Ormai è chiaro che, finita la pandemia, non si tornerà più a lavorare come prima. 
Ad affermarlo è il Guardian, in un recentissimo articolo che descrive lo schema di lavoro agile (chiamiamolo così, dai, invece che smart working) al quale hanno già aderito non solo alcuni giganti multinazionali come Google, Salesforce, Facebook e HSBC, ma anche moltissime medie imprese dei settori più diversi.

DOPPI VANTAGGI. La struttura di base sembra essere questa: ogni settimana si passano tre giorni in azienda (per esempio, il lunedì, il martedì e il giovedì) e due a casa (per esempio, il mercoledì e il venerdì). Con questa alternanza, si potrebbe approfittare dei vantaggi offerti dal lavoro d’ufficio (le relazioni interpersonali, il senso di appartenenza, il potenziale creativo del lavoro di gruppo). E dei vantaggi offerti dal lavoro da casa (maggiore efficienza, minori distrazioni, il tempo risparmiato evitando gli spostamenti, la possibilità di gestire in autonomia le cose da fare).
Sembra che questa idea piaccia non solo alle imprese, ma anche ai lavoratori britannici.

PIÙ SODDISFATTI. All’interno di un articolo zeppo di altri dati tratti dal rapporto Salary Satisfaction 2021, la Repubblica conferma che, anche per gli occupati italiani, la possibilità di lavorare da remoto è un fattore che aumenta il livello di soddisfazione. E, per quel che vale, anche diversi dirigenti e imprenditori italiani con cui mi è capitato di parlare in tempi recenti sembrano orientati in questo senso.

RETRIBUZIONI MAGGIORI. È un rapporto della Banca d’Italia a chiarire qual è stata, da noi, la relazione tra stipendi e lavoro agile. Durante la pandemia di Covid-19, rispetto ai lavoratori non in smart working, la retribuzione di quelli che hanno svolto il lavoro da remoto è stata superiore del 6 per cento, riflettendo in larga parte il maggior numero di ore lavorate (in media, 2 ore alla settimana, pari a circa il 6 per cento). Controllando per il numero di ore lavorate, il differenziale nella retribuzione non è invece significativo. In sostanza, chi fa lavoro agile ha risparmiato circa 60 minuti al giorno di tempo per gli spostamenti (ma alcune fonti dicono anche di più).  Ha monetizzato una parte di questo tempo. E ne ha dedicato l’altra parte, maggiore, a cose diverse dal lavoro.

BENE SÌ, MA SI PUÒ FAR MEGLIO. Il 22 marzo Microsoft ha pubblicato una ricerca sviluppata su un campione di oltre 30.000 persone in 31 paesi, e intitolata La prossima grande rivoluzione è il lavoro ibrido. Siamo pronti? Anche in questo caso abbiamo una conferma: il 73 per cento degli intervistati desidera poter continuare a lavorare, almeno parzialmente, da casa. Tuttavia, il 42 per cento dichiara di non disporre di spazi adeguati. Il 46 per cento dice che l’azienda non contribuisce alle spese. E uno su tre dichiara che, tra documenti e riunioni online, si sente esausto. Questo non è sorprendente: rispetto al periodo pre-pandemico, il tempo passato in riunione è più che raddoppiato, il numero di persone che producono documenti usando Office è cresciuto del 66 per cento.

VISTI DA VICINO. Se volete vedere da vicino che cosa sta succedendo nel mondo con il lavoro da casa, qui c’è un bellissimo articolo che vi porta a scoprire le storie di Ava la fiorista, che lavora da casa da Tehran, di Ecatapec, che in Messico continua, dal salotto, a fare serenate su commissione come cantante ranchera, di Hnoi, chef che a Bangkok ora cucina nel cortile di casa, di Macassar, pastore metodista sudafricano che mette in video i suoi sermoni, editandoli da vero professionista…

POLITICHE INCLUSIVE. Come ogni grande cambiamento, anche questo comprende rischi, opportunità, e una sfida. È ancora lo studio di Microsoft a sottolineare che le imprese dovranno investire per dotare i dipendenti degli strumenti e della formazione necessari a consolidare efficacemente la pratica del lavoro agile. Ma non solo. Dovranno metterli in grado di avere un equilibro soddisfacente tra lavoro e vita privata, con una particolare attenzione ai lavoratori più fragili: tipicamente, le donne e i più giovani. 
D’altra parte, il lavoro a distanza può essere un’ottima occasione per praticare politiche inclusive. E potrebbe, a patto che esistano adeguate infrastrutture tecnologiche, adeguata formazione eccetera, favorire proprio i lavoratori a diverso titolo più svantaggiati.

