Di norma, di fronte a una minaccia che suscita paura, gli esseri umani hanno una reazione di attacco o di fuga (fight or flight), che è esattamente il contrario della paralisi. 
Attaccare o fuggire è un modo di reagire ancestrale (lo condividiamo con gli animali). E non è una reazione solo cognitiva ed emotiva, ma anche, e in primo luogo, fisiologica. Nel senso che è connessa con un’accresciuta attività nervosa e ormonale, e con l’aumento del tono muscolare, della pressione e del flusso sanguigno. E poi: i peli si rizzano, lo sguardo si focalizza sulla minaccia, la visione periferica svanisce. 

ATTIVARSI PER SALVARSI. Si tratta, ovviamente, di una reazione adattativa: nel senso che attiva l’organismo, umano o animale, un modo tale da metterlo in grado di fare velocemente ed energicamente tutto ciò che gli serve per salvare la pelle. O estinguendo la minaccia, o allontanandosene molto in fretta.

TERZA OPZIONE. Una terza opzione appare molto meno ovvia dell’attaccare o del darsela a gambe. Eppure è frequente. È la paralisi (freezing). Succede anche agli animali: topi, galline, gamberi, conigli, capre e così via, quando si trovano in una situazione di pericolo estremo – per esempio, di fronte a un predatore – si immobilizzano, fino a sembrar morti. 
Del resto, si dice spesso che la paura può essere “raggelante”. E, dunque, paralizzante. 

SOPRAFFATTI E PARALIZZATI. Un eccellente articolo su The Conversation spiega bene come funziona l’intera faccenda per gli esseri umani. La paralisi interviene quando siamo sopraffatti da un evento del tutto inaspettato e sconcertante. Oppure quando, di fronte a una minaccia, ci sembra impossibile sia scappare sia attaccare. Così, esattamente come fanno gli animali, ci paralizziamo: il battito cardiaco decelera, l’attività neurale rallenta. Non è una decisione consapevole, ma una risposta automatica: sono ancora le parti più primitive del nostro cervello a governare le nostre reazioni.

75 PER CENTO. Questo tipo di comportamento, dicevo, è molto più frequente di quanto si potrebbe pensare: John Leach, esperto di psicologia della sopravvivenza, sostiene che in una situazione di rischio vitale (per esempio, nel caso di un attentato terroristico) solo il 15 per cento delle persone coinvolte risponderà nel modo giusto. Il 75 per cento invece sarà troppo sorpresa per fare qualsiasi cosa. L’altro 10 per cento reagirà in un modo che ridurrà le possibilità di sopravvivenza, sia per sé sia per gli altri.

ALCUNI VANTAGGI. Certo, anche la paralisi offre vantaggi adattativi: in caso di aggressione, può sconcertare il predatore e perfino scoraggiarlo. E può difendere da un trauma emotivo troppo forte per essere affrontato. 
Il problema sorge se, in seguito al trauma, il corpo e il cervello familiarizzano con questo tipo di reazione, e continuano ad attivarla in modo automatico anche in seguito, rallentandosi e anestetizzandosi quando non serve. 

PARALISI DA INCERTEZZA. Anche le situazioni con un alto grado di ambiguità e di incertezza possono paralizzarci. Ma in quei casi il blocco è mentale, e non fisico: facciamo più fatica a pensare. 
La Harvard Business Review parla di incertezza improduttiva. Ci focalizziamo talmente sull’immediato da perdere di vista tutto il resto (comprese le conseguenze di azioni sconclusionate), e da ragionare esclusivamente in modo binario (o tutto o niente), escludendo con ciò l’intera gamma delle possibilità ulteriori. 

