Un articolo appena uscito su The Cut mette in relazione sport, percezione del dolore e aspettative, a partire da una ricerca danese intitolata “Il potere della parole”. I risultati sono molto, molto interessanti.
Ecco, in sintesi, di che si tratta: tutti sappiamo che dopo aver fatto sport ci si sente meglio. È una conseguenza fisiologica, e dimostrata. Facendo attività fisica, infatti, attiviamo una serie di modificazioni chimiche e ormonali. Riduciamo la sensibilità allo stress e alla depressione. Miglioriamo il tono dell’umore, la memoria, la concentrazione. E possiamo mitigare la percezione del dolore.
Eppure.

BENEFICI AZZERATI. Eppure, questi benefici reali e oggettivi (lo ripeto: ampiamente dimostrati, e incontrovertibili) possono ridursi, fino ad azzerarsi, se vengono contraddetti dalle aspettative del soggetto che fa sport.

UNO STUDIO SORPRENDENTE. Lo studio ha coinvolto 83 volontari, la cui tolleranza al dolore è stata prima misurata. Poi, i volontari sono stati divisi in tre gruppi. Al primo, i ricercatori hanno correttamente ricordato che fare esercizio fisico avrebbe significativamente aumentato la soglia (cioè, il livello di tolleranza) del dolore. Invece, al secondo gruppo non hanno detto nulla di specifico. Al terzo, hanno detto (mentendo, ovviamente) che l’esercizio fisico avrebbe diminuito la capacità di sopportare il dolore.
In seguito, ciascun soggetto ha fatto una breve e intensa sessione di squat isometrico.
Infine, il test sul dolore è stato ripetuto. E le percezioni dei diversi gruppi sono risultate allineate – questo è il dato clamoroso – non alla realtà fisiologica, ma alle aspettative generate dalle dichiarazioni dei ricercatori.

LA MENTE E IL CORPO. Nel dettaglio: il gruppo che si aspettava effetti benefici ha rilevato un incremento di tolleranza al dolore del 22 per cento. È un guadagno comunque lieve rispetto all’incremento registrato nel gruppo di controllo, che non aveva ricevuto informazioni specifiche.
Invece, aspettative negative hanno non solo cancellato del tutto i benefici dell’esercizio, ma hanno addirittura diminuito (del 4 per cento in media) la soglia del dolore rispetto alla misurazione precedente.
Tutto ciò attesta che non solo la mente può essere più potente del corpo, commenta The Cut, ma che i cattivi pensieri possono avere effetti (non solo mentali, ma fisici!) superiori a quelli buoni.

INFORMAZIONI E ATTESE. Parlando di interazioni tra corpo e mente, non posso non fare almeno un cenno all’effetto nocebo. È simmetrico e contrario all’effetto placebo, e peraltro ben noto nella pratica clinica. Una citatissima ricerca afferma (traduco testualmente) che la divulgazione di informazioni sui potenziali effetti collaterali (con il conseguente insorgere di aspettative negative) può essa stessa contribuire a produrre effetti avversi… è un fenomeno neurobiologico, che può manifestarsi con cambiamenti corporei rilevabili.
Ma che cos’è, in concreto, una ”aspettativa?”.

TRA SPERANZE E ASPETTATIVE. Noi chiamiamo “aspettativa” la convinzione forte (ehi! “forte” non significa “fondata”) che qualcosa di specifico succederà. In questo sta, forse, la maggiore differenza tra “aspettativa” e speranza”, anche se entrambe riguardano eventi che ancora non si sono verificati.
La speranza ha a che fare con la fiducia e col desiderio. È un sentimento ottimista ed energico. E affronta positivamente un futuro che, tuttavia, viene percepito come incerto.
L’aspettativa, invece, può essere sia ottimistica sia pessimistica. Può avere una componente ansiosa, e dà per scontato il verificarsi di ciò che, appunto, ci si aspetta.
Proprio in questo “dare per scontato” stanno le diverse insidie del nutrire aspettative.

ASPETTARSI UN RISULTATO. Da una parte, nella misura in cui ci si aspetta il verificarsi di un dato risultato o evento, è facile comportarsi da subito come se tutto fosse già accaduto. È la profezia che si autoavvera, un fenomeno teorizzato dal sociologo americano Robert K. Merton. L’esempio classico è questo: Andrea si convince che il suo matrimonio fallirà, quindi si comporta come se fosse già fallito, quindi lo fa effettivamente fallire.

ASPETTATIVE POSITIVE. Il medesimo meccanismo funziona (anche questo è notevole) nel meno frequente caso delle aspettative positive. Per esempio, lo psicologo sperimentale Richard Wiseman ha dimostrato che le persone che si ritengono fortunate sono di norma più aperte e più capaci di intercettare opportunità favorevoli. E, appunto “fortunate”.
Oppure: ai docenti di una scuola viene detto che alcuni alunni (in realtà scelti a caso) hanno grandi potenzialità. Dunque, i docenti cominciano a seguirli con un’attenzione speciale. Ottenendo, a fine anno, proprio i risultati attesi.
Anche in questi casi, la percezione orienta in comportamento, e i positivi risultati del comportamento rafforzano ulteriormente la percezione.

IL RISCHIO DELLA FRUSTRAZIONE. Eppure, perfino nel nutrire aspettative (eccessivamente) positive c’è una trappola. Si chiama “frustrazione”.
Noi valutiamo costantemente i nostri risultati nella vita in base alle nostre aspettative e alle aspettative degli altri. A scriverlo è Sydney Finkelsein, docente di management al Dartmouth College. Le nostre aspettative orientano il modo in cui percepiamo un film o un libro, il modo in cui valutiamo le prestazioni di un prodotto, o la qualità del nostro posto di lavoro.

UN NOTEVOLE PARADOSSO. Un eccesso di aspettative espone, appunto, alla frustrazione. Per esempio, un’altra assai citata ricerca sui libri candidati o vincitori di premi letterari ci dice che questi, dopo la candidatura, attraggono sì più lettori. Tuttavia i libri effettivamente premiati ricevono dai medesimi lettori (disorientati dall’eccesso di aspettative) valutazioni che declinano precipitosamente. Il titolo della ricerca è The Paradox of publicity: how awards can negatively affect the evaluation of quality.
In effetti, ho la sensazione che il paradosso dell’eccesso di aspettative di possa verificare in molti altri ambiti, leadership politica compresa.

ASPETTATIVE DETERMINANTI. Le tue aspettative, più di ogni altra cosa, determinano la tua vita, scrive Forbes in un articolo intitolato 8 aspettative irrealistiche che ti rovineranno. Tra queste: l’idea che la vita “deva essere giusta” e che “le opportunità arriveranno da sole” (e che quindi basti aspettare perché tutto si sistemerà spontaneamente). L’idea che “tutti debbano piacermi”. Che “tutti debbano essere d’accordo con me”. E che “tutti sappiano quello che voglio dire” (risultato: più spesso del dovuto ci si sente feriti, offesi o incompresi. Ma non si fa nulla per rimediare o per ovviare).

E poi: l’idea di poter cambiare anche le persone che non vogliono farlo (questo non succederà, soprattutto se i contesti restano gli stessi). L’idea che “sto per fallire” (e qui siamo in piena profezia che si autoavvera).  E L’idea che “gli eventi mi renderanno felice” (difficile che un evento esterno, anche rilevante, modifichi in maniera permanente un’insoddisfazione interiore).

SAREBBE MEGLIO… In sintesi: sarebbe meglio affidarsi all’energia positiva e fiduciosa della speranza. Coltivare il bene della gratitudine. Ed essere consapevoli dell’impatto delle aspettative ed evitare di coltivarne troppe e irrealistiche, o negative.
Tutto ciò, senza nutrire l’aspettativa, a sua volta irrealistica, che basti leggere un articolo come questo per cambiare tutto quanto in un battibaleno :–)

L’immagine è tratta da un lavoro del giovanissimo (e bravo!) artista visivo Kerem Ciğerci, di Istambul. Qui un articolo con le sue immagini. Qui la sua pagina Instagram.