ENORME CAMBIAMENTO. Sembra tutto molto promettente e convincente. Tuttavia, ho la sensazione che non ci stiamo ancora rendendo conto dell’enorme, rapidissimo cambiamento e dell’infinità di ricadute che la pratica estensiva del lavoro agile può portare con sé. 
A pensarci bene, tutta la nostra vita di individui adulti ruota attorno al lavoro (o, almeno, con il lavoro deve fare i conti). E tutta la nostra evoluzione come specie ultrasociale si è fondata – ho provato a raccontarlo in un precedente articolo – sui modi in cui, nel tempo, abbiamo organizzato, diviso e condiviso le informazioni e il lavoro.
Per ribadire la profonda interdipendenza tra lavoro e informazione mi basta, credo, ricordare che proprio l’aver cambiato ieri, con l’avvento di internet, il modo ci cui ci trasmettiamo informazioni ci permette oggi di cambiare, in un battibaleno, il modo in cui ci organizziamo per lavorare.  

UN TERZO DEI LAVORATORI ITALIANI. Di fatto, in poco più di un anno è cambiato tutto: nel 2019 il lavoro agile riguardava, nel nostro paese, 570mila lavoratori (stiamo parlando di un singolo giorno alla settimana, essenzialmente nelle grandi imprese). Un anno dopo, lavorano da remoto 6milioni e 580mila persone, circa un terzo di tutti i lavoratori dipendenti italiani. Il Sole24Ore valuta che in un prossimo futuro il lavoro agile possa stabilmente coinvolgere 7 milioni di persone.
Nelle grandi imprese già oggi lavora da remoto il 54 per cento dei dipendenti. Un’impresa su due sta pensando di riprogettare i propri spazi fisici.

CHE FINE FANNO GLI UFFICI? Chi va in ufficio per tre, o forse per due, soli giorni alla settimana, forse non avrà più bisogno di una propria scrivania. Ecco perché si rivoluzionerà l’assetto degli uffici. Ma ci sarà anche meno gente che sta in ufficio nello stesso momento, e questo vuol dire che diversi spazi saranno inutilizzati. E che alcuni edifici perderanno, almeno parzialmente, la propria funzione. Avremo quartieri per uffici semideserti, come se fosse sempre domenica?

COME CAMBIANO LE CASE? Invece altri edifici, quelli in cui abitiamo, acquisteranno una funzione nuova. Cambieranno i criteri secondo i quali si cerca casa? Ridisegneremo le nostre stesse abitazioni: non più solo luoghi dove dormire, cucinare e mangiare, stare insieme e conservare le nostre cose, ma anche luoghi di lavoro? E di quanto spazio avremo bisogno, dato che appoggiare il computer sull’asse da stiro è una soluzione brillante, ma non ottimale? Arrederemo almeno una parete in modo tale da dotarci di un ottimo sfondo per le riunioni via Zoom?

TUTTI VIA DALLE CITTÀ? Ma non solo: avrà ancora senso abitare nelle città? Il Sole 24Ore riferisce di una ricerca svolta su un campione di mille lavoratori attivi, il 57 per cento dei quali afferma di essere disposto a trasferirsi dalla città a un’area rurale se potesse continuare a svolgere il proprio lavoro in modo flessibile e da remoto. Tra l’altro, più di un lavoratore su due (il 53 per cento) conferma che accetterebbe (o ha già accettato) una diminuzione di stipendio in cambio della possibilità di operare completamente da remoto, senza alcun vincolo geografico.

