Portogallo: 9 giorni e 15 luoghi, non tutti invasi dai turisti

Chi atterri in Portogallo e, dall’aeroporto di Lisbona, decida di prendere la linea rossa della metropolitana, comodissima perché in una dozzina di minuti porta in centro, può trovarsi a osservare una serie di graziose caricature di portoghesi illustri della recente contemporaneità, e può anche cimentarsi a riconoscerli. La fila della macchinetta dei biglietti comincia giusto davanti a Pessoa. “Ecco un paese orgoglioso dei suoi esponenti migliori”, penso. E, chissà come mai, mi sento subito all’estero.

Ritrovo frammenti di pensiero di autori portoghesi graffitati sui muri delle città. Trovo José Saramago citato sul dépliant del castello di Marvão (a proposito: quella è una meta meno nota, ma da non perdere). Trovo il filosofo Eduardo Lourenço (o meu paraíso foram sempre os outros) citato su una bustina di zucchero del caffè.

PORTOGALLO PER NOVE GIORNI. Questo è il racconto di un viaggio in auto di nove giorni, in Portogallo, con alcune mete classiche e altre che lo sono un po’ meno. Luoghi visitati: Lisbona, Sintra, Mafra, Alcobaça, Batalha, Coimbra, Aveiro, Ovar, Porto, Lamego, Castelo de Vide, Marvão, Guarda, Alter, Evora. Per poi tornare a Lisbona.
Si può fare: le distanze sono più che ragionevoli, le strade più che buone e (a parte l’uscita da Lisbona) semideserte. Bastano un po’ di pianificazione preliminare (io ho usato la guida del Portogallo pubblicata dal TCI e quella di National Geographic, integrate con qualche ricerca in rete per aggiornamenti e curiosità). E poi: voglia di fare deviazioni estemporanee e voglia di camminare. Qui racconto alcuni dettagli che non necessariamente si trovano sulle guide.

CAMMINARE, SCENDERE, SALIRE. Appunto: camminare sull’ondosa, irregolare, lustra e decorata calçada portuguesa, il tipico lastricato composto di tessere di marmo, è imperativo. E poi in macchina è difficile spostarsi e, ancora più, posteggiare.
Le città maggiori (Lisbona, Porto) sono piene di turisti, che si arrampicano o si calano volonterosi per strade e scalinate così ripide che San Francisco, a confronto, è una passeggiata in pianura. Meglio essere preparati: in una singola giornata a Lisbona mi sono fatta, secondo il telefono cellulare, un dislivello corrispondente a 37 piani di scale.

RESSA A SINTRA. Se l’obiettivo è evitare la ressa dei turisti, meglio stare alla larga da Sintra, almeno in alta stagione: sì, l’area è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità. Sì, i palazzi, i vertiginosi bastioni del Castelo dos Mouros e le ville novecentesche sono affascinanti, ma la folla è tale che sembra di essere in autobus, chilometri di auto parcheggiate ingombrano il saliscendi delle stradine che conducono da un luogo all’altro e l’incanto che aveva sedotto Andersen e Byron è, se non svanito, assai appannato.

IL CHIOSTRO E I PASTICCINI. Se si viene in Portogallo per la prima volta, come è il mio caso, altri luoghi Unesco tocca proprio vederli: per esempio, a Lisbona, il magnifico Monastero de Jerònimos e il suo chiostro (ahimé, lunga coda anche lì). Ma ci si può consolare facendo colazione nella pasticceria di Belem, poco distante, assaggiando gli indimenticabili pasteise ricordando che le origini del luogo sono intrecciate con la storia nazionale: nel 1834 gli ordini religiosi vengono sciolti e i beni monastici confiscati. Così, per mantenersi, alcuni fuoriusciti del monastero cominciano a confezionare dolci squisiti, guadagnandosi un successo che dura ancora oggi.

