Nuovo e Utile
Sicumera: perché diffidarne, e perché riderne

La sicumera è una fallacia cognitiva (bias) molto diffusa. Chiamiamo sicumera (in inglese overconfidence) la sicurezza di sé che è immotivata e può rasentare l’arroganza. Il grado di sicumera individuale è stato misurato nel 1977 da Fischhoff, Slovic e Lichtenstein, confrontando sicurezza individuale di aver risposto esattamente a una serie di domande e effettiva esattezza delle risposte.
Due i risultati interessanti emersi dalla ricerca. Il primo è che le persone in generale tendono ad essere overconfident: cioè più sicure di sé di quanto dovrebbero.
Il secondo è che le persone tendono ad essere tanto più overconfident quanto più l’argomento trattato è vicino alla loro area di competenza. Insomma, paradossalmente, più conoscono la materia e meno sono accurate nei giudizi.
La sicumera è una brutta bestia: impedisce di riconoscere il nuovo ed espone agli sghignazzi dei posteri. Qui di seguito trovate alcuni interessanti esempi di sicumera. Dopo aver riso, però, considerate per favore che spesso è il senno di poi a farci ritenere ovvio, oggi, ciò che ieri non appariva ovvio per niente.  Che il senno di poi è un’altra fallacia cognitiva. E che le fallacie cognitive portano a compiere errori di giudizio.

LA SICUMERA NEI SECOLI

Oggi è praticamente impossibile trovare terre ancora sconosciute.
Comitato dei Consiglieri di Isabella I di Castiglia, 1492

Il Sole non gira attorno alla Terra? Folle, eretico, assurdo e falso.
Il Tribunale dell’inquisizione sulle teorie di Copernico e Galileo – 1616

Le comete non sono corpi celesti: nascono nell’atmosfera terrestre.
A. De Angelis, frate e astronomo – 1673

Una nave che va controvento? E’ una sciocchezza.
Napoleone Bonaparte rispondendo a Robert Fulton, inventore del battello a vapore -1805

Pensare di attraversare l’Atlantico con una nave a vapore è come pensare di andare sulla Luna: una follia.
Dyonisus Lardner, docente di Astronomia – 1838

L’abolizione del dolore in chirurgia è una chimera. Bisturi vorrà sempre dire dolore.
Alfred Velpau, chirurgo francese – 1839

I treni ad alta velocità sono impossibili: i passeggeri non potrebbero respirare e morirebbero di asfissia.
Dyonisus Lardner, docente all’University College di Londra – 1856

Il canale di Suez? Assolutamente impossibile da realizzare.
Benjamin Disraeli, Primo Ministro britannico – 1858

La teoria dei germi di Pasteur è una storiella ridicola.
Pierre Pachet, professore di fisiologia a Toulouse – 1872

L’addome e il cervello non saranno mai operabili.
Sir John Eric Ericksen, chirurgo inglese – 1873

Questo “telefono” ha troppi difetti per essere seriamente considerato un mezzo di comunicazione e non ha nessun valore per noi.
Nota interna della Western Union Telegraphs – 1876

Questa invenzione dell’energia elettrica è un fallimento totale.
Erasmus Wilson, presidente dello Stevens Institute of Technology – 1879

La torre Eiffel è un’odiosa colonna barbara, ridicola, inutile e umiliante.
Emile Zola, Guy de Maupassant e altri 50 intellettuali – 1887

È impossibile che qualcosa di più pesante dell’aria possa volare.
Lord Kelvin, fisico, presidente della Royal Society britannica – 1895

Il cinema è una invenzione senza futuro.
Antoine, padre dei fratelli Lumière – 1895

Tutto ciò che si poteva inventare è già stato inventato.
Charles H.Duell, Commissioner, US Office of Patents – 1899

L’invenzione dei raggi X è una presa in giro.
Lord William T.Kelvin, fisico britannico -1900

Veicoli per andare sott’acqua? Servirebbero solo ad annegare gli equipaggi.
Herbert George Wells, scrittore inglese – 1901

Il cavallo resterà. L’auto è una moda passeggera.
Horace Rackham, avvocato di Henry Ford – 1903