…E I TRASPORTI? Appunto: come cambierà il sistema dei trasporti? Ci saranno ancora, propriamente, “ore di punta”? E il pendolarismo? 
Il pendolare è stressato e inquina: più smart working ridurrebbe le emissioni di CO2 di 214 milioni di tonnellate all’anno, titolava Business Insider nel 2018. Bene: eccoci serviti, adesso. E come reagirà, nel medio periodo, il mercato dell’auto? A proposito: volendo, si può praticare il lavoro agile anche dal camper. Ora ce ne sono di progettati apposta.

CHE SUCCEDE A CASA? Se pensiamo non solo ai consumi, ma anche al sistema delle relazioni, possiamo renderci conto che i mutamenti potrebbero essere ancora più profondi e radicali. Come cambiano le dinamiche familiari in una situazione di lavoro agile? Come (auspicabilmente in modo più paritario) cambia la ripartizione del lavoro domestico? Insomma: chi va a fare la spesa, chi butta la spazzatura, chi porta i figli a scuola, chi lava i piatti, chi cucina e chi pulisce il bagno? 
Avvenire dice che, in quest’ambito, finalmente il divario di genere si sta riducendo. È un dato che da solo basterebbe a farci guardare al lavoro agile come a una gran risorsa positiva per il futuro.

CHE SUCCEDE TRA IMPRESE, LAVORATORI, SINDACATI? Cambia anche la relazione tra lavoratore e impresa. Se in precedenza il rapporto era, se non equo, chiaro (soldi in cambio di tempo), ora si tratta di soldi in cambio di prestazioni.  E di più soldi in cambio non di più tempo (gli straordinari retribuiti) ma in cambio di maggiori o migliori prestazioni. Ma il tempo è un dato oggettivo, mentre la quantità e la qualità delle prestazioni possono essere più difficili da codificare e valutare, specie se gli obiettivi non sono chiari e condivisi. O se chi è preposto a valutare non è preparato a farlo. 
E come influirà, tutto questo, sulle contrattazioni sindacali? Sul linguaggio stesso dei sindacati?

AH, LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE! E ancora: poiché cambia, modernizzandosi, il modo di lavorare dei dipendenti pubblici, forse cambierà in meglio anche il rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione, proprio perché il lavoro agile da una parte obbliga i dipendenti a lavorare per obiettivi, dall’altra costringe le istituzioni a riorganizzarsi in modo radicale, ottimizzando le procedure, formalizzando le prestazioni e istituendo indicatori adatti a valutarle. E a migliorare rapidamente e drasticamente le competenze informatiche del personale.

LA QUESTIONE NUMERO 1: L’AMBIENTE. Infine, il lavoro agile influisce su due grandi questioni che riguardano il futuro di tutti noi: la prima è la sostenibilità ambientale. E qui è chiaro che l’impatto può essere in larga misura positivo: si riducono le emissioni, si decongestionano i trasporti pubblici e le città, forse si rianimano i borghi. 
Ma come la mettiamo, per esempio, con il consumo di suolo? Nel lungo periodo, le mille postazioni d’ufficio che oggi si trovano impilate in un grattacielo centrale  peseranno più o meno delle stesse mille postazioni, probabilmente ridotte per estensione, ma sparse in abitazioni private (che comunque un po’ più grandi dovranno essere) distribuite nelle aree periferiche, o nei borghi? 
Senza contare che gli uffici centralizzati forse si ridurranno, forse modificheranno le proprie funzioni, ma di certo non spariranno. Il dibattito è appena avviato, e a oggi mancano risposte convincenti.

LA QUESTIONE NUMERO DUE: SICUREZZA E SORVEGLIANZA. La seconda questione ha due facce: protezione dei dati e sorveglianza. Le conversazioni riservate fatte via Zoom invece che nel chiuso degli uffici resteranno altrettanto riservate? I dati sensibili transitati dal computer di casa saranno protetti come lo erano in precedenza, grazie ai robusti firewall aziendali? 
E quanto ci sembrerà intrusiva la presenza delle aziende dentro le nostre case? Il Wall Street Journal propone un elenco dei diritti di chi lavora da remoto. Il primo punto recita: a ogni lavoratore dovrebbe essere permesso di lavorare a video spento. Questa è casa tua, non è casa del tuo capo.