Portogallo Pasticcedia di Belem, Lisbona

Lisbona, la pasticceria di Belem

ARTE DI STRADA. Un vantaggio del muoversi a piedi è che si possono scegliere percorsi secondari, che conservano intatto lo spirito dei luoghi.
E che si possono guardare e leggere i muri.
Sui muri di Lisbona si trovano bellissimi graffiti, brani e citazioni di autori portoghesi, poetiche dichiarazioni d’amore e messaggi creativi che, da noi, solo nel ‘77. A Coimbra, poco distante dall’università, leggo: crediamo nell’utopia, perché la realtà sembra impossibile. Oppure: il tempo e la religione mettono ansia.

Portogallo Lisbona

Lisbona, nei dintorni del quartiere Alfama

PRIMA DEI MONASTERI. Certo, bisogna visitare i due indimenticabili monasteri di Alcobaça e Batalha, e guai a trascurarli, anche se c’è un bel po’ di gente.
Arrivandoci da Lisbona, però, si può fare una sosta nel gigantesco convento-palazzo reale di Mafra, assai meno frequentato: corridoi sterminati, arredi di gusto discutibile, ma due interni notevoli: nella parte reale, la stanza della caccia, interamente arredata di corna, dai lampadari ai tavoli, ai sofà. Nella parte conventuale, l’infermeria settecentesca: tetri lettini isolati da cortine ai due lati e in fondo un altare, a ricordarci le incertezze della medicina dell’epoca.

Portogallo Mafra

Mafra, la biblioteca

PIPISTRELLI IN BIBLIOTECA. La biblioteca, invece, è bella. A preservare i volumi dai tarli che mangiano la carta c’è una colonia di minuscoli pipistrelli. La stessa cosa accade nella magnifica biblioteca Joanina che si trova all’università di Coimbra (coda per entrare, bisogna rassegnarsi. Attorno all’università, tra i turisti e nonostante il caldo diversi studenti nell’abito nero tradizionale).

IN PORTOGALLO, PESCE. Procedendo da Coimbra per Porto, si può deviare verso la costa e verso Aveiro. Dove ci si imbatte in una disperante barriera di brutti palazzoni moderni, superata la quale c’è un vecchio, grazioso quartiere di pescatori affacciato sui canali (case e barche dipinte di colori vivaci). Qui ho gustato il miglior pranzo di pesce dell’intero viaggio (ristorante O Bairro, 40 euro in due, con calice di vino. Il posto è piccolo ed è meglio prenotare).

IN PORTOGALLO, AZULEJOS. Poco più a nord c’è Ovar, che definisce se stessa “città degli azulejos” per via delle molte case decorate di piastrelle, con la coloratissima Igreja Paroquial de Valega. La chiesa è antica ma il rivestimento è recente: per questo non è citato sulle guide. Ma il colpo d’occhio non è male.

DUE LIBRERIE PORTOGHESI. Ancora a proposito di libri: se a Lisbona, al numero 73 della bella Rua Garrett, c’è la Livraria Bertrand, la più antica del mondo, a Porto c’è la libreria Lello e Irmão, i cui interni hanno ispirato alcune ambientazioni dei libri e dei film di Harry Potter.
La ressa dei visitatori è tale da aver convinto i proprietari a far pagare un biglietto d’ingresso, e da persuadermi a ripiegare verso il vicino museo della fotografia, collocato in un antico carcere settecentesco (semideserto, ampia mostra di macchine fotografiche d’epoca e impressionanti grate alle finestre).

Portogallo, Porto

Porto, libreria Lello e Irmão

OPULENZA FRANCESCANA, UN BELL’OSSIMORO. Un altro luogo non troppo visitato di Porto, e alla sua maniera ossimorico, è l’Igreja de São Francisco. È una chiesa francescana con severo esterno gotico e opulenti interni barocchi, interamente coperti di foglia d’oro (oltre 200 chili d’oro, si stima) dai ricchi mercanti dell’impero coloniale. Uno sfarzo che ricorda quello che si può trovare in un tempio birmano.