Qui trovate la seconda parte della raccolta di cose rilevanti del 2011 (la prima parte vi presenta musica, film, foto, editoria... ed è qui). Cominciamo con l'innovazione: Fast Company seleziona le...
Se avete il sospetto di esservi persi qualcosa di rilevante dell’anno che finisce, ecco un’occasione per riacchiapparlo al volo spulciando tra i Best of 2011, fino a trovare il meglio del...
Neu augura a tutti voi feste buone in tutti i sensi con una gallery di alberi di Natale fuori dalla norma. Sono fatti di materiali riciclati, e diversi usano bottiglie di plastica. Con le quali,...
Paul McCartney si sveglia con una melodia in testa. È così compiuta da fargli temere che si tratti di un plagio. Il finto testo che ci mette sopra comincia con Scrambled eggs. Ma la parola giusta,...
Mirca scrive: Se dovessi rispondere all’aggiornamento in itinere del mio lavoro (insegno filosofia e scienze umane in un liceo) direi la frequentazione di nuovoeutile. E non so cosa aspettiamo a...
Di donne e pubblicità abbiamo già parlato. Le ultime due volte, a proposito di over 50 e a proposito di uso sconclusionato del corpo femminile. Oggi vi propongo il documento visivo che ho preparato...
Durante l’ultima settimana della moda di Milano, la fotografa Jamie Beck e il designer Kevin Burg si inventano il cinemagraph, una strana immagine ibrida che sgomita per sfuggire all'obbligo di...
Maurizio Crozza, in Italialand, sorride dello stile robotico del presidente del Consiglio. Ma su quanto i robot sanno fare c’è poco da ridere, molto da sorprendersi e un po’ da ragionare. Robot...
L’agenzia ungherese Café creative realizza un video delizioso per mostrare ai propri clienti che le scadenze troppo strette sono controproducenti per la creatività. È proprio vero. Teresa...
Il settore creativo è una fonte unica per la crescita, sia economica sia sociale. Ed è qualcosa che in Europa sappiamo fare bene. L’attuale vincitore dell’Oscar per il miglior film, l'album...
Se il futuro prossimo appare piuttosto incerto e buio, il futuro anteriore così come lo immagina la tecnologia sembra essere noioso e color grigio-celeste pallido. Un Futuro Sotto Vetro. Non è una...
Questa homepage di NeU, al contrario del solito, non vi propone alcun link perché affronta un paradosso nel quale di sicuro vi siete già imbattuti. E, per affrontarlo sul serio, non deve e non può...
Ho sempre pensato – e l’ho scritto più volte - che il brainstorming fosse, per dirla in modo colorito, una boiata pazzesca con un nome di gran fascino. Una tempesta di cervelli, vuoi mettere? In...
Ottenere consenso non è una roba frivola: in una società democratica e in un’economia di mercato segnate dall’accesso universale ai media, il consenso pubblico – vi piaccia o no - è una...
Il tema dei brevetti è importante, amplissimo, complesso e controverso. Da una parte un brevetto protegge chi ha avuto un’idea e gli permette di valorizzarla: quindi la possibilità di brevettare...
Alcuni pensano al rigore immaginando che coincida con il coltivare un atteggiamento irremovibile e una fede incrollabile nelle proprie convinzioni e nelle proprie opinioni. Non è vero per niente, e...
L’ultimo lavoro di Steven Spielberg, Tintin, porta al cinema un fumetto belga apparso per la prima volta nel 1929. Transformers 3, quarto nella lista dei film con i maggiori incassi di sempre,...
31 ottobre 2011: in qualche momento e da qualche parte, probabilmente in India (51 nuovi nati al minuto), viene al mondo il neonato numero 7 miliardi. E, come commenta leggiadro il New Yorker, il...
Fiori per Algernon, scritto da Daniel Keyes nel 1959, è considerato uno dei migliori racconti di fantascienza di sempre: un cult, insomma. La storia è semplice (una persona con ritardo mentale...
Una tecnologia per intervenire sulla mente delle persone. Un potenziale strumento rivoluzionario. La condizione necessaria per l’apprendimento sociale, e il motivo per cui Homo Erectus produce la...