Non ci sarà mai più di un milione di automobili al mondo perché non è possibile riuscire a trovare più di un milione di artigiani da addestrare per fare gli chaffeur.
Gli amministratori della Mercedes – 1903

Gli aerei non andranno mai veloci come i treni.
William Henry Pickering, astronomo dell’Harvard college – 1908

Gli aerei sono bei giocattoli ma di nessuna utilità militare.
Ferdinand Foch, Comandante dell’esercito francese, 1911

La cavalleria rimpiazzata da questi affari metallici? E’ assurdo.
L’aiutante di campo del generale Douglas Haig, comandante in capo delle truppe britanniche, durante una esibizione di carri armati – 1916

La televisione è tecnicamente possibile. Ma commercialmente è una perdita di tempo.
Lee De Forest, inventore – 1926

Cartoni animati con un topo? Che idea orribile: terrorizzerà tutte le donne incinte.
Louis B. Mayer, capo della MGM, rifiutando il personaggio di Topolino – 1928

Le quotazioni di borsa sembrano aver raggiunto un livello stabilmente alto.
Irving Fisher, economista, tre giorni prima del crollo di Wall Street, 1929

La fama di Picasso sfiorirà in fretta.
Thomas Craven, critico d’arte, Art Digest – 1934

La famiglia americana media non ha tempo per guardare la televisione.
New York Times – 1939

Penso che nel mondo ci sia mercato per 4 o 5 computer.
Thomas Watson, presidente della IBM – 1943

La bomba atomica non esploderà mai. Parlo come esperto di esplosivi.
William Daniel Lehay, ammiraglio USA – 1945

La televisione non potrà reggere il mercato per più di sei mesi. La gente si stancherà subito di passare le serate a guardare dentro una scatola di legno.
Darryl F.Zanuk, direttore della 20th Century Fox – 1946

In futuro un computer potrà forse pesare non meno di 1,5 tonnellate.
Usa Popular Mehanics – 1949

Stammi a sentire ragazzo, tu non andrai da nessuna parte. Faresti meglio a tornare al tuo camion.
Jim Denny, talent scout, a Elvis Presley – 1954

L’ipotesi di viaggi nello spazio è una totale assurdità.
Richard van der Riet Wooley , astronomo inglese, Time -1956

Non ci piace il loro sound, e le chitarre sono fuori moda.
La Decca Recording Company, rifiutando di firmare un contratto con i Beatles, 1962

Gli USA non sono in grado di inviare un uomo sulla Luna entro il 1970.
New Scientist – 1964

Ronald Reagan non ha un aspetto abbastanza presidenziale.
Un dirigente della United Artists, rifiutando a Reagan il ruolo di attore protagonista nel film The Best Man, 1964

Nessuna donna diventerà mai primo ministro.
Margaret Thatcher, nel 1979 eletta Primo Ministro inglese – 1969

Che bisogno ha una persona di tenersi un computer in casa?
Kenneth Olsen, fondatore di Digital – 1977

640 KB di memoria RAM sono più che sufficienti per chiunque.
Bill Gates, Microsoft – 1981

I telefoni cellulari non rimpiazzeranno mai i sistemi di telefonia fissa.
Marty Cooper, inventore, 1981

È ormai chiaro che non ci sarà in questo secolo alcuna riunificazione della Germania.
Flora Lewis, rubrica “affari internazionali” New York Times -1984

Sei fortunato a non essere un mio studente. Non prenderesti un buon voto per un progetto simile.
Andrew S. Tanenbaum, creatore del sistema operativo MINIX e professore di sistemi operativi, a Linus Torvalds, inventore di Linux – 1992

La clonazione di un mammifero è impossibile: sia oggi, sia in futuro.
Michael A. Froham, biologo della State University di New York – 1993

Internet presto esploderà in modo spettacolare, come una supernova, e nel 1996 collasserà catastroficamente.
Robert Metcalfe, fondatore della 3Com, inventore dello standard Ethernet – 1995

Sono stati girati 17 film sul Titanic, quasi tutti fallimenti. E’ molto probabile che questo avrà la stessa sorte.
Los Angeles Times – 1997

Tutti mi chiedono quando Apple lancerà un telefono cellulare. La mia risposta è “probabilmente mai”.
David Pogue, sul New York Times, 2006

9 Commenti a Sicumera: perché diffidarne, e perché riderne

  1. Paolini Paola

    Neanche un mese fa. Away from Galileo.

