rende conto che un amore è finito (succede, più spesso di quanto non si creda, con un certo senso di liberazione. Ma anche con un batticuore rilevabile da un attrezzo che traccia le prestazioni sportive).
O può essere il momento esatto in cui ci si rende conto di che cosa si vuol combinare nella vita: qui una graziosa infografica che racconta il momento in cui alcuni imprenditori intuiscono che cosa sono in grado di fare.
Sono abbastanza convinta che ciascuno di noi abbia i suoi momenti esatti. E che non tutti, però, abbiano fatto mente locale tanto da riuscire a individuarli, estraendoli dalla memoria. Sono anche convinta che siano momenti preziosi, e che valga la pena di conservarseli bene: sono i momenti in cui abbiamo sbirciato dentro noi stessi, magari con la coda dell’occhio e senza neanche volerlo. O in cui una capacità prima non percepita né immaginata se ne è venuta fuori, all’improvviso. Avete mai pensato ai vostri? Provateci:  è una sensazione curiosa.
E se avete voglia di condividere su questa pagina qualcuno di quei momenti, siete i benvenuti.

Le immagini che illustrano questa pagina: dettagli dei lavori di Igor Morski.

16 Commenti a Il momento esatto in cui le cose cambiano – Idee 160

  1. Magari

    Ci sono stati alcuni momenti: uno in cui ho capito esattamente cosa volevano i miei genitori, e glie l’ho dato (judo psicocinetico: ippon – mate).

    Un’altra rivelazione è stata quando mi sono reso conto che avevo tutti gli strumenti per risolvere con un po’ di saggezza e pianificazione i labirinti in cui mi ero andato a perdere. Ci ho lavorato e ne sono uscito, anche se con qualche livido.
    Ma il momento in cui ho realizzato il cortocircuito è stato “mmm”

    https://www.youtube.com/watch?v=bHAlP5GK3cc

     
  2. Daniela

    Qualche momento sono in grado di individuarlo con facilità. Quello più recente, meno drammatico di quel che potrebbe sembrare, è quando ho capito quanto senso avrebbe avuto condividere online la piccola storia di mia figlia, che è autistica. Non come sfogatoio (qualche volta sì), ma come strumento forse utile ad altre famiglie all’inizio dello stesso percorso (non è mai un inizio facile).

     
  3. Sara Sonia

    Credo ci sia un momento specifico in cui troviamo la soluzione giusta per un determinato cambiamento che è in atto da un po’. Io lo chiamo “click” , perché è come se trovassi l’interruttore, magari ci hai messo mesi per trovarlo e poi “click”: tutto è magnificamente semplice. 😉

     
  4. Bauerman

    Niente. Io non so fare assolutamente niente.. Non arriverà mai quel momento per me.

     
    • Guido

      Non ci credo, guardati bene dentro

       
  5. Alesatoredivirgole

    Il momento esatto in cui…
    E’ proprio lì che mi sto dirigendo, con la mia piccola scintilla custodita fra le mani…

     
  6. Rita

    Ne ricordo molti ma, leggendoti, mi è tornato in mente quando, a cinque anni, sono riuscita a capire come pronunciare la lettera erre! Un pomeriggio in casa a giocare con ago e filo (rosso) ho capito come mettere la lingua contro i denti per dire ‘rosso’ e sono andata dalla mamma chiedendole di infilarmi l’ago con il filo rrrrosso.

     
  7. Michela

    E’ abbastanza assurdo, ma io ricordo il momento in cui ho preso coscienza del mio nome. Avrò avuto 5 anni. Non che non rispondessi, prima, quando qualcuno mi chiamava – ma di solito mi chiamavano con diminutivi, vezzeggiativi, occasionalmente urla, e se girava proprio male (ma succedeva raramente, ero una brava bambina) anche mezzi grugniti. Il mio nome per intero non ce l’avevo in testa, tanto meno davanti agli occhi.
    Un tardo pomeriggio, mio papà è arrivato a casa con tre salvadanai in metallo, per me e per miei due fratelli più grandi. Credo che avesse deciso che era ora che imparassimo il valore del denaro (io ho bruciato le tappe, grazie ai fratelli più grandi: per economia di scala, si faceva sempre tutto insieme), e ce li aveva portati perché ci conservassimo le mance delle nonne. Con un cacciavite, mentre noi gli stavamo intorno, incise il nome di ognuno di noi su un salvadanaio. Ricordo il piano del tavolo in soggiorno, poco più basso del mio sguardo. E, posato lì, il salvadanaio cilindrico, rosso granata e ruvido, con un manico in metallo lucido, che si alzava e abbassava.
    E quelle lettere incise in stampatello: M I C H E L A. Mi si sono spalancati gli occhi, e credo anche la bocca, in un oh! globale. E mi sono detta: “Quello è il mio nome. Io mi chiamo Michela. E’ un nome da grande”.
    Da allora in poi, oltre che a vezzeggiativi, diminutivi, urla e grugniti, rispondevo (o mi negavo) anche ad un nome da grande.