MAGICA ROUTE 222. Visitata Porto, la dilemma è tra procedere verso nord o piegare a est verso la valle del Douro, la più antica regione vinicola al mondo. Chi sceglie la seconda opzione e viaggia per strade secondarie deve sapere che l’accesso non è all’altezza delle attese, e si procede tra paesini agricoli non troppo dissimili dai nostri della Brianza o dell’appennino emiliano. Ma non appena si imbocca la Route 222 tutto cambia.
C’è meno gente di quanto ci si possa aspettare e i paesaggi tolgono il fiato per ampiezza, bellezza, sapienza, armonia e vertigine. In estate, tra i filari spuntano i cappelli delle donne che eliminano tralci per dar più sole e forza ai grappoli.

Portogallo, valle del Douro

Valle del Douro, i vigneti

I FILARI COME UNA TRINA. Dicevo. Il disegno delle vigne, che segue il profilo erto e irregolare delle alture intrecciando i filari come in una trina, è incantevole. Ma conviene non lasciarsi prendere dall’entusiasmo e non affidarsi mai alla funzione “percorso più breve” del navigatore. Facendo così mi sono ritrovata a percorrere uno scosceso tratturo che finiva nel nulla, dissestato e stretto tra due filari. Retromarcia troppo accidentata per risultare divertente.

SUL TETTO DELLA CATTEDRALE. Scendendo verso sud la campagna è bellissima. Ci si può fermare a Guarda, la città più alta del Portogallo, bastione (da qui il nome) contro le invasioni arabe attorno all’anno millecento. Superata la consueta barriera di palazzoni si trova un centro storico intatto e praticamente deserto, con una magnifica cattedrale arrampicandosi sul cui tetto ci si può concedere un momento suggestivo, in probabile assoluta solitudine. 

Guarda, la cattedrale

PRANZO RIMARCHEVOLE. Appena fuori dal centro storico ci si può fermare al ristorante Bola de Prata. Il pranzo a prezzo fisso costa la rimarchevole cifra di sette euro a testa. Menu del giorno: pane e olive, ottima minestra tipica di verdure, saporito rotolo di carni con abbondante contorno, dolce, caffè, acqua minerale. Chi prova a parlare in inglese viene serenamente ignorato. Meglio lo spagnolo, l’italiano, i gesti.

PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI. Castelo de Vide è assai graziosa e non troppo affollata. Da lì, l’altra tappa meritevole è, come dicevo, l’arroccata Marvão: tutto quello che ci si può immaginare di una cittadina portoghese, appena un po’ ripulito, con un panorama incredibile, una storia che risale al sesto secolo avanti Cristo, un fascino pressoché intatto e una pressione turistica per ora limitata. Ma occhio: il sito è candidato a entrare nel patrimonio Unesco, e tra un po’ potrebbe non essere più così. 

PAESINI INTATTI. Procedendo verso sud, se si sceglie la strada secondaria, si intercetta un’infilata di paesini sonnacchiosi, deserti e intatti. Sono Alter, con un piccolo castello che sembra tratto da un libro di fiabe (dalla torre tonda potrebbe scendere la treccia di Raperonzolo), Fronteira e Sousel: vie deserte, spigoli delle case man mano più colorati, qualche vecchietto sulle panchine.

L’ACQUA CHE SCORRE. E infine ecco Evora. È Patrimonio Unesco, ma c’è molta meno gente che sulla costa, e il fatto che le auto non possano sostare nel centro storico aiuta. Le cose da vedere sono su qualsiasi guida, ma il piacere massimo è camminare per le belle strade e le piazze ariose fino ad arrivare alla pregevole fontana das Porta de Moura. Sta lì da 500 anni e lo strusciare secolare dei sederi ha scavato confortevoli conche di varia misura nei bordi di marmo rosa che circondano la vasca. Uno si accomoda lì, osserva la grande sfera centrale di marmo, l’acqua che scorre, il tempo che passa. E, per un momento, può scordarsi di essere un turista.

