idee
Aspettative e speranze

Un articolo appena uscito su The Cut mette in relazione sport, percezione del dolore e aspettative, a partire da una ricerca danese intitolata “Il potere della parole”. I risultati sono molto, molto interessanti.
Ecco, in sintesi, di che si tratta: tutti sappiamo che dopo aver fatto sport ci si sente meglio. È una conseguenza fisiologica, e dimostrata. Facendo attività fisica, infatti, attiviamo una serie di modificazioni chimiche e ormonali. Riduciamo la sensibilità allo stress e alla depressione. Miglioriamo il tono dell’umore, la memoria, la concentrazione. E possiamo mitigare la percezione del dolore.
Eppure.

BENEFICI AZZERATI. Eppure, questi benefici reali e oggettivi (lo ripeto: ampiamente dimostrati, e incontrovertibili) possono ridursi, fino ad azzerarsi, se vengono contraddetti dalle aspettative del soggetto che fa sport.

UNO STUDIO SORPRENDENTE. Lo studio ha coinvolto 83 volontari, la cui tolleranza al dolore è stata prima misurata. Poi, i volontari sono stati divisi in tre gruppi. Al primo, i ricercatori hanno correttamente ricordato che fare esercizio fisico avrebbe significativamente aumentato la soglia (cioè, il livello di tolleranza) del dolore. Invece, al secondo gruppo non hanno detto nulla di specifico. Al terzo, hanno detto (mentendo, ovviamente) che l’esercizio fisico avrebbe diminuito la capacità di sopportare il dolore.
In seguito, ciascun soggetto ha fatto una breve e intensa sessione di squat isometrico.
Infine, il test sul dolore è stato ripetuto. E le percezioni dei diversi gruppi sono risultate allineate – questo è il dato clamoroso – non alla realtà fisiologica, ma alle aspettative generate dalle dichiarazioni dei ricercatori.

LA MENTE E IL CORPO. Nel dettaglio: il gruppo che si aspettava effetti benefici ha rilevato un incremento di tolleranza al dolore del 22 per cento. È un guadagno comunque lieve rispetto all’incremento registrato nel gruppo di controllo, che non aveva ricevuto informazioni specifiche.
Invece, aspettative negative hanno non solo cancellato del tutto i benefici dell’esercizio, ma hanno addirittura diminuito (del 4 per cento in media) la soglia del dolore rispetto alla misurazione precedente.
Tutto ciò attesta che non solo la mente può essere più potente del corpo, commenta The Cut, ma che i cattivi pensieri possono avere effetti (non solo mentali, ma fisici!) superiori a quelli buoni.

INFORMAZIONI E ATTESE. Parlando di interazioni tra corpo e mente, non posso non fare almeno un cenno all’effetto nocebo. È simmetrico e contrario all’effetto placebo, e peraltro ben noto nella pratica clinica. Una citatissima ricerca afferma (traduco testualmente) che la divulgazione di informazioni sui potenziali effetti collaterali (con il conseguente insorgere di aspettative negative) può essa stessa contribuire a produrre effetti avversi… è un fenomeno neurobiologico, che può manifestarsi con cambiamenti corporei rilevabili.
Ma che cos’è, in concreto, una ”aspettativa?”.

TRA SPERANZE E ASPETTATIVE. Noi chiamiamo “aspettativa” la convinzione forte (ehi! “forte” non significa “fondata”) che qualcosa di specifico succederà. In questo sta, forse, la maggiore differenza tra “aspettativa” e speranza”, anche se entrambe riguardano eventi che ancora non si sono verificati.
La speranza ha a che fare con la fiducia e col desiderio. È un sentimento ottimista ed energico. E affronta positivamente un futuro che, tuttavia, viene percepito come incerto.
L’aspettativa, invece, può essere sia ottimistica sia pessimistica. Può avere una componente ansiosa, e dà per scontato il verificarsi di ciò che, appunto, ci si aspetta.
Proprio in questo “dare per scontato” stanno le diverse insidie del nutrire aspettative.

