San Pietroburgo: ambizione, incanto e una domanda

La prima tappa è San Pietroburgo. E la prima cosa che facciamo è cercare un negozio di telefonia e comprare una sim. Viaggiare con un figlio millennial dotato di telefonino con accesso ai dati vuol dire disporre sempre di tutte le informazioni utili per muoversi bene in una città sconosciuta.

QUESTIONI DI RITMO. Ma non solo: vuol dire viaggiare con uno che capirà sempre prima di te il funzionamento di qualsiasi macchinetta distributrice di qualsiasi cosa. O la mappa di qualsiasi metropolitana. Che chiederà in un inglese migliore del tuo qualsiasi informazione, e che in generale è più veloce e più impaziente. 

Vuol dire anche, per esempio, prendere appunti per un articolo da scrivere un paio di mesi dopo, al ritorno in Italia, mentre lui in tempo reale ha già postato foto su Instagram e risposto ai commenti di un amico negli Stati Uniti. E magari preso accordi con l’altro amico che incontreremo a Pechino. 

SINCRONIZZARSI. Passeremo cinquanta giorni insieme, girando. Mi accorgo che cerchiamo entrambi di sincronizzare non solo il nostro passo (per fortuna sono una decente camminatrice) ma soprattutto il nostro ritmo. Lui rallenta per quanto riesce, io accelero per quanto posso. 
Fisica delle relazioni interpersonali: sincronizzarsi è l’imperativo per ridurre gli attriti. 

LEGGERE, UN PO’, IL CIRILLICO. Ovviamente, per muoverci, ci tocca decifrare almeno qualche scritta (i cartelli stradali, per esempio) in cirillico. Anche in questo mio figlio è più bravo e più veloce. La prima parola che imparo a riconoscere è l’onnipresenta KACCA. La C si pronuncia come una s: è la sigma greca, in una grafia medievale. La cassa, il posto dove si fanno i biglietti. 
Per i testi più lunghi c’è l’app di Google translate, che permette di fotografare una qualsiasi scritta (funziona con 38 lingue) ottenendone l’immediata traduzione. Provare per credere.

QUESTIONE DI NOMI. Dopo essere stata rinominata Pietrogrado (nel 1914) e Leningrado (nel 1924) San Pietroburgo decide con un referendum di tornare a chiamarsi con il suo nome originale nel 1991. Pochi mesi dopo Gorbačëv rassegnerà le dimissioni, nel pieno del terremoto economico e politico conseguente alla caduta del Muro di Berlino. 
Con il medesimo referendum, la provincia sceglie di conservare il nome precedente, e continua a definirsi come l’Oblast di Leningrado. Una discreta contraddizione tra prospettive storiche, oltre che tra centro e periferia.

INCANTEVOLE. Chiunque racconti di San Pietroburgo dice che è incantevole: l’espressione del progetto e, prima ancora, del sogno di Pietro il Grande di togliersi dagli intrighi moscoviti e presidiare il mar Baltico costruendo dal nulla, ai primi del 700, una città all’altezza delle grandi capitali europee. 

TONI VEZZOSI. In effetti a chi, come noi, ci cammina in un giorno d’estate carezzevole e luminoso, il centro storico di San Pietroburgo appare bellissimo, scintillante com’è di canali, cupole dorate e tinte pastello. È una palette di toni vezzosi, che sembrano rubati a un vassoio di macarons.

Eppure, solo nel  singolo momento in cui il cielo, da azzurro che era, si scurisce e diventa color piombo risulta evidente la logica di tutti quei colori, brillanti per compensare il grigio degli inverni lunghissimi nella metropoli più a nord del mondo. Clic, clic. Colgo l’attimo e scatto.

San Pietroburgo Ermitage
L’Ermitage, San Pietroburgo

NATURA OSTILE. Del resto, la nascita stessa della città è segnata dallo sforzo titanico di addomesticare un luogo inospitale e avverso: decine di migliaia di disgraziati servi della gleba ci vengono portati a forza, e muoiono in corso d’opera piantando pali per consolidare il delta paludoso del fiume Neva. 