PARALISI DA ANALISI. All’opposto, se ci imponiamo di entrare nel merito, e di analizzare la situazione ambigua e incerta in tutti i suoi minimi aspetti, eccoci bloccati di nuovo. È la paralysis by analysis.
Ci perdiamo nel labirinto delle incognite e delle conseguenze possibili. E, più dettagli esaminiamo, più la complessità sembra aumentare. Più l’ansia cresce. Più il quadro complessivo ci sfugge. Più ogni possibile mossa, azione o decisione ci sembra inadeguata. E più diventiamo timorosi di fare errori, o di trascurare quell’unico, sfuggente dettaglio risolutivo che potrebbe guidarci nella sola direzione giusta. Risultato: procrastiniamo. E restiamo paralizzati.

PARALISI DA PERFEZIONISMO. A proposito: anche il perfezionismo, (con il suo ineliminabile, greve corredo: l’imperativo di non fallire) può essere, oltre che fatale portatore di infelicità, paralizzante. È un’altra attitudine che, scrive Forbes, appiattisce le prospettive e rende più difficile capire le priorità. Del resto, se tutto dev’essere perfetto, tutto è ugualmente importante, no?

RAGIONAMENTI FALLACI. Infine, devo ricordare che a favorire il blocco ci sono anche due diversi bias. Cioè, due modi fallaci di ragionare. Ne ho già parlato in questo articolo.
Il bias dello status quo ci porta a mantenerci nella condizione attuale, sopravvalutando i rischi, gli ostacoli e le potenziali perdite derivanti da un cambiamento di rotta, e sottovalutandone i vantaggi.
Il bias di omissione, invece, ci fa apparire più accettabile e preferibile sbagliare per non aver fatto niente che sbagliare per aver fatto qualcosa. 

CONDIZIONE DIFFICILE. Ci troviamo tutti quanti, oggi, in una condizione oggettivamente difficile, incerta, con alte dosi di ambiguità, in cui fare errori gravi è possibile. E in cui sono in gioco molte vite. Da tutto ciò possiamo legittimamente sentirci spaventati.  
Dovremmo però, proprio perché la situazione è questa, stare un po’ più attenti del solito a non restare bloccati e incapaci di qualsiasi reazione. 

L’IMPERATIVO DELLA LUCIDITÀ. La pandemia è una drammatica, terribile emergenza globale. Sottrae la vita e il lavoro. Ma, ripetiamolo, non è una guerra né un attacco terroristico. Non è una situazione in cui paralizzarsi. Restare lucidi è imperativo.
Particolarmente attente a evitare la paralisi dovrebbero, ovviamente, essere le persone che per ruolo e mandato prendono decisioni che riguardano l’intera comunità. A loro è chiesto di essere non solo razionali e lungimiranti, ma anche concretamente fattive nel contenimento del danno.

PROTEGGERSI ATTIVAMENTE. Per tutti noi, la decisione di osservare rigorosamente le cautele di base (mascherine, distanziamento, igiene delle mani, riduzione degli spostamenti non necessari. E stare alla larga degli assembramenti senza protezioni) è una decisione attiva, e che individua le priorità.

PRIORITÀ. A proposito di priorità, di decisioni e soprattutto di decisori: vale la pena di notare che anche per la diffusione del Covid19 sembra valere la Regola di Pareto. La quale dice, in estrema sintesi, che l’80 per cento degli effetti deriva dal 20 per cento delle cause.  Nel caso della pandemia, – e a scriverlo è il Mit – l’80 per cento dei contagi (effetti) sembra essere trasmesso dal 20 per cento delle persone contagiate (cause).

TEMPO UTILE. Sarebbe stato un ottimo motivo per rafforzare, in tempo utile, il tracciamento dei contagi, e più in generale la medicina di base. E per organizzare una seria raccolta e analisi dei dati nazionali. Senza i quali (a scriverlo è il fisico Giorgio Parisi, presidente dell’Accademia dei Lincei) si fanno solo congetture più o meno strampalate. E procedere razionalmente diventa impossibile. 
Ma queste sono alcune delle decisioni che non sono state prese.

L’immagine che illustra questo articolo è di Georg Eiermann.