ASPETTARSI UN RISULTATO. Da una parte, nella misura in cui ci si aspetta il verificarsi di un dato risultato o evento, è facile comportarsi da subito come se tutto fosse già accaduto. È la profezia che si autoavvera, un fenomeno teorizzato dal sociologo americano Robert K. Merton. L’esempio classico è questo: Andrea si convince che il suo matrimonio fallirà, quindi si comporta come se fosse già fallito, quindi lo fa effettivamente fallire.

ASPETTATIVE POSITIVE. Il medesimo meccanismo funziona (anche questo è notevole) nel meno frequente caso delle aspettative positive. Per esempio, lo psicologo sperimentale Richard Wiseman ha dimostrato che le persone che si ritengono fortunate sono di norma più aperte e più capaci di intercettare opportunità favorevoli. E, appunto “fortunate”.
Oppure: ai docenti di una scuola viene detto che alcuni alunni (in realtà scelti a caso) hanno grandi potenzialità. Dunque, i docenti cominciano a seguirli con un’attenzione speciale. Ottenendo, a fine anno, proprio i risultati attesi.
Anche in questi casi, la percezione orienta in comportamento, e i positivi risultati del comportamento rafforzano ulteriormente la percezione.

IL RISCHIO DELLA FRUSTRAZIONE. Eppure, perfino nel nutrire aspettative (eccessivamente) positive c’è una trappola. Si chiama “frustrazione”.
Noi valutiamo costantemente i nostri risultati nella vita in base alle nostre aspettative e alle aspettative degli altri. A scriverlo è Sydney Finkelsein, docente di management al Dartmouth College. Le nostre aspettative orientano il modo in cui percepiamo un film o un libro, il modo in cui valutiamo le prestazioni di un prodotto, o la qualità del nostro posto di lavoro.

UN NOTEVOLE PARADOSSO. Un eccesso di aspettative espone, appunto, alla frustrazione. Per esempio, un’altra assai citata ricerca sui libri candidati o vincitori di premi letterari ci dice che questi, dopo la candidatura, attraggono sì più lettori. Tuttavia i libri effettivamente premiati ricevono dai medesimi lettori (disorientati dall’eccesso di aspettative) valutazioni che declinano precipitosamente. Il titolo della ricerca è The Paradox of publicity: how awards can negatively affect the evaluation of quality.
In effetti, ho la sensazione che il paradosso dell’eccesso di aspettative di possa verificare in molti altri ambiti, leadership politica compresa.

ASPETTATIVE DETERMINANTI. Le tue aspettative, più di ogni altra cosa, determinano la tua vita, scrive Forbes in un articolo intitolato 8 aspettative irrealistiche che ti rovineranno. Tra queste: l’idea che la vita “deva essere giusta” e che “le opportunità arriveranno da sole” (e che quindi basti aspettare perché tutto si sistemerà spontaneamente). L’idea che “tutti debbano piacermi”. Che “tutti debbano essere d’accordo con me”. E che “tutti sappiano quello che voglio dire” (risultato: più spesso del dovuto ci si sente feriti, offesi o incompresi. Ma non si fa nulla per rimediare o per ovviare).

E poi: l’idea di poter cambiare anche le persone che non vogliono farlo (questo non succederà, soprattutto se i contesti restano gli stessi). L’idea che “sto per fallire” (e qui siamo in piena profezia che si autoavvera).  E L’idea che “gli eventi mi renderanno felice” (difficile che un evento esterno, anche rilevante, modifichi in maniera permanente un’insoddisfazione interiore).

SAREBBE MEGLIO… In sintesi: sarebbe meglio affidarsi all’energia positiva e fiduciosa della speranza. Coltivare il bene della gratitudine. Ed essere consapevoli dell’impatto delle aspettative ed evitare di coltivarne troppe e irrealistiche, o negative.
Tutto ciò, senza nutrire l’aspettativa, a sua volta irrealistica, che basti leggere un articolo come questo per cambiare tutto quanto in un battibaleno :–)

L’immagine è tratta da un lavoro del giovanissimo (e bravo!) artista visivo Kerem Ciğerci, di Istambul. Qui un articolo con le sue immagini. Qui la sua pagina Instagram.

