punti di vista
Trump narcisismo maligno

Dopo essermi guardata pochi giorni fa, su La7, il documentario “Unfit: la psicologia di Donald Trump” girato dal regista Dan Parkland, sono andata a cercare un po’ di dati. Ecco perché questo articolo è zeppo di citazioni e riferimenti alle fonti. E vi parla di comportamenti dalle etichette inquietanti, come narcisismo maligno, o triade oscura.

IL DIVANO DELL’ANALISTA. Mettere Donald Trump sul divano dell’analista è diventato un passatempo nazionale, commenta Varietye questo documentario lo fa bene. Lo fa confrontando in un montaggio serrato spezzoni di repertorio riguardanti Trump, e non solo lui, con le opinioni di storici, politici e numerosi psichiatri. L’orientamento del responso non è difficile da immaginare.  

LEGITTIMITÀ. Un punto interessante riguarda la legittimità dell’operazione.  La tendenza a psicoanalizzare il presidente degli Stati Uniti contrasta infatti con la Goldwater Rule, istituita nel 1964 dall’Associazione americana degli psichiatri (APA). La quale stabilisce che non si possono formulare diagnosi psichiatriche su personaggi pubblici senza averli esaminati direttamente e senza il loro consenso.

PAZIENTI RISCHIOSI. A questa regola lo stesso documentario Unfit ne contrappone un’altra, meno nota. È la Tarasoff Rule, istituita nel 1985 (ma non registrata dall’APA). La quale impone agli psichiatri l’obbligo di avvertire chi di dovere quando un paziente presenta comportamenti nocivi. 
La questione resta oggetto di acceso dibattito.
Come racconta la testata britannica New Statesman, in questi ultimi tempi, e in modo crescente nel corso della pandemia, molti psichiatri americani stanno contestando il divieto di esprimersi sulla salute mentale del presidente. Accusano APA di essere connivente con il governo per non rischiare di perdere stanziamenti pubblici. E di esercitare una forma di “paternalismo coercitivo”. 

FENOMENO EDITORIALE. Tra l’altro: su Trump e sui suoi comportamenti, diciamo così, estremi è uscita in questi anni un’infinità di libri. Tanto da trasformare Trump stesso in un fenomeno editoriale. 
Una delle ironie del nostro tempo è che un uomo che legge raramente ha ispirato una valanga di libri sulla sua presidenza, scrive il Washington Post. Ma non solo: in epoca trumpiana si sono rivitalizzate le vendite di una quantità di romanzi distopici. Tra gli altri: 1984 di Orwell, il Racconto dell’Ancella di Atwood, il Complotto contro l’America di Roth. Questi ultimi sono anche stati tradotti in (eccellenti) serie televisive.

NARCISISMO MALIGNO. Torniamo a Unfit.  
Il documentario dura 83 minuti, è uscito il 28 agosto ed è stato presentato in diversi festival. Qui c’è il trailer. E qui c’è la pagina dedicata, la quale spoilera senza esitazioni il tema chiave della narrazione: Donald Trump soffrirebbe di narcisismo maligno (malignant narcissism), una sindrome che ha quattro componenti: disordine narcisistico della personalità, comportamento antisociale (sociopatia), paranoia e sadismo.

SINISTRA E SUGGESTIVA. “Narcisismo maligno” è una definizione tanto sinistra quanto suggestiva. L’ha coniata lo psicologo sociale e filosofo umanista Eric Fromm nel 1964. Si tratta, per Fromm, di una variante perniciosa del disturbo narcisistico di personalità. È una sindrome censita dal DSM, il manuale diagnostico dei disturbi mentali, utilizzato globalmente dagli psichiatri nella pratica clinica. (“Narcisismo maligno” non è invece citato nel DSM). 

POTENTI E SUPERIORI. Fromm scrive che i narcisisti maligni si sentono potenti per via delle qualità che, secondo loro, sono state date loro dalla nascita. “Sono più grande e superiore di te, quindi non ho nulla da dimostrare. Non ho bisogno di relazionarmi a nessuno né di fare alcuno sforzo. Mantenendo la mia immagine di grandezza, mi allontano sempre di più dalla realtà”.

