Pingyao e la soggettività del falso e del vero

Per arrivare a Taiyuan da Pechino bastano circa quattro ore di treno. Da lì, ci dirigeremo a Pingyao. La campagna che scorre oltre il finestrino mi colpisce: mi aspettavo tanta agricoltura intensiva, invece i campi che vedo sono stranamente piccoli e irregolari.

Tra i campi, in mezzo al nulla e in apparenza senza alcuna logica, sorgono isolati agglomerati di decine di torri per appartamenti, edificate una accanto all’altra, alte sui trenta piani, che si alternano a villaggi di case basse. 
Alcuni agglomerati sono lontani e svettano sui verde, altri sono letteralmente affacciati sulla ferrovia. Visti da vicino sembrano l’ambientazione di una serie televisiva distopica.

In treno verso Taiyuan e Pingyao
In treno verso Taiyuan

IL MASSIMO DEL LUSSO. Stiamo dirigendoci verso sud ovest, alla ricerca di qualche suggestione dalla Cina del passato. Troveremo qualcosa di diverso da ciò che ci aspettiamo, e di più complesso e spiazzante. Anche nella periferia di Tayuan, ai bordi della strada che porta a Pingyao, vediamo un’ imponente schiera di torri tutte uguali. Veniamo a sapere che sono il massimo del lusso per quel territorio: abitazioni di 200-500 metri quadri l’una, enormi per lo standard cinese (beh, anche per il nostro), in vendita a 3000 euro al metro quadro e molto ambite dall’élite locale. 

LE DUE FACCE DELLO SVILUPPO. Di fronte alle torri, però, in mezzo e al di là della strada,  ci sono interminabili infilate di alberi di recentissimo impianto (come si riconosce un albero appena piantato? Facile: ci sono i tutori – pali di sostegno che vanno poi rimossi nel giro di qualche stagione). Torri e alberi sono le due facce del nuovo sviluppo cinese. E noi ci stiamo passando proprio in mezzo.

La strada verso Pingyao
Palazzoni e alberi di nuovo impianto sulla strada per Pingyao

LE TORRI E GLI ALBERI. Secondo il World Economic Forum, nel prossimo decennio metà delle nuove costruzioni mondiali sarà cinese. Stiamo parlando di qualcosa come due miliardi di metri quadri costruiti ogni anno. 
Ma l’altra cifra impressionante riguarda la riforestazione: il governo cinese afferma di  aver piantato 66 miliardi di alberi in tredici province a partire dal 1979, quando il piano intitolato Grande muraglia verde è stato varato con lo scopo primario di contrastare l’avanzata dei deserti. Soprattutto nel nord del paese, ogni anno viene riforestata una superficie corrispondente a quella dell’intera Irlanda.

MOLTE OPPORTUNITÀ. Oggi, facendo leva su una capacità di pianificazione e controllo che non ha uguali, il governo vuole  che siano “verdi”  le nuove città, e una percentuale significativa dei nuovi edifici. 
Si tratta non solo di contrastare l’inquinamento, che in alcuni distretti industriali resta ancora terribile, ma anche di modificare radicalmente l’immagine della Cina come “grande inquinatore”. Di cogliere le molte opportunità economiche connesse con lo sviluppo di tecnologie per l’energia pulita. E di sperimentare su larghissima scala modi innovativi di costruire e di abitare.

PICCOLI INDIZI DI GRANDI CAMBIAMENTI. Infine, si tratta di conquistare un ruolo di leadership per quanto riguarda la sostenibilità ambientale, occupando la posizione lasciata vacante dagli Stati Uniti di Donald Trump. Un progetto tanto ambizioso quanto visionario.
Di tutto questo, i mille e mille alberelli appena piantati sulla strada per Pingyao, come i moltissimi altri che vedremo viaggiando nei giorni successivi, sono solo un microscopico indizio. 
D’altra parte, nel corso di tutto questo viaggio stiamo andando proprio in cerca di indizi e di segnali, anche piccoli, che però rimandano a grandi cambiamenti.