    «Pensare che dopo 20 anni di guerra civile in Italia, nasca un governo Bersani-Berlusconi non ha senso. Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile» (Enrico Letta, 8 aprile 2013).

    «I contrasti aspri tra le forze politiche rendono non idoneo un governissimo con forze politiche tradizionali» (Enrico Letta, 29 marzo 2013).

    «Non sono praticabili né credibili in nessuna forma accordi di governo fra noi e la destra berlusconiana» (Pier Luigi Bersani, 6 marzo 2013)

    «Il governissimo non è la risposta ai problemi» (Pier Luigi Bersani, 13 aprile 2013).

    «Il governissimo predisporrebbe il calendario di giorni peggiori» (Pierluigi Bersani, 8 aprile 2013).

    «Se si pensa di ovviare con maggioranze dove io dovrei stare con Berlusconi, si sbagliano. Nel caso io, e penso anche il Pd, ci riposiamo» ( Pierluigi Bersani, 2 ottobre
    2012).

    «In Italia non è possibile che, neppure in una situazione d’emergenza, le maggiori forze politiche del centrosinistra e del centrodestra formino un governo insieme» (Massimo D’Alema, 8 marzo 2013).

    «Il Pd è unito su una proposta chiara. Noi diciamo no a ipotesi di governissimi con la destra» (Anna Finocchiaro, 5 marzo 2013).

    «Fare cose non comprensibili dagli elettori non sono utili né per l’Italia né per gli italiani. Non mi pare questa la strada». (Beppe Fioroni, 25 marzo 2013).

    «Non si può riproporre qui una grande coalizione come in Germania. Non ci sono le condizioni per avere in uno stesso governo Bersani, Letta, Berlusconi e Alfano» (Dario Franceschini, 23 aprile 2013).

     
  2. Pingback: L’austerità, le tasse, il dubbio di Thomas Herndon e la sicumera | FiascoJob Blog

  3. Giovanni Senile

    Giusto perché dubitare è sempre importante: quali sono le fonti di queste frasi?

    Mi risulta che la frase di Bill Gates sia apocrifa.

    E quella di Tanenbaum sia da spiegare meglio (la prima versione di Linux aveva un kernel monolitico, una scelta poi abbandonata; quindi fondamentalmente aveva ragione Tanenbaum)

    Onde evitare equivoci: stimo Linus Torvalds molto ma molto più di Bill Gates 🙂

     
    • Antonio

      Spiace deluderti Giovanni, ma Linux ha un kernel monolitico. Il fatto che si possano caricare moduli non c’entra nulla con l’architettura a microkernel.

       
    • Nicola Strada

      La citazione di Tanenbaum è esatta, e Linux è tuttora un kernel monolitico con approccio modulare. Ad oggi gli unici esempi di micro kernel in circolazione sono Minix e HURD, e non sono mostri di efficienza. Il perché lo spiega lo stesso Torvalds in un suo trattato in risposta alle obiezioni di Tanenbaum. Riassumendo, frazionare il kernel in una galassia di piccoli frammenti aggiunge all’intero accrocchio la complessità della comunicazione tra i componenti. Il miglior compromesso raggiunto finora è un kernel monolitico ridotto all’osso che carica una serie di moduli dinamicamente, ma è molto diverso dall’approccio a micro-kernel, e Tanenbaum ha preso una cantonata pazzesca

       
  4. Pingback: sbagliare per credere | flash impact

  5. Pingback: Errori macroscopici | Diemme

  6. Pingback: Per avere fortuna, meglio sentirsi fortunati – Neurogiardinieri

  7. Pingback: ANNAMARIA TESTA. IL SENNO DI POI E LA SICUMERA: ERRORI DI GIUDIZIO |

Inserisci un commento al post

Cerca in Nuovo e Utile
32 queries in 2,324 seconds.