Per capire come e perché funziona il meccanismo del discredito dobbiamo fare un passo indietro, e chiederci come funziona la nostra percezione di tutto quanto ci circonda. Non è facilissimo...
È l’altruismo ciò che ci rende davvero umani? Ci sono vantaggi nell’essere altruisti? L’altruismo non è mai disinteressato, e in fin dei conti non è altro che una forma superiore di...
La Piramide dei bisogni, ideata da Abraham Maslow, continua a tornarmi in mente regolarmente, in questi ultimi tempi. Basta che accenda la tv e mi fissi a guardare l'ennesimo dibattito politico,...
Rigenerazione è una parola magnifica e piena di promesse: cambiamento e riscatto, rinascita, redenzione e rinnovamento, risveglio. Poiché ci regala una prospettiva diversa e speranzosa, sarebbe una...
A pensarci bene, tutto il nostro intricato sistema di relazioni personali, e tutto l’enormemente più intricato sistema di relazioni economiche e sociali in cui, volenti o nolenti, siamo immersi...
Gli italiani non si informano. Non lo fanno nemmeno su internet: sono infatti gli ultimi in Europa per la lettura di notizie online. La quale continua a decrescere di anno in anno, con ogni...
Ci sono libri che raccontano storie, libri che spiegano idee, libri che insegnano cose. Ci sono anche libri che fanno tutto questo, e molto altro ancora, e che possono cambiarci la vita. Il Salone...
Stai attento a quel che vuoi. Potresti ottenerlo. Questo vecchio adagio mi torna mi torna in mente ogni tanto, a proposito di desideri o progetti miei o altrui che sembrano di complessa...
Una delle caratteristiche più pestifere e permanenti delle decisioni sbagliate e delle prese di posizione sbagliate, è che possono essere come le ciliegie: una tira l’altra. PERSEVERARE...
Uno pensa di fare un viaggio in treno e invece si imbatte nella psicoanalisi. Ecco come può succedere. Salgo trafelata sul Frecciarossa. Il vagone è pieno. Mi tocca slalomare inciampando tra...
Sì, la vicenda dei dati ceduti, rubati, usati per convincere, manipolare e disinformare sembra una narrazione distopica. La cosa che renderebbe poco credibile l’intera storia, se di narrazione...
Stavolta parliamo di ricerca psicografica e di  profili: tranquilli, è una faccenda interessante. Questa è la seconda puntata di un discorso su informazione e disinformazione, a partire dalla...
Il fatto è questo: quando parliamo di informazione, parliamo non solo di quanto sappiamo, ma anche di ciò che decidiamo e facciamo e vogliamo. Se avete letto le notizie degli ultimi giorni, sapete...
Il Salone del Libro di Torino lancia, come un messaggio in una bottiglia, una sequenza di cinque domande: ve le ricopio al termine di questo articolo. Le indirizza a scrittori, scienziati, artisti....
È passato appena un anno e mezzo da quando, a fine 2016 e in concomitanza con l’elezione di Donald Trump, l’attenzione mondiale si è rivolta alle fake news, le notizie false in rete: un...
A pensarci, può risultare curioso che il termine identità rimandi sia a una somiglianza o equivalenza assoluta (l’identità di due oggetti, di due concetti, di due alternative, di due gemelli,...
La notizia che il corso più seguito nei 317 anni di storia dell’università di Yale riguarda la felicità è stata ampiamente diffusa anche dalle testate italiane (qui Ansa), che riportano più o...
Avete mai sentito parlare di modelli di ruolo? E se vi chiedo di individuare un vostro modello di ruolo, presente o passato, qual è il primo che vi viene in mente? Un genitore o un adulto rilevante...
La recente notizia che Facebook avrà una task force per il fact checking delle fake news è confortante, ma il modo in cui viene diffusa lo è meno: è ancora italiano, questo testo (sei parole...
La personalizzazione delle merci è uno dei molti paradossi della società massificata e omologata, quella che da un capo all’altro del mondo ci fa trovare le stesse marche negli stessi negozi,...