Dai vaccini alle nuove tecnologie, il futuro ci obbligherà a fare scelte difficili, a partire da un’accorta valutazione dei rischi. Ma il nostro cervello da Età della pietra è poco attrezzato...
Il concetto di “consegna” è ampiamente sottovalutato. Per quanto posso, vorrei provare a porre rimedio.Il motivo è semplice: su una consegna eseguita bene si gioca una gran parte...
Ormai è chiaro che, finita la pandemia, non si tornerà più a lavorare come prima. Ad affermarlo è il Guardian, in un recentissimo articolo che descrive lo schema di lavoro agile...
Avete presente quando siete in riunione su Zoom e vi arriva un messaggio che annuncia una prossima riunione su Zoom proprio mentre state proponendo di differire una terza riunione su Zoom? Bene:...
La nostalgia è delicata ma potente, dice Don Draper in una delle scene più intense della memorabile serie Mad Men. E aggiunge: è uno struggimento del cuore, di gran lunga più forte del...
Si sta aprendo in rete una nuova frontiera del falso (fake), che riguarda la manipolazione di notizie. E del profondo falso (deepfake), che riguarda la manipolazione di video. Tutto ciò, inoltre,...
Questo articolo parla di cooperazione. Il tema è non solo interessante, ma cruciale. Devo però avvertirvi da subito che lo prenderò un po’ alla larga. Vorrei provare, infatti, a separare...
Chi non cambia mai la propria opinione ha il dovere di essere sicuro di aver giudicato bene fin da principio, scrive Jane Austen in Orgoglio e pregiudizio.Poiché è difficile avere sempre...
Quando tutti parlano e pochi ascoltano, è un bel guaio.Ascoltare è un’attività che coinvolge il nostro sistema sensoriale, le nostre cognizioni, e anche le nostre emozioni e la nostra volontà....
Tra scarpe da migliaia di dollari, abiti monocromatici dai colori preziosi, e una gonna così ampia da imporre una forma sartoriale di distanziamento sociale – a scriverlo è...
Parlare di ciò che ci meraviglia può sembrare paradossale, in questi tempi incerti, cupi e claustrofobici. Eppure, proprio in questi tempi, spalancare una finestra verso altri paesaggi può...
È un classico: all'inizio di ogni anno facciamo buoni propositi, spesso impegnandoci a raggiungere obiettivi importanti. E dopo qualche mese ce ne siamo già dimenticati. La notizia è che...
C’è un curioso fenomeno che potrebbe aiutarci a capire qualcosina di più di come funzionano la percezione, il dibattito politico, i mass media, i social media e il web. Stiamo parlando...
Oggi il peso dei manufatti umani supera il peso dell’intera biomassa – cioè, il peso di tutti gli organismi viventi sulla terra.Così titola un recentissimo articolo uscito su...
Appena pochi mesi fa, risolta, almeno in apparenza, la crisi pandemica, è sembrato naturale a molti di noi abbandonarsi a un’allegra smemoratezza.In sostanza: la parte più drammatica...
Ho deciso di prendermi un’ulteriore settimana di vacanza dai temi riguardanti la pandemia. E lo faccio ponendomi, e ponendovi, una domanda in apparenza peregrina: che cosa intendiamo dire quando...
“Programmiamo una riunione” è diventata la risposta automatica universale alla maggior parte dei problemi di lavoro, scrive l’Harvard Business Review. Non sai come portare avanti un...
Dopo essermi guardata pochi giorni fa, su La7, il documentario “Unfit: la psicologia di Donald Trump” girato dal regista Dan Parkland, sono andata a cercare un po’ di dati. Ecco perché...
Di norma, di fronte a una minaccia che suscita paura, gli esseri umani hanno una reazione di attacco o di fuga (fight or flight), che è esattamente il contrario della...
In quest’ultimo periodo sono usciti, e la cosa non è per nulla sorprendente, diversi articoli che parlano dei nostri tempi incerti. E dicono, mi sembra, cose interessantiÈ un ottimo motivo per...