Architetti italiani e francesi si sforzeranno poi di mascherare e addolcire l’ostilità della natura progettando strade ampie, piazze ariose, edifici eleganti e opulenti. È una storia di magnificenza, arroganza, guerra, ambizione, visione e crudeltà. 

UN VIALONE CHE NON FINISCE MAI. Anche la Prospettiva Nevskij è molto più ampia di come pensavo, e continua a essere gremita a ogni ora del giorno, oggi come ai tempi di Nikolaj Gogol’. Devo fare un bello sforzo di fantasia per immaginare i marciapiedi di legno della prima metà dell’800, le carrozze e le schiere di impiegatucci, militari, signore in cappellino di raso e perdigiorno di cui parla lo scrittore nel  primo dei Racconti di Pietroburgo.

ICONA MIRACOLOSA. Oggi c’è un discreto traffico. Un sacco di turisti. Un sacco di negozi per turisti. A metà circa della Prospettiva, il susseguirsi di facciate color pastello  è interrotto dal cupo e imponente colonnato semicircolare della cattedrale di Santa Maria del Kazan. Anche l’interno è cupo. E affollato. Pochi i turisti. Lunghissima, invece, la coda delle persone in attesa di baciare l’icona miracolosa di Santa Maria. 
Già, le icone si baciano, seguendo una ritualità piuttosto complicata. 

La cattedrale di Santa Maria del Kazan, San Pietroburgo

LCOME BACIARE UN’ICONA. Mi sono fatta poi spiegare bene quali sono le regole: se serve, bisogna mettersi pazientemente in fila. Quando ci si avvicina (può essere necessario salire qualche gradino) ci si inchina e si fa il segno della croce. Non si bacia mai (mai! Vietato!) la faccia dell’immagine: bisogna cercare la mano (se c’è e si vede), perché è quella che benedice. Se no, una croce (se c’è e si vede), Se no, l’angolo in basso a destra dell’immagine (ma non la cornice). 

Dopo aver baciato l’icona, ci si appoggia sopra la fronte. Sulla balaustra accanto all’icona spesso si trova una salvietta ricamata, nel caso fosse necessario dare una pulitina al vetro. Se c’è la fila: sbrigarsi, per favore.

ATEISMO DI STATO. Nel 1997, dopo settant’anni di ateismo di stato, la legge “sulla libertà di coscienza e le organizzazioni religiose” ha stabilito il primato del credo ortodosso sulle altre quattro fedi russe tradizionali: islam, buddismo, ebraismo, cattolicesimo. 
Curioso segno del cambiamento: dal 1998 l’agenzia spaziale russa fa benedire i razzi prima del lancio dal prete ortodosso.
La cattedrale del Kazan, come molte altre chiese in precedenza trasformate in musei,  magazzini, scuole o ospedali, è stata riaperta al culto negli anni ’90. 

GLI ULTIMI ZAR. C’è una gran ressa anche nella cattedrale dei santi Pietro e Paolo, dove si trovano le tombe dei Romanov: una quantità di enormi, spoglie urne di marmo messe senza troppo ordine una accanto all’altra, alte sul pavimento della chiesa. 

DNA IMPERIALE. Non sapevo che, fra mille polemiche, la chiesa ortodossa avesse canonizzato l’ultimo zar, Nicola II, e la sua famiglia, in qualità di martiri. Ma non la servitù uccisa insieme a loro.
Le spoglie sono state tumulate nel 1998. E definitivamente autenticate solo di recente, grazie a un esame del dna che ha coinvolto molti discendenti, Filippo d’Inghilterra compreso.