Scegliere parole inglesi non è proprio il massimo, anche se alcuni si ostinano a pensarla così. In questo articolo trovate tre casi dei quali potremmo serenamente fare a meno. PRIMO CASO. C’è il...
Essere ansiosi sembra una condizione tipica del nostro tempo, scrivevo qualche giorno fa aggiungendo, tra le altre cose, che l’ansia è di origine ambientale (è qualcosa di esterno a noi a...
L'ansia è davvero il sentimento più diffuso e caratteristico del nostro tempo pieno di incertezze? Sembrerebbe proprio di sì. Del resto, basta guardarsi in giro: è molto più facile trovare...
C’è un legame assai più stretto di quel che si potrebbe immaginare tra voto, idea di cittadinanza, educazione volta a sviluppare le competenze sociali. Le competenze sociali sono le capacità...
Intelligenza sociale vuol dire, in parole povere, essere capaci di mettersi in relazione con gli altri in maniera efficace e positiva. Alcuni sostengono che è l’intelligenza sociale, più ancora...
Nel 2017 la diffusione delle notizie false (fake news) in rete preoccupa "abbastanza o molto" il 78 per cento degli utenti, secondo un sondaggio condotto dalla BBC in 18 paesi. Nel medesimo...
Sarà davvero tutta colpa del tasto like? Le nostre menti possono essere sequestrate, dicono i tecnologi che temono una distopia da telefoni cellulari, recita il titolo del Guardian. È...
Educare in rete si può. Ma bisogna saperlo fare bene: dirlo è un'ovvietà, riuscirci lo è un po' meno. COSE DIVERTENTI, INTERESSANTI E UTILI. Tra notizie false e discorsi d'odio, ormai è fin...
Questo articolo parla di bufale e di informazione scientifica. Dice alcune cose che non tutti sanno. E comincia con una storiella. Eccola: "Sei il presidente del Cicap? Devi essere molto scettico..."...
Chi di noi può resistere alla tentazione di sentirsi indispensabile? scrive Margaret Atwood. È una bella domanda, ed è una domanda maliziosa. EUFORIA E SICUREZZA. Sentirsi indispensabili per la...
Me ne rendo conto: in tempi di impieghi scarsi, precari e mal pagati, celebrare il lavoro ben fatto può sembrare insensato e inopportuno. O irritante e sospetto. Come minimo, antiquato, stucchevole...
Dormire mi piace, tuttavia con il sonno ho una relazione contrastata e tendo colpevolmente a tirar tardi. Che stia leggendo, scrivendo, guardando una serie televisiva o chiacchierando con qualcuno, o...
Che cosa frulla nella mente delle persone di potere? Ce lo domandiamo – e capita non di rado – quando i loro comportamenti ci appaiono contraddittori, o poco comprensibili, o così arroganti da...
Uno dice lavoro di gruppo. O lavoro di squadra. Cerca una definizione, prova a capire le differenze, e si apre un mondo. Lavorare insieme può essere bellissimo. O può essere un incubo. Il fatto che...
Si chiama ambivalenza. È una condizione strana e destabilizzante. L’abbiamo provata tutti, magari senza sapere come chiamarla, o di che esattamente si tratta. AMARE E NON AMARE. Odi et amo, scrive...
A tutti può capitare di dover chiedere scusa. Non a tutti succede di volerlo o saperlo fare in modo onesto, efficace e trasparente. Di fatto il gesto di chiedere scusa è complicato per diversi...
Da bambini chiediamo e domandiamo in continuazione. Crescendo, però, perdiamo la fertile attitudine a domandare per sapere qualcosa. E perdiamo l’indispensabile capacità di saper chiedere per...
Il minuscolo centro storico di Terracina è, per chi come me lo vede per la prima volta, un luogo sorprendente: un intrico di resti romani ben presenti e visibili, sui quali sono cresciute le...
La nostra memoria è sempre con noi, ed è così intimamente legata al nostro essere che ce ne accorgiamo solo quando, per qualche motivo, latita e non rende subito disponibile l’informazione che...
Saper domandare è una capacità che si merita tutto il nostro rispetto. Tutto comincia con l’età dei perché: chiunque abbia figli sa di che si tratta. Fra i due e i quattro anni, i bambini non...