Oggi avrei voluto pubblicare un post sul linguaggio. Rimando, ma di poco, anche perché il tema del linguaggio – il modo in cui funziona, e il suo potere - c’entra, e molto. Scrivo invece qualche...
Senza parole non c’è pensiero articolato. Le parole dimenticate sono pensieri perduti. Quelle nuove, pensieri guadagnati. Proviamo a fare un bilancio. Lo Zingarelli 2012 segnala 2900 parole da...
Per più della metà (53.7%) degli italiani il comportamento dei giornalisti nazionali è poco o per niente etico. Ma i giornalisti medesimi sono ancora più severi con se stessi: oltre l’80% dei...
Spero che abbiate la pazienza di arrivare fino in fondo a questo post: c’è un paio di quesiti che mi interessano a livello personale, e sarei felice di sapere che ne pensate, tutti voi amiche e...
“Prospettiva”, dice Luca De Biase, è in sé una parola magnifica, che unisce il senso dello spazio e quello del tempo. Saper cambiare prospettiva è una questione di creatività: aiuta a vedere...
Secondo Franco Moretti, ricercatore italiano a Stanford, per capire davvero i testi letterari bisogna farli leggere a un computer. Ne scrive il New York Times, non senza ironia. I risultati, però,...
Vi racconto due microstorie. Parlano di carote che diventano pesci e di una campagna orfana che diventa un caso. A unirle sono la contiguità cronologica e una certa simmetria. Entrambe hanno a che...
Il tema della homepage di oggi è: baci. E, poiché NeU si occupa di creatività, la tesi, neppure così implicita, è che una interpretazione amorosa, e anche erotica, del mondo sia infinitamente...
È un rito di passaggio: viene settembre e si riparla di scuola. Le pagine nazionali dei quotidiani ospitano analisi e appelli. In generale il tono è allarmato e urgente. Dopo qualche settimana...
«La seconda guerra mondiale e lo studio della balistica ci hanno dato i computer. La guerra fredda e la decentralizzazione ci hanno dato Internet. La guerra al terrorismo e la sorveglianza di massa:...
La creazione è la capacità di uscire da un ordine, affrontare il disordine e dar vita a un nuovo ordine. Di mezzo c’è la trasformazione. Così scrive Alberto Melucci, sociologo e psicoterapeuta,...
Di sicuro conoscete l'Accademia della Crusca. Molto probabilmente ne avete sentito parlare di recente, perché una delle molte (ehm) versioni della (ehm) manovra di Tremonti prevedeva di cancellarla,...
Il mio primo computer è stato, all’inizio degli anni Novanta, un Macintosh beige che sembrava un tostapane. Tutto quanto ho scritto da allora nasce in ambiente Apple. Oggi le foto dei viaggi, la...
Per tutto agosto, come ogni anno, aggiorno questa pagina direttamente nei commenti. Ci metterò quel che trovo e che mi colpisce. Se, come spero, farete altrettanto (… dove siete? Che cosa state...
Per definire la propria relazione fiduciaria e affettiva con l’azienda, i consulenti della vecchia scuola utilizzavano volentieri la metafora del matrimonio. Non so se fosse, ai tempi, una metafora...
News of the World era un tabloid, fatto di pettegolezzi, scandali e scoop di dubbia provenienza. Qualcosa di diverso per definizione da un quotidiano autorevole. Eppure la sua chiusura suscita, in...
Spesso i termini ironia, sarcasmo, humor, vengono considerati intercambiabili. Non è proprio così. Non è nemmeno correttissimo  l'uso che degli aggettivi "ironico" e "sarcastico" si fa nel...
Qui di seguito trovate un contributo di Bad Avenue, il blog di controinformazione che con passione, onestà ed energia dà conto di quanto, nel bene e soprattutto nel male, succede nell’ahimè...
Culotte oggi, rivoluzione domani. Devo ammetterlo: quando intercetto l’affissione all’uscita della metropolitana di piazza Cadorna, capisco solo che si tratta dell’ennesimo sedere...