FERVORE. Vicino ai turisti cinesi che si fanno i selfie sfilano famiglie russe, gruppi di ragazzi, gruppetti di anzane che allungano la mano tentando una carezza sul marmo. Devo dire che non mi aspettavo tutto questo fervore. L’altra cosa che non mi aspettavo è l’abbondanza di trofei militari collocati nelle chiese. 

SORRIDERE NEL 2005. “Abbiamo ricominciato a sorridere nel 2005. Prima tutto il mondo non faceva altro che rimproverarci lo stalinismo” mi dice, in ottimo inglese, ma abbastanza a muso duro, e senza troppa voglia di ascoltare repliche, una graziosa signora bionda più o meno della mia età. 

LE FERITE DEL NOVECENTO. Ascoltandola, percepisco per la prima volta una sensazione che, nel corso del viaggio, diventerà via via più forte, articolandosi e corroborandosi grazie a diversi indizi. E a svariati discorsi analoghi. Tutte le vicende e le ferite dell’intero ‘900 restano ben vivide, presenti e dolenti nella mente di chiunque abbia più di quarant’anni, intrecciate con una dose di spirito di rivalsa e di riscatto. È una disposizione  mentale che, nel nostro smemoratissimo paese, appare abbastanza inconcepibile. Dunque non giudico, non controbatto, ascolto e cerco di capire.

QUELLO CHE MI DOMANDO. Comincio anche a domandarmi se tutto questo guardare a un passato meno recente,  compresi il fervore ortodosso e la rinnovata attenzione ai Romanov, non possa essere, anche, strumentale rispetto a qualcos’altro. Per esempio, se non abbia a che vedere con l’identità e l’orgoglio nazionale. E, perfino, con il soft power: la capacità di produrre e diffondere narrazioni interessanti e seduttive per gli interlocutori di altri paesi.

LUOGHI D’INTERESSE. L’Ermitage è gremito: non si può far altro che trascinarsi di stanza in stanza, tra ori e stucchi, seguendo il flusso. Per fortuna, c’è meno gente che va a vedere gli impressionisti, giusto di fronte: eppure, basta attraversare la piazza. La cattedrale di San Nicola dei Marinai è dipinta in un incredibile azzurro e l’interno è davvero suggestivo: merita una deviazione dagli itinerari più consueti. Anche il museo Fabergé è gremito, mentre al Museo Russo c’è tutto sommato poca gente.

Malevič, 1915 – Museo di Stato Russo, San Pietroburgo

PRANZARE SULLA PROSPETTIVA. Un buon posto per un pranzo veloce è il Marketplace, un grazioso self service al numero 24 della Prospettiva Nevskij, con cibo fresco e arredamento contemporaneo. Un posto di cibo da vedere è, invece, il Magazin Kuptsov, al numero 56.

CENARE A SAN PIETROBURGO. Per cenare, la simpatica ventenne al bancone dell’albergo prova a indicarci un ristorante con camerieri in costume e spettacolo. Le chiediamo dove va lei, quando esce coi suoi amici. Dice che loro evitano accuratamente la cucina russa e vanno a mangiare sushi. 

“Se proprio volete qualcosa di locale a un buon prezzo, andate in un ristorante georgiano –aggiunge –, I georgiani hanno grosse famiglie, si siedono insieme a tavola e fanno festa. Proprio come voi”.
Non ci prendiamo la briga di mettere in discussione lo stereotipo, e teniamo conto del suggerimento. Finirà che, nel corso del soggiorno, mangeremo georgiano diverse volte, con gran soddisfazione.