Viviamo (e chissà se ce ne siamo davvero accorti) nell’età del turismo. È la più importante industria del nostro tempo, ed è la più inquinante: produce CO2 e consuma territorio. Alimenta un...
Questo articolo vi parla dell’arte di riassumere e di sintetizzare. Molti pensano che si tratti soprattutto di tagliare. Io sono convinta che si tratti di spolpare. Cioè di arrivare all’osso....
Capi di stato e partiti politici, imprenditori e aziende, movimenti e associazioni… chi non ha problemi di comunicazione, oggi? Se qualcosa va storto (per esempio: se un obiettivo raggiungibile non...
Attorno alle decisioni controintuitive ci sono teorie e storie davvero affascinanti. Una delle più note riguarda il castello di Hochosterwitz. Lo psicologo Paul Watzlawick la riprende, in forme...
La pagina inglese di Wikipedia intitolata “conseguenza inattese” (unintended consequences, ma anche unanticipated o unforeseen consequences) non ha un corrispondente italiano. Se qualcuno la...
D’accordo, in tempi come questi c’è poco da ridere: ma, proprio perché è meno facile del solito che una risata ci venga spontanea, forse dovremmo cominciare a coltivarle, le risate e le...
Certo, Fred Astaire era grandioso. Ma non dimentichiamoci che Ginger Rogers faceva esattamente le stesse cose, ballando all’indietro e sui tacchi alti. Questa considerazione, apparsa nel 1982 in...
In una città, tutto è comunicazione. E sono comunicazione anche le singole azioni. Quelle pubbliche e quelle private. Quelle individuali e quelle collettive. Quelle compiute e quelle mancate....
La Costa Rica è grande come la Svizzera più la provincia di Varese, o come Lombardia e Piemonte messi insieme. All’inizio del nuovo millennio, e per diversi anni, è stata considerata il paese...
A spiegare in modo convincente alcuni dei più basilari perché della classe capovolta (flipped classroom) è una bionda avvenente ed energica. Tiene la scena con la sicurezza di una rockstar. La...
Su un primo punto sono tutti d’accordo: virtuale è reale. Le cose che succedono in rete non si verificano in un universo parallelo e separato dalle vite di tutti noi. La prima conseguenza è che...
Sì, le categorie sono astratte. E fanno riferimento ad altre astrazioni, e alla stessa nostra capacità di organizzare il sapere astraendo, e ricostruendo regole generali a partire da fatti e...
Se per caso voleste sapere (beh, potreste, e non sarebbe una cattiva idea) come vanno oggi la lettura e i libri in Italia, questa pagina è per voi. Ci sono dati, fatti, e alcune considerazioni....
Seicento docenti scrivono al presidente Mattarella e al Miur denunciando che in Italia gli studenti non sanno l'italiano. Sono linguisti, storici, filosofi, matematici, costituzionalisti,...
Promuovere libri e lettura è importante per mille motivi, e qui su NeU ne abbiamo discusso molte volte. Leggere migliora le singole persone. Leggere – ce lo dicono molte ricerche – stimola il...
Dev'essere diventato (peggio ancora: dev'essere tornato) di moda dividere il mondo in perdenti e vincenti. In deboli e forti. Però, e non da oggi, ho la sensazione che dietro a queste categorie non...
Oggi torno a parlarvi di istruzione e apprendimento permanente. Ho due ottimi motivi per farlo, e il primo è questo: nel commosso ed energico discorso di commiato (qui la sintesi in italiano)...
Riguarda le città immaginarie il gioco che, secondo tradizione, Neu vi propone per le feste. È semplice semplice. Si può giocare da soli (o meglio: in compagnia di se stessi) o in gruppo. Se lo...
Facciamo un passo indietro: è il 1993, i social media non esistono ancora e siamo agli albori della rete. Una vignetta di Pete Steiner, diventata poi famosissima (così famosa da meritarsi una...
Sempre più persone leggono le notizie in rete, ma non sanno valutare l'informazione a cui si espongono. Partiamo da due dati: sei americani su dieci usano Facebook per informarsi. In Italia,...