APPREZZARE I NARCISISTI. Ancora a proposito di narcisismo: Livescience sottolinea che il narcisismo appare più accettabile per gli americani di oggi di quanto non fosse per le generazioni precedenti. I narcisisti appaiono sicuri di sé, energici e performanti. Perfino la loro sgradevolezza contribuisce a guadagnare i favori del pubblico, almeno nel breve termine. Tuttavia, aggiunge Livescience, anche se il narcisismo aiuta le persone ad arrivare al vertice, non garantisce successi permanenti. Le stesse caratteristiche che aiutano a conquistare il potere rendono poi difficile gestirlo e mantenerlo nel tempo.

TRIADE OSCURA. La questione del narcisismo non è l’unica a essere ampiamente evocata a proposito di Trump. Già nell’agosto del 2016, mentre lui ancora compete con Hillary Clinton per la presidenza degli Stati Uniti, Psychology Today cita un’altra sindrome. La quale ha un nome ancora più suggestivo, e che sembra tratto da un romanzo horror: la triade oscura

MANIPOLAZIONE E PSICOPATIA. Questa sindrome associa al narcisismo due ulteriori distinti tratti di personalità: machiavellismo (propensione alla manipolazione e all’inganno) e psicopatia (comportamenti antisociali). In tempi più recenti, e sempre a proposito di Trump, parlano di Triade oscura anche Medium, il New York Times e diverse altre fonti.

IL CAMPIONE DEGLI AUTOCRATI. Il dato più interessante è contenuto in una ricerca intitolata La personalità peculiare degli uomini forti, che mette a confronto, a partire dai dati raccolti da oltre 1800 ricercatori, i profili di 157 leader che si sono cimentati in 81 competizioni elettorali nel mondo. Tra questi vengono anche censiti 14 leader con tendenze autocratiche. Ci sono Putin, Bolsonaro, Erdoğan, Orbán, Duterte, Netanyahu, Modi e, naturalmente, Trump. 
I tratti della triade oscura prevalgono in maniera significativa tra gli autocrati. Trump surclassa tutti quanti in due tratti (narcisismo e machiavellismo) su tre. 
Di triade oscura ed esercizio del potere credo che tornerò a parlarvi, prima o poi, anche se il tema è ispido e non esattamente gradevole. Anzi, disturbante. Ma stiamo sperimentando tempi che non sono gradevoli per molti versi, e ragionarci sopra è un modo per non lasciarsene travolgere.

PECCHE APPREZZATE. Recensendo Unfit sul Corriere della Sera, Aldo Grasso conclude con la domanda delle domande. E scrive: va bene, Trump è “un truffatore e un razzista” (le virgolette sono nell’articolo), ma se è stato votato da una larga fetta di americani non è che queste “pecche” siano apprezzate dalla maggioranza della popolazione?

SOCIAL MEDIA. La componente manipolatoria, che oggi i social media, tra bolle (filter bubbles) e camere dell’eco (echo chambers) possono esaltare è, se non una risposta, almeno una parziale spiegazione del fenomeno. Un’ulteriore parziale spiegazione si trova in un’altra ricercaintitolata Dottor Jekyll o Mister Hyde? Come il profilo di personalità del presidente Donald Trump viene percepito da differenti punti di vista politici.

PERCEZIONI DIVERSE. In sostanza, gli ex elettori di Clinton prevedibilmente percepiscono Trump come molto ostile e poco coscienzioso. Invece i suoi elettori, altrettanto prevedibilmente, lo giudicano molto estroverso ed emozionalmente stabile. Sono due ottimi motivi per votare quello che, senza dubbio, appare loro come un leader solido, energico e determinato.
Il prototipo dell’uomo forte al comando, insomma.
Il dato notevole è però un altro: entrambi i gruppi di elettori (e dunque anche quelli che l’hanno votato) assegnano a Trump alti livelli di narcisismo e psicopatia. E rieccoci ai tratti della triade oscura. Che, sembrerebbe, spiccano assai chiari per tutti.

L’intero modello economico deve essere ripensato, in modo più equo e sostenibile dopo la pandemia, dice Thomas Piketty, intervistato dal Manifesto a proposito del suo...
Facciamo un passo avanti. Tutti, ma proprio tutti, hanno sottostimato il rischio pandemico. Non ricaschiamoci, tornando a sottostimarlo. O sottostimando rischi ancor peggiori. Impariamo...
Tutti noi ragioniamo e, di conseguenza, ci comportiamo, sempre nel modo che ci sembra più intelligente, giusto e adeguato alla situazione.Dai, è ovvio: nessuno si propone di comportarsi in modo...
Un articolo sul sito del World Economic Forum afferma che la tragica pandemia del Covid-19 si configura come il più grande esperimento psicologico di tutti i tempi. È anche un...
Specie in tempi difficili, dovremmo sforzarci di usare parole esatte e di chiamare le cose col loro nome. Le parole che scegliamo per nominare e descrivere i fenomeni possono aiutarci a capirli...
Potremmo chiederci che cosa questa faccenda del contagio da coronavirus ci sta insegnando, e soprattutto che cosa ci sta ricordando su noi stessi, sulla nostra condizione nel mondo e sul nostro modo...
L’attenzione pubblica è ondivaga. Ora, mentre scrivo, a catturarla sono le conseguenze delle elezioni emiliano-romagnole, il coronavirus, l’impeachment di Trump. Appena l’altro ieri erano il...
Sembra che ormai le emozioni siano diventate non il principale, ma addirittura l’unico strumento disponibile per persuadere, catturando l’attenzione, e di conseguenza il consenso, di pubblici...
Forse non sapete che esiste un Master in Supercazzole. È superefficace. Ma lasciatemi cominciare questa storia dall'inizio. Dunque: ci sono fondati sospetti che Pierino abbia rotto il prezioso vaso...
Gli italiani non si informano. Non lo fanno nemmeno su internet: sono infatti gli ultimi in Europa per la lettura di notizie online. La quale continua a decrescere di anno in anno, con ogni...
Il Salone del Libro di Torino lancia, come un messaggio in una bottiglia, una sequenza di cinque domande: ve le ricopio al termine di questo articolo. Le indirizza a scrittori, scienziati, artisti....
A pensarci, può risultare curioso che il termine identità rimandi sia a una somiglianza o equivalenza assoluta (l’identità di due oggetti, di due concetti, di due alternative, di due gemelli,...
Avete mai sentito parlare di modelli di ruolo? E se vi chiedo di individuare un vostro modello di ruolo, presente o passato, qual è il primo che vi viene in mente? Un genitore o un adulto rilevante...
C’è un legame assai più stretto di quel che si potrebbe immaginare tra voto, idea di cittadinanza, educazione volta a sviluppare le competenze sociali. Le competenze sociali sono le capacità...
Sarà davvero tutta colpa del tasto like? Le nostre menti possono essere sequestrate, dicono i tecnologi che temono una distopia da telefoni cellulari, recita il titolo del Guardian. È...
Educare in rete si può. Ma bisogna saperlo fare bene: dirlo è un'ovvietà, riuscirci lo è un po' meno. COSE DIVERTENTI, INTERESSANTI E UTILI. Tra notizie false e discorsi d'odio, ormai è fin...
Questo articolo parla di bufale e di informazione scientifica. Dice alcune cose che non tutti sanno. E comincia con una storiella. Eccola:"Sei il presidente del Cicap? Devi essere molto scettico..."...
In una città, tutto è comunicazione. E sono comunicazione anche le singole azioni. Quelle pubbliche e quelle private. Quelle individuali e quelle collettive. Quelle compiute e quelle mancate....
A spiegare in modo convincente alcuni dei più basilari perché della classe capovolta (flipped classroom) è una bionda avvenente ed energica. Tiene la scena con la sicurezza di una rockstar. La...
Su un primo punto sono tutti d’accordo: virtuale è reale. Le cose che succedono in rete non si verificano in un universo parallelo e separato dalle vite di tutti noi. La prima conseguenza è che...