Questo articolo è il secondo di una serie in cui racconto un giro del mondo fatto con mio figlio. Qui gli altri articoli:
1)
Giro del mondo: il viaggio comincia prima
3) Mosca tra lusso, cinesi e memorie sovietiche
Questi articoli escono anche su internazionale.it

In una Ted Conference 2011 lo statistico Hans Rosling ricorda con dati semplici e inequivocabili che il maggior problema del mondo prossimo venturo è la mancanza di energia: macchine “magiche” e...
I farmaci generici hanno scarso successo commerciale? Forse è anche un problema di comunicazione. Questa, come è noto, orienta la percezione dell'offerta. D'altra parter, saper comunicare...
Roma, 4 aprile: si parla de “Il Consumo dell’immagine della Donna”. L'obiettivo, ovviamente, è promuovere un'idea di pubblicità non sessista. Ci sono il ministro Carfagna e il vicepresidente...
Perché raccontiamo? Siamo animali che raccontano storie, e raccontare ci è indispensabile sia come individui sia come specie, dice Jonathan Gottschall, docente di letteratura al Washington &...
Il guaio è che le buone notizie non fanno notizia. E, dunque, anche le buone pratiche spesso mancano della visibilità necessaria non solo a promuoversi, ma a innestare cortocircuiti virtuosi....
Guardate la storia di questi ragazzini tailandesi e del loro campo da calcio sull’acqua. È bellissima e c’è dentro tutta la magia dei gruppi che funzionano. La creatività di gruppo ha diverse...
Che significa giocare? Che cos’è un gioco? Perché giochiamo? Sembrano domande semplici ma basta provare a rispondere per capire che non lo sono. Giganti come Kant, Wittgenstein e Freud si sono...
Dopo il lancio dell’ultima campagna di Bersani, il Corriere della Sera si domanda come mai comunicare la sinistra è così complicato. Per capirci qualcosa partiamo da alcune elementari...
I colori vi circondano, e voi vedete un mondo meravigliosamente colorato. Ma vi siete mai chiesti che cosa sono, in realtà, i colori? CERVELLO E COLORI. I colori non esistono materialmente:...
In occasione del centenario dell'8 marzo, e con la speranza che il tema continui a sembrare interessante anche dal 9 marzo in poi, NeU apre una pagina permanente intitolata Donne e creatività. Non...
Uno apre il dizionario e trova che “copiare” è il contrario di “creare”. Vero. Però, lo ricorda Tullio De Mauro, se gli esseri umani non sapessero imitare e ripetere nemmeno potrebbero...
La discussione sull’immagine che delle donne offrono i mass media si è violentemente riaccesa. Riassumo, scusandomi per l’inevitabile semplificazione della sintesi. Vi ricordate Il corpo delle...
Si parla spesso di metterci la faccia e perdere la faccia, e anche di facce di bronzo, di tolla (il termine milanese per “latta”) e di altri, più o meno nobili, materiali. Vi propongo una serie...
I mestieri creativi non si possono “insegnare”. Certo: la scuola serve. Senza competenze di base non vai da nessuna parte. Ma solo la pratica in un contesto reale ti regala la possibilità di...
Si dispone ai sensi degli artt.453 e segg. cpp giudizio immediato a carico dell'on. Silvio Berlusconi, per i reati di cui agli artt. 317, 61 n.2 cp. e 81 cpv., 600bis co.2 cp. avanti al Tribunale di...
Umberto Eco, negli anni Ottanta, scrive: «Il computer è una macchina molto spirituale perché permette di scrivere quasi alla velocità del pensiero». Ma che cosa vuol dire scrivere per il...
Ho pensato per la prima volta di scrivere un articolo sulla procrastinazione oltre un anno fa, quando sono inciampata in questo video. Poi ho perso tempo guardandomi altri video sul tema, per...
C’è un annuncio degli anni settanta, solo testo nero su bianco e un’art direction migliorabile, che si è impresso nella memoria collettiva. Titolo: Né strega né Madonna. Solo donna. Il testo...