UN POSTO CURIOSO. Poco prima di arrivare a Pingyao ci imbattiamo in un posto curioso, in altri indizi e in una storia così interessante che merita di essere raccontata. Riguarda il Qiao Jia Dayuan. Cioè, la residenza della famiglia Qiao (Qiao compound). È un luogo che si può definire in molti modi. È un sito storico. Un set cinematografico. Una destinazione turistica, e una macchina per far soldi. Una spudorata mescolanza di un quarto di vero e tre quarti di artefatto. 
Ma il sito è anche l’espressione di un forte intento pedagogico governativo. E un imprevedibile elogio della prosperità, conseguita grazie all’applicazione costante dei valori confuciani: tradizione, moderazione, responsabilità, tenacia nelle difficoltà, rispetto dei legami familiari e sociali, armonia attraverso la gerarchia.

Il Qiao compound, sulla strada per Pingyao
Nella casa della famiglia Qiao

DOPPIA FELICITÀ. Ed ecco la storia. I Qiao sono mercanti. Il patriarca Qiao Guifa viaggia e vende tè e tofu nelle regioni della Mongolia interna, e si arricchisce. Torna a casa e nel 1755 inizia a costruire la residenza familiare. Negli anni, il complesso crescerà fino a comprendere 313 stanze, organizzate secondo una rigida geometria di cortili, giardini e passaggi interni, e un’altrettanto rigida simbologia: l’intero complesso ha infatti la forma del carattere cinese xi,  che significa “doppia felicità”. 

BUONA ANCHE LA TERZA. Anche in Cina si dice che la prima generazione accumula ricchezza, la seconda la conserva e la terza la sperpera. Nel caso dei Qiao non è così. Generazione dopo generazione, la famiglia si costruisce un’ottima reputazione adottando severe norme di comportamento: niente alcol, niente oppio, niente scommesse, niente abusi sui servi, niente concubine perché le donne portano guai. 
La terza generazione dei Qiao controlla oltre 200 negozi nella regione e, avendo bisogno di trasferire soldi in modo sicuro, inventa il sistema bancario cinese. Ai tempi delle guerre dell’oppio (e siamo a metà Ottocento) i Qiao prestano denaro al governo. Ai primi del Novecento salvano sette suore italiane dalla furia dei Boxer in rivolta: l’ambasciata d’Italia, per ringraziare, dona alla famiglia una bandiera italiana che sventolerà sulla proprietà nei decenni successivi salvandola, tra l’altro, dalla distruzione giapponese.  

LANTERNE ROSSE. In sostanza, il complesso degli edifici resta miracolosamente intatto nel corso di tutto il Novecento, Rivoluzione culturale compresa. Nel 1986 viene acquisito del governo e trasformato in museo. Nel 1991 il regista  Zhāng Yìmóu lo usa come set per le riprese del film Lanterne rosse
Accolto con entusiasmo in Europa e negli Stati Uniti, il film in Cina viene in un primo tempo considerato una metafora critica del potere totalitario, e censurato. Oggi lo si può senza alcun problema scaricare dallo YouTube cinese.
Quello era un vecchio modo di pensare”, taglia corto scrollando le spalle una delle hostess in costume tradizionale, quando le chiedo notizie della censura. Nel 2006 la tv di stato cinese ha narrato in una serie televisiva di 46 episodi (con qualche licenza artistica) la lunghissima vita di Qiao Zhiyoung, il più eminente dei membri della famiglia.

UNA MACCHINA PER LA MEMORIA. I visitatori, in massima parte cinesi, che vengono a vedere la casa dei Qiao ci arrivano dopo aver percorso una spianata ai cui bordi si trova una serie di statue di bronzo, a grandezza naturale, ciascuna delle quali illustra e celebra una specifica conquista economica della famiglia, illustrata in dettaglio da didascalie in cinese e in inglese. 
Molti si mettono in posa accanto ai Qiao di bronzo, rendendosi partecipi della scena rappresentata. Altre statue di bronzo sono collocate all’interno della proprietà. Penso che, più ancora che un museo e una testimonianza del passato, il sito voglia essere, appunto, una macchina per ricreare una memoria (e un’interpretazione del confucianesimo) altamente funzionale ai presenti e futuri progetti statali.
Se questo è l’intento, qualsiasi preoccupazione filologica passa ovviamente in secondo piano. 