L’immagine che illustra questo articolo è del bravissimo Joel Robinson. Qui il suo sito.

Il sindaco della cittadina di Providence, nel New England, il 3 febbraio 2014 lancia un’iniziativa davvero curiosa: si chiama Providence Talks. Punta sullo sviluppo del linguaggio infantile e ha...
“Creativo” è un aggettivo, non un sostantivo, scrive Sandor Von Mallasz a conclusione di un lungo ed energico post su Facebook, in cui se la prende con la sicumera implicita in alcuni commenti...
Analogia vuol dire somiglianza o equivalenza di proporzioni, di caratteristiche, di funzioni, di forma, di struttura. La parola viene dal greco ἀνα (uguale) λόγος (discorso, parola,...
Quali sono le prime tre cose che vi vengono in mente se scrivo la parola “memoria”? Forse state pensando alle poesie imparate a memoria. O che la vostra memoria vi sembra più o meno buona....
Da qualche anno le neuroscienze hanno cominciato a osservare la politica, o meglio: hanno cominciato a osservare cervello e politica insieme, considerando caratteristiche e attività cerebrali, e...
Un breve ma consistente documento dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico elenca alcuni fatti che riguardano l’istruzione: dovremmo ricordarcene sempre, e i governi...
1. LA SFIDA PER IL NUOVO ANNO. Poco prima della mezzanotte del 2 gennaio 2015, e dopo aver chiesto suggerimenti online e averne ricevuti oltre 50.000, Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook,...
Nel secolo scorso, quando andavo all’università, mi infilavo sempre la stessa camicia bianca a quadretti blu per fare gli esami. Me l’ero messa per il primo, che era andato alla grande, e ho...
Dai paesi anglosassoni e dall’estremo oriente un buon numero di video ad alta intensità emotiva si sta, da qualche anno, diffondendo in rete. Le narrazioni e gli stili sono diversi e testimoniano...
Lo humor è affascinante. È seduttivo perché scintilla di intelligenza e accende la complicità. È creativo perché apre nuove prospettive. È tanto semplice da riconoscere quanto difficile da...
Certi esempi di genio e sregolatezza sono proprio curiosi. C’è l’incidente occorso al fisico britannico Matt Taylor dell’Agenzia Spaziale Europea, presentatosi in tv per commentare...
Adesso gli scienziati lanciano l’allarme sulle conseguenze del multitasking strilla un recente articolo su La Repubblica. Dopo un lungo, colorito esordio arriviamo a un primo fatto: Sandra Bond...
Siete alla scrivania da ore e non vi viene in mente un accidente di niente? Beh, forse non vi trovate nel posto giusto. Leggete qui. Camminare dà gambe alle idee. Lo dice il Sunday Times, citando...
Riprendo volentieri il discorso su creatività e ostacoli: ha suscitato interesse, diverse questioni e un buon dibattito in rete. Tutto questo mi convince a rendere esplicito ciò che mi sembrava...
Al giovane Phil Hansen tremano le mani per via di un danno neurologico permanente, e non c’è rimedio. Lui sta frequentando una scuola d’arte, non riesce più neanche a tracciare una riga dritta...
Nassim Taleb parla sei lingue, e anche un po’ di italiano. Ha il sorriso facile, un ottimo sense of humor e un gusto speciale per i paradossi. Ha coniato un termine, antifragile, che è un modo di...
La mia amica Elena mi chiede se esiste una ginnastica per la creatività. La risposta breve sarebbe “sì, in senso lato. Non esattamente, in senso proprio, ma diverse cose interessanti si possono...
Ogni storia di creatività è una storia di idee scartate. The first draft of anything is shit, afferma Ernest Hemingway, alla sua maniera ruvida e diretta. Almeno all’inizio, tutti i nostri film...
(un contributo di Claudio Passera) Il detto don’t judge a book by its cover traduce in inglese almeno due motti: l’abito non fa il monaco e non farti ingannare dalle apparenze. È anche il nome...