Il ministro delle Pari Opportunità firma un protocollo con l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) perché la dignità delle donne sia tutelata. In questo sgangherato paese, lo IAP è...
Il blog de Il mestiere di scrivere, posto amico di noi avvitatori di parole, linka uno scritto di Julio Monteiro Martins. È il racconto degli ostacoli che un autore deve superare per pubblicare il...
Nelle storie, e nella Storia, a bruciare libri sono sempre i cattivi. Dal falò delle vanità del Savonarola in cui si perdono decine di copie del Decamerone a Fahrenheit 451 di Bradbury, dai roghi...
Un mese fa, insieme a Dis.amb.iguando, NeU ha proposto ai navigatori una bella sfida: scrivere elenchi dei valori di una destra e una sinistra moderne. I risultati sono stati superiori alle migliori...
L'anno si sta chiudendo, è tempo di bilanci e molte testate anglosassoni presentano ai loro lettori, secondo una tradizione ormai consolidata, suggestivi elenchi di best of, il meglio di... quasi...
È intitolato La creatività non è né di destra né di sinistra un articolo uscito sul Corriere della Sera. Non posso non segnalarvelo, ma avrei preferito un titolo come “La creatività è sia di...
Dunque: abbiamo preso le liste e i commenti che avete postato sui diversi blog. Abbiamo cercato, per quanto possibile, di ordinarli cronologicamente (se ce ne fossimo perso qualcuno, per favore...
1 dicembre, giornata mondiale contro l’aids. E siamo sempre allo stesso punto. Pubblico qui le slide della relazione su aids e comunicazione che ho tenuto l’anno scorso, nell’Aula Magna...
Siamo abituati al fatto che grandi notizie, cattive e buone, rimbalzino istantaneamente da un capo all’altro del pianeta. I minatori cileni. Il disastro ambientale del Golfo del Messico. Il...
Succede che Bersani e Fini vadano in tivvù a recitare elenchi dei valori di sinistra e di destra (mentre scrivo, Maroni invece è ancora un “prossimamente”). E che molte voci sottolineino la...
Se digitate parodia su YouTube trovate quasi dieci milioni di risultati, mentre con parody ne trovate più di 33 milioni. Per inciso: nel 2010 erano rispettivamente 260.000 risultati (parodia), e 20...
Genitori iperprotettivi: poiché ci sono sempre nuovi bambini, e sempre nuovi genitori, l'argomento è ricorrente. Figli nella bambagia titola il Corriere della Sera, riprendendo un caso apparso sul...
Col rebranding non si scherza. La vicenda è recente e, nei suoi sviluppi fondamentali, semplice: GAP, uno dei grandi marchi della moda globalizzata, decide di cambiare logotipo (o logo. Il marchio,...
Questa mappa vi dà una visione di sintesi della distribuzione mondiale del Pil: (Prodotto Interno Lordo, in inglese GDP). È  un indice macroeconomico ma non interessa solo gli economisti. Misura...
Il cervello che sogna sta facendo un gran lavoro creativo. Di fatto, il nostro cervello non riposa mai. Quando sogniamo o fantastichiamo, il cervello riorganizza esperienze, stabilizza legami...
Questo post tratta un tema ispido. Per approfondire vi invito a leggere anche i link in arancio. Dunque: un articolo di Time Arrivederci Italia: Why Young Italians Are Leaving riprende il tema della...
La sinestesia è il fenomeno percettivo che cortocircuito due o più canali sensoriali diversi, per esempio vista e udito, o vista udito e tatto... Una persona ogni 2/3000 ha esperienze sinestesiche,...
Su La Repubblica, Federico Rampini racconta com’è l’Atlante del futuro secondo il demografo-economista americano Joel Kotkin. L’articolo di Rampini rimanda alle tesi di Kotkin pubblicate da...