L'egocentrismo è un tratto emergente del nostro tempo, o è solo diventato più visibile e chiassoso? Come e perché siamo tutti intrappolati nella nostra soggettività? Per trovare qualche risposta...
È come una sfida a ramino. Puoi vincere o perdere, ma quel che conta è la partita, dice Dario Fo poco prima di morire. Un bel congedo, da parte di uno che ha sempre giocato le sue carte vincendo e...
Il sito si chiama Roars, Return On Academic ReSearch. Discute di università, istruzione, ricerca e delle politiche connesse. Ospita anche una sezione di articoli in lingua inglese. Eppure proprio...
Post-truth, cioè post verità, è la parola dell’anno per l’Oxford Dictionary. La prima notizia è che l’uso di questo termine cresce del duemila per cento nel 2016 rispetto all’anno...
C’è qualcosa – una cosa qualsiasi – che sai fare bene? Mi è capitato di porre questa domanda, a volte, nel corso di un colloquio di lavoro. O, più spesso, chiacchierando con uno studente in...
È impressione comune che esistano specifiche età più creative, e che altre lo siano meno. Non è vero, e adesso c'è una conferma ulteriore. Il colpo di genio arriva a sessant’anni, titola a...
Prima di chiamare un call center, o di compiere qualsiasi altro atto burocratico, andate a vedervi Io, Daniel Blake, il nuovo film di Ken Loach che a Cannes ha vinto la Palma d’oro. Così, se non...
Il più famoso esperimento sull'autocontrollo, la focalizzazione e la forza di volontà risale agli anni Sessanta, e riguarda bambini e dolcetti. È il marshmallow experiment. Ad attuarlo è Walter...
Questo articolo mette insieme due elementi che sembrano distanti tra loro, ma in realtà non lo sono: lingua e potere, anzi soft power. L’italiano, lingua degli angeli per Thomas Mann, è la lingua...
Questo articolo parla di aborigeni, lingue perdute e ritrovate, tradizioni e modernità, spaventosi massacri e ingiustizie nemmeno tanto remote, sense of humor, orgoglio, appartenenza, premonizione....
Sono tempi instabili. Gli argomenti di cui discutere sono molti. Non sempre le cose sono chiare come sembrano (e non sempre sono quello che sembrano). E poi sì, continuiamo a essere in piena...
Questo articolo  prova a dire come funziona la comunicazione efficace. In effetti, i recenti scivoloni ministeriali sul Fertility Day (qui la prima puntata. Qui la seconda), per non parlare  della...
È più che un esempio (ce ne sono tanti) di comunicazione pubblica inefficace. È ignoranza della condizione e dei sentimenti dei cittadini italiani? È incompetenza e trascuratezza delle più...
Quando diciamo linguaggio naturale intendiamo qualsiasi lingua, scritta o parlata,  che si è formata ed  evoluta naturalmente attraverso il continuo uso da parte degli esseri umani. Il linguaggio...
C'è chi non ci dorme di notte. C'è chi è convinto che "è meglio dormirci sopra". C'è chi decide all'improvviso e senza pensarci. C'è chi torna costantemente sulle proprie decisioni. C'è chi...
Il primo tra i dieci imprescindibili diritti del lettore, secondo Daniel Pennac, è il diritto di non leggere. Non fa una piega. Ma se passiamo dalla narrativa all’informazione, e fatto salvo il...
Con la comunicazione sul Fertility Day la ministra Lorenzin ha di certo ottenuto un risultato clamoroso in termini di crescita dell’attenzione al tema della denatalità nazionale. In comunicazione,...
Acrostico fa rima con ostico. Ma dai, non fatevi impressionare, e giocate anche voi al gioco per l’estate che, secondo tradizione, vi propongo anche quest'anno. Un acrostico è un testo, le...
Con un paradosso delle visibilità stiamo facendo i conti tutti noi, di questi tempi. Succede infatti che sia i media classici, sia i social media conferiscano una gigantesca visibilità a persone,...