Se tutti mentono, ma non tutti allo stesso modo, diventa cruciale capire le differenze che esistono tra bugia e bugia, e tra bugiardo e bugiardo. L’edizione inglese di Wikipedia raccoglie...
Chi sostiene di non aver mai detto bugie in vita sua sta con ogni probabilità mentendo. E non è solo l’eccellente Hugh Laurie-dottor House a dirlo. Lo psicologo sociale Jerald Jellison,...
Il libro di cui vi parlo è uscito da qualche giorno. L’ha pubblicato Garzanti. Si intitola Il coltellino svizzero perché ha l’ambizione di rendersi utile senza occupare troppo spazio o...
Ghemm de purtà pasiensa. Cioè: dobbiamo portare pazienza.  Lo diceva sempre mia nonna (curriculum: spedita a lavorare al termine della seconda elementare, epidemia di spagnola, due guerre...
Avete mai sentito parlare dell’effetto spettatore? Se la risposta è “no”, dovreste leggere questo articolo. Dico sul serio.Ecco di che si tratta. Siamo nel 1964, e due psicologi sociali, John...
Giovanni Montefoschi, studente bolognese, ha trascorso un intero anno (il quarto anno di liceo) in Cina, nella provincia dell'Hebei, nella parte più settentrionale della Repubblica Popolare. Si...
In una memorabile, folgorante lezione dedicata a Camillo Benso di Cavour, lo storico Alessandro Barbero ricorda che, a ventotto anni, Camillo scrive la mia testa è ragionante e poco...
Siamo afflitti dal breveterminismo? La risposta è "sì". Ed ecco perché.In una prospettiva odierna, il traguardo del 2100 ci appare davvero lontano. Eppure, i bambini che oggi hanno pochi anni...
Il concetto di relazione è ben presente nei nostri pensieri e nei nostri discorsi. Ma se ne resta spesso sottotraccia, e per questo motivo tendiamo a sottovalutarlo. Le relazioni sono, infatti,...
L’intero modello economico deve essere ripensato, in modo più equo e sostenibile dopo la pandemia, dice Thomas Piketty, intervistato dal Manifesto a proposito del suo...
La pandemia ha messo le nazioni, le istituzioni e le imprese di fronte all’esigenza di progettare nuovamente il futuro, dalle grandi traiettorie di sviluppo fino ai più minuti comportamenti...
La flessibilità si è guadagnata in tempi recenti una cattiva fama, cresciuta quanto più le offerte di lavoro “flessibile” sono andate confondendosi con quelle di lavoro precario e non...
È l’inizio della giornata, e sapete già che sarà una giornata lunga. Davanti a voi c’è una lista di cose da fare. Oltretutto vi toccherà anche fare alcune cose che non avete nemmeno...
Facciamo un passo avanti. Tutti, ma proprio tutti, hanno sottostimato il rischio pandemico. Non ricaschiamoci, tornando a sottostimarlo. O sottostimando rischi ancor peggiori. Impariamo...
Tutti noi ragioniamo e, di conseguenza, ci comportiamo, sempre nel modo che ci sembra più intelligente, giusto e adeguato alla situazione.Dai, è ovvio: nessuno si propone di comportarsi in modo...
Un articolo sul sito del World Economic Forum afferma che la tragica pandemia del Covid-19 si configura come il più grande esperimento psicologico di tutti i tempi. È anche un...
L’emergenza globale del Covid-19 obbligherebbe tutti, governanti e politici, imprese, istituzioni, associazioni e cittadini, a unirsi in un titanico sforzo per pensare a lungo termine, ragionando...
Vorrei pensare ad altro, parlare d’altro e scrivere d’altro. Ma farlo adesso mi sembra, più ancora che difficile, incongruente. È un pomeriggio di sole. L’aria è tiepida e immobile. Ho...
In un momento di crisi drammatica, diventa lampante il fatto che, per prendere buone decisioni, tutti (governi e cittadini) dovrebbero essere in grado di capire bene quello che sta succedendo....
Specie in tempi difficili, dovremmo sforzarci di usare parole esatte e di chiamare le cose col loro nome. Le parole che scegliamo per nominare e descrivere i fenomeni possono aiutarci a capirli...