Se per caso voleste sapere (beh, potreste, e non sarebbe una cattiva idea) come vanno oggi la lettura e i libri in Italia, questa pagina è per voi. Ci sono dati, fatti, e alcune considerazioni....
Seicento docenti scrivono al presidente Mattarella e al Miur denunciando che in Italia gli studenti non sanno l'italiano. Sono linguisti, storici, filosofi, matematici, costituzionalisti,...
Dev'essere diventato (peggio ancora: dev'essere tornato) di moda dividere il mondo in perdenti e vincenti. In deboli e forti. Però, e non da oggi, ho la sensazione che dietro a queste categorie non...
Facciamo un passo indietro: è il 1993, i social media non esistono ancora e siamo agli albori della rete. Una vignetta di Pete Steiner, diventata poi famosissima (così famosa da meritarsi una...
L'egocentrismo è un tratto emergente del nostro tempo, o è solo diventato più visibile e chiassoso? Come e perché siamo tutti intrappolati nella nostra soggettività? Per trovare qualche risposta...
Il sito si chiama Roars, Return On Academic ReSearch. Discute di università, istruzione, ricerca e delle politiche connesse. Ospita anche una sezione di articoli in lingua inglese. Eppure proprio...
Post-truth, cioè post verità, è la parola dell’anno per l’Oxford Dictionary. La prima notizia è che l’uso di questo termine cresce del duemila per cento nel 2016 rispetto all’anno...
È impressione comune che esistano specifiche età più creative, e che altre lo siano meno. Non è vero, e adesso c'è una conferma ulteriore. Il colpo di genio arriva a sessant’anni, titola a...
Prima di chiamare un call center, o di compiere qualsiasi altro atto burocratico, andate a vedervi Io, Daniel Blake, il nuovo film di Ken Loach che a Cannes ha vinto la Palma d’oro. Così, se non...
Sono tempi instabili. Gli argomenti di cui discutere sono molti. Non sempre le cose sono chiare come sembrano (e non sempre sono quello che sembrano). E poi sì, continuiamo a essere in piena...
Questo articolo  prova a dire come funziona la comunicazione efficace. In effetti, i recenti scivoloni ministeriali sul Fertility Day (qui la prima puntata. Qui la seconda), per non parlare  della...
È più che un esempio (ce ne sono tanti) di comunicazione pubblica inefficace. È ignoranza della condizione e dei sentimenti dei cittadini italiani? È incompetenza e trascuratezza delle più...
Quando diciamo linguaggio naturale intendiamo qualsiasi lingua, scritta o parlata,  che si è formata ed  evoluta naturalmente attraverso il continuo uso da parte degli esseri umani. Il linguaggio...
Il primo tra i dieci imprescindibili diritti del lettore, secondo Daniel Pennac, è il diritto di non leggere. Non fa una piega. Ma se passiamo dalla narrativa all’informazione, e fatto salvo il...
Con la comunicazione sul Fertility Day la ministra Lorenzin ha di certo ottenuto un risultato clamoroso in termini di crescita dell’attenzione al tema della denatalità nazionale. In comunicazione,...
Con un paradosso delle visibilità stiamo facendo i conti tutti noi, di questi tempi. Succede infatti che sia i media classici, sia i social media conferiscano una gigantesca visibilità a persone,...
Questo articolo parla di notizie e del perché c'è bisogno di impaginare le notizie. E parla del rapporto che col mondo abbiamo tutti noi. Ne parla perché poche volte come in queste ultime...
La formula è suggestiva: i ragazzi che oggi vanno a scuola stanno studiando per prepararsi a fare lavori che non esistono ancora. Mi sono imbattuta per la prima volta in questa affermazione nel...
Il titolo di questa pagina parla di donne, economia, sviluppo e futuro, ma le immagini che vedete risalgono agli anni '40 del secolo scorso. Può sembrare una scelta stravagante, ma ha una...
In caso di crisi è facile sentirsi paralizzati. E avere la sensazione che "quella" crisi sia diversa da ogni altra crisi possibile. In realtà, tutte le crisi hanno, per il fatto stesso di apparirci...