Non ce n’è: il modo più semplice, più rapido, più divertente, più efficace e (quasi) infallibile per trovare buone risposte è farsi buone domande. “Giudicate un uomo dalle sue domande più...
L’immagine qui sopra è romantica e sognante. Il messaggio qui sotto, invece, è frustrato, esasperato e indignato. Leggetelo. Al termine aggiungo un paio di ulteriori quesiti. Opinioni e consigli...
Le nostre università continuano a sonnecchiare ai medi livelli delle classifiche internazionali (la prima è Bologna, al 182 posto). Ogni tanto, risvegliandosi, fantasticano sul fatto che basti...
Avete mai sentito parlare del Flynn Effect? Riguarda il fatto che il quoziente d’intelligenza medio, nell’ultimo secolo, è cresciuto in modo sostanziale. La storia della sua scoperta è...
IL desiderio di poter prevedere il futuro risale ai tempi più remoti. Sia in Oriente sia in Occidente indovini, sacerdoti, maghi e astrologi predicono il futuro interpretando eventi atmosferici,...
L’emisfero destro creativo? Non è vero. Il fatto che usiamo solo il dieci  per cento del nostro cervello? Una sciocchezza. Compiuti i tre anni di età i giochi neurali sono fatti, e quindi...
Il 17 marzo scorso, all’alba e tre soli minuti dopo il verificarsi di un terremoto nell’area di Los Angeles, il sito del Los Angeles Times ne dà notizia con un breve testo. A recuperare tutti i...
Bias cognitivi: ne avete mai sentito parlare? L’edizione inglese di Wikipedia ne pubblica un lungo elenco piuttosto terrorizzante. Molti articoli di svariato contenuto, dal management alla vita di...
È un intero, completo, semplice corso di prevenzione e pronto soccorso (come evitare gli incidenti, a casa e in auto. Come comportarsi con ferite, scottature, veleni… fino alla rianimazione per i...
Sarà per via della linguaccia, di quella faccia che sembra un cartone animato e di un’aneddotica ricchissima (la distrazione, l'antipatia per i calzini). Sarà perché è considerato il più...
Ferrara, Festival di Internazionale. A sentire Tullio De Mauro c’è un sacco di gente. Sedersi, non se ne parla nemmeno. Circumnavigo il mucchio assiepato sul fondo del grande cortile della...
“Più in forma, più alti, brizzolati, coi piedi ben piantati in una posa autorevole (power posing) e una voce più profonda”. Questo, in sintesi, secondo l’Economist è ancora oggi il ritratto...
(Un contributo di Claudio Passera) Nel bizzarro e curioso mondo del mercato dell’arte può capitare anche di potersi comprare uno squalo sotto formaldeide per la cifra esorbitante di 12 milioni di...
“Il mondo degli affari deve combattere una persistente battaglia contro la burocrazia”, scrive l’Economist. E aggiunge che “la cianfrusaglia più debilitante è la complessità...
Sapevo che l’avrei trovato suggestivo, ho aspettato il momento giusto per aprirlo e finalmente sono riuscita a ritagliare il tempo necessario per una lettura intensiva. Si tratta di Quiet, il...
La prima edizione del Festival della comunicazione di Camogli mi è parsa energica e affollata. Un fatto curioso: i più giovani tra i relatori che sono andata ad ascoltare hanno parlato a partire...
Claudio Passera ha una laurea in lettere e una passione per l’editoria. Soprattutto, è una persona curiosa ed ama – dice – i libri, le storie, l’arte, la musica, la cucina e la moda...
Ha fatto assai rapidamente il giro del web la notizia che nella sintesi in 12 punti del documento governativo intitolato La buona scuola ci fosse qualche a capo non proprio ortodosso. È giusto...
D di Repubblica mi ha chiesto di scrivere un editoriale. Da brava manovale delle parole ho subito domandato: argomento? Taglio? Numero di battute? Tono? La risposta è stata spiazzante. Più o meno...
Ogni anno in Italia circa 20.000 bambini subiscono incidenti. Circa 1000 restano invalidi per sempre. Gli incidenti domestici causano addirittura più morti degli incidenti in auto. Non abbiamo idea...
Uno dei buoni propositi per il futuro prossimo potrebbe essere questo: “dormire un po’ di più”. E farlo sapendo che non è una scelta da mollaccioni pigri, ma una precisa strategia per stare...