Stare chiusi in casa e continuare a farlo è indispensabile. Stare chiusi in casa può essere difficile. Ma tutti noi dobbiamo capire che oggi stare chiusi a casa è obbligatorio e...
La noia, scrive Scientific American, è una faccenda tutt’altro che noiosa, e sta catturando l’interesse degli scienziati. Il motivo è semplice: la noia può influenzare in modo...
Quando ci troviamo in una  condizione di incertezza, ci è impossibile tenere a bada non solo un contesto che oggettivamente sfugge al nostro controllo, ma i nostri stessi...
È venuto il momento, credo, di raccontare in dettaglio che cos’è e come funziona una strategia cognitiva che ci coinvolge tutti. E con la quale tutti, in tempi recenti, abbiamo fatto i conti. È...
Specie quando ciò che capita sembra sovrastarci, la cosa da fare è restare focalizzati. Cioè, attenti e concentrati su quanto è davvero importante. La regola 80-20 ci può aiutare a farlo.La...
Responsabilità, affidabilità, coscienziosità, senso del dovere, dedizione. L’idea attorno alla quale si addensano tutti questi termini è quella del farsi carico. Del prendersi un impegno....
Noi valutiamo le cose (la loro gravità, la loro importanza, la loro verità) in base a quello che ne sappiamo. E poi decidiamo di conseguenza. Se abbiamo convinzioni fallaci o infondate, prendiamo...
Potremmo chiederci che cosa questa faccenda del contagio da coronavirus ci sta insegnando, e soprattutto che cosa ci sta ricordando su noi stessi, sulla nostra condizione nel mondo e sul nostro modo...
L’attenzione pubblica è ondivaga. Ora, mentre scrivo, a catturarla sono le conseguenze delle elezioni emiliano-romagnole, il coronavirus, l’impeachment di Trump. Appena l’altro ieri erano il...
Sembra che ormai le emozioni siano diventate non il principale, ma addirittura l’unico strumento disponibile per persuadere, catturando l’attenzione, e di conseguenza il consenso, di pubblici...
Ci capita di dover immaginare il futuro molto più spesso di quanto crediamo. E ci riusciamo molto meno bene di quanto pensiamo.Immaginare il futuro è una capacità sofisticata, che ci è altamente...
Questo è l’ultimo articolo di una serie in cui vi ho raccontato il viaggio intorno al mondo che ho fatto con mio figlio. Abbiamo toccato quattro continenti e decine di luoghi. Viaggiare così a...
Il Cile è l’ultima tappa del nostro viaggio intorno al mondo. Sarà anche la più breve: possiamo fermarci solo pochi giorni, e questo ci obbliga a fare scelte radicali per quanto riguarda i...
È una curiosa sensazione. Come se fossimo arrivati al punto di svolta del nostro viaggio. Ci troviamo dall’altra parte del mondo e più lontani di così non si può più andare. In realtà,...
Da Sydney a Uluru ci sono circa tre ore di volo. Sono seduta vicino al finestrino e non riesco a smettere di guardare giù. La sterminata distesa dell’outback scorre piatta, intatta e...
Alla fine siamo arrivati in Australia. Ci staremo pochi giorni e riusciremo a farci appena un’idea di com’è. Comunque, sempre meglio degli scarsi stereotipi che, quando si dice...
È notte. Mentre finisco di scrivere questo racconto di viaggio, leggo online i primi risultati delle elezioni a Hong Kong: una consultazione di carattere locale che ha assunto rilievo mondiale, e il...
L’aeroporto di Shanghai è fuori città e per arrivarci prendiamo il Maglev. È un treno a levitazione magnetica (viaggia, cioè, senza neanche sfiorare la rotaia) e percorre l’intero tragitto...
È strano il modo in cui, con tempo, certi ricordi sembrano diventare non più sfuocati, ma più nitidi. Come se il fluire degli anni togliesse tutti i dettagli irrilevanti, e lasciasse solo...
Per arrivare a Taiyuan da Pechino bastano circa quattro ore di treno. Da lì, ci dirigeremo a Pingyao. La campagna che scorre oltre il finestrino mi colpisce: mi aspettavo tanta agricoltura...