L’INAUTENTICO TURISTICO, IN PRATICA. Il governo ha spostato gli abitanti che avevano casa in questi luoghi, indennizzandoli e collocandoli  nelle nuove torri per abitazioni che si trovano a una decina di chilometri di distanza. 
Poi, attorno al sito autentico ha edificato una replica, estesa tre volte tanto, atta a ospitare negozi e ristoranti  e costruita ex novo nello stile originale, solo con strade più larghe così ci sta più gente. 
Marco D’Eramo, nell’illuminante Il selfie del mondoparla dell’inautentico turistico  come di un un autentico (e dunque rimarchevole) segno del nostro tempo. E cita il caso di Lijang, città turistica cinese in larga parte ricostruita, (oltre 20 milioni di visitatori nel 2013). È un insediamento che racconta una verità proprio nel suo essere del tutto artificiale.
Del resto, anche a casa Qiao, se arrivano sempre più turisti bisognerà ben trovare il modo di allocarli, nutrirli, intrattenerli e vendergli qualcosina, oltre a mostrargli le ricadute virtuose dell’applicazione dei principi confuciani, no? È una logica che non fa una piega, e un ottimo esempio concreto di pragmatismo cinese.

Il Qiao compound, ieri e oggi
L’autentico (a sinistra) e l’inautentico (a destra) nel Qiao compound

IL CASO DI PINGYAO. Pingyao è a cinquanta chilometri circa di distanza. Si tratta di una situazione diversa, ma non così diversa. La cittadina è stata dichiarata sito Unesco nel 1997. Questa la motivazione: Pingyao è un esempio eccezionalmente ben conservato di tradizionale città cinese Han, fondata nel XIV secolo.  Il suo tessuto urbano mostra l’evoluzione degli stili architettonici e dell’urbanistica della Cina imperiale, nel corso di cinque secoli.
Il problema è che, certificando l’unicità di un sito, l’Unesco da una parte lo sterilizza impedendone qualsiasi cambiamento vitale. Dall’altra, accrescendone la notorietà, ne incrementa la pressione turistica. Tutto ciò va a danno dell’autenticità.

Pingyao, il centro
Pingyao – Una via centrale

SETTE SECOLI DI STORIA. La città comprende circa 4000 edifici risalenti alle dinastie Ming e Quing (insomma: costruiti a partire dal 1300) e  sei chilometri di cinta muraria risalenti al 1370. È stata un importantissimo centro centro bancario e del  commercio dell’argento. Anche se oggi a Pingyao arrivano – ci dicono – 8 milioni di turisti l’anno, si tratta al 99 per cento di  cinesi, e la città continua a rimanere fuori dai percorsi più classici dei turismo occidentale. Le auto non possono oltrepassare la cinta muraria.

Pingyao, verso la periferia
Pingyao – Lontano dal centro

FOLLA CINESE. Le strade sono abbastanza affollate di gente che si guarda attorno, compra souvenir e, soprattutto, mangia (la specialità locale è uno speciale tipo di carne servita fredda e tagliata a fettine, ma ci sono anche mille negozi di dolci).
Tutto ciò paradossalmente, per noi che siamo occidentali, restituisce autenticità al posto: stiamo osservando non tanto un’antica città cinese, ma come i cinesi contemporanei visitano un’antica città cinese. E tutto questo, per noi come singoli soggetti, è assolutamente e indiscutibilmente vero.
Buona parte di Pingyao è stata restaurata, ma man mano che ci si allontana dalle vie centrali i negozi diventano più semplici, e noi facciamo davvero fatica a capire che cosa vendono.

I tetti di Pingyao
I tetti di Pingyao

LUNGA VITA AL PRESIDENTE. La vera cosa da fare è passeggiare, infilarsi nei vicoli, sbirciare nei cortili attraverso i portoni socchiusi, guardare i tetti dall’alto delle mura. Andiamo anche a visitare le sedi delle banche e il tempio confuciano, però. 
Una signora del posto ci dice che in precedenza, e per diversi decenni, il tempio è stato trasformato nella sede del liceo di Pingyao. Lei ha studiato lì, e ricorda bene che nella sala dove oggi noi vediamo la statua di Confucio c’era la palestra di danza. Sui muri, a coprire le immagini dei discepoli di Confucio, la scritta “lunga vita al presidente Mao”.

USARE LE BACCHETTE. Entriamo in un piccolo ristorante piuttosto defilato. Non devono essere troppo abituati ai clienti occidentali: tutti si agitano e il proprietario fa subito spostare in un’altra stanza un paio di clienti, o forse di familiari, che stanno mangiando la loro zuppa con il naso nella scodella. 
Il proprietario non spiccica una parole d’inglese e ci capiamo a gesti, così non riusciamo a dirgli di non stare a disturbarsi più che tanto. Ci offre il tavolo migliore accanto alla finestra e lo pulisce accanitamente con uno straccio. Resta a osservarci per tutto il tempo del pranzo, e sembra sollevato quando vede che usiamo senza problemi le bacchette. Per non offenderlo, ci tocca spazzolare via tutto, fino all’ultimo pezzo di verdura e all’ultimo sorso di un brodo non proprio memorabile.

BELLA CIAO. L’anziano signore che ci accompagna in auto all’aeroporto parla con uno strano miscuglio di inglese e francese. Dopo aver scoperto che veniamo dall’Italia, si mette a cantare Bella Ciao. L’ha imparata all’asilo come “canzone rivoluzionaria” (faccio un rapido calcolo: dev’essere stato negli anni 50) e se la ricorda ancora. Tutta quanta, in ottimo italiano, fino all’ultima strofa. 
Così, con la gradita partecipazione del figlio millennial, ci mettiamo a cantare Bella Ciao a squarciagola mentre passiamo tra campi di granturco e filari di pioppi, e sembra quasi di essere nella pianura padana.
Questa estate no rain, no rain, never, ci dice il signore anziano: senza pioggia il mais resta basso e ci saranno problemi col raccolto. E anche questo ci suona, ahimé, familiare. 

__________________

Questo articolo è il quinto di una serie in cui racconto un giro del mondo fatto con mio figlio. Qui gli altri articoli:
Giro del mondo: il viaggio comincia prima
San Pietroburgo: ambizione, incanto e una domanda
3 Mosca tra lusso, cinesi e memorie sovietiche
4 Pechino, il passato remoto e il futuro prossimo
6) Shanghai: luci nella notte e grattacieli nel verde
La serie esce anche su internazionale.

Visto dal cielo, il paesaggio attorno a Pechino sembra una scheda madre zeppa di microchip per via delle schiere di palazzi di nuova costruzione, raggruppati a decine, tutti uguali, tutti allineati,...
Per andare da San Pietroburgo a Mosca con il Sapsan (il treno ad alta velocità) ci vogliono circa quattro ore. Le carrozze sono confortevoli, pulite e silenziose. Fuori dal finestrino...
La prima tappa è San Pietroburgo. E la prima cosa che facciamo è cercare un negozio di telefonia e comprare una sim. Viaggiare con un figlio millennial dotato di telefonino con...
Sono stata lontana da Nuovo e Utile per qualche mese, ma rieccomi. Beh, nel frattempo mi sono fatta un giro del mondo. Di solito non scrivo di questioni personali, ma stavolta, e per dirvi dove...
Forse non sapete che esiste un Master in Supercazzole. È superefficace. Ma lasciatemi cominciare questa storia dall'inizio. Dunque: ci sono fondati sospetti che Pierino abbia rotto il prezioso vaso...
Si chiama scaricabarile. È un gioco semplice e forse da bambini ci avete giocato anche voi. Si gioca a coppie. Consiste nel mettersi schiena contro schiena, intrecciando le braccia. Uno...
La scala Allport serve per valutare il grado di pregiudizio e discriminazione esistente all’interno di un gruppo sociale o di una comunità. La concepisce nel 1954 lo psicologo...
Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla. Se pensi a questo, farai le cose in modo diverso.Questa citazione di Warren Buffett mi sembra un ottimo modo...
C’è un singolo, limpido brano scritto da Gregory Bateson che ha cambiato in maniera radicale e permanente il mio modo di vedere le cose. Dice che ogni eccesso è tossico.Mi ci sono imbattuta...
La consolazione è che succede a tutti: si lavora al massimo per raggiungere un obiettivo. Ci si dà da fare in modo esagerato per ottenere un risultato che si desidera davvero. E poi, e poi… una...
Questo articolo parla di territori da presidiare. E comincia con il racconto di un piccolo fatto vero.È successo una manciata di giorni fa. Nel corso di una discussione online piuttosto accesa,...
La solitudine è in crescita e ci sta letteralmente uccidendo, afferma un recente articolo di Scientific American. Da un quarto a metà degli statunitensi soffre di solitudine per la maggior...
Per parlare di attivismo in rete, ci tocca partire da qualche dato. Come ricorda Stefano Uberti Foppa su lavoce.info, il 95 per cento degli italiani accede a Internet almeno una volta al...
Vorrei chiarire qui un concetto elementare: senza un avversario non c’è gara e dunque non c’è vittoria. Non c’è merito, né credito, né gloria, né talento. Senza avversari non esistono il...
Con quanta oggettività e quanta precisione sappiamo valutare noi stessi? Per rispondere decentemente bisognerebbe essere in grado di valutare la propria capacità di autovalutarsi, in un gioco di...
La logica del "tanto peggio tanto meglio" ha un suo perché. Per dirla in modo semplice: la maggioranza delle persone tende a conservare lo status quo, ripetendo gli stessi comportamenti e...
A proposito dell’attitudine a negare l’evidenza, la psicologia ci dice alcune cose interessanti. Per esempio: la negazione è un meccanismo di difesa. Impariamo ad attivarlo già da piccoli, per...
Più le persone vogliono contare come individui, più sentono il bisogno di fare riferimento a un leader e a una leadership per contare ancora di più. Questo fatto non è così paradossale come...
Quello che segue non è un articolo, ma un racconto (tema: uh, sposarsi o no?) tratto da un documento storico. È il mio contributo a una raccolta intitolata Mariti: un variegato, divertente,...
Questo articolo parla di economia dell'attenzione. Può sembrare un concetto esoterico, ma vi assicuro che riguarda tutti noi. In realtà, ogni volta che stiamo attenti a qualcosa a cui potremmo...
Mi è venuta in mente all'improvviso una cosa riguardante il leggere libri, ma non saprei dire se si tratta si pensiero creativo (cioè di un'intuizione che ha qualche riscontro reale) o di pensiero...
Parliamo di sovraccarico cognitivo (information overload) quando, come scrive il premio Nobel Herbert Simon, la ricchezza di informazioni genera una povertà d'attenzione. Il termine viene coniato...
L’attenzione determina, migliorandola, la qualità della nostra esperienza di vita. Se stiamo attenti, siamo in grado di capire, imparare, ricordare meglio. Evitiamo i rischi e scongiuriamo gli...
Si chiama effetto Dunning-Kruger, dal nome dei due ricercatori della Cornell University che l’hanno descritto nel 1999, l’insidioso cortocircuito mentale che condanna chi è incompetente a non...
Il neuroscienziato Christian Jarrett pubblica su Aeon un articolo brillante, la cui tesi di fondo è che la natura umana non è granché e che, per dirla tutta, tendenzialmente siamo (ehi, noi...