Ogni tanto i ritmi di lavoro subiscono un'impennata. Succede subito prima delle vacanze. Succede quando si avvicinano scadenze cruciali. Spesso succede senza un motivo apparente. Decisioni rimandate...
Da un po’ di tempo mi frulla in mente una storia ambientata in un futuro assai prossimo. Non la scriverò mai, e non ho nessuna idea di come va a finire. Però ve la racconto qui sotto per sommi...
Ho raccolto, girovagando in rete, una serie di notizie, video, test e curiosità che hanno a che vedere col colore. Ve le propongo tutte insieme, raccolte in questo articolo: una tavolozza di...
Due cose possono danneggiare qualsiasi lavoro, e in modo particolare un lavoro creativo: la prima è accontentarsi subito di un risultato mediocre, rinunciando a migliorarlo. La seconda è non...
Gira in rete un esilarante e impietoso video del nostro presidente del Consiglio, non alle prese con i termini inglesi che così disinvoltamente impiega parlando (network, family, cool, friendly…...
Conviene diffidare delle mode. È quanto invita a fare il Corriere Cultura a proposito del termine empatia: viviamo nel mezzo di una «smania empatica», per usare l’espressione di Steven Pinker,...
Cominciare un lavoro creativo spesso è il momento più difficile dell'intero processo. In realtà, cominciare a fare qualsiasi cosa (anche a mettere ordine negli armadi, a organizzare un viaggio o a...
“I progetti delle donne superano quelli degli uomini”. A fare questa affermazione è GFK Eurisko, la maggior società italiana di ricerche di mercato, in apertura della newsletter di luglio. Non...
Noi chiamiamo “ritratto” la riproduzione delle fattezze di una persona. Ma l’idea di base è che la riproduzione non sia meccanicamente fedele: altrimenti considereremmo come i migliori...
Il talento naturale sembra a tutti sommamente ammirevole e seducente, tanto da distorcere la percezione dei risultati effettivi ottenuti. Perfino negli Stati Uniti, un paese che ha fatto del try...
Benessere psicologico, che cos'è? Il medico e psichiatra Danilo di Diodoro dice, nelle poche righe di un articolo sul Corriere della Sera, quali elementi sono fondamentali : è un testo interessante...
Roma, qualche giorno fa. Albergone moderno, spazi ampi e ovattati, un folto gruppo di uomini in giacca e cravatta e donne in abiti formali, tutti muniti di cartelline e tesserini di riconoscimento:...
A maggio del 2016 scade la convenzione con la quale lo stato concede in esclusiva alla Rai la gestione del servizio pubblico televisivo. Non è solo un passaggio amministrativo. La convenzione risale...
Questa è l’ultima puntata. Un paio di settimane fa, a partire da un innocentissimo quesito sui nomi e l’atto del nominare, e mossa da una di quelle curiosità che sembrano tanto più urgenti...
C’è l’universo dei nomi propri e c’è l’universo parallelo, denso e aggrovigliato, degli pseudonimi: nomi che si accostano al nome, o lo velano, o lo cancellano del tutto fino a costruire...
Dash e Dixan. Nike e Adidas. Twitter ed eBay, Wikipedia e Amazon. Toblerone e Nutella. Greenpeace ed Emergency. Se dico il nome sapete subito di che si tratta. Non solo: ciascuno di questi nomi, che...
Compro libri dappertutto, e farlo mi piace molto. Compro libri nelle librerie, alle edicole delle stazioni, negli aeroporti (per esempio, a Cagliari c’è una libreria non male). Frugo tra i...
Che cosa significa, sia in termini simbolici, sia in termini concreti, dare un nome? Come dicevamo nella prima puntata di questa passeggiata in cinque tappe nell’universo dei nomi (questa è la...
È una bufala che la lingua inuit abbia centinaia di nomi per definire differenti tipi di neve. Invece è vero che nelle diverse lingue (e anche nei dialetti) troviamo nomi che identificano fenomeni...
