Il coltellino svizzero

Il libro di cui vi parlo è uscito da qualche giorno. L’ha pubblicato Garzanti. Si intitola Il coltellino svizzero perché ha l’ambizione di rendersi utile senza occupare troppo spazio o infliggere troppo peso ai suoi lettoriRaccoglie, riordina e collega diversi tra gli oltre ottocento articoli che ho pubblicato in rete, qui sulle pagine di Nuovoeutile e sul sito di internazionale.
Sono gli articoli più apprezzati, nel senso di più letti e condivisi.
Insomma: scegliendo, e grazie al riscontro della rete, sono andata sul sicuro.

GRAZIE, GRAZIE! Ci sono tre cose che voglio dirvi subito. La prima è questa: a convincermi a mettere in un libro il meglio di quanto ho raccontato in questi anni sono state le tante (tante davvero!) persone che di volta in volta hanno commentato “ehi, questo articolo mi è servito” oppure “ehi, questo spunto è interessante”. Ringrazio tutte e tutti di cuore, per l’attenzione e per l’affetto.

SFIDANTE. La seconda cosa è questa. La parte più faticosa e sfidante dello scrivere, per me, non è tanto costruire un discorso. O confrontarmi con le fonti. E non è nemmeno cercare, in maniera abbastanza maniacale, devo ammetterlo, una forma comprensibile e piacevole.
La parte più sfidante e irrequieta comincia quando cerco di capire quale fenomeno o processo in quel preciso momento impone o merita di essere raccontato. E, prima ancora, circoscritto e nominato.

SORPRESA. È un po’ come andarsene in giro in una città molto caotica con una piccola polaroid e scegliere se fotografare un semaforo, il tramonto, una crepa nel marciapiede o il riflesso di una vetrina. Facendolo ogni settimana, per molti anni.
La sorpresa del riordinare e connettere tutto quanto è che ne vien fuori, mi sembra, un’immagine coerente, e molto più grande. 

BREVE. Ed ecco la terza cosa: ho sempre il timore di parlarmi addosso, ed ecco perché questo articolo è più breve della media. In compenso ho scelto un fondo esagerato per la foto (in realtà è un vecchio tavolino indiano).
Infine: spero che Il coltellino svizzero piacerà a tutti gli amici di NeU, e magari ai loro amici. Se avete voglia di vedere le prime pagine, vi basta un clic qui.

RAGIONARE. Qui, se avete voglia di dare un’occhiata, c’è la presentazione del Coltellino a Quante storie, su Rai3. Qui c’è una lunga intervista uscita su Il Libraio, dalla quale viene fuori l’idea-chiave che è imperativo ragionare su come ragioniamo.
Infine: non nego di essere curiosissima delle vostre reazioni, dei vostri commenti e dei vostri consigli. Intanto, a chi vorrà, auguro buona lettura.

17 Commenti a Il coltellino svizzero, eccolo. Con tre cose che voglio dirvi

  1. Fiorella Palomba

    Cara Annamaria, lo leggerò con molto piacere.

    Condivido la tua attenzione maniacale e soprattutto il che cosa scegliere anche in funzione del lettore.

     
  2. Walter

    Wow Annamaria, domani melo compro.

     
    • Perepè

      Compera anche un pero, però 🙂

       
    • Annamaria Testa

      Grazie Walter! E buona lettura

       
  3. Claudia Bruno

    Ottima idea : è sempre illuminante ed un grande piacere leggere i tuoi articoli

     
    • Annamaria Testa

      Claudia, grazie per l’apprezzamento.

       
  4. rossella

    Grazie Annamaria, Nuovo e Utile mi è stata compagna per anni in diverse parti del mondo. Lieta di riprendere questo fil rouge.

     
    • Annamaria Testa

      Grazie Rossella, e ben ritrovata.

       
  5. Veronica

    Direi che la parte che ritieni più difficile é quella che ti riesce meglio! Mi trovo sempre molto interessata a ciò che scrivi quando lo scrivi, quasi riuscissi a leggere nei miei pensieri!
    Come scrivo sempre quando condivido un tuo articolo o ne parlo con qualcuno, nel mio governo ideale saresti il Ministro dell’Educazione (che dovrebbe tornare a chiamarsi così, a mio avviso, oggi piùche mai). E sarei fiduciosa che una bella fetta dei problemi dell’Italia potrebbero essere risolti.

     
    • Annamaria Testa

      Eh, Veronica, grazie per la stima. Ma mi riesce (spero) bene solo perché ci investo una discreta quantità di attenzione.

       
  6. Filippo

    Grazie Annamaria, non vedo l’ora di leggerlo.
    Anche io, che sono schizzinoso sui libri, penso proprio di andare sul sicuro.

     
    • Annamaria Testa

      Ciao Filippo.
      Grazie!, e buona lettura, allora.

       
  7. Antonella

    Non commento quasi mai, pur leggendo ogni singolo articolo di NeU e tutti i suoi libri, tanto da aver subito individuato le 5 righe finali in più dell’articolo sulla sindrome dell’impostore, presenti sul libro. Ma se i commenti sono un incentivo a scrivere nuovi libri, allora cambierò subito abitudine!

     
    • Annamaria Testa

      Cara Antonella,
      grazie per essere qui.
      Sì, i commenti e il sostegno degli amici di NeU sono molto importanti per me: la motivazione più forte a continuare, settimana dopo settimana, a guardarmi attorno, a trovare argomenti potenzialmente interessanti, a cercare di capire, e a scrivere.

       
  8. Dani Eros

    Da tempo leggo anche i suoi scritti, sia sul sito che su Linkedin. Trovo siano un mio “pensar ad alta voce”, oppure hanno il gusto di una chiaccherata davanti ad una bevanda rilassante in amicizia. Sto seguendo da un anno a questa parte l’abitudine di mettere sui social una immagine ed un “pensierino” legato ad essa. Come dice Lei in SORPRESA mi sono ritrovato con un insieme con molti significati. Ho ripercorso i cambiamenti del mio lavori e della mia vita. Li sto raccogliendo in un “diario” o meglio in un “Block notes” a solo uso personale ma altamente significativo per me. Se non altro ho potuto constatare che il mio pensiero (mini) è stato come le foglie di un bosco che crescono nel silenzio ma servono a tutto il bosco. Buona giornata.

     
  9. Enricus

    Io ritengo che “la trama Lucente” sia un capolavoro…quindi complimenti in anticipo e voglio godermi l’immensità de “il coltellino svizzero”…

     
    • Annamaria Testa

      Grazie mille per l’apprezzamento, Enricus. E buona lettura .)

       

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile