imparare dagli errori

Imparare dagli errori - Metodo 5

I mestieri creativi non si possono “insegnare”. Certo: la scuola serve. Senza competenze di base non vai da nessuna parte. Ma solo la pratica in un contesto reale ti regala la possibilità di fare veri errori che hanno conseguenze vere: pesanti, e illuminanti. Il regalo ha un gusto amaro, e i neofiti tendono a ignorarlo. Sbagliando di nuovo, e rinunciando alla grande opportunità di imparare dagli errori.
Non è che devi cercare gli errori per crescere… ti trovano loro. Impara a riconoscerli, piuttosto, specie quelli ricorrenti. Errori di metodo. Di processo. Dovuti al pregiudizio, alla fretta o a un di più di esitazione. Se sei giovane e hai un maestro tanto paziente da lasciarti sbagliare e spiegarti dove sbagli, sei fortunato. Se no, cerca almeno di non autoingannarti (è ciò di cui parla questa fantastica Ted conference). Ricordati che, per imparare dagli errori, bisogna prima riconoscerli. E fatti due risate leggendo che guai combina la sicumera.
Sugli errori altrui Kathryn Schulz, con Being Wrong, ha costruito un successo editoriale. Agli smart mistakes, gli errori fertili, Piemonte Share ha dedicato un’intera sezione (online i podcast degli interventi). Gianni Rodari valorizza gli errori creativi dei bambini. A chi insegna, consiglio il testo sulla didattica dell’errore di Alberto Mirabella.

13 Commenti a Imparare dagli errori – Metodo 5

  1. Utente Anonimo

    Che differenza c’è tra errore e prove ed errori? Secondo me una differenza esiste. O mi sbaglio? Dani

     
  2. annamaria

    @dani. Cerco di rispondere in modo semplice. Spero non troppo semplice, però. La differenza sostanziale sta, credo, nelle convinzioni che hai nel momento in cui affronti un problema. Se sai di non sapere come fare, e vai avanti per tentativi sperando di azzeccare prima o poi la soluzione giusta, ecco, hai attivato un procedimento basato su prove ed errori. C’è chi sostiene che l’intera evoluzione non è che un gigantesco esperimento condotto per prove ed errori. Di fatto, si muovono per prove ed errori quasi sempre gli animali adattandosi all’ambiente con serie di tentativi successivi (ma alcuni animali superiori possono anche avere vere e proprie illuminazioni creative. Il primo ad accorgersene è stato Köhler con lo scimpanzé Sultano). Si muovono per prove ed errori i bambini piccoli quando esplorano il mondo. E anch’io quando cerco di capire come funziona l’accidente di telecomando nuovo schiacciando tasti a caso. Se invece hai la convinzione di sapere quel che va fatto, e sbagli o perché i tuoi atti non corrispondono a quel che sai, o perché quel che pensi di sapere in realtà non è sufficiente, ecco, allora hai un errore bello e buono. Detto questo: gli errori possono essere virtuosi. E non solo perché, quando ce ne accorgiamo e risaliamo alle cause o capiamo come rimediare, impariamo qualcosa. Ma anche perché possono casualmente aprire nuove prospettive impensate. Diverse scoperte e invenzioni sono partite da un errore: il caso più noto è quello dei post-it. E allora parliamo di serendipity.

     
  3. Utente Anonimo

    la Ted conference è fantastica! ma il test sul burro di cacao… no… non ci posso credere! è pazzesco! Valeria

     
  4. Stein

    Ciao Annamaria, il post è a dir poco illumimante. Ho sempre creduto che la pura teoria, il ragionamento, potesse portarci a trovare le soluzioni che cerchiamo scavalcando gli eventuali errori. Mi son reso conto invece che l’errore è parte del processo, parte essenziale. Possiamo, è vero, ragionare e quindi trovare soluzioni ai nostri problemi, ma in realtà è solamente un modo per evitare alcuni errori e non per evitare tutti gli errori. Questo perchè, io credo, il ragionamento si basa sull’analisi dell’esperienza passata e sulla probabile attività futura. E’ un processo virtuale che, quando diventa reale, si scontra con variabili che non potevamo prevedere. Dunque l’errore va accettato in quanto produttore di esperienza e competenza. Spero di essere stato chiaro (e non banale!).

     
  5. annamaria

    Stein, sei stato chiarissimo. E credo che tu abbia colto perfettamente il punto. Vedo che scrivi fanfiction. Ci racconteresti un po’ di questo mondo?

     
  6. Luca

    Dal mio modestissimo osservatorio, puntando lo sguardo su colleghi e clienti che mi sembrano efficaci nel loro agire, vedo che i processi di realizzazione di qualcosa tollerano abbondanti errori. L’importante è andare avanti, far muovere le cose. Con la caparbietà e con la persuasione, correggendo e (soprattutto) glissando su quello che non va. Se tutto questo è condotto con leggerezza ed esibendo padronanza della situazione, meglio ancora. I compagni di viaggio, il pubblico e persino le controparti non solo riconosceranno il risultato ma accresceranno la loro stima. Per tornare ad un post precedente, l’importante è non procrastinare ma potere, anche con lentezza, prospettare sempre un nuovo passo.

     
  7. Pingback: Gli errori del pensiero veloce e la fatica del pensiero lento | Nuovo e Utile

  8. Alessia

    Molto interessante la Ted Talk, in generale è importante avere l’umiltà di capire dove si è sbagliato (spesso neanche ce ne accorgiamo, o non lo vogliamo ammetetre) ed avere l’intelligenza di elaborare l’errore per garantirci di non ripeterlo in futuro…Qua alcune strategie utili:http://happily.it/5-modi-per-imparare-dagli-errori/

     
  9. Martina3710

    Ecco 5 modi per imparare dagli errori! http://happily.it/5-modi-per-imparare-dagli-errori/

     
  10. Pingback: Questioni di metodo #5: Imparare dagli errori | Ilas Magazine

  11. Erica

    Ciao Annamaria,
    un articolo molto interessante. Gli errori sono di vario tipo, forma, natura…Se ne parla in tutte le discipline, anche nella vita stessa. Ma negli errori nei progetti creativi, secondo te, possono essere categorizzati? E secondo quale variabile?
    Nei lavori creativi ci sono dei metodi/sistemi per sbagliare, per trovare nuove strade mai percorse?
    Grazie! Erica

     
  12. Annamaria Testa

    Ciao Erica.
    Ovviamente, nei lavori creativi (e più in generale nella ricerca di qualsiasi tipo) l’obiettivo non è “sbagliare” in sé. Ma, sperimentando, capita di sbagliare. E proprio procedendo per prove ed errori capita di trovare qualcosa di nuovo. Se cerchi qui su NeU trovi altri articoli sul tema. 😉

     
  13. Cornetta Maria

    Esiste un criterio razionale per riconoscere gli errori e correggerli quando ci riferiamo ad esperienze scientificamente o tecnicamente controllabili: riporto l’esempio di chi ignora l’uso di uno strumento e procede a tentativi. Per l’arte, per la vita, non esistono rimedi infallibili per evitare gli errori né le situazioni ci aiutano, perché le condizioni di una stessa, singola esperienza, possono variare e quello che ci sembrava un buon rimedio, magari riutilizzabile, può rivelarsi fallimentare perché è intervenuto un elemento imprevedibile. La vita non è uno schema matematico e non esistono formule certamente vincenti, purtroppo ed è per questo che dobbiamo modulare con elasticità ed intelligenza i nostri comportamenti, adattandoli alle situazioni.

     

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
33 queries in 1,019 seconds.