Il Corriere della Sera titola in prima pagina Coraggio e creatività per Milano. Seguono oltre ottomila battute per dire, nell’ordine, che: l’imperativo è salvare l’Expo. “Allarme Milano”...
Ve li ricordate, quei cartelli variamente decorati che fino a non troppi anni fa, dai muri di molti pubblici esercizi, in modo rude ma tutto sommato bonario esortavano prima di azionare la bocca,...
Il fotoritocco è vecchio quasi quanto la fotografia, e falsi fotografici sono sempre esistiti: c’è un sito (fateci un giro, è interessante) che ne raccoglie una quantità, a partire dal 1840....
Scusami se ti ho scritto una lettera lunga. Non ho avuto il tempo per scriverla più corta. Così il matematico, fisico e filosofo francese Blaise Pascal – non Voltaire, Locke o Cicerone, come...
Ci sono tanti modi efficaci per promuovere la lettura. Per esempio, Liberiamo traduce, ripropone (e, con ciò, combatte)  30 pregiudizi spocchiosi nei confronti del leggere. Qui trovate la prima...
Giuseppe Verdi ha ottant’anni quando manda in scena il Falstaff. Michelangelo Buonarroti lavora alla Pietà Rondanini quando ne ha quasi ottantanove. Ma il grande vecchio che preferisco – infatti...
Antonio Laurino è un simpatico ragazzo di Napoli che da pochissimo lavora con noi. Gli ho chiesto di raccontare in un post che cosa, dalle sue parti, succede di nuovo, di interessante e creativo e,...
Gira in rete una crescente quantità di video che mostrano il meglio (e più frequentemente il peggio) di tutti noi. Ma di che si tratta? Leggete qui, e guardate i video: o sono linkati in arancione,...
Tra i primi dieci film di maggiore incasso della storia del cinema cinque sono di ambientazione fantascientifica, tre sono fantasy, uno (Titanic) è storico e uno (Skyfall) è di spionaggio. In...
Arrivo a Mirandola attraversando la verde, rigogliosa campagna modenese. Sono campi e pioppeti che si alternano, man mano che ci si avvicina al centro urbano, a insediamenti industriali nuovissimi e...
In quest’ultimo periodo, in due casi diversi, mi sono trovata a ragionare sul modo in cui usiamo e percepiamo le parole italiane e inglesi. Vi racconto che cosa è successo e che cosa mi sembra di...
Una settimana, un giorno, solamente un’ora canta Edoardo Bennato alle prese con un addio difficile. È l’incipit perfetto per una serie di suggestioni che riguardano il tempo, e il suo...
Succede qualche tempo fa: mi accorgo che spesso diciamo in inglese cose che si possono dire in italiano altrettanto bene. Propongo su NeU una lista di parole inglesi che si usano spesso e di...
Forse avete già visto il recente, bel video del Sunday Times che in un unico, fluido piano-sequenza evoca diverse icone della cultura moderna (il pensatore di Rodin, Forrest Gump, Mad Men, la...
Curiosa contraddizione. Apparteniamo a un paese che non legge e che neanche si preoccupa così tanto di nasconderlo. Eppure. Eppure eccoci qui, a leggere di come leggere più velocemente grazie a un...
Tra una parola e l’altra. Tra una nota e l’altra (ed è in quel tempo infinitesimo che un’accelerazione o un’esitazione possono essere indizio del talento dell’interprete. Music exists in...
Per quanto un lavoro sia lungo e complicato, a un certo punto succede che lo finite e lo potete consegnare, no? La risposta è “sì, l’avete finito ma no, non è ancora esattamente il momento di...
Quando scrivo non voglio essere falsa. Quando si ha talento, è molto facile essere falsi. Il talento è pericoloso, perché si è a proprio agio con le parole. A un tratto qualcosa suona bene, è...
Spesso i fatti o i gesti che val la pena di cogliere perché illuminano un evento o accendono un’intuizione se ne stanno lì, davanti agli occhi di tutti. Il problema è che nessuno se ne accorge....
Premessa necessaria: questa non è una crociata contro l’inglese. Parlare bene non solo l’italiano ma anche l’inglese (o qualsiasi altra lingua) è bellissimo e utilissimo. Ma non sempre è...