L'illuminazione creativa, o insight, è il punto culminante del processo creativo. Il termine si riferisce all0 scaturire  dell’intuizione improvvisa di una soluzione nuova e utile. IL MOMENTO...
NeU, per scelta, non segue la cronaca politica. Ma, sempre più spesso, dentro la cronaca si affaccia il bisogno di una visione. Così, il tema torna a essere faccenda di questo piccolo sito. Mi...
Vecchiaia e creatività vengono spesso considerate antitetiche ma no, non è vero. Certo: è precoce il genio di Mozart (a tre anni suona il clavicembalo e si esibisce in pubblico con il padre e la...
L’economista Christopher Freeman distingue tra innovazione incrementale e radicale: la prima migliora prodotti e processi, la seconda cambia in modo sostanziale i processi o dà luogo a prodotti...
Ho raccolto per voi sei storie meravigliose, diversissime e straordinarie di coraggio e cambiamento. Da ciascuna c'è da imparare, e ciascuna è emozionante e ispiratrice. IL CHIRURGO. C’è la...
Ci risiamo, e c'è da restare senza parole: a fine 2009 i test d’ingresso alle facoltà universitarie dicono che la maggioranza degli studenti non sa usare l’italiano e Ivano Dionigi, rettore...
Quello di Penelope nell’Odissea è un gesto creativo o distruttivo? Di notte lei smonta la tela tessuta di giorno: lo fa sperando nel ritorno di Ulisse, il sovrano che incarna il nomos, l’ordine...
KISS: cioè Keep It Simple, Stupid! L’acronimo è citato da Gianfranco Livraghi in un appassionato elogio della semplicità. Il processo creativo affronta la complessità, ma il risultato deve...
Oggi vi invito a scoprire alcune immagini straordinarie e una storia raccontata dal New York Times, e trovata online per pura serendipity: le immagini sono tratte dal Liber Novus che Carl Gustav...
Fonte di scambi, d’innovazione e di creatività, la diversità culturale è, per il genere umano, necessaria quanto la biodiversità per qualsiasi forma di vita. In tal senso, essa costituisce il...
Pensiero positivo e pensiero negativo. "Mezzo pieno" e "mezzo vuoto": due modi di considerare in relazione a quanto ci circonda.  Le leggi di Murphy, la prima e più nota delle quali afferma se...
Il 7 dicembre si discute il futuro del pianeta: si apre a Copenhagen la Conferenza sui cambiamenti climatici a cui partecipano i paesi responsabili della maggior parte delle emissioni di CO2...
Si chiama problem solving. È la capacità creativa di identificare e strutturare i problemi per riuscire a venirne a capo: un processo che richiede metodo e usa tecniche piuttosto interessanti. Il...
Imitare sembra brutto in un mondo dominato dal culto dell’originalità, e noi ci sentiamo insultati se ci danno dell’“imitatore”. Eppure, come spiega Tullio De Mauro elogiando Gian Babbeo,...
Creatività e disagio psichico sono, ormai lo si afferma da più parti, in relazione. Tutti ricordano il caso del premio Nobel John Nash, anche per via del film Beautiful Mind. Molti creativi...
Giocare è un’attività serissima e multiforme. Tutti (bambini, adulti, e perfino gli animali) giocando sperimentano nuovi comportamenti e imparano. Quindi la connessione tra gioco, apprendimento,...
Del wei ji, l’ideogramma cinese che significa “punto cruciale”, abbiamo parlato a fine 2008. E, quando si arriva a un punto cruciale, prima o poi qualcosa cambia. È un cambiamento il fatto...
In Italia diciamo che la necessità aguzza l’ingegno. Come se l’ingegno fosse una matita spuntata e la necessità uno scomodo, ma opportuno, temperino. Il corrispondente detto anglosassone,...
NeU cerca di offrire strumenti creativi per costruire una visione fertile del futuro, individuale e collettiva, e per questo di solito segue un filo di pensiero che va oltre le contingenze della...