Vabbe', è il primo weekend d'autunno e sembra che il tempo sarà così così. Se per caso decidete di restarvene a casa e di passare un po’ di tempo davanti a uno schermo, ecco qualcosa che val la...
Ogni anno comincio la prima lezione del mio corso dicendo che parlerò di comunicazione e di creatività intese come metacompetenze: capacità che servono (anche) a esprimere un’amplissima gamma di...
Su una (a suo modo terrorizzante) pagina pubblicitaria fashion di ambientazione scolastica la modella occhialuta molto molto Gelmini-style sta sotto un titolo che promuove qualità a basso prezzo....
Verrebbe voglia di lasciare che l’accesa, affollata discussione (qui gli interventi di Lerner, Murgia, Sgarbi) innescata dagli apprezzamenti fuori luogo (qui il video) di Vespa nei confronti di...
Secondo i dati presentati a fine giugno dall’Osservatorio tecnico Carlo Lombardi, nel 2009 la diffusione dei quotidiani è scesa sotto i 5 milioni di copie giornaliere, cioè ai livelli del 1939. I...
Senza una difficoltà da superare non c’è cambiamento. Funziona con le fiabe (ce lo dice Vladimir Propp: ogni favola inizia con la fine di una situazione di  quiete e sicurezza) ma anche con le...
I periodi di pausa sono ideali per riflettere, coltivare pensieri differenti e cercare prospettive non ovvie, e per oziare un po': è il saggio uso dell’ozio di cui parla Bertrand Russell (qui il...
Questo post non parla di fantascienza ma di tecnologia e futuro prossimo. Non sono più solo fantascienza le tre leggi della robotica, a cui si aggiunge la legge zero che governa le altre, riguarda...
Quando osserviamo la realtà, vediamo quello che ci aspettiamo di vedere. O quello che ci è stato detto di osservare. E spesso non ne siamo del tutto consapevoli. Quindi, può capiare che ci...
La trama lucente è un libro al quale ho lavorato per diversi anni. Lo animano (grazie a tutti voi!) lo spirito e l’eco di molti discorsi fatti su NeU. Esce in questi giorni. Dice che la...
Dopo lo spaventoso disastro ecologico nel Golfo del Messico, il gruppo BP (British Petroleum) mette in homepage nel sito istituzionale immagini e aggiornamenti, tentando di arginare un’ulteriore,...
“Macché Taliban. In Afghanistan il vero nemico è Powerpoint”. Con questo titolo la Repubblica riprendeva qualche giorno fa un articolo del New York Times. Bel tema. Che ne contiene mille altri....
A Milano, qualche giorno fa, per sentire Umberto Eco ed Eva Canterella parlare di Ipazia c’era una lunghissima coda di persone. Canterella ricorda che né la civiltà greca, né quella romana, né...
Senza regole non c'è creatività. Può sembrare paradossale ma, se ci pensate bene, si tratta di un fatto ovvio: se non esiste una regola, non è neppure possibile metterla in discussione,...
Anche noi di NeU, come più o meno tutti a Milano, in questi giorni ci stiamo tuffando nel mare di oggetti, forme, soluzioni, eventi e suggestioni legati al Salone del Mobile e al divertente Fuori...
Vi propongo due giochi di invenzione verbale che faccio spesso in aula. Rinfrescano la mente, estraggono dalle parole tutto il loro potenziale creativo e fanno fiorire storie curiose e divertenti....
Cibo per pensare: non è un paradosso. È la ricerca del cibo ad accendere la creatività negli animali: scimmie e corvi inventano e usano strumenti per trovare da mangiare. D’altra parte usare il...
Le macchine possono essere creative? Certo, giocano a scacchi o a pallone, e possono, senza ovviamente avere consapevolezza di farlo, combinare molte cose divertenti. Stanno anche procurandosi la...
Due settimane fa NeU ha pubblicato le domande poste da openDemocracy sulla situazione e le prospettive italiane: la spida è quella di immaginare un paese diverso, e dire come dovrebbe essere....