Fra tutte le domande (moltissime delle quali fondate, interessanti e doverose) che ci si potrebbero fare a proposito di Matteo Renzi, ce n’è una particolarmente stucchevole che negli ultimi giorni...
Un articolo uscito  sulle pagine de La Repubblica sembra lanciare un messaggio netto. “Il talento non conta, solo l’esercizio ci fa primeggiare. Dalla musica allo sport: le nuove teorie della...
Rieccomi a parlare di stereotipi pubblicitari e donne  al convegno Donna è…, organizzato da Rai a Roma. Sala piena, interventi interessanti e, per fortuna, poche dichiarazioni di circostanza....
Di resilienza si sente parlare sempre più spesso. La parola ha una storia antica (viene non dall'inglese, come molti credono, ma dal latino resilis, che significa rimbalzare, ritornare in fretta)....
Giovanni Galetta mi invia un ricordo esilarante.  Ve lo ripropongo. Corso di marketing in Bocconi. Fra i tanti partecipanti ce n’è uno, il direttore commerciale di un’azienda di rivestimenti,...
Metà dei lavori di oggi spariranno nel giro di vent’anni. A dirlo è una multinazionale dei mass media come AOL, e non è un’affermazione estemporanea: già nel 1999 il Department of Labor...
Oggi il percorso di NeU tra le emozioni prevede una tappa musicale. Ad accompagnarci (grazie!) c’è Bruno Pasini: una vita passata con la musica, dalla discografia (è stato capo della divisione...
Tra i molti romanzi scritti da Stephen King, uno dei miei favoriti (so bene che non tutti i fan del Re sono d’accordo) è La storia di Lisey. La trama di superficie è semplice: un noto scrittore...
PICCOLO, BELLO. Si intitola Small is beautiful e l’ha scritto l’economista inglese Ernst Friedrich Shumacher. Pubblicato all’inizio degli anni Settanta, è considerato uno dei testi più...
Vittorio Cucchi mi invia (grazie!) un articolo appena uscito sul New York Times, il quale segnala che in molte università americane la creatività (creative studies) ha ormai raggiunto lo status di...
Sono convinta che, in questi tempi inquieti, un po’ di alfabetizzazione emotiva (o, almeno, un piccolo ripasso) non possa che far bene assai. Quindi aggiungo una seconda puntata alle coordinate di...
Non sono una fan del time management e credo che anche il tempo vuoto, o dedicato ad attività in apparenza improduttive, abbia un suo perché: bisogna pur dare un’opportunità alla serendipity,...
Le emozioni sono qualcosa di antico, potente, universale e inafferrabile. Tu chiamale, se vuoi, emozioni, cantava l’indimenticabile Lucio Battisti nei primissimi anni Settanta (qui il video Rai)…...
Non tutte le procedure hanno lo stesso valore. Per capire come mai, cominciamo dall’inizio. Procedura: l’insieme di norme, formalità, usi e consuetudini che regolano la pratica di...
No, quello che vedete qui sopra non è un giardino fiorito dipinto da un impressionista: sono cellule di tessuto connettivo fotografate al microscopio. E questo è solo l’inizio del viaggio che vi...
I ragazzi non devono annoiarsi a scuola: chi si annoia non impara. Il contrario di “annoiarsi a scuola” non è “divertirsi”. È “essere interessati”. L’interesse nasce di fronte a...
Alcune biblioteche sono bellissime. A ricordarlo ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, è l’affascinante gallery pubblicata da BuzzFeed, il quale non manca di sottolineare che the libraries...
Il cortocircuito tra i registri espressivi di due recenti e interessanti campagne pubblicitarie straniere che parlano di madri, Old Spice e P&G (una va decisa sui toni comici fino a sfiorare il...
La grafica (o per dirla all’inglese, che sembra più cool – e anche la pagina di Wikipedia è meglio: il graphic design) è un mondo meraviglioso. Per me, che so chiamare per nome solo una...
Vi conviene ripartire dall'inizio ogni volta che vi accorgete di non saper più dove andare. Succede fin troppo spesso. Siete impegnati in un lavoro creativo che via via si fa più ingarbugliato e a...
Cerca in Nuovo e Utile