     
  8. Elisa

    Si proprio così sono momenti che scattano in modo naturale nella vita di una persona, non si capisce il perché ma è così. Anche a me è successo diverse volte e spesso quando non capisco dove voglio andare ma sento che vado so benissimo che arriverà il momento in cui i miei dubbi e le mie incertezze troveranno una chiarezza così limpida da guidarmi e da farmi capire che è la strada giusta. E’ stato così per il mio lavoro e per molte esperienze della mia vita. Grazie Annamaria per il post che avrò cura di condividere subito!

     
  9. Annamaria

    il momento preciso in cui, dopo anni di inadeguatezza, incertezza, perplessità, ho capito finalmente di essere molto intellligente

     
  10. Raffaella

    Bellissimo post! Mi ricorda il racconto di Buzzati ‘E se?’: il dittatore supremo, in un preciso momento, si accorge che tutto il suo potere e la sua sapienza non sono più nulla di fronte ad una ragazza, che vede con la coda dell’occhio e della quale si innamora perdutamente. La sua vita è cambiata per sempre.

     
  11. Angela

    Mi è capitato proprio pochi mesi fa. Avevo in cantiere da un anno un blog a cui tenevo molto e continuavo a parlarne agli altri con frasi piene di dubbi e provvisorietà. D’improvviso ho iniziato a mettermi a lavoro sul serio per pubblicare i primi post e piano piano ho visto che era semplice, fattibile, possibile, quasi come leggere insomma. Sicuramente ci sono stati momenti di sconforto e paura prima, ma quell’attimo in cui mi è apparso chiaro il progetto e il desiderio di andare avanti, qualcosa è cambiato e ho finalmente spiccato il volo. E sto ancora volando, sono solo agli inizi.

     
  12. Pingback: A me gli occhi! Ovverosia ci avete rotto il cazzo con sta perfezione! Una piccola Ode al Difetto! | FridaWer*

  13. roberta

    Chinata sul mio letto piego la camicia di cotone a quadri rossi e grigi che ti ho regalato ieri sera.
    La piego con grande cura, trattandola come un oggetto molto prezioso. Per me è un oggetto prezioso. È il mio regalo per il nostro primo anniversario di matrimonio.
    Avevo tanto cercato questa camicia, doveva avere caratteristiche precise. E quando l’avevo incontrata avevo pensato che si, era proprio lei. Collo piccolo, taglio dritto, taschino, quadri della grandezza giusta e un po’ di rosso, il tuo colore preferito, costo contenuto. Torno a casa felice.
    Pacchetto, biglietto, ma quando li vedi il tuo viso si contrae. Ti invito ad aprire, sono così sicura che ti piacerà. Ti guardo mentre apri con gesti lenti e svogliati, non so cos’è che non va.
    La guardi, vedo la tua espressione cambiare appena. “Carina…”.
    Per un attimo sento la leggerezza abbracciarmi il cuore, ma è un attimo e il tuo viso si fa di nuovo buio “Non credere che mi piegherò mai a queste idiozie piccolo borghesi dei regali per gli anniversari”.
    Un pugno al centro del petto, il cuore che batte veloce, il senso di vuoto. Così è fatto quel momento che ha diviso con precisione chirurgica il prima e il dopo.

     
  14. nontelodico

    Purtroppo non son sicura di ricordare il come e il quando, dovevo avere circa diciotto anni e credo fossi in piedi in una stanza di casa, ma credo di ricordare benissimo la sensazione: euforia.
    Dopo un’infanzia passata a imparare, ad assorbire dall’ambiente, un’adolescenza trascorsa a sforzarmi di incastrare i vari pezzi di insegnamento in un quadro coerente, a rispondere con i concetti inculcatimi, con riassunti accrocchiati delle morali altrui, a tentare di soddisfare le aspettative allineandomi, all’improvviso ho avuto un pensiero mio, qualcosa che nessuno mi aveva mai instillato, un’idea che era nata da sola nella mia testa (e che non ricordo :D). Euforia. Eureka.
    … temo di aver ricercato troppo il ripetersi di quell’emozione, sono diventata troppo eccentrica per il mio prossimo 😀

     
  15. Paolo

    si! si può fare! Accade ora alle porte dei miei 33 anni. Scavare nella mia memoria e analizzarmi per me è diventato quasi normalità tanto che mi sono spesso soffermato più volte a scavare dentro che a guardare fuori.. ma i tasselli si riordinano sempre di più e ora che riapro gli occhi al mondo, ne vedo ancora più nitidi gli infiniti e meravigliosi dettagli in esso contenuti. Ho fatto click! Con me stesso e con la vita! Bella vita a tutti voi!

     

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
39 queries in 1,696 seconds.