Le aziende vogliono controllare i cervelli dei consumatori?Mi chiama una giornalista di Radio Rai, tutta allarmata a proposito di neuromarketing, e mi fa proprio questa domanda a effetto. Rispondo...
L'illuminazione creativa, o insight, è il punto culminante del processo creativo. Il termine si riferisce all0 scaturire  dell’intuizione improvvisa di una soluzione nuova e utile. IL MOMENTO...
NeU, per scelta, non segue la cronaca politica. Ma, sempre più spesso, dentro la cronaca si affaccia il bisogno di una visione. Così, il tema torna a essere faccenda di questo piccolo sito. Mi...
Vecchiaia e creatività vengono spesso considerate antitetiche ma no, non è vero. Certo: è precoce il genio di Mozart (a tre anni suona il clavicembalo e si esibisce in pubblico con il padre e la...
L’economista Christopher Freeman distingue tra innovazione incrementale e radicale: la prima migliora prodotti e processi, la seconda cambia in modo sostanziale i processi o dà luogo a prodotti...
Ho raccolto per voi sei storie meravigliose, diversissime e straordinarie di coraggio e cambiamento. Da ciascuna c'è da imparare, e ciascuna è emozionante e ispiratrice. IL CHIRURGO. C’è la...
Ci risiamo, e c'è da restare senza parole: a fine 2009 i test d’ingresso alle facoltà universitarie dicono che la maggioranza degli studenti non sa usare l’italiano e Ivano Dionigi, rettore...
Quello di Penelope nell’Odissea è un gesto creativo o distruttivo? Di notte lei smonta la tela tessuta di giorno: lo fa sperando nel ritorno di Ulisse, il sovrano che incarna il nomos, l’ordine...
KISS: cioè Keep It Simple, Stupid! L’acronimo è citato da Gianfranco Livraghi in un appassionato elogio della semplicità. Il processo creativo affronta la complessità, ma il risultato deve...
Oggi vi invito a scoprire alcune immagini straordinarie e una storia raccontata dal New York Times, e trovata online per pura serendipity: le immagini sono tratte dal Liber Novus che Carl Gustav...
Fonte di scambi, d’innovazione e di creatività, la diversità culturale è, per il genere umano, necessaria quanto la biodiversità per qualsiasi forma di vita. In tal senso, essa costituisce il...
Pensiero positivo e pensiero negativo. "Mezzo pieno" e "mezzo vuoto": due modi di considerare in relazione a quanto ci circonda.  Le leggi di Murphy, la prima e più nota delle quali afferma se...
Il 7 dicembre si discute il futuro del pianeta: si apre a Copenhagen la Conferenza sui cambiamenti climatici a cui partecipano i paesi responsabili della maggior parte delle emissioni di CO2...
Si chiama problem solving. È la capacità creativa di identificare e strutturare i problemi per riuscire a venirne a capo: un processo che richiede metodo e usa tecniche piuttosto interessanti. Il...
Imitare sembra brutto in un mondo dominato dal culto dell’originalità, e noi ci sentiamo insultati se ci danno dell’“imitatore”. Eppure, come spiega Tullio De Mauro elogiando Gian Babbeo,...
Creatività e disagio psichico sono, ormai lo si afferma da più parti, in relazione. Tutti ricordano il caso del premio Nobel John Nash, anche per via del film Beautiful Mind. Molti creativi...
Giocare è un’attività serissima e multiforme. Tutti (bambini, adulti, e perfino gli animali) giocando sperimentano nuovi comportamenti e imparano. Quindi la connessione tra gioco, apprendimento,...
Del wei ji, l’ideogramma cinese che significa “punto cruciale”, abbiamo parlato a fine 2008. E, quando si arriva a un punto cruciale, prima o poi qualcosa cambia. È un cambiamento il fatto...
In Italia diciamo che la necessità aguzza l’ingegno. Come se l’ingegno fosse una matita spuntata e la necessità uno scomodo, ma opportuno, temperino. Il corrispondente detto anglosassone,...