Per saper dire bisogna non solo possedere, ma anche saper governare le parole. Tutti noi parliamo ogni giorno, perfino troppo, scordando che le parole non sono solamente  tratti che appaiono su un...
Dovremmo imparare a valorizzare le buone notizie. E, prima ancora, dovremmo imparare a vederle e a riconoscerle. FARSI UN'IDEA DEL MONDO.Noi leggiamo le notizie per farci un’idea del mondo. È noto...
All'ingresso dei bagni pubblici sotterranei di Porta Venezia, a Milano, c'è la fila. E non è esattamente una fila di gente pulciosa che ha bisogno di farsi una doccia. Ma quei bagni pubblici sono...
È davvero emblematico il caso di Domenico Lucano, ignoto in Italia e  ripetutamente celebrato all'estero per la sua coraggiosa scelta  di integrare i migranti nel paesino di Riace, di cui è...
L’intelligenza collettiva, la cooperazione, la condivisione e la diffusione del sapere stanno cambiando le nostre vite. La Repubblica parla di più di 400 progetti avviati in tutto il mondo, la...
Le immagini che illustrano questa pagina sono tratte da film che mostrano giocatori di Go. Ma il giocatore più bravo del mondo è impossibile da fotografare: si chiama AlphaGo. È un'intelligenza...
Oggi sto facendo una cosa piuttosto paradossale: spedire una newsletter per dire che non invierò più una newsletter. Si tratta di quella che NeU periodicamente manda ai suoi oltre 4000 iscritti....
Facebook censura definendolo “dannoso” e “non sicuro” un articolo contenente la sintesi dell’intervento di Tullio De Mauro (linguista di fama mondiale ed ex ministro della Pubblica...
Se temete di sputacchiare mentre cercate di dire stepciàild adòpscion, se bailìn continua a ricordarvi un colorito intercalare genovese, se inciampate pronunciando volàntari disclòscia, se...
L' intelligenza delle piante è un argomento che può apparire piuttosto astruso, ma sembra diventare improvvisamente semplice quando ne parla Stefano Mancuso. Lui dirige il Laboratorio di...
Il lago Inle si trova nell’ampio altopiano che occupa la zona centro-orientale del Myanmar. Il modo più semplice per arrivarci è prendere un aereo da Yangoon a Heho.Il terminal dei voli...
Censisce il livello di ottimismo globale il 39esimo rapporto annuale sulle prospettive, le aspettative e le convinzioni degli abitanti di 68 diversi paesi del mondo. È pubblicato da Win-Gallup, ci...
Ve ne sarete accorti. L’idea di fondo, che NeU vi presenta, cucinata in tutte le salse settimana dopo settimana, è questa: conviene guardarsi attorno e, soprattutto, guardare avanti con...
Se la cultura ha bisogno di sponsor, gli sponsor hanno bisogno della cultura. I motivi che riguardano la prima parte di questa affermazione sono facilmente intuibili: le iniziative culturali costano....
È una parola rubata alla tecnologia dei materiali. Per dirla in modo semplice, indica la capacità che un materiale ha assorbire e rilasciare l’energia (per esempio, un urto) che lo potrebbe...
Ieri ho finito di scrivere alle tre di notte. Nessuno, ovviamente, mi obbliga a lavorare fino a un’ora così indecente. Ma avevo intercettato un refolo di pensiero che mi sembrava potenzialmente...
Anonimato e fama non sono condizioni necessariamente opposte, perfino in un mondo in cui legioni di anonimi aspirano a diventare famosi, e in cui buona parte del non così sparuto gruppetto dei...
I computer a scuola sono stati bocciati dall’OCSE, come hanno sbrigativamente titolato diversi giornali nel mondo? Non è così. Però resta il fatto che la bacchetta magica tecnologica, in aula,...
A Rimini, alla Festa della Rete, ci sono: un sole settembrino ma ancora tiepido, una vivace mescolanza di mitici blogger della prima ora e nuove leve youtubiste, l’intera redazione di Lercio,...
Anna Luise ha gli occhi azzurri dietro gli occhiali con un tocco di azzurro e lo sguardo franco. È napoletana e, nonostante viva a Roma, quando si accalora il suo accento rotondo viene fuori. È...