Le storie di serendipity, o serendipità, sono meravigliose. È meravigliosa perfino la storia del termine, derivante dal titolo del romanzo settecentesco di Horace Walpole The three princeps od...
Durante il corteggiamento il maschio manifesta complessi comportamenti stereotipati… no, non stiamo parlando del qualcuno che forse vi è venuto in mente, ma dei moscerini della frutta maschi, nel...
Creatività e humour sono intimamente collegati: Arthur Koestler, Silvano Arieti e perfino Edward De Bono dicono che la creatività spesso è associata a un non comune sense of humour. Come mai? Di...
A guardarlo dal vero, ha le dimensioni - e il colore, e l’aspetto - di un cavolfiore piuttosto piccolo. C’è voluto un sacco di tempo per capire come funziona,  e ancora oggi ne abbiamo un'idea...
“Le donne sono forti per dieci motivi”. È la tesi sostenuta da Umberto Veronesi. Donne forti sono capaci di conciliare lavoro e procreazione. Che però, in questa visione, appare faccenda solo...
Questo agosto vado a zonzo (poco), leggo e scrivo (parecchio) e, come ogni anno, aggiorno questa pagina direttamente nei commenti raccontandovi le cose che trovo. Quando passate di qui, se vi va,...
Secondo una recente indagine Censis, per i giovani italiani under 30, cioè fra i 18 e i 30 di età, anni l’affermazione della propria personalità è un valore in sé e slega il successo dal...
“Tutto quello che poteva essere inventato è già stato inventato”. L’avrebbe detto Charles M. Duell, capo dell’ufficio americano dei brevetti, nel 1899. Non è vero, e probabilmente anche la...
Certo, in Italia l'abitudine a leggere libri non è esattamente diffusa, e una campagna per promuovere le lettura è più che opportuna. Ma, a proposito della recente campagna ministeriale Leggere è...
Il frammento di un articolo pubblicato su NeU è inopinatamente finito tra i materiali proposti per l’esame di maturità. Quando l’ho saputo sono rimasta sbalordita. Contenta, anche. Perché si...
Per Robert Sternberg, psicologo americano, l’intelligenza è fatta di pensiero analitico, pensiero creativo e pensiero pratico. Tra le abilità connesse con il pensiero pratico, c’è anche quella...
È il nuovo logo per il turismo in Italia. Siete sconcertati? Ecco un commento, apparso sul blog dell’AIAP, che merita di essere letto tutto, link compresi. E l'articolo di Repubblica. Avere un...
L’attività creativa che davvero tutti noi pratichiamo, sempre, è anche la più sottovalutata. Sto parlando di comunicare: produrre e ricevere messaggi che hanno un senso. È un’attività...
Difficile insegnare la creatività. Esercizi, istruzioni, metodi rischiano di tradursi nell'ingiunzione paradossale "sii creativo", la variante insidiosa del tragico "sii spontaneo". Facile, invece,...
Ventun anni fa questo scanzonato poster dell’agenzia STZ scandalizzava i benpensanti e veniva bloccato dal Giurì dell’Autodisciplina pubblicitaria. Bei tempi, verrebbe da dire dopo aver visto il...
ll tema della settimana è: usiamo le metafore. Uno pensa che siano roba ammuffita (anche questa è una metafora) o buona solo per i poeti. Invece no: il pensiero eidetico - quello che procede per...
La scuola uccide la creatività è la tesi centrale di un video cult sulla rete G.raie ad Andrea Benassi, potete vederlo con i sottotitoli in italiano. Dovete vederlo. Dura appena una quindicina di...
Ciao. Ho due cose da dirvi. La prima è che NeU cambia: l’homepage si apre ai vostri commenti e potete, iscrivendovi, raccontare qualcosa di voi. É l’inizio di un ragionamento condiviso e, mi...
Cerca in Nuovo e Utile