NeU cerca di offrire strumenti creativi per costruire una visione fertile del futuro, individuale e collettiva, e per questo di solito segue un filo di pensiero che va oltre le contingenze della...
Le storie di serendipity, o serendipità, sono meravigliose. È meravigliosa perfino la storia del termine, derivante dal titolo del romanzo settecentesco di Horace Walpole The three princeps od...
Durante il corteggiamento il maschio manifesta complessi comportamenti stereotipati… no, non stiamo parlando del qualcuno che forse vi è venuto in mente, ma dei moscerini della frutta maschi, nel...
Creatività e humour sono intimamente collegati: Arthur Koestler, Silvano Arieti e perfino Edward De Bono dicono che la creatività spesso è associata a un non comune sense of humour. Come mai? Di...
A guardarlo dal vero, ha le dimensioni - e il colore, e l’aspetto - di un cavolfiore piuttosto piccolo. C’è voluto un sacco di tempo per capire come funziona,  e ancora oggi ne abbiamo un'idea...
“Le donne sono forti per dieci motivi”. È la tesi sostenuta da Umberto Veronesi. Donne forti sono capaci di conciliare lavoro e procreazione. Che però, in questa visione, appare faccenda solo...
Questo agosto vado a zonzo (poco), leggo e scrivo (parecchio) e, come ogni anno, aggiorno questa pagina direttamente nei commenti raccontandovi le cose che trovo. Quando passate di qui, se vi va,...
Secondo una recente indagine Censis, per i giovani italiani under 30, cioè fra i 18 e i 30 di età, anni l’affermazione della propria personalità è un valore in sé e slega il successo dal...
“Tutto quello che poteva essere inventato è già stato inventato”. L’avrebbe detto Charles M. Duell, capo dell’ufficio americano dei brevetti, nel 1899. Non è vero, e probabilmente anche la...
Certo, in Italia l'abitudine a leggere libri non è esattamente diffusa, e una campagna per promuovere le lettura è più che opportuna. Ma, a proposito della recente campagna ministeriale Leggere è...
Il frammento di un articolo pubblicato su NeU è inopinatamente finito tra i materiali proposti per l’esame di maturità. Quando l’ho saputo sono rimasta sbalordita. Contenta, anche. Perché si...
Per Robert Sternberg, psicologo americano, l’intelligenza è fatta di pensiero analitico, pensiero creativo e pensiero pratico. Tra le abilità connesse con il pensiero pratico, c’è anche quella...
È il nuovo logo per il turismo in Italia. Siete sconcertati? Ecco un commento, apparso sul blog dell’AIAP, che merita di essere letto tutto, link compresi. E l'articolo di Repubblica. Avere un...
L’attività creativa che davvero tutti noi pratichiamo, sempre, è anche la più sottovalutata. Sto parlando di comunicare: produrre e ricevere messaggi che hanno un senso. È un’attività...
Difficile insegnare la creatività. Esercizi, istruzioni, metodi rischiano di tradursi nell'ingiunzione paradossale "sii creativo", la variante insidiosa del tragico "sii spontaneo". Facile, invece,...
Ventun anni fa questo scanzonato poster dell’agenzia STZ scandalizzava i benpensanti e veniva bloccato dal Giurì dell’Autodisciplina pubblicitaria. Bei tempi, verrebbe da dire dopo aver visto il...
ll tema della settimana è: usiamo le metafore. Uno pensa che siano roba ammuffita (anche questa è una metafora) o buona solo per i poeti. Invece no: il pensiero eidetico - quello che procede per...
La scuola uccide la creatività è la tesi centrale di un video cult sulla rete G.raie ad Andrea Benassi, potete vederlo con i sottotitoli in italiano. Dovete vederlo. Dura appena una quindicina di...
Ciao. Ho due cose da dirvi. La prima è che NeU cambia: l’homepage si apre ai vostri commenti e potete, iscrivendovi, raccontare qualcosa di voi. É l’inizio di un ragionamento condiviso e, mi...
Cerca in Nuovo e Utile
230 queries in 1,851 seconds.