Potete, da bravi cittadini globali, condividere in rete un po’ delle vostre risorse, materiali o intellettuali. Ecco come fare. Avete un minuto e 20 euro? Kiva è un progetto di microcredito....
Mi rendo conto che l’affermazione può apparire pomposa, ma il lavoro della creatività è anche un viaggio dentro se stessi. D’altra parte, e anche senza tirare in ballo Socrate o il Conosci te...
AUTOSTRADE. Dal 2012 i CDA delle aziende quotate in borsa devono essere per un quinto composti da donne. Per un terzo dal 2015. La Fondazione Bellisario ha già selezionato 1300 profili adatti. Il...
Che la sinistra italiana abbia qualche problema con la comunicazione politica, e in particolare con le metafore, è chiaro già ai tempi (1994) in cui si presenta all’appuntamento elettorale...
Africa: dirlo è facile, ma ne sappiamo poco. Ne abbiamo spesso una visione stereotipata, semplificata e in fin dei conti condiscendente. Speranza, dignità e creatività: leggete la storia del...
Sembra passato un secolo da questo post del 15 febbraio 2011. Scritto di getto (di solito una homepage mi chiede qualche ora), con l’urgenza di condividere con gli amici di NeU l’idea che la...
“Tutti sanno cos'è l'attenzione.”, scrive William James nel monumentale Principi di Psicologia del 1890. “Essa consiste nel prendere coscienza da parte della mente, in forma chiara e vivida,...
L’ANTEFATTO Mercoledì 8 giugno il Corriere della Sera pubblica un articolo al vetriolo sul recente spot di Regione Calabria che vanta, come improbabili protagonisti, i bronzi di Riace. Esordio:...
Questa volta NeU vi parla estesamente di un singolo documento. Che, però, basta e avanza. Si tratta di un documento consistente. Ed è ben scritto, con esempi e case history. Dice quanto vale la...
«Le amministrative di Milano e Napoli hanno imposto l’arancione come il colore di quella che potremmo chiamare una “nuova sinistra”» scrive Giovanna Cosenza proponendo 10 considerazioni dopo...
Vi racconto come viene selezionata la cinquina del Premio Campiello. Dunque: c'è una giuria composta da dieci membri + il presidente. Prima riunione a febbraio: ciascuno segnala i romanzi usciti...
Le città crescono e si evolvono, comportandosi come organismi viventi. Il loro mutare è governato da leggi - l’ha scoperto il fisico teorico Geoffrey West - grazie alle quali è possibile fare...
Moretti se lo chiede dal ‘78: «mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?». Già: esserci o non esserci? E sparire o apparire? Scelgono la prima strada Mina,...
Due cose sulla lettura. Uno. Dati Istat 2010: il 46,8% degli italiani dai 6 anni in su dichiara di aver letto almeno un libro durante l’anno. Il dato è in crescita rispetto al 2009 di un punto e...
Mi è capitato recentemente di ricordare che la comunicazione pubblicitaria segue regole più rigide e fa meno sgambetti di quella politica. In questo periodo di contrasti e di linguaggi politici...
Sembra essere una sgradevole costante della politica italiana il ricorrrere, anche al di fuori del periodo elettorale, a colpi bassi volti alla trasformazione artificiosa dell’avversario in Nemico...
Pagalöcc e Com’escesc sono due servitori della creatività. Se li chiamate in causa, vi possono assistere. Immaginate due folletti che vivono nei fitti boschi creativi. Li ho incontrati tanti anni...
La pubblicità in rete ha tante forme: banner. Social media. Virali. Ma la vera cosa nuova è la pubblicità interattiva. Già un paio d’anni fa Nintendo lascia tutti a bocca aperta facendo a pezzi...
Quanto contano gli ambienti della creatività per chi fa un lavoro creativo? Sappiamo che la produzione creativa è sempre il frutto dell’interazione tra individuo e ambiente, inteso sia come...
Si può suonare in tanti modi, giocando tra musica e invenzione. Per esempio campionando gli oggetti più disparati. Se no - lo fa Diego Stocco - si può suonare un albero, oppure la sabbia. Si può...