Sembrava finita, la propaganda. Sembrava che ormai fosse una cosa da remote dittature. Che potessimo escluderla dal nostro orizzonte mentale, osservandola con condiscendente e crescente distacco....
Si può essere curiosi a proposito della curiosità? Beh, oggi vi invito a provarci: ne vale la pena. Del resto, Albert Einstein scrive di sé: non ho particolari talenti. Sono solo appassionatamente...
Questo articolo parla di notizie e del perché c'è bisogno di impaginare le notizie. E parla del rapporto che col mondo abbiamo tutti noi. Ne parla perché poche volte come in queste ultime...
La formula è suggestiva: i ragazzi che oggi vanno a scuola stanno studiando per prepararsi a fare lavori che non esistono ancora. Mi sono imbattuta per la prima volta in questa affermazione nel...
La fortuna è uno stato mentale, scrive Scientific American. Val la pena di andare a vedere in che modo questa affermazione, per molti versi sorprendente, viene argomentata, e soprattutto se...
Il titolo di questa pagina parla di donne, economia, sviluppo e futuro, ma le immagini che vedete risalgono agli anni '40 del secolo scorso. Può sembrare una scelta stravagante, ma ha una...
Non ha senso illudersi di saper parlare bene in pubblico senza avere qualcosa di rilevante da dire. Rem tene, verba sequentur (sii padrone del concetto, le parole seguiranno), scrive nelle Orationes...
In caso di crisi è facile sentirsi paralizzati. E avere la sensazione che "quella" crisi sia diversa da ogni altra crisi possibile. In realtà, tutte le crisi hanno, per il fatto stesso di apparirci...
Chiunque si rivolga non a una singola persona ma a un gruppo di interlocutori sta, in effetti “parlando in pubblico”. Le regole cambiano. Può succedere di dover parlare in pubblico in modo del...
Terre Bagnate. O Terre Fradice. O Terre Umide: insomma: un sacco di acqua che si insinua  dappertutto. Le Wetlands della Louisiana sono un un gigantesco intrico di canali, paludi e foreste di...
Di consigli su come parlare a un pubblico è piena la rete, dai più bizzarri (evitate i latticini!) a quelli in apparenza più ovvi (ricordatevi di respirare). In realtà non tutti i consigli, a...
New Orleans sembra condannata a ripetere una stanca, meccanica messa in scena dal proprio stesso mito. L’affascinante quartiere francese – case tardo settecentesche e ottocentesche, muri...
Per saper dire bisogna non solo possedere, ma anche saper governare le parole. Tutti noi parliamo ogni giorno, perfino troppo, scordando che le parole non sono solamente  tratti che appaiono su un...
Me lo ricordo bene. Sono stata a Miami per la prima volta all’inizio degli anni ’80, quando ancora buona parte degli alberghi Déco cadeva a pezzi e Miami Beach era un luogo schizofrenico: lungo...
Nel nostro paese la capacità di parlare in pubblico è modesta. Oscilliamo tra sproloquio e afasia, tra aggressività e narcosi, tra esibizionismo narcisistico (appartiene a molti) e sottomessa...
Ci sono singoli momenti in cui è possibile diventare scrittori: questa, almeno, è la percezione di alcuni che poi sono diventati scrittori per davvero. Racconta tutto ciò un grazioso articolo di...
Di sindrome dell’impostore soffrono, in genere, quelli che impostori non sono. Curioso, no? Ecco di che si tratta: sindrome dell’impostore è un modo informale e non tecnico per definire la...
Può sembrare paradossale ma è così: pubblicare buone notizie è più difficile che pubblicarne di cattive. E, se ci pensate bene, lo è per molte ragioni piuttosto facili da intuire. Qui sotto...
Far fuori una idea creativa è la cosa più facile del mondo: basta un attimo. Far fuori una idea creativa è gratificante per chi ritiene che le persone che svolgono lavori creativi siano...
Torno sul tema delle notizie positive nella convinzione che sia davvero rilevante. E insisto perché vorrei fare del mio meglio per diffondere questa percezione, e perché una forte richiesta di...
Cerca in Nuovo e Utile
240 queries in 2,264 seconds.