Ne ho pubblicata una prima lista qualche tempo fa. Le usiamo tutti i giorni, qualche volta interrogandoci sul loro significato, spesso senza accorgerci che di latino si tratta e a volte scambiandole...
Espressioni latine che usiamo in italiano, nel linguaggio corrente: in questa pagina ne ho messe insieme ottanta. Spesso le adoperiamo senza nemmeno sapere o ricordare che di espressioni latine si...
“Il marchio contro le false imitazioni del Made in Italy” recita un baldanzoso titolo di Rai News. “Contro le false imitazioni” è un magnifico lapsus: dice una cosa che è priva di senso, e...
Dovrei esserci abituata ma non è così. Tutte le volte che vado al Salone del Libro mi ritrovo travolta dalla quantità di parole scritte e dette, rimbalzate dagli altoparlanti e centuplicate da...
È in rete da pochi giorni un video che mostra Hillary Clinton che invecchia. Non dovrebbe essere una notizia: tutti invecchiamo, a prescindere dal fatto che ci candidiamo o meno alla presidenza...
Un recente articolo sul Guardian sostiene che negli ultimi anni un’insidiosa e diffusa epidemia di insensate credenze neuroscientifiche si è insinuata nel sistema britannico dell’istruzione (e,...
Parlavamo qualche giorno fa dell’inventare parole. Bene: oggi ve ne propongo quattro, e vi chiedo se avete voglia di inventarne una quinta, completa di definizione da proporre nei commenti. Si...
Per quanto tempo è per sempre?, domanda Alice. A volte, solo un secondo, risponde il Bianconiglio. IL TEMPO DELLA RETE È FRAMMENTATO. Maurizio Ferraris scrive che, con l’avvento della rete, nel...
Dona un rene a uno sconosciuto. Ecco la prima samaritana d’Italia. La Repubblica, come altri quotidiani, sceglie di mettere l’accento sul lato umano ma comunque, per fortuna, pubblica la notizia...
Quando ho cominciato a prendere qualche appunto per questo articolo, invece che registrare il documento come disfattismo_bozza ho scritto disfattismo_bizza. Un bel lapsus: infatti sto rischiando, e...
Riconoscere il valore dell'arte è una competenza per niente ovvia. Guardatelo: questo video racconta un fatto curioso, gira in rete e finisce anche nella selezione video di repubblica.it. Ecco di...
“Quali sono le prospettive?”. È una domanda che ci facciamo spesso a proposito di una scelta da fare, un’attività da intraprendere o una situazione da valutare. Quali sono le prospettive...
Nelle ultime settimane la sottoscritta – e con lei questo piccolo sito – si sono ritrovati, per via della petizione sull’uso consapevole dell’italiano, travolti da un'onda anomala di parole,...
A una settimana dal lancio sulle pagine di Internazionale e di Nuovoeutile la petizione #dilloinitaliano ha raccolto più di 55.000 adesioni. Prima di tutto, grazie a chi ha firmato e condiviso....
L'esortazione è semplice: dai, dillo in italiano. Qui sotto potete leggere il testo che accompagna una petizione in favore di un uso più accorto della lingua italiana da parte di chi ha ruoli e...
Nuovo e Utile oggi ospita, nella sua pagina iniziale, il 500esimo articolo: questo. Vuol dire che, nel corso degli anni, settimana dopo settimana ci siamo dati, con quest’ultimo, cinquecento...
Parlare bene una lingua, usando tutte le parole che servono – nette e pertinenti – vuol dire possedere e poter usare bene il proprio pensiero. E, naturalmente, saperlo esprimere e trasmettere....
Torno sul tema dell’itanglese: chi volesse un riassunto delle puntate precedenti trova una sintesi, e qualche conclusione provvisoria, a questa pagina. Ma intanto: itanglese, come dice il...
Il sindaco della cittadina di Providence, nel New England, il 3 febbraio 2014 lancia un’iniziativa davvero curiosa: si chiama Providence Talks. Punta sullo sviluppo del linguaggio infantile e ha...