What if non è solo il titolo di diverse canzoni, tra le quali ce n'è una dei Coldplay (qui il testo tradotto). Una (cruda, secondo lo stile dell’autore) del rapper 50 cent. Una di Joan Osborne,...
Uova materiali o metaforiche sono al centro di una quantità di proverbi e aforismi. L’uovo da sempre vuol dire inizio, potenzialità, perfezione, vita, speranza. Nell’antico Egitto, a partire...
Mio figlio, anni 14, si scorna coi temi del ginnasio. Ogni tanto lo acchiappo e gli chiedo di scrivere qualcos’altro. Due giorni fa gli ho allungato un articolo de La Repubblica: L’innovazione...
Che cos’è una graphic novel? È un pezzetto del grande mondo del fumetto. Sta tra i manga e i comics americani, tra strip come i Peanuts e il fumetto seriale. È una narrazione lunga, disegnata,...
In una Ted Conference 2011 lo statistico Hans Rosling ricorda con dati semplici e inequivocabili che il maggior problema del mondo prossimo venturo è la mancanza di energia: macchine “magiche” e...
I farmaci generici hanno scarso successo commerciale? Forse è anche un problema di comunicazione. Questa, come è noto, orienta la percezione dell'offerta. D'altra parter, saper comunicare...
Roma, 4 aprile: si parla de “Il Consumo dell’immagine della Donna”. L'obiettivo, ovviamente, è promuovere un'idea di pubblicità non sessista. Ci sono il ministro Carfagna e il vicepresidente...
Perché raccontiamo? Siamo animali che raccontano storie, e raccontare ci è indispensabile sia come individui sia come specie, dice Jonathan Gottschall, docente di letteratura al Washington &...
Il guaio è che le buone notizie non fanno notizia. E, dunque, anche le buone pratiche spesso mancano della visibilità necessaria non solo a promuoversi, ma a innestare cortocircuiti virtuosi....
Guardate la storia di questi ragazzini tailandesi e del loro campo da calcio sull’acqua. È bellissima e c’è dentro tutta la magia dei gruppi che funzionano. La creatività di gruppo ha diverse...
Che significa giocare? Che cos’è un gioco? Perché giochiamo? Sembrano domande semplici ma basta provare a rispondere per capire che non lo sono. Giganti come Kant, Wittgenstein e Freud si sono...
Dopo il lancio dell’ultima campagna di Bersani, il Corriere della Sera si domanda come mai comunicare la sinistra è così complicato. Per capirci qualcosa partiamo da alcune elementari...
I colori vi circondano, e voi vedete un mondo meravigliosamente colorato. Ma vi siete mai chiesti che cosa sono, in realtà, i colori? CERVELLO E COLORI. I colori non esistono materialmente:...
In occasione del centenario dell'8 marzo, e con la speranza che il tema continui a sembrare interessante anche dal 9 marzo in poi, NeU apre una pagina permanente intitolata Donne e creatività. Non...
Uno apre il dizionario e trova che “copiare” è il contrario di “creare”. Vero. Però, lo ricorda Tullio De Mauro, se gli esseri umani non sapessero imitare e ripetere nemmeno potrebbero...
La discussione sull’immagine che delle donne offrono i mass media si è violentemente riaccesa. Riassumo, scusandomi per l’inevitabile semplificazione della sintesi. Vi ricordate Il corpo delle...
Si parla spesso di metterci la faccia e perdere la faccia, e anche di facce di bronzo, di tolla (il termine milanese per “latta”) e di altri, più o meno nobili, materiali. Vi propongo una serie...
I mestieri creativi non si possono “insegnare”. Certo: la scuola serve. Senza competenze di base non vai da nessuna parte. Ma solo la pratica in un contesto reale ti regala la possibilità di...
Si dispone ai sensi degli artt.453 e segg. cpp giudizio immediato a carico dell'on. Silvio Berlusconi, per i reati di cui agli artt. 317, 61 n.2 cp. e 81 cpv., 600bis co.2 cp. avanti al Tribunale di...
Umberto Eco, negli anni Ottanta, scrive: «Il computer è una macchina molto spirituale perché permette di scrivere quasi alla velocità del pensiero». Ma che cosa vuol dire scrivere per il...