Spaventati, incattiviti, pieni di rancore e senza prospettive. L’immagine che il recente rapporto Censis disegna degli italiani è davvero poco confortante. Tuttavia, o forse proprio per questo, è...
Conversare dovrebbe essere una capacità che tutti abbiamo, e alla conversazione ci si dovrebbe addestrare già da ragazzini. Magari imparando a rispettare la regola fondamentale (ma non così...
Dov’è finito il rispetto? Questa, lo so, sembra una domanda da vecchie signore. Ma, poché non mi dispiace giocarmela ogni tanto da vecchia signora, è una domanda che mi sento autorizzata a...
Questo che state leggendo non è esattamente un articolo che parla di percezioni. Cioè: non è un singolo articolo. È tanti articoli, diversi tra loro per un’infinità di sfumature. È tanti...
Questa è una storia di lettori, e di lettori algerini. Mi sembra bellissima, e credo che ai lettori italiani piacerà perché la passione per i libri non ha confini. A raccontarla è Paola Caridi,...
Sappiamo distinguere i conflitti da altre forme di disaccordo? La diversità di pensiero è fertile, e una divergenza di opinioni o di valutazioni è qualcosa di diverso da un conflitto. Non è un...
Guardiamoci attorno: il conflitto ci circonda. Accendiamo la tv, apriamo un giornale o una pagina in rete. Sentiamo lo sfogo di qualcuno. In certi giorni sembra che tutti stiano litigando con tutti....
Signore e signori, di norma sono piuttosto riservata sui fatti miei personali, ma ho deciso che oggi, e in via del tutto straordinaria, condividerò con voi alcune cose che ricordo della mia...
Lo ammetto: non sapevo che esistesse una cosa chiamata fobia scolastica. Ma per raccontarvi bene di che si tratta devo cominciare dall'inizio. La sala del teatro è gremita. Ci saranno almeno...
A Trieste si sono di recente verificati un paio di episodi che riguardano la comunicazione. Meritano di essere analizzati perché possono insegnarci qualcosa di importante, se li esaminiamo con...
Ce ne siamo dimenticati, ma un paio d’anni fa era già iniziato un ragionamento collettivo sul fatto che i mass media debbano o meno conferire ampia visibilità a ogni individuo o fenomeno che...
La percezione è ingannevole. Il mondo che noi percepiamo è diverso dal mondo così com’è: come se lo guardassimo riflesso in uno specchio che ne distorce le forme e le proporzioni, ingigantendo...
Chi atterri in Portogallo e, dall’aeroporto di Lisbona, decida di prendere la linea rossa della metropolitana, comodissima perché in una dozzina di minuti porta in centro, può trovarsi a...
Per capire come e perché funziona il meccanismo del discredito dobbiamo fare un passo indietro, e chiederci come funziona la nostra percezione di tutto quanto ci circonda. Non è facilissimo...
È l’altruismo ciò che ci rende davvero umani? Ci sono vantaggi nell’essere altruisti? L’altruismo non è mai disinteressato, e in fin dei conti non è altro che una forma superiore di...
La Piramide dei bisogni, ideata da Abraham Maslow, continua a tornarmi in mente regolarmente, in questi ultimi tempi. Basta che accenda la tv e mi fissi a guardare l'ennesimo dibattito politico,...
Rigenerazione è una parola magnifica e piena di promesse: cambiamento e riscatto, rinascita, redenzione e rinnovamento, risveglio. Poiché ci regala una prospettiva diversa e speranzosa, sarebbe una...
A pensarci bene, tutto il nostro intricato sistema di relazioni personali, e tutto l’enormemente più intricato sistema di relazioni economiche e sociali in cui, volenti o nolenti, siamo immersi...
Gli italiani non si informano. Non lo fanno nemmeno su internet: sono infatti gli ultimi in Europa per la lettura di notizie online. La quale continua a decrescere di anno in anno, con ogni...
Ci sono libri che raccontano storie, libri che spiegano idee, libri che insegnano cose. Ci sono anche libri che fanno tutto questo, e molto altro ancora, e che possono cambiarci la vita. Il Salone...
Stai attento a quel che vuoi. Potresti ottenerlo. Questo vecchio adagio mi torna mi torna in mente ogni tanto, a proposito di desideri o progetti miei o altrui che sembrano di complessa...
Una delle caratteristiche più pestifere e permanenti delle decisioni sbagliate e delle prese di posizione sbagliate, è che possono essere come le ciliegie: una tira l’altra. PERSEVERARE...
Uno pensa di fare un viaggio in treno e invece si imbatte nella psicoanalisi. Ecco come può succedere. Salgo trafelata sul Frecciarossa. Il vagone è pieno. Mi tocca slalomare inciampando tra...
Sì, la vicenda dei dati ceduti, rubati, usati per convincere, manipolare e disinformare sembra una narrazione distopica. La cosa che renderebbe poco credibile l’intera storia, se di narrazione...
Stavolta parliamo di ricerca psicografica e di  profili: tranquilli, è una faccenda interessante. Questa è la seconda puntata di un discorso su informazione e disinformazione, a partire dalla...
Il fatto è questo: quando parliamo di informazione, parliamo non solo di quanto sappiamo, ma anche di ciò che decidiamo e facciamo e vogliamo. Se avete letto le notizie degli ultimi giorni, sapete...
Il Salone del Libro di Torino lancia, come un messaggio in una bottiglia, una sequenza di cinque domande: ve le ricopio al termine di questo articolo. Le indirizza a scrittori, scienziati, artisti....
È passato appena un anno e mezzo da quando, a fine 2016 e in concomitanza con l’elezione di Donald Trump, l’attenzione mondiale si è rivolta alle fake news, le notizie false in rete: un...
A pensarci, può risultare curioso che il termine identità rimandi sia a una somiglianza o equivalenza assoluta (l’identità di due oggetti, di due concetti, di due alternative, di due gemelli,...
La notizia che il corso più seguito nei 317 anni di storia dell’università di Yale riguarda la felicità è stata ampiamente diffusa anche dalle testate italiane (qui Ansa), che riportano più o...
Avete mai sentito parlare di modelli di ruolo? E se vi chiedo di individuare un vostro modello di ruolo, presente o passato, qual è il primo che vi viene in mente? Un genitore o un adulto rilevante...
La recente notizia che Facebook avrà una task force per il fact checking delle fake news è confortante, ma il modo in cui viene diffusa lo è meno: è ancora italiano, questo testo (sei parole...
La personalizzazione delle merci è uno dei molti paradossi della società massificata e omologata, quella che da un capo all’altro del mondo ci fa trovare le stesse marche negli stessi negozi,...
Scegliere parole inglesi non è proprio il massimo, anche se alcuni si ostinano a pensarla così. In questo articolo trovate tre casi dei quali potremmo serenamente fare a meno. PRIMO CASO. C’è il...
Essere ansiosi sembra una condizione tipica del nostro tempo, scrivevo qualche giorno fa aggiungendo, tra le altre cose, che l’ansia è di origine ambientale (è qualcosa di esterno a noi a...
L'ansia è davvero il sentimento più diffuso e caratteristico del nostro tempo pieno di incertezze? Sembrerebbe proprio di sì. Del resto, basta guardarsi in giro: è molto più facile trovare...
C’è un legame assai più stretto di quel che si potrebbe immaginare tra voto, idea di cittadinanza, educazione volta a sviluppare le competenze sociali. Le competenze sociali sono le capacità...
Intelligenza sociale vuol dire, in parole povere, essere capaci di mettersi in relazione con gli altri in maniera efficace e positiva. Alcuni sostengono che è l’intelligenza sociale, più ancora...
Nel 2017 la diffusione delle notizie false (fake news) in rete preoccupa "abbastanza o molto" il 78 per cento degli utenti, secondo un sondaggio condotto dalla BBC in 18 paesi. Nel medesimo...
Sarà davvero tutta colpa del tasto like? Le nostre menti possono essere sequestrate, dicono i tecnologi che temono una distopia da telefoni cellulari, recita il titolo del Guardian. È...
Educare in rete si può. Ma bisogna saperlo fare bene: dirlo è un'ovvietà, riuscirci lo è un po' meno. COSE DIVERTENTI, INTERESSANTI E UTILI. Tra notizie false e discorsi d'odio, ormai è fin...
Questo articolo parla di bufale e di informazione scientifica. Dice alcune cose che non tutti sanno. E comincia con una storiella. Eccola: "Sei il presidente del Cicap? Devi essere molto scettico..."...
Chi di noi può resistere alla tentazione di sentirsi indispensabile? scrive Margaret Atwood. È una bella domanda, ed è una domanda maliziosa. EUFORIA E SICUREZZA. Sentirsi indispensabili per la...
Me ne rendo conto: in tempi di impieghi scarsi, precari e mal pagati, celebrare il lavoro ben fatto può sembrare insensato e inopportuno. O irritante e sospetto. Come minimo, antiquato, stucchevole...
Dormire mi piace, tuttavia con il sonno ho una relazione contrastata e tendo colpevolmente a tirar tardi. Che stia leggendo, scrivendo, guardando una serie televisiva o chiacchierando con qualcuno, o...
Che cosa frulla nella mente delle persone di potere? Ce lo domandiamo – e capita non di rado – quando i loro comportamenti ci appaiono contraddittori, o poco comprensibili, o così arroganti da...
Uno dice lavoro di gruppo. O lavoro di squadra. Cerca una definizione, prova a capire le differenze, e si apre un mondo. Lavorare insieme può essere bellissimo. O può essere un incubo. Il fatto che...
Si chiama ambivalenza. È una condizione strana e destabilizzante. L’abbiamo provata tutti, magari senza sapere come chiamarla, o di che esattamente si tratta. AMARE E NON AMARE. Odi et amo, scrive...
A tutti può capitare di dover chiedere scusa. Non a tutti succede di volerlo o saperlo fare in modo onesto, efficace e trasparente. Di fatto il gesto di chiedere scusa è complicato per diversi...
Da bambini chiediamo e domandiamo in continuazione. Crescendo, però, perdiamo la fertile attitudine a domandare per sapere qualcosa. E perdiamo l’indispensabile capacità di saper chiedere per...