Visto dal cielo, il paesaggio attorno a Pechino sembra una scheda madre zeppa di microchip per via delle schiere di palazzi di nuova costruzione, raggruppati a decine, tutti uguali, tutti allineati,...
Per andare da San Pietroburgo a Mosca con il Sapsan (il treno ad alta velocità) ci vogliono circa quattro ore. Le carrozze sono confortevoli, pulite e silenziose. Fuori dal finestrino...
La prima tappa è San Pietroburgo. E la prima cosa che facciamo è cercare un negozio di telefonia e comprare una sim. Viaggiare con un figlio millennial dotato di telefonino con...
Sono stata lontana da Nuovo e Utile per qualche mese, ma rieccomi. Beh, nel frattempo mi sono fatta un giro del mondo. Di solito non scrivo di questioni personali, ma stavolta, e per dirvi dove...
Forse non sapete che esiste un Master in Supercazzole. È superefficace. Ma lasciatemi cominciare questa storia dall'inizio. Dunque: ci sono fondati sospetti che Pierino abbia rotto il prezioso vaso...
Si chiama scaricabarile. È un gioco semplice e forse da bambini ci avete giocato anche voi. Si gioca a coppie. Consiste nel mettersi schiena contro schiena, intrecciando le braccia. Uno...
La scala Allport serve per valutare il grado di pregiudizio e discriminazione esistente all’interno di un gruppo sociale o di una comunità. La concepisce nel 1954 lo psicologo...
Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla. Se pensi a questo, farai le cose in modo diverso.Questa citazione di Warren Buffett mi sembra un ottimo modo...
C’è un singolo, limpido brano scritto da Gregory Bateson che ha cambiato in maniera radicale e permanente il mio modo di vedere le cose. Dice che ogni eccesso è tossico.Mi ci sono imbattuta...
La consolazione è che succede a tutti: si lavora al massimo per raggiungere un obiettivo. Ci si dà da fare in modo esagerato per ottenere un risultato che si desidera davvero. E poi, e poi… una...
Questo articolo parla di territori da presidiare. E comincia con il racconto di un piccolo fatto vero.È successo una manciata di giorni fa. Nel corso di una discussione online piuttosto accesa,...
La solitudine è in crescita e ci sta letteralmente uccidendo, afferma un recente articolo di Scientific American. Da un quarto a metà degli statunitensi soffre di solitudine per la maggior...
Per parlare di attivismo in rete, ci tocca partire da qualche dato. Come ricorda Stefano Uberti Foppa su lavoce.info, il 95 per cento degli italiani accede a Internet almeno una volta al...
Vorrei chiarire qui un concetto elementare: senza un avversario non c’è gara e dunque non c’è vittoria. Non c’è merito, né credito, né gloria, né talento. Senza avversari non esistono il...
Con quanta oggettività e quanta precisione sappiamo valutare noi stessi? Per rispondere decentemente bisognerebbe essere in grado di valutare la propria capacità di autovalutarsi, in un gioco di...
La logica del "tanto peggio tanto meglio" ha un suo perché. Per dirla in modo semplice: la maggioranza delle persone tende a conservare lo status quo, ripetendo gli stessi comportamenti e...
A proposito dell’attitudine a negare l’evidenza, la psicologia ci dice alcune cose interessanti. Per esempio: la negazione è un meccanismo di difesa. Impariamo ad attivarlo già da piccoli, per...
Più le persone vogliono contare come individui, più sentono il bisogno di fare riferimento a un leader e a una leadership per contare ancora di più. Questo fatto non è così paradossale come...
Quello che segue non è un articolo, ma un racconto tratto da un documento storico. È il mio contributo a una raccolta intitolata Mariti: un variegato, divertente, drammatico, confortante o...
Questo articolo parla di economia dell'attenzione. Può sembrare un concetto esoterico, ma vi assicuro che riguarda tutti noi. In realtà, ogni volta che stiamo attenti a qualcosa a cui potremmo...