Ho pensato per la prima volta di scrivere un articolo sulla procrastinazione oltre un anno fa, quando sono inciampata in questo video. Poi ho perso tempo guardandomi altri video sul tema, per...
C’è un annuncio degli anni settanta, solo testo nero su bianco e un’art direction migliorabile, che si è impresso nella memoria collettiva. Titolo: Né strega né Madonna. Solo donna. Il testo...
Il ministro delle Pari Opportunità firma un protocollo con l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) perché la dignità delle donne sia tutelata. In questo sgangherato paese, lo IAP è...
Il blog de Il mestiere di scrivere, posto amico di noi avvitatori di parole, linka uno scritto di Julio Monteiro Martins. È il racconto degli ostacoli che un autore deve superare per pubblicare il...
Nelle storie, e nella Storia, a bruciare libri sono sempre i cattivi. Dal falò delle vanità del Savonarola in cui si perdono decine di copie del Decamerone a Fahrenheit 451 di Bradbury, dai roghi...
Un mese fa, insieme a Dis.amb.iguando, NeU ha proposto ai navigatori una bella sfida: scrivere elenchi dei valori di una destra e una sinistra moderne. I risultati sono stati superiori alle migliori...
L'anno si sta chiudendo, è tempo di bilanci e molte testate anglosassoni presentano ai loro lettori, secondo una tradizione ormai consolidata, suggestivi elenchi di best of, il meglio di... quasi...
È intitolato La creatività non è né di destra né di sinistra un articolo uscito sul Corriere della Sera. Non posso non segnalarvelo, ma avrei preferito un titolo come “La creatività è sia di...
Dunque: abbiamo preso le liste e i commenti che avete postato sui diversi blog. Abbiamo cercato, per quanto possibile, di ordinarli cronologicamente (se ce ne fossimo perso qualcuno, per favore...
1 dicembre, giornata mondiale contro l’aids. E siamo sempre allo stesso punto. Pubblico qui le slide della relazione su aids e comunicazione che ho tenuto l’anno scorso, nell’Aula Magna...
Siamo abituati al fatto che grandi notizie, cattive e buone, rimbalzino istantaneamente da un capo all’altro del pianeta. I minatori cileni. Il disastro ambientale del Golfo del Messico. Il...
Succede che Bersani e Fini vadano in tivvù a recitare elenchi dei valori di sinistra e di destra (mentre scrivo, Maroni invece è ancora un “prossimamente”). E che molte voci sottolineino la...
Se digitate parodia su YouTube trovate quasi dieci milioni di risultati, mentre con parody ne trovate più di 33 milioni. Per inciso: nel 2010 erano rispettivamente 260.000 risultati (parodia), e 20...
Genitori iperprotettivi: poiché ci sono sempre nuovi bambini, e sempre nuovi genitori, l'argomento è ricorrente. Figli nella bambagia titola il Corriere della Sera, riprendendo un caso apparso sul...
Col rebranding non si scherza. La vicenda è recente e, nei suoi sviluppi fondamentali, semplice: GAP, uno dei grandi marchi della moda globalizzata, decide di cambiare logotipo (o logo. Il marchio,...
Questa mappa vi dà una visione di sintesi della distribuzione mondiale del Pil: (Prodotto Interno Lordo, in inglese GDP). È  un indice macroeconomico ma non interessa solo gli economisti. Misura...
Il cervello che sogna sta facendo un gran lavoro creativo. Di fatto, il nostro cervello non riposa mai. Quando sogniamo o fantastichiamo, il cervello riorganizza esperienze, stabilizza legami...
Questo post tratta un tema ispido. Per approfondire vi invito a leggere anche i link in arancio. Dunque: un articolo di Time Arrivederci Italia: Why Young Italians Are Leaving riprende il tema della...
La sinestesia è il fenomeno percettivo che cortocircuito due o più canali sensoriali diversi, per esempio vista e udito, o vista udito e tatto... Una persona ogni 2/3000 ha esperienze sinestesiche,...
Su La Repubblica, Federico Rampini racconta com’è l’Atlante del futuro secondo il demografo-economista americano Joel Kotkin. L’articolo di Rampini rimanda alle tesi di Kotkin pubblicate da...
Cerca in Nuovo e Utile