“Creativo” è un aggettivo, non un sostantivo, scrive Sandor Von Mallasz a conclusione di un lungo ed energico post su Facebook, in cui se la prende con la sicumera implicita in alcuni commenti...
Da qualche anno le neuroscienze hanno cominciato a osservare la politica, o meglio: hanno cominciato a osservare cervello e politica insieme, considerando caratteristiche e attività cerebrali, e...
Un breve ma consistente documento dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico elenca alcuni fatti che riguardano l’istruzione: dovremmo ricordarcene sempre, e i governi...
1. LA SFIDA PER IL NUOVO ANNO. Poco prima della mezzanotte del 2 gennaio 2015, e dopo aver chiesto suggerimenti online e averne ricevuti oltre 50.000, Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook,...
Dai paesi anglosassoni e dall’estremo oriente un buon numero di video ad alta intensità emotiva si sta, da qualche anno, diffondendo in rete. Le narrazioni e gli stili sono diversi e testimoniano...
Adesso gli scienziati lanciano l’allarme sulle conseguenze del multitasking strilla un recente articolo su La Repubblica. Dopo un lungo, colorito esordio arriviamo a un primo fatto: Sandra Bond...
Le nostre università continuano a sonnecchiare ai medi livelli delle classifiche internazionali (la prima è Bologna, al 182 posto). Ogni tanto, risvegliandosi, fantasticano sul fatto che basti...
Bias cognitivi: ne avete mai sentito parlare? L’edizione inglese di Wikipedia ne pubblica un lungo elenco piuttosto terrorizzante. Molti articoli di svariato contenuto, dal management alla vita di...
È un intero, completo, semplice corso di prevenzione e pronto soccorso (come evitare gli incidenti, a casa e in auto. Come comportarsi con ferite, scottature, veleni… fino alla rianimazione per i...
Sarà per via della linguaccia, di quella faccia che sembra un cartone animato e di un’aneddotica ricchissima (la distrazione, l'antipatia per i calzini). Sarà perché è considerato il più...
Ferrara, Festival di Internazionale. A sentire Tullio De Mauro c’è un sacco di gente. Sedersi, non se ne parla nemmeno. Circumnavigo il mucchio assiepato sul fondo del grande cortile della...
“Più in forma, più alti, brizzolati, coi piedi ben piantati in una posa autorevole (power posing) e una voce più profonda”. Questo, in sintesi, secondo l’Economist è ancora oggi il ritratto...
(Un contributo di Claudio Passera) Nel bizzarro e curioso mondo del mercato dell’arte può capitare anche di potersi comprare uno squalo sotto formaldeide per la cifra esorbitante di 12 milioni di...
La prima edizione del Festival della comunicazione di Camogli mi è parsa energica e affollata. Un fatto curioso: i più giovani tra i relatori che sono andata ad ascoltare hanno parlato a partire...
Claudio Passera ha una laurea in lettere e una passione per l’editoria. Soprattutto, è una persona curiosa ed ama – dice – i libri, le storie, l’arte, la musica, la cucina e la moda...
Ha fatto assai rapidamente il giro del web la notizia che nella sintesi in 12 punti del documento governativo intitolato La buona scuola ci fosse qualche a capo non proprio ortodosso. È giusto...
D di Repubblica mi ha chiesto di scrivere un editoriale. Da brava manovale delle parole ho subito domandato: argomento? Taglio? Numero di battute? Tono? La risposta è stata spiazzante. Più o meno...
Ogni anno in Italia circa 20.000 bambini subiscono incidenti. Circa 1000 restano invalidi per sempre. Gli incidenti domestici causano addirittura più morti degli incidenti in auto. Non abbiamo idea...
Uno dei buoni propositi per il futuro prossimo potrebbe essere questo: “dormire un po’ di più”. E farlo sapendo che non è una scelta da mollaccioni pigri, ma una precisa strategia per stare...
Da un po’ di tempo mi frulla in mente una storia ambientata in un futuro assai prossimo. Non la scriverò mai, e non ho nessuna idea di come va a finire. Però ve la racconto qui sotto per sommi...
Cerca in Nuovo e Utile