Mi è venuta in mente all'improvviso una cosa riguardante il leggere libri, ma non saprei dire se si tratta si pensiero creativo (cioè di un'intuizione che ha qualche riscontro reale) o di pensiero...
Parliamo di sovraccarico cognitivo (information overload) quando, come scrive il premio Nobel Herbert Simon, la ricchezza di informazioni genera una povertà d'attenzione. Il termine viene coniato...
L’attenzione determina, migliorandola, la qualità della nostra esperienza di vita. Se stiamo attenti, siamo in grado di capire, imparare, ricordare meglio. Evitiamo i rischi e scongiuriamo gli...
Si chiama effetto Dunning-Kruger, dal nome dei due ricercatori della Cornell University che l’hanno descritto nel 1999, l’insidioso cortocircuito mentale che condanna chi è incompetente a non...
Il neuroscienziato Christian Jarrett pubblica su Aeon un articolo brillante, la cui tesi di fondo è che la natura umana non è granché e che, per dirla tutta, tendenzialmente siamo (ehi, noi...
Spaventati, incattiviti, pieni di rancore e senza prospettive. L’immagine che il recente rapporto Censis disegna degli italiani è davvero poco confortante. Tuttavia, o forse proprio per questo, è...
Conversare dovrebbe essere una capacità che tutti abbiamo, e alla conversazione ci si dovrebbe addestrare già da ragazzini. Magari imparando a rispettare la regola fondamentale (ma non così...
Dov’è finito il rispetto? Questa, lo so, sembra una domanda da vecchie signore. Ma, poché non mi dispiace giocarmela ogni tanto da vecchia signora, è una domanda che mi sento autorizzata a...
Questo che state leggendo non è esattamente un articolo che parla di percezioni. Cioè: non è un singolo articolo. È tanti articoli, diversi tra loro per un’infinità di sfumature. È tanti...
Questa è una storia di lettori, e di lettori algerini. Mi sembra bellissima, e credo che ai lettori italiani piacerà perché la passione per i libri non ha confini. A raccontarla è Paola...
Sappiamo distinguere i conflitti da altre forme di disaccordo? La diversità di pensiero è fertile, e una divergenza di opinioni o di valutazioni è qualcosa di diverso da un conflitto. Non è un...
Guardiamoci attorno: il conflitto ci circonda. Accendiamo la tv, apriamo un giornale o una pagina in rete. Sentiamo lo sfogo di qualcuno. In certi giorni sembra che tutti stiano litigando con tutti....
Signore e signori, di norma sono piuttosto riservata sui fatti miei personali, ma ho deciso che oggi, e in via del tutto straordinaria, condividerò con voi alcune cose che ricordo della mia...
Lo ammetto: non sapevo che esistesse una cosa chiamata fobia scolastica. Ma per raccontarvi bene di che si tratta devo cominciare dall'inizio. La sala del teatro è gremita. Ci saranno almeno...
A Trieste si sono di recente verificati un paio di episodi che riguardano la comunicazione. Meritano di essere analizzati perché possono insegnarci qualcosa di importante, se li esaminiamo con...
Ce ne siamo dimenticati, ma un paio d’anni fa era già iniziato un ragionamento collettivo sul fatto che i mass media debbano o meno conferire ampia visibilità a ogni individuo o fenomeno che...
La percezione è ingannevole. Il mondo che noi percepiamo è diverso dal mondo così com’è: come se lo guardassimo riflesso in uno specchio che ne distorce le forme e le proporzioni, ingigantendo...
Chi atterri in Portogallo e, dall’aeroporto di Lisbona, decida di prendere la linea rossa della metropolitana, comodissima perché in una dozzina di minuti porta in centro, può trovarsi a...
Per capire come e perché funziona il meccanismo del discredito dobbiamo fare un passo indietro, e chiederci come funziona la nostra percezione di tutto quanto ci circonda. Non è facilissimo...
Cerca in Nuovo e Utile