Il minuscolo centro storico di Terracina è, per chi come me lo vede per la prima volta, un luogo sorprendente: un intrico di resti romani ben presenti e visibili, sui quali sono cresciute le...
La nostra memoria è sempre con noi, ed è così intimamente legata al nostro essere che ce ne accorgiamo solo quando, per qualche motivo, latita e non rende subito disponibile l’informazione che...
Saper domandare è una capacità che si merita tutto il nostro rispetto. Tutto comincia con l’età dei perché: chiunque abbia figli sa di che si tratta. Fra i due e i quattro anni, i bambini non...
Viviamo (e chissà se ce ne siamo davvero accorti) nell’età del turismo. È la più importante industria del nostro tempo, ed è la più inquinante: produce CO2 e consuma territorio. Alimenta un...
Questo articolo vi parla dell’arte di riassumere e di sintetizzare. Molti pensano che si tratti soprattutto di tagliare. Io sono convinta che si tratti di spolpare. Cioè di arrivare all’osso....
Capi di stato e partiti politici, imprenditori e aziende, movimenti e associazioni… chi non ha problemi di comunicazione, oggi? Se qualcosa va storto (per esempio: se un obiettivo raggiungibile non...
Attorno alle decisioni controintuitive ci sono teorie e storie davvero affascinanti. Una delle più note riguarda il castello di Hochosterwitz. Lo psicologo Paul Watzlawick la riprende, in forme...
La pagina inglese di Wikipedia intitolata “conseguenza inattese” (unintended consequences, ma anche unanticipated o unforeseen consequences) non ha un corrispondente italiano. Se qualcuno la...
D’accordo, in tempi come questi c’è poco da ridere: ma, proprio perché è meno facile del solito che una risata ci venga spontanea, forse dovremmo cominciare a coltivarle, le risate e le...
Certo, Fred Astaire era grandioso. Ma non dimentichiamoci che Ginger Rogers faceva esattamente le stesse cose, ballando all’indietro e sui tacchi alti. Questa considerazione, apparsa nel 1982 in...
In una città, tutto è comunicazione. E sono comunicazione anche le singole azioni. Quelle pubbliche e quelle private. Quelle individuali e quelle collettive. Quelle compiute e quelle mancate....
La Costa Rica è grande come la Svizzera più la provincia di Varese, o come Lombardia e Piemonte messi insieme. All’inizio del nuovo millennio, e per diversi anni, è stata considerata il paese...
A spiegare in modo convincente alcuni dei più basilari perché della classe capovolta (flipped classroom) è una bionda avvenente ed energica. Tiene la scena con la sicurezza di una rockstar. La...
Su un primo punto sono tutti d’accordo: virtuale è reale. Le cose che succedono in rete non si verificano in un universo parallelo e separato dalle vite di tutti noi. La prima conseguenza è che...
Sì, le categorie sono astratte. E fanno riferimento ad altre astrazioni, e alla stessa nostra capacità di organizzare il sapere astraendo, e ricostruendo regole generali a partire da fatti e...
Se per caso voleste sapere (beh, potreste, e non sarebbe una cattiva idea) come vanno oggi la lettura e i libri in Italia, questa pagina è per voi. Ci sono dati, fatti, e alcune considerazioni....
Seicento docenti scrivono al presidente Mattarella e al Miur denunciando che in Italia gli studenti non sanno l'italiano. Sono linguisti, storici, filosofi, matematici, costituzionalisti,...
Promuovere libri e lettura è importante per mille motivi, e qui su NeU ne abbiamo discusso molte volte. Leggere migliora le singole persone. Leggere – ce lo dicono molte ricerche – stimola il...
Dev'essere diventato (peggio ancora: dev'essere tornato) di moda dividere il mondo in perdenti e vincenti. In deboli e forti. Però, e non da oggi, ho la sensazione che dietro a queste categorie non...
Oggi torno a parlarvi di istruzione e apprendimento permanente. Ho due ottimi motivi per farlo, e il primo è questo: nel commosso ed energico discorso di commiato (qui la sintesi in italiano)...
Riguarda le città immaginarie il gioco che, secondo tradizione, Neu vi propone per le feste. È semplice semplice. Si può giocare da soli (o meglio: in compagnia di se stessi) o in gruppo. Se lo...
Facciamo un passo indietro: è il 1993, i social media non esistono ancora e siamo agli albori della rete. Una vignetta di Pete Steiner, diventata poi famosissima (così famosa da meritarsi una...
Sempre più persone leggono le notizie in rete, ma non sanno valutare l'informazione a cui si espongono. Partiamo da due dati: sei americani su dieci usano Facebook per informarsi. In Italia,...
L'egocentrismo è un tratto emergente del nostro tempo, o è solo diventato più visibile e chiassoso? Come e perché siamo tutti intrappolati nella nostra soggettività? Per trovare qualche risposta...
Cerca in Nuovo e Utile
250 queries